Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 7×13 “Star City Slayer”

Bentornati con il nostro arciere preferito. Direi un ottimo episodio, mi è piaciuto e mi ha tenuta incollata tutto il tempo. Ottima scelta anche come separazione dal prossimo blocco di episodi vista la pausa di tre settimane. Inoltre si è ripresa una vecchia storyline e si sono dati nuovi spunti per l’ultima parte di stagione.

Stanley

Mi ero dimenticata di lui, lo ammetto. Non ho pensato che potesse essere lui il killer fino a che Rene non ha tirato fuori la divisa della prigione dall’armadio.

È passato un po’ dall’ultima volta che lo abbiamo visto o anche solo sentito nominare, al punto che, quando il nostro caro team Arrow ha cominciato a ricevere i biglietti minatori nello scorso episodio, la prima persona a cui ho pensato è stata Dante.

E sì che gli indizi c’erano! In un certo senso questo episodio è come un giallo (molto suggestivi i biglietti scritti con la macchina da scrivere), ti vengono gettati i vari indizi ma non li noti fino a che non è troppo tardi. Per esempio, fin dalle prime battute vediamo come il killer agisce, prima immobilizzando e poi uccidendo le sue vittime, e non potrebbe essere altrimenti visto che Stanley non è forte fisicamente e potrebbe agire solo sottomettendo la sua vittima. Ci viene anche detto che Oliver è uno dei pochi a non ricevere i messaggi e ci doveva essere una ragione per questo.

Insomma, mettendo insieme tutti i pezzi si poteva arrivare alla verità. Quando hanno mostrato la divisa, si è accesa anche la mia lampadina e ho capito chi fosse il colpevole. Quello che invece non mi sarei mai immaginata è che sarebbe stato uno patetico come Stanley a privare Dinah della propria voce da Black Canary. Peccato, poteva essere una delle cose che si potevano cambiare del nefasto futuro (non è vero, del futuro mi interessa solo che Oliver sia vivo).

Mi piace come Stanley sia stato messo al tappeto grazie al lavoro di squadra, William ha lanciato la bottiglia a Oliver, Felicity ha distratto il cattivo e infine Oliver l’ha steso. È così che si fa! Ed erano pure mezzi paralizzati, altro che Diggle e l’ex team dei Cretini che erano in quattro e pure armati e si sono fatti fregare. Guardate e imparate!

Ottimo che Stanley sia servito da collegamento per la partenza di William.

Cioè… la partenza di William non mi piace, dico che usare Stanley per collegare le due cose andava bene. Solo questo.

William è tornato una settimana fa e ora subito se ne va di nuovo. Già la tempistica è fastidiosa.

Poi i nonni, spuntati all’improvviso e credo mai nominati prima. Oliver è stato in carcere più di sei mesi e dicevano ci sarebbe stato per la vita, perché non fare storie prima anziché lasciarlo con una donna che non ha alcun legame di sangue con lui (dico in senso generale, il rapporto tra William e Felicity è bellissimo e mi piace che lui nel futuro si riferisca a lei come sua mamma). Non ha senso.

È veramente un colpo basso che William chiami i nonni per dire di voler vivere con loro alle spalle di Oliver. Però okay, questo alla fine ci sta perché parliamo pur sempre di un adolescente.

Sommando tutto, William ragazzino in questa stagione è stato gestito malissimo. C’è, ma poi parte, ma poi torna, poi se ne va di nuovo… Pensavo che avrebbero sfruttato il suo ritorno a casa per dargli qualche storia interessante come avevano fatto anche gli anni precedenti, invece lo hanno trasformato in un ragazzino scemo.

Capisco che prima o poi si dovrà separare dagli Olicity perché nel futuro che ci hanno mostrato Oliver è sicuramente morto (punto che dovrà sistemarsi o gli autori me la pagano), Felicity boh e non è mai cresciuto con la sorella, però si poteva attendere ancora un po’. Anche l’arrivo di un nuovo Queen poteva essere uno sviluppo interessante dal suo punto di vista di fratello maggiore.

