Grey’s Anatomy/Parliamone/Rubriche/Telefilm

Parliamone | Grey’s Anatomy 16×10-16×21: Pensieri Sparsi

Ancora io? Ancora qui? Sì, ma fatemi spiegare. Non mi pento assolutamente di aver smesso di recensire Grey’s Anatomy, anzi. È stata la decisione più giusta presa nel momento giusto. Probabilmente ero arrivata al limite di sopportazione verso questo show e non me ne ero resa conto fino a che non è scoppiata tutta la questione dell’addio di Justin Chambers. Quindi non mi pento della decisione che ho preso ma la mia natura “completista” e la scarsa inclinazione ad abbandonare a metà le cose, mi spinge comunque a voler portare a termine l’impegno che avevo preso all’inizio di questa stagione, anche se in una forma diversa. La premessa a questo articolo, infatti, è quella che non dovete aspettarvi una recensione approfondita e completa, ma delle opinioni sparse sulle varie storyline dalla 16×10 in avanti. Dopo l’annuncio dell’abbandono di Justin Chambers mi sono presa un periodo di pausa dallo show e fondamentalmente ho ripreso a guardarlo perché molti episodi di Station 19 sono in crossover e per avere un quadro completo delle situazioni si rende necessario seguire entrambe le serie. Purtroppo, aggiungerei. Intendiamoci, non è necessario farlo così come non è necessario guardare 21 film dell’MCU per capire Avengers Endgame, ma, come già detto, ho dei seri problemi con la completezza. Il riavvicinamento allo show è stato a dir poco disastroso. Quando ho ripreso a guardarlo mi sono accorta di quanto terribile sia diventato e di quanto quel buono che cercavo di trovare ad ogni recensione, per me fosse ormai inesistente. Non ho più trovato, o forse non ho più voluto trovare, scuse, giustificazioni o motivazioni di sorta. Quello che ho visto è uno show che procede a tentoni, senza più una forte filosofia di fondo, che fa del femminismo e dell’inclusività i suoi cavalli di battaglia tappando però su entrambi i punti, in cui i personaggi sono ormai contenitori vuoti e riempiti a seconda del messaggio politico.sociale da mandare, senza più un’identità e senza più nulla da dire. Questo non è più Grey’s Anatomy, neanche il nuovo Grey’s venuto dopo la morte di Derek. Questo non è proprio più uno show con qualcosa da dire. E forse era così da molto tempo ma io me ne sono accorta solo adesso. È proprio in virtù di questo che non mi sento in grado di mettere su una recensione vera e propria ma preferisco optare per dei pensieri random espressi senza nessuna pretesa di portare avanti alcun discorso impegnato. Detto ciò, bando alle ciance e cominciamo. 

Richard Webber e l’Alzheim…ah no
Partiamo dal presupposto che forse questa è stata una delle cose meno brutte della stagione, Ma non significa che sia stata bella. Nello specifico non mi è chiaro dove volessero arrivare facendoci temere per lui, se poi tutto si è risolto nell’arco di un paio di episodi. Sembra che gli sceneggiatori si siano dimenticati come creare pathos e che quindi abbiano bisogno di mettere ogni tanto a rischio le colonne portanti dello show per farci stare sulle spine. Inoltre non ho molto apprezzato questo volersi rifare alla storia di Ellis, almeno in apparenza, per poi virare brutalmente verso tutt’altro. Penso che fosse sufficiente mettere in pericolo Richard per far tremare gli spettatori, senza scomodare anche quell’altra storyline. In tutto questo io ho visto solo una grande pigrizia di fondo nella scrittura che ha preferito percorrere strade già battute piuttosto che sforzarsi di creare qualcosa di nuovo ed interessante, Insomma, cari sceneggiatori, vi piace vincere facile.

