Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 7×10 “My Name Is Emiko Queen”

Bentornati, finalmente, con il nostro eroe.
Sono mesi che aspetto questo episodio, perché è dall’epoca della terza parte del crossover che aspetto di poter dire una cosa chiaro e tondo.
Il caro episodio di Supergirl che ha chiuso il crossover del 2018 ci ha lasciato con una pesante spada di Damocle sopra il capo. Oliver, l’eroe senza macchia e senza paura, quello modesto, quello che si prende la colpa sempre di tutto, quello che NESSUNO a parte sua moglie, suo figlio, i suoi fan e la sottoscritta apprezzano, ha promesso qualcosa a un tizio che è meglio che faccia attenzione a quello che fa se non vuole morire male, qualcosa di sconosciuto e prevedibile al tempo stesso.
Il caro Oliver, pur di non permettere che il mondo venisse privato di due zecche insopportabili come Kara e Barry, ha promesso qualcosa, molto probabilmente la propria vita, di sacrificarsi in un non troppo lontano futuro, forse proprio durante il crossover del prossimo anno. Istintivamente, mi viene solo da dire: guai a voi, autori, se anche solo osate pensarlo, perché Oliver è il mio preferito e non si tocca.
Ovviamente, non è così semplice. Prima di tutto, ho sempre avuto questo headcanon che Arrow sarebbe finito bene (per Oliver, che sarebbe finita bene per lui) e che The Flash sarebbe finito male (Barry avrebbe sofferto). Non ho ancora abbandonato quest’idea e ancora non sono convinta che ci abbiano spoilerato la morte di Oliver in questo modo, l’hanno resa un po’ troppo anticipata. Potrebbe pure essere che si sacrifichi e non muoia alla fine, ovviamente, non ci resta che incrociare le dita.
Però lo ripeto, autori, guai a voi, perché se si trattasse di me, se dovessi salvare una sola persona tra Barry, Kara e Oliver, non ci dovrei nemmeno riflettere e non voglio arrivare a odiare uno show che seguo da sette stagioni, grazie.

Fatta questa doverosa premessa, passiamo all’episodio di oggi.
È stato un episodio molto di passaggio, fin troppo, soprattutto se consideriamo che è il ritorno dello show dopo una lunga pausa. Si sono presi molto tempo per imbastire le fila della seconda parte di stagione e questo di per sé non è un male, ma allo stesso tempo, si sarebbe potuti fare di meglio. Tipo si sarebbe potuti evitare di annoiarmi quasi a morte.

Emiko Queen

La conosciamo ancora poco, quindi è ancora presto per fare previsioni, per il momento posso dire che non mi fa impazzire, non accostata a Rene almeno. Ha rotto così tanto le scatole a Oliver la scorsa stagione che quest’anno ha deciso di diventare il partner di una in cerca di vendetta e non fatemi nemmeno iniziare con la sua controparte futura (in realtà sì, ma dopo).
Per fortuna, è una Queen. Quindi anche se per il momento della sua vendetta mi frega meno di zero (non conosco ancora bene il personaggio, non ho mai visto la madre, come diavolo faccio a empatizzare?), condivide dei geni con Oliver e penso che il loro rapporto potrà rivelarsi interessante. Molto probabilmente conflittuale, ma interessante. E anche vedere Emiko interagire con la cognata (o il nipote, se si decidono a farlo tornare).
Ho seguito tutta la sua corsa verso il raggiungimento del tizio non colpevole con un senso di profonda noia, quindi spero bene che il fatto che si trovasse sulla strada sbagliata sia un modo per prendersi il tempo di rendere le cose più interessarci, farci conoscere Emiko, esplorare il rapporto di due fratelli che non si sono mai visti e, chissà, magari condurci verso il finale di stagione e il big bad. Sto davvero dando moooolta fiducia agli autori.

A proposito di Emiko, povero Oliver che ogni due per tre ne scopre una nuova sulla sua famiglia. Tra bombe, figli perduti, paternità nascoste e via discorrendo, altro che scheletri nell’armadio, abbiamo un intero cimitero tra le mura dei Queen. Ex mura, per la precisione.
Mi piace come hanno gestito la rivelazione, è stata molto emotiva, con una serie di belle scene tranquille tra gli Olicity. Ora Oliver ha scoperto la verità, ha affrontato il trauma di aver scoperto l’ennesima macchia nel passato dei genitori e ora può affrontare a cuore aperto la sorella.
Una sorella che medita vendetta, quindi andrà sicuramente tutto bene. (Crediamoci…)
Perché, ricordiamoci, Oliver non è mai stato motivato dalla vendetta. Anche nella prima stagione, lui cercava di porre rimedio agli errori del padre e di ripulire la città. Oliver è un eroe, punisce i criminali per gli altri, non per qualche vendetta personale totalmente a caso, quindi sarà interessante vedere queste due persone così diverse e allo stesso simili in contrapposizione.

Diggle e Lyla

Oddio. 
Dunque, io capisco che abbiano bisogno di Diaz per catturare l’uomo che stanno cercando e capisco anche che si sentano al sicuro con la bomba che gli hanno messo in testa, ma tutto ciò OVVIAMENTE non promette nulla di buono.
È ovvio, siamo i telespettatori, sappiamo che Diaz è regolare, sappiamo che è cattivo senza rimedio – aka, non si può redimere –, quindi siamo consapevoli che prima o poi fuggirà o comunque riuscirà a mettersi in una posizione di conflitto con gli eroi, altrimenti la sua presenza sarebbe più inutile di quello che già è, però… cavolo, ci hanno messo MESI a catturarlo, Oliver è finito in prigione pur di avere l’aiuto dell’FBI, ci sono stati casini su casini, tentativi di omicidio e gente che è proprio andata all’altro mondo, come ti viene in mente di promettere una semi-libertà a uno così?
Diggle e Lyla se ne pentiranno e non voglio nemmeno immaginare come si sentirà Oliver quando scoprirà quanto è scemo il suo amico e la consorte.

