Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 8×03 “Leap of Faith”

E insomma… tra il dire e il fare siamo a -7!
Buon mercoledì a tutti. Oggi è anche il giorno in cui comincia Lucca Comics, ma dato che quest’anno non vado eccomi qui puntuale a commentare l’episodio (decisamente migliore dello scorso, anche se non ancora all’altezza della premiere).

Presente

Se seguite le mie recensioni da prima che Willa lasciasse la serie, saprete che la sottoscritta adora Thea Queen. Mi è dispiaciuto che il personaggio lasciasse la serie, ma dall’altro canto era pure sprecata visto che non le davano una storyline che fosse una da anni.
Proprio per questo, sebbene per una piccola comparsata di un episodio, sono contenta di averla rivista.
Oliver e Thea hanno un bel rapporto ed è stato bello vederli confrontarsi per quella che potrebbe anche essere l’ultima volta. O forse no, visto che a sentire Thea, Oliver è proprio bravo a imbrogliare la morte e potrebbe salvarsi anche stavolta.
Forse.
Boh.
Prima pensavo di sì, ma questo episodio ha più o meno distrutto le mie certezze… ne parliamo dopo.
Al contrario, avrei fatto a meno di Talia. Sebbene nemmeno Nyssa mi abbia mai detto granché, è certamente mille volte meglio di Talia. Mi chiedo inoltre come ci si possa fidare di lei visto che ha tradito Oliver un’infinità di volte, questo episodio compreso. Nonostante cioè, Thea le ha concesso l’ennesima possibilità (secondo me ti penti…).
Resta il fatto che sono contenta che anche Thea stia seguendo la sua strada e abbia un piano per il futuro, cioè creare la Lega degli Eroi. Certo, in teoria la Terra potrebbe non avere proprio un futuro, ma questi sono dettagli.
Arriviamo dunque alla Rivelazione: Monitor non sta cercando di evitare la Crisi, la sua causando.
Okay, questo è scritto in un libro, ma sarà vero? Potrebbe anche esserci un fraintendimento, o magari chi ha scritto il libro è malvagio o una qualsiasi altra spiegazione. Magari la Crisi non si può evitare e basta. In un certo senso, mi sento come Oliver. Un misto tra una presa in giro e un po’ di disperazione al pensiero che il mio adorato abbia dovuto abbandonare la sua vita e la sua famiglia per aiutare inconsapevolmente il nemico. In altre parole, io non voglio che la rivelazione sia vera (ma non voglio nemmeno che Oliver muoia o scompaia in una qualche dimensione misteriosa da solo per anni).
Un’altra domanda che mi sono posta è: “la rivelazione può essere vera?”. Voglio dire… noi nella settima stagione abbiamo visto Felicity incontrarsi con Monitor per raggiungere Oliver dopo vent’anni, quindi a conti fatti Felicity nel futuro non considera Monitor un nemico. Se è lui a causare la Crisi sarebbe anche il nemico da sconfiggere, che però vent’anni dopo è ancora tranquillo e vivo e vegeto.
Mettiamo invece che la Rivelazione sia vera. Allora magari è l’orribile futuro del 2040 a essere finto? Magari il punto di questa stagione è vedere come Oliver cambierà il 2040 e il finale che abbiamo visto nella 7×22 non è il vero finale di serie.
Decisamente Arrow ci sta lasciando molte domande e plot twist su questa Crisi, molte di più di The Flash che sostanzialmente si sta concentrando sull’unico punto di cui non mi frega niente.
Non vedo davvero l’ora di vedere il prossimo episodio!

Futuro

Nonostante la trama del futuro mi sembra un filo campata per aria, ci sono state un paio di cose interessanti.
Per esempio, ammiro come non stiano facendo nessun tentativo per dare un po’ di umanità a JJ. Lui è cattivo e basta, al punto che se Connor non fosse stato risucchiato nel 2019 non mi sarei sorpresa se lo avesse ucciso sul serio. Suo fratello! (I Diggle sono proprio destinati a uccidersi a vicenda, è una cosa di famiglia).
JJ è arrivato al punto di uccidere un personaggio principale, questo non me l’aspettavo! Ero convinta ci saremo trascinati Zoe fino alla fine della stagione, invece niente, un colpo di filo con una lama e ciao ciao figlia di Rene (da notare la mia esagerata disperazione per questa cosa!). 
Bene.
Mi piace che Arrow elimini qualche palla al piede, complice anche il fatto che mancano 7 episodi, quindi è il momento buono per eliminare personaggi perché tanto non hai più sottotrame da riempire.
Mi toccherà ripetermi, ma adoro le interazioni di William e Mia, hanno una chimica assurda ed è bello che abbiano già legato molto, al punto che Mia prende decisioni anche spinta dal desiderio di proteggere suo fratello, l’unica persona della sua famiglia che le è rimasta… (Passatemi un fazzoletto!).
A proposito di decisioni. Non incolpo affatto Mia della morte di Zoe. Forse il suo piano era un po’ impulsivo, ma è ovvio che facendo gli eroi la vita sia sempre a rischio ed è inevitabile che qualche pezzo della scacchiera non arrivi alla fine della giornata, Oliver questo lo sa fin troppo bene. Inoltre nessuno a costretto Zoe a partecipare (senza contare che è morta in modo così stupido che è meglio proprio evitare di iniziare a parlarne).