Curtis

Eh sì, questa volta dedico un piccolo capitolo anche a lui.

Arrow ha uno schema, quando deve liberarsi di un personaggio, nella sua ultima stagione non gli dà un bel niente da fare.

Anche per Laurel è stato così. Nella quarta stagione, prima che Damian la uccidesse, non aveva un ruolo a parte quello di spalla. Al punto che la sua morte è stata molto anticlimatica.

Per Curtis è valsa la stessa cosa. Oddio, non che nelle stagioni precedenti fosse chissà che personaggio, ma nella settima non ha avuto una storyline. Non è mai comparso nel futuro, aiutava di tanto in tanto qualche personaggio e basta. La sua partenza mi suscita il nulla, perché il nulla era diventato il suo personaggio (e un po’ di gioia perché sì, ce ne siamo finalmente liberati).

Futuro

Ed ecco finalmente svelata la vera identità di Maya, anzi Mia Smoak (Mia Queen suona meglio, però, vero?), figlia di Oliver e Felicity.

Quest’idea girava nell’aria fin dall’annuncio della partecipazione dell’attrice allo show, ma sono passati talmente tanti mesi e tanta acqua sotto i ponti che cominciavo a perdere la speranza. Pensavo di essermi sbagliata e che Mia fosse un personaggio non collegato direttamente ai nostri. Come mi fa sentire ciò? Sicuramente è emozionante che una mia OTP finalmente metta al mondo un figlio dopo sette anni di shipping, però il mondo è un disastro, lei probabilmente non ha mai conosciuto il padre, il fratello e odia pure tutto quello in cui Oliver credeva. Il personaggio di per sé mi piace. Non è pallosa come Emiko Queen, insopportabile come Rene e Zoe, o inutile come Curtis, e poi la sua misteriosa storia mi rende ancora più desiderosa di conoscere cosa è successo in questi vent’anni. Perché il gruppo si è smembrato? Perché Rene ha scelto un’altra strada? Che è successo al bunker? Che fine hanno fatto i genitori di Connor, Diggle e Lyla?

Ma soprattutto, si può fare qualcosa per impedire che tutto ciò accada?

Varie ed eventuali: 

– “Voglio vivere una vita normale” cit. William. Dove va? A Central City. Dove esplode roba, ci sono i metaumani e tanta gente cattiva come a Star City (con i poteri brutti). Bene.

– Ma che fortuna che Curtis si porti dietro un nuovo prototito che chiude le ferite. Che coincidenza! Si vede proprio che non sanno più come usarlo.

– Mi ha quasi sorpreso rivedere Roy. Gli hanno dato moooolto meno spazio di quello che mi aspettavo quest’anno, visto il suo ritorno e il ruolo di regular.

– Ho provato soddisfazione nel vedere Mia zittire Zoe. Rene e chiunque legato geneticamente a lui sono insopportabili.

– La cosa alla “non mi sparerai perché abbiamo i bellissimi geni di nostro padre” (okay, forse non ha detto proprio così) se la potevano evitare, è un cliché che dà un fastidio assurdo. Inoltre, mi hai rapito, tenuto legato e malmenato i miei amici, certo che ti sparo, sorellina cara! (Ah, non andrà così? Peccato).

Date un’occhiata al nostro GIVEAWAY in corso e scoprite cosa potreste vincere!

Se non l’avete già fatto v’invitiamo a seguire i nostri aggiornamenti su Facebook cliccando qui!
Dal 2019 c’è anche un nuovo gruppo Facebook in cui sarà possibile chiedere suggerimenti, aiuti per i link, discutere di libri e film e serie tv e tutto ciò che più vi aggrada.
Cosa aspettate ad iscrivervi?
IL CIRCOLO PELATO

Ringraziamo: Arrow • Oliver & Felicity • | Felicity, you αre remαrkαble. | Arrow & The Flash | Arrow e The Flash | Serie TV: la mia droga | Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TVI love telefilm & film ∞ | Quelli delle Serie TV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...