Andrew DeLuca, genio ribelle 
Qui la domanda è solo una: perché? Perché distruggere così un personaggio che dopo stagioni di vuoto siderale aveva finalmente acquisito un vago senso? DeLuca è passato da ragazzino frignone, a uomo maturo capace di poter strae con Meredith a pazzo squilibrato con le intuizioni geniali. E tutto questo per cosa? Perché Meredith potesse avvicinarsi a McWidow senza però passare per la stronza di turno che lascia uno di cui in fondo non le è mai importato più di tanto e che invece per lei ha fatto di tutto? Certo, giusto, perché ormai Mer è prossima alla santificazione e non si poteva macchiarle la reputazione con un’onta simile. Meglio sacrificare lui, tanto a chi interessa. L’importante è avere l’irreprensibile protagonista che non sbaglia e che, alla fine, fa anche la buona samaritana aiutando quel il suo ex fidanzato in preda ad un esaurimento non meglio caratterizzato. Probabilmente ho sbagliato io per quindici anni a pensare che questo show parlasse di esseri umani, quindi per loro natura imperfetti, a cui era facile affezionarsi proprio per le loro fragilità e i loro errori. 

Meredith, dove sei? 
Prima ho definito Meredith protagonista, ma ho decisamente sbagliato. Meredith è la facciata, non la protagonista. È lì perché questo show è Grey’s Anatomy e qualcuno che si chiami Grey ci deve pur essere, ma per il resto è inconsistente, anzi, inesistente. Non fa nulla, non ha una storyline e ogni tanto opera giusto per ricordarci che è un chirurgo e che lavora in quell’ospedale. Questa purtroppo è una situazione che va avanti da diverse stagioni e non sembra proprio che la cosa prenderà una piega diversa.

McWidow: bene ma non benissimo
Rimanendo in tema di inconsistenza, come non parlare di lui. Intendiamoci, io non ho niente contro McWidow. Ho tanti amici McWidow. Battute a parte, io non ho davvero nulla contro di lui ma semplicemente perché non ne so niente. È vedovo e ha dei figli. Bene, interessante. Possiamo dargli una caratterizzazione o deve continuare ad essere quello con cui Meredith chiude gli episodi chiacchierando? Mi è chiaro che stiano cercando di costruire un rapporto tra loro ma, come dire, per costruire un rapporto devi ehm…costruirlo. Invece qui non c’è niente. Stanno facendo passare per slowburn qualcosa che in realtà è di nuovo solo pigrizia nella sceneggiatura. Non fanno nulla per avvicinarli se non fare in modo che lui si trovi nel posto giusto al momento giusto per porgerle un caffè. Mi sembra di ripercorrere la storia con Nathan in cui hanno tentato di avvicinare due personaggi solo perché avevano un passato simile, con la differenza che almeno con lui un po’ si erano sforzati, qui per nulla. Non so, io la butto lì: non è che Meredith potrebbe starsene da sola visto che gli sceneggiatori non hanno voglia di scriverle una storia sensata e che palesemente Ellen Pompeo non sembra interessata al fatto che la sua Meredith abbia un nuovo interesse amoroso? C’è questa idea che la gente debba accoppiarsi per forza, e l’ho notato anche quando sui social è partito il toto-compagno per Jo ancora prima che Alex uscisse davvero di scena, ma non è così. Si può stare da soli. 

