Aria di libri/Libri

Aria di Libri | #51 “Parlarne tra amici” di Sally Rooney

Partiamo subito con una confessione: per questo libro avevo aspettative altissime. Forse troppo alte. Ma la colpa non è la mia, è di Sally Rooney che già mi aveva fatto innamorare del suo modo di scrivere e di raccontare la realtà della gioventù irlandese con Persone Normali, di cui avevo amato anche l’adattamento televisivo (qui la prova del mio amore). Fatto sta che all’inizio la storia di Frances e Bobbi, due studentesse universitarie di Dublino molto libere e sentimentalmente anarchiche, sembrava non mi avesse preso come quella delicata e allo stesso tempo straziante di Connell e Marianne.

E invece, una volta finito il romanzo, mi sono resa conto che il problema non era il libro e non era nemmeno Sally Rooney.

Il problema ero io, che per qualche motivo non riuscivo a leggerne più di una decina di pagine per volta.

Da qui in poi ci saranno spoiler.

Parlarne tra amici è un libro pesante, nel senso migliore del termine. È un libro che ti scava dentro con precisione chirurgica ed è per questo che va assunto a piccole dosi, perché troppa verità tutta insieme non sempre fa bene. Insomma, un bisturi della letteratura contemporanea…

La storia di per sé non è niente di eccezionale: Frances, che in passato è stata con Bobbi ma nonostante la rottura hanno continuato ad essere amiche, inizia una relazione con Nick, un uomo di dieci anni più grande di lei e sposato con Melissa, una scrittrice amica delle due studentesse. Forse amica è esagerato come termine, ma le due si conoscono e si frequentano anche spesso – anche sempre in gruppo – tanto che Melissa decide di invitarle entrambe in Francia per l’estate.

Il fil rouge è quindi la relazione adultera tra Nick e Frances, ma più si va avanti più si esplora il concetto di relazione in senso lato e i sentimenti dei vari personaggi vengono messi sotto il microscopio, ma sempre sotto la lente di Frances che filtra tutta la narrazione. Ovviamente, da protagonista, è lei a prendersi la più grande fetta della scena: passiamo dai suoi tentativi di fare la sostenuta al vedere come pian piano cade in una spirale distruttiva fatta di dolore fisico e mentale, la cui descrizione ha fatto spesso star male anche me. Nonostante Nick continui ad andare a letto con lei, non c’è niente di peggio che sentirsi la seconda scelta di fronte a qualcun altro, quello stesso qualcun altro che è costantemente tradito ma mai lasciato e, a quanto pare, a tutti i pezzi del triangolo – tranne che a Frances ad un certo punto della storia – sembra star bene così.

Il dolore diventa quindi una parte fondamentale in questa storia. Un dolore mentale, frutto di costanti paragoni, sia con Melissa che con Bobbi, e di un sentirsi mai adeguata, mai totalmente la priorità della persona amata. Ma c’è anche il dolore fisico: brevi scene di piccoli atti di autolesionismo che sembrano inizialmente avere scarsa importanza, ma poi diventano sempre più frequenti, lasciando intendere che forse tanto piccole e irrilevanti non erano. E poi c’è la malattia, il dolore cronico che porta l’endometriosi, di cui la protagonista scopre di soffrire verso metà romanzo e che mi ha portata ad empatizzare con lei ancora più di quanto facessi già.

Insomma, il problema non era il libro. Ero io che non riuscivo a reggere più di un tot di pagine senza iniziare a sentirmi in qualche modo attaccata da quello che stavo leggendo.

Ciononostante, è un romanzo meraviglioso, un esordio da 10 per quest’autrice irlandese che quest’anno ha davvero ottenuto una parte del riconoscimento che merita. E sono convinta che con la serie in produzione, diretta da Lenny Abrahamson e scritta da Alice Birch, che già avevano lavorato a Normal People, il suo meritatissimo successo non può far altro che crescere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...