Brooklyn Nine-Nine/Telefilm

Recensione | Brooklyn Nine-Nine 7×08 e 7×09 “The Takeback” e “Dillman”

Questa settimana doppia recensione con gli episodi di metà stagione. Il primo, The Takeback, ha riportato sullo schermo un personaggio che inizialmente odiavo, non perché fosse cattivo o scritto male, ma perché sapevo che ogni sua apparizione sarebbe finita in frustrazione per Jake e gli altri protagonisti. Ovviamente sto parlando di Doug Judy, il ladro delle Pontiac, che in questo episodio ha deciso nientepopodimeno che di sposarsi e l’ha fatto sapere al suo amico poliziotto in un modo forse un po’ poco ortodosso. Fatto sta che Jake non solo viene invitato al matrimonio (ci era rimasto un po’ male a non essere stato informato), ma vola alla volta di Miami per festeggiare l’addio al celibato con la sorella Trudy e altri amici ex carcerati che poco si fidano di questo nuovo arrivato.

Se all’inizio provano con una copertura, Doug e Jake sono costretti a dire la verità agli altri quando questi confessano di aver rubato dei diamanti. Divertente il tentativo di metterli a posto senza farsi beccare, ma Jake è pur sempre Jake, quindi alla fine i 3 amici di Doug vengono arrestati grazie a una soffiata. Sembra quasi che i fratelli Judy ci siano rimasti male, ma in realtà c’era sotto qualcosa di ancora più grande: Judy voleva che i suoi amici fossero arrestati per cambiare vita e avere un matrimonio tranquillo. Adorabile il modo in cui chiede a Jake di fargli da testimone e ovviamente anche il momento karaoke. Vivo per queste scene di B99.

Passiamo invece alla 7×09, dove l’intero distretto – e un ritrovato Holt nelle vesti di capitano (finalmente) deve vedersela con le conseguenze di uno scherzo malriuscito a Jake: una bomba di brillantini esplode rompendo vetri e coprendo Scully di brillantini. Per risolvere il caso viene chiamato il miglior detective con cui Holt abbia mai lavorato, un certo Frank Dillman, ora di base a San Francisco. Dillman è bravo, proprio bravo, così Jake s’ingelosisce e cerca in tutti i modi di rubargli la scena risolvendo il caso prima di lui. Esilaranti gli interrogatori fatti agli altri membri della squadra, a turno accusati di aver organizzato lo scherzo, ma il migliore è quello fatto a Rosa con un quiz sulla telenovela che aveva dichiarato di guardare al momento del fattaccio.

Inutile dire che né Dillman, che scopriamo essere stato licenziato e ora lavora come commesso, né Jake, che cercava di farsi notare da Holt per ricevere il comando di una nuova task force speciale, riescono a risolvere il caso. Gli onori passano a Boyle, che nel modo più naturale possibile scopre il colpevole e ottiene il ruolo nella task force, con il benestare di Jake. Adoro la loro amicizia.

Anche per questa settimana è tutto, ci vediamo la prossima, ma prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete ancora fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Infine, un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Ringraziamo: Serie Tv News | Film & Serie TV | La dura vita di una fangirl | I love telefilm & film ∞ | Telefilm obsession: the planet of happiness | Serie tv Concept | Serie TV: la mia droga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...