Teddy, Owen, Tom, il triangolo, Allison, case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale
Ecco, un’altra che decisamente dovrebbe stare da sola è Teddy. Mi concedete di dire “ma che è ‘sto schifo?”, vero? Non so neanche da dove iniziare con quello che hanno fatto al suo personaggio, davvero. Poche volte mi è capitato di vedere uno stravolgimento così in negativo. Se mi avete seguito sapere che ho sempre parteggiato per lei e Owen, non ne ho mai fatto mistero, ma questo discorso va ben oltre la ship. Quella è ormai l’ultimo dei problemi. Cominciamo con quello che secondo me è stato lo scivolone più grande di questa storyline, ovvero rendere Teddy un personaggio queer (evito di dire bisessuale/pansessuale perché non appiccico etichette addosso alla gente di mia iniziativa). Allora, di per sé non me ne frega assolutamente nulla che Teddy abbia amato una donna. Per quel che mi riguarda, avrebbe potuto avere un rapporto anche con un coccodrillo albino, se il suddetto coccodrillo fosse stato consenziente. Penso, anzi, che sia stato positivo mostrare questo aspetto del suo passato all’improvviso e con naturalezza, senza una contestualizzazione pregressa e senza nessun grande discorso di coming out, così magari usciamo (noi come società) da questa benedetta visione eteronormativa che ci hanno inculcato e capiamo che aver sempre visto una persona con qualcuno del sesso opposto, non la rende necessariamente etero. I problemi nascono dal fatto che sia stato fatto con Teddy e in questa situazione. Mi spiego meglio. Teddy è da sempre quella innamorata persa di Owen che ha provato a rifarsi una vita, sia a Seattle che dall’altra parte del mondo, ma che alla fine è sempre tornata al punto di partenza aspettando che Hunt si decidesse a scegliere lei. È giusto? Forse no, ma era così. Questo era il background del personaggio. Teddy era, con alcune libertà creative, la Penelope di Grey’s Anatomy. Adesso invece viene fuori che in realtà il suo Ulisse è stato solo uno dei tanti, o comunque non il suo unico grande amore che ci hanno sempre dipinto. Owen alla fine è stato quello che l’ha aiutata a riprendersi dalla morte del suo vero grande amore. Il fatto che fosse una donna in questo caso è irrilevante. Il problema è che viene completamente stravolta la narrazione che ci è stata fatta nel corso degli anni e su cui si è sempre basata la loro storia. La questione della non eterosessualità di Teddy diventa invece un problema perché viene associata ad una situazione di confusione, di bugie e di tradimenti. Non ci dimentichiamo, infatti, che il racconto del passato di Teddy e Allison viene introdotto per poi giustificare il suo essere innamorata di due persone contemporaneamente e le bugie che da questo derivano. Ora, io non vorrei farla eccessivamente pesante, ma è inevitabile in questo caso quindi perdonatemi. La promiscuità nelle relazioni, la confusione e il tradimento sono già sufficientemente associati alla comunità LGBTQ+ senza che uno degli show più famosi del mondo rafforzi, spero involontariamente, questa idea. Perché, di fondo, l’associazione mentale che passa è questa. Quante volte viene detto, soprattutto delle persone che provano attrazione verso più generi, che sono libertine, inclini al tradimento e poco serie? Ve lo dico io: tante, troppe. Non c’era assolutamente bisogno che Grey’s Anatomy rafforzasse, anche solo minimamente, questa convinzione bigotta e ignorante. Suppongo che la Vernoff e compagnia cantante volessero raccontare una storia, anche se non mi è chiaro quale, e che abbiano cercato di renderla più inclusiva, senza però rendersi conto che stavano solo rinvigorendo uno stereotipo molto diffuso nella mente di chi non capisce e non accetta una realtà diversa da quella eterosessuale cisgender. Capisco la volontà di fare rappresentazione, ma va fatta bene perché altrimenti si provocano più danni che altro. Non basta mostrare due donne a letto insieme in prima serata per normalizzare la realtà LGBTQ+. E per concludere questa disamina su Teddy, trovo assolutamente imbarazzante questo suo continuare ad auto-giustificarsi perché divisa tra l’amore per due uomini. Ammesso e non concesso che sia vero, questo non è il modo giusto di comportarsi. Dal mio punto di vista trovo difficile credere che si possano amare due persone allo stesso modo ma il poliamore esiste e io non sono nessuno per dire il contrario. Supponiamo che Teddy ami davvero entrambi allo stesso modo, non è comunque giustificato il suo modo di agire. La Altman sta mentendo ad Owen, lo sta tradendo e sta tenendo Tom legato a sé senza dargli una vera opportunità. Ha anche smesso di interessarmi come possa sentirsi lei in questa situazione, sono onesta, perché provo solo schifo verso questo squallido triangolo in cui gli altri due vertici sono rispettivamente una vittima inconsapevole e un martire. Non mi interessa neanche più chi sia il vero amore di Teddy, che Tom la ami davvero e che lei e Owen siano sempre stati meant to be per me. Questo circo deve finire adesso e Teddy deve assumersi le sue responsabilità. E magari anche raccontare ad Owen che sua figlia porta il nome di una donna che era giusto qualcosina di più di una migliore amica per lei.