Il futuro nel presente! 

Proprio mentre io, settimana dopo settimana, mi chiedevo sempre di più quale fosse il collegamento tra presente e futuro, ecco che gli unici personaggi del 2040 di cui ci frega qualcosa – Mia, William e Connor – fanno un bel saltino nel 2019 per passare del tempo con i genitori.
Mi sento combattuta. Da una parte questa cosa mi fa infuriare perché ho dovuto vedere un’intera stagione di Flash con quella rottura di scatole assoluta di Nora West-Allen ed è stato un inferno, oltre il fatto che in generale la cosa dei figli che incontrano i genitori da giovani non mi è mai piaciuta e l’ho vista in troppe serie, ma dall’altra… a me piange il cuore al pensiero che Oliver non si sia mai sentito chiamare “papà” da Mia e che non abbia nemmeno avuto modo di dire addio a William, quindi questo mi fa un po’ piacere (e poi sono tutti personaggi belli ed è fantastico che si incontrino!).
Senza contare che almeno in questo modo diamo un po’ di senso al futuro. Forse mi faccio troppi film mentali, ma potrebbe darsi che Mia, William e Connor si rendano in qualche modo utili per risolvere la Crisi, il che non sarebbe male. Oppure Oliver potrebbe aiutare ad evitare che il 2040 faccia tanto schifo.

Varie ed eventuali: 

– Penso che la parte di Diggle e Lyla mi sarebbe piaciuta di più se non avessi passato la metà del tempo a pensare che Lyla sta nascondendo a Diggle che sta sostanzialmente collaborando con il “nemico” e che questa super coppia ha praticamente messo al mondo il futuro distruttore di Star City e l’assassino della figlia di un loro amico.

– Per quanto di JJ mi freghi meno di zero, mi affascina il fatto che Connor sia figlio di un criminale (o ex criminale) e sia cresciuto come eroe, mentre JJ sia figlio di eroi e sia cresciuto diventando un criminale. Questa cosa apre un dibattito affascinante sul concetto di “nature vs nurture”, cioè quanto contano la biologia e la genetica contro le esperienze di vita?

– Ciao Zoe. Addio Zoe. (Ma è veramente morta, giusto? Non è che mi fate questo plot twist e poi la settimana prossima ve lo rimangiate, vero?)

– Non mi stancherò mai di sentire William riferirsi a Felicity come sua mamma. Non è mai “your mother”, è sempre “mom”. Questa cosa è così dolce!

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Ringraziamo: Arrow • Oliver & Felicity • | Felicity, you αre remαrkαble. | Arrow & The Flash | Arrow e The Flash | Serie TV: la mia droga | Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TV | I love telefilm & film ∞ | Serie tv Concept | Quelli delle Serie TV

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Arrow 8×03 “Leap of Faith”

  1. Puntata non male, interessante la trama fratello – sorella sia nel presente che nel futuro; dove uno dei due è iperprotettivo bei confronti dell’altro, anche se gli autori, ne hanno largamente abusato nel corso degli anni.
    Andrò contro corrente, ma meglio Talia di Nyssa, visto che la seconda la trovo abbastanza insignificante come personaggio (strano, visto che in realtà, non mi dispiace Katrina Law come attrice.)
    Onestamente sono molto contento che abbiano riunito gli attori, proprio perché la trama del 2040 non riusciva in alcun modo a decollare.
    Per quanto riguarda Zoe, nonostante la sua inutilità, dubito sia morta, anzi credo sia solo un espediente, per levarcela di torno per un pò.
    Aspetto con ansia la quarta puntata e ti volevo chiedere se avevi sentito anche tu della possibilità di uno spin-off di Arrow con Mia, Dinah e Black Siren o se fosse una bufala?

    Piace a 1 persona

    • Ciao!
      Punti di vista… non mi fanno impazzire nessuna delle 2, ma Talia in modo particolare. In Arrow ci sono stati decisamente personaggi migliori.

      Anch’io sono contenta. Anche se il viaggio nel tempo è decisamente troppo abusato (e stona pure in uno show come Arrow che, crossover a parte, è quello dell’Arrowverse con più i piedi per terra), in qualche modo rende la parte del futuro più interessante e con un senso.
      Eh, per Zoe lo temo anch’io. Ucciderla è una scelta interessante e in un certo senso coraggiosa, ma temo la fregatura dietro l’angolo.
      Sì, sì, l’ho sentito dire anch’io. La CW ha ordinato la serie con Mia, Dinah e Black Siren e sembra proprio che renderanno uno degli episodi di questa ottava stagione il pilot. Bisogna vedere se decideranno di produrla sul serio, però (per quanto mi riguarda, non sono interessata. Ho superato il mio limite con le serie dei supereroi, ho bisogno di roba diversa per molto tempo!).
      Grazie di aver commentato!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...