Owen e il messaggio 
E qui apriamo l’angolino comico. Seriamente? Siamo nel 2020 e dovremmo credere a quella scenetta del messaggio? Vediamo se ho capito bene come è andata. Mentre Teddy stava facendo sesso con Tom, il suo telefono, che presumibilmente non ha un pin o il riconoscimento facciale perché tutti devono poterlo sbloccare in sala operatoria, come vediamo fare a Schmitt nel corso dell’episodio, si è sbloccato, ha aperto whatsapp (o qualsiasi altra app usino) e la conversazione con Owen, ha fatto partire la registrazione vocale, l’ha stoppata ad un certo punto e poi l’ha inviata. Credo che sia richiesto un livello di sospensione dell’incredulità troppo elevato per chiunque. Tanto valeva che Owen entrasse nella stanza e li beccasse insieme.

Jo Kar…Wils…solo Jo.
Dopo l’abbandono di Alex (su cui mi sono espressa qui), il suo personaggio è pressoché sparito, suppongo anche per via della gravidanza di Camilla Luddington che era ormai difficile da nascondere e da giustificare nella storia senza rendere Jo una moglie incinta abbandonata dal marito. Anche perché poi Alex come avrebbe potuto scegliere Izzie se anche Jo avesse dato alla luce suo figlio? Poi la meravigliosa idea della Vernoff per farlo uscire di scena sarebbe crollata come un castello di carte quindi meglio di no. Non ho quindi molto da dire su di lei, se non che apprezzo questo suo cinismo verso l’umanità e l’amore perché mi sembra il minimo sindacale dopo quello che le è successo.

Jackson
Irritante e irrilevante come sempre. Andiamo avanti. 

Maggie
Siamo tornati alla Maggie che deve sperimentare, lasciarsi andare, vivere il momento e uscire dagli schemi. Noia, noia, noia. Lo abbiamo già visto. Proseguiamo.

Amelia e Link: il faro nella notte 
Li ho tenuti (quasi) alla fine perché volevo concludere con qualcosa di positivo. Loro sono veramente l’unica cosa bella in questo show al momento. Hanno un rapporto solido, ma non immune dalle battute di arresto, che è cresciuto con loro e che li ha fatti scendere a compromessi senza mai snaturarsi. Amelia e Link sono belli. È tutto qui ed è tutto quello che serve. Sono belli perché lei gli fa venire voglia di scrivere canzoni da cantarle sotto la pioggia; sono belli perché Amelia sorride tanto, tantissimo, e sta bene senza dover cambiare per adattarsi a chi le sta a fianco; sono belli perché sono terrorizzati dall’arrivo di questo bambino ma sono anche immensamente felici di esserlo e di esserlo insieme; sono belli perché parlano tanto e si sentono liberi di potersi dire tutto perché questo è il rapporto che hanno costruito; e sono belli perché sono nati per caso ma forse più che altro era destino. Loro e il loro bambino sono la luce di questo show e sapere che Amelia ha potuto stringere suo figlio per più di 43 minuti è qualcosa che dà un po’ di pace a chi ha sempre amato il suo personaggio e l’ha visto affrontare l’inferno più di una volta. Non durerà, perché non dura mai, ma per adesso godiamoci questo raro momento di felicità di Amelia Shepherd 

Maya e Carina: inaspettato è bello
Questo in realtà riguarda più che altro Station 19 ma in fondo Carina è, quando se lo ricordano, anche un personaggio di Grey’s Anatomy. Inoltre questa è una delle poche decisioni prese sotto la gestione Vernoff che mi ha stupita in positivo e che approvo al 100% per cui mi sembra giusto parlarne e chiudere in bellezza questa disamina disastrosa. Parto dal presupposto che quando hanno separato Maya e Jack con una scusa per altro banale e hanno distrutto un rapporto che si era creato così bene nella stagione precedente, ho storto il naso. A me Maya e Jack piacevano, e anche tanto. Ma, molto raramente, capita di lasciare qualcosa di bello per qualcosa di ancora più bello e questo è uno di quei casi. Insomma, Maya e Carina sono praticamente un unicorno. Anche il loro rapporto è iniziato per caso, come una cosa da one night stand alla fine di una giornata pesante, eppure sin da quei primi scambi di battute al bar si percepiva che ci sarebbe stato qualcosa di più. Non è nemmeno una cosa razionalmente spiegabile a parer mio. Tra loro è scattata una complicità immediata, una di quelle che capitano forse una volta nella vita. Per altro vi consiglio di cercare su Instagram e Twitter i video BTS di Stefania Spampinato e Danielle Savre per vedere quanto si siano divertite insieme sul set. Quello spiega moltissimo del perché Maya e Carina funzionino così bene insieme. Eppure non è solo questione di chimica e di complicità. C’è qualcosa di più che si sta costruendo gradualmente. Carina sta tirando fuori il meglio di Maya e la sta insegnato ad amare prima di tutto se stessa, al di là del suo lavoro e degli obiettivi che vuole raggiungere, riuscendo dove tutti gli altri fino ad ora hanno fallito. Sta imparando a starle vicino, a rispettare i suoi confini, cercando però di abbattere i suoi muri, e decidendo di rimane anche in situazioni che sono oggettivamente difficili da gestire. Carina cercava qualcuno con cui passare una nottata e ha trovato qualcuno che ha un estremo bisogni di lei. Maya non cercavo nulla, o forse cercava tutto senza saperlo, e ha trovato qualcuno che potrebbe darglielo se le lei la lascerà fare. Non ci resta che vedere quanto durerà prima che Krista decida di distruggere anche questo.

 

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate

I’m in love with Grey’s Anatomy | Un’Unica Passione: Grey’s Anatomy | Jessica Capshaw e Sara Ramirez | Grey’s Anatomy is our McDreamy | Shonda Rhimes Italia | The Real Grey’s Anatomy ITA| Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TV | I love telefilm & film ∞ | Serie tv Concept | Telefilm obsession: the planet of happiness | Quelli delle Serie TV

 

 

3 thoughts on “Parliamone | Grey’s Anatomy 16×10-16×21: Pensieri Sparsi

  1. Purtroppo bisogna aggiungere che la sfasatura temporale dovuta alla diversa programmazione e messa in onda dei due show non giova nemmeno mi riferisco al fatto che carina va in vacanza con maya mentre il fratello sbarella, un non senso che si spiega con la diversa linea temporale, e un altro merito di K.V. Visti i crossover che almeno i due show vadano di pari passo. Secondo me Teddy finirà in nuovo triangolo con Carina e Maya e in sottofondo Renato Zero che canta il Triangolo no non l’avevo considerato, visto il genio ribelle di K.V. con Carina che tradisce Maya perché negli sceneggiatori di G. c’è un fondo di malvagità. Il vocale è veramente il top del trash, una roba indegna. Onestamente il maggiore Hunt non è la mia simpatia, ma Tom merita di più di essere una ruota di scorta. Mac Widow un grande bah, Amelink carini ma non basta anche se Amelia merita un po’ di luce in questa sua eterna notte e Atticus la rischiara. De Luca A. incommentabile narcisista e ha comunque più battute della sua divina sorella cosa che non capirò mai. Poi aggiungiamo la demolizione di Webber e l’ennesimo tiramolla con la moglie. Meredith sempre più lontana nell’orizzonte si sono d’accordo con te questo show è morto, ma non solo è sepolto da ormai 6 stagioni(dalla decima quando con l’uscita di Cristina la storia è virtualmente finita) il resto è un accanimento terapeutico dovuto alla volontà della rete di sfruttare il brand finchè possibile facendo prevalere lo show sulla storia, Alex, il ricongiungimento delle Calzona alla fine della 14, la fine dei Japril, per portare avanti il personaggio di Jackson, ma perché?, è insopportabile in entrambi gli show, ne sono una dimostrazione, e se gli ascolti li sostengono si sbarazzeranno anche di Meredith e di Bailey per me un si fermano alla 17 possono andare avanti almeno altre tre quattro stagioni. Ormai è ridotta ad una soap opera light i temi Lgbt sono solo facciata, come pure il femminismo da tribuna politica, era molto più femminista Bewitched che prendeva in giro le casalinghe americane degli anni 60 di quanto non lo sarà mai questa versione di G.

    "Mi piace"

  2. Leggo ora su internet che K.V. era intenzionata a tagliare uno dei personaggi principali dello show nelle puntate che sono state tagliate, io punto su Ellen, Meredith, ogni contratto ha sicuramente delle clausole di svincolo, pare che ve ne sarà un assaggio nelle puntate rimanenti di Station 19 Bailey sarebbe troppo scontato e uno degli altri non avrebbe senso perché o non hanno peso o ha deciso di farsi odiare(Amelia) dimmi cosa ne pensi

    "Mi piace"

    • Ti rispondo in un commento unico.
      Sulla questione della linea temporale hai assolutamente ragione, ho dimenticato di scriverlo. KV gestisce due show in prima persona e non è in grado di farli andare di pari passo. La CW fa crossover con sei serie e ha meno problemi.
      Non penso proprio che Teddy finirà in un triangolo con Carina e Maya. Il fatto che le piacciano anche le donne non ha quello scopo nella storia.
      Dai no, gli Amelink non sono solo carini. Hanno un bel rapporto costruito bene, soprattutto se paragonato agli altri.
      Andrew è narcisista ma bisogna ammettere che aveva ragione su tutto, sul modo in cui Meredith vedeva lui e il loro rapporto, sulla ragazza vittima di traffico di esseri umani e anche su Webber.
      Guarda non saprei, vedo molti convinti che la 17esima sia l’ultima ma io non ci credo poi così tanto.
      Concordo sulle tematiche buttate lì a casaccio.
      Allora la questione della morte non é sicura, lo ha detto un insider ma KV non ha confermato in alcun modo. Inoltre sì, la Vernoff ha detto che in S19 avremo piccoli indizi su quello che sarebbe dovuto succedere in Grey’s ma ha anche detto che hanno editato gli episodi di S19 in modo da togliere parte del contenuto collegato a Grey’s per evitare gli spoiler sulle storyline che proseguiranno nella stagione 17. Inoltre dubito fortemente che la morte prevista sarebbe stata quella di Ellen. È sempre stato detto che spetta a lei l’ultima parola sulla fine dello show, tanto più che lei ha detto chiaramente di sentisi responsabile perché sa che se lei dovesse dire basta, centinaia di persone sarebbero senza lavoro. Credo che la scelta sarebbe ricaduta tra Jackson e Owen. Se dovessi scommettere, direi Jackson. Il personaggio non ha quasi più legami nello show, ad eccezione della madre e della figlia, e Jesse Williams ha iniziato a dedicarsi ad altri prodotti. Se uno più uno fa due….

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...