Futuro

Rene… che hai fatto ai capelli? Di parrucchini brutti ne ho visti nella mia vita, ma quello li batte tutti.
Ma non siamo qui per discutere delle scelte del parrucchiere che odia palesemente Rene, siamo qui per parlare invece delle sue discutibili scelte di vita.
Sorvoliamo sul fatto che non capisco chi possa averlo votato, che senso ha trasformare The Glades in quello che è ora Star City e Star City in quello è ora The Glades? Sostanzialmente i ricchi si sono trasferiti dall’altra parte della città, ma la situazione non è migliorata, si è solo spostata! Inoltre, fa affari poco puliti con gente non raccomandabile, ha completamente dimenticato i suoi ideali e gli amici. Bene così! È proprio da applausi!
D’altra parte, porta buone nuove. Viene lasciato a intendere che il tizio con cui fa detti affari poco puliti sia uno dei mandanti della “morte” di Future!Felicity e che sia “contento” della cosa. Ottimo! E non è sarcasmo stavolta, perché se Rene è contro Felicity, allora lei non è diventata cattiva come dicono tutti e sono sempre più convinta che si nasconda da qualche parte in attesa del suo sfavillante ingresso e sicuramente è pure quella invecchiata meglio.

Varie ed eventuali:

– Basta con Curtis! BASTA! È sempre più una macchietta! Non serve allo show, la copia fatta male di Felicity è un tormento e basta, da vedere. Manco loro sanno più che farci, infatti si è visto quanto spazio gli stanno dando quest’anno. Il nulla cosmico.

– Fun fact: Emiko che si presenta ferita a casa di Rene mi ha fatto ripensare a quando Oliver, nella prima stagione, si presenta nella macchina di Felicity e le svela la sua identità. Ovviamente l’epicità di quella scena qui era inesistente, ma è stato bello ripensare a quel magico momento che ha cambiato le sorti di Arrow.

– Mi è mancata Black Siren. Tanto.

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Date un’occhiata al nostro GIVEAWAY in corso e scoprite cosa potreste vincere!

Dal 2019 c’è anche un nuovo gruppo Facebook in cui sarà possibile chiedere suggerimenti, aiuti per i link, discutere di libri e film e serie tv e tutto ciò che più vi aggrada.
Cosa aspettate ad iscrivervi?
IL CIRCOLO PELATO

Ringraziamo: Arrow • Oliver & Felicity • | Felicity, you αre remαrkαble. | Arrow & The Flash | Arrow e The Flash | Serie TV: la mia droga | Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TV | I love telefilm & film ∞

Annunci

6 thoughts on “Recensione | Arrow 7×10 “My Name Is Emiko Queen”

  1. Mi trovo pienamente d’accordo con la tua recensione.
    Anche a me al momento Emiko non dice proprio niente. Spero che ora che abbiamo una Queen Reunion le cose possano iniziare a cambiare, ma onestamente ho i miei dubbi. Però voglio anche io fidarmi degli autori, l’avranno messa lì per un motivo, no? (Noooo???)

    Sai cosa? Io non vedo l’ora che Oliver venga a scoprire quello che Dig e Lyla stanno facendo! Non vedo l’ora che Oliver prenda a calci in culo entrambi!!! Cioè, ma sono seri??? Non stiamo parlando di un piccolo criminale, stiamo parlando di Diaz -.-
    Io amo Dig, ho avuto i miei dissapori con lui (sono extra-protettiva con Oliver, perciò guai a toccarmelo XD), però alla fine sono sempre tornata ad amarlo. Ora però non lo so, onestamente questa è grossa!!!

    Su Rene l’unica cosa che commento è il parrucchino. Mi sono messa a ridere come una scema quando l’ho visto XD Non commento altro perché come hai detto tu il suo atteggiamento è talmente ridicolo che inizio a chiedermi se ha qualche problema mentale. Se penso a come ha trattato Oliver e a come ora tratta Emiko. Dunque cosa? Lei va bene perché è una donna? Cioè scusa eh, ma come accidenti possiamo pensarla?

    Curtis. Io non lo so, onestamente. Perché? Che è un po’ anche perché tenere Lyla e Dig a questo punto relegati a una storyline di cui non frega niente a nessuno…

    Ho grandi aspettative per questa stagione, la parte nel futuro mi piace moltissimo, spero davvero che non ci deluderanno!!!

    Piace a 1 persona

    • Ma magari, guarda. Vorrei davvero che una volta tanto Oliver si arrabbiasse con Diggle senza passare automaticamente dalla parte del torto. Si è fatto mesi di prigione pur di vedere Diaz dietro le sbarre e loro lo liberano?!?! Inaccettabile.
      Diggle ha continuamente alti e bassi, soprattutto nelle ultime due-tre stagioni, ma essendo uno del OTA sono più caritatevole nei suoi riguardi rispetto ad altri personaggi… fino a un certo punto! Oliver sarà sempre il mio preferito, quindi guai a chi me lo ferisce.

      Emiko va bene perché è una donna Queen e lui deve flirtare con tutte le donne Queen. Spero che come Thea lo mandi in bianco.

      Allora… sì. Da un certo punto di vista, la storyline di Dig e Lyla è noiosa e non ce ne frega niente, però a differenza di Curtis (che proprio compare a caso negli episodi, aiuta due minuti e poi sparisce) e, purtroppo, grazie all’inserimento di Diaz, è aumentata la correlazione con la storyline principale essendo lui un grande nemico di Oliver. Anche se per ora Dig e Lyla sono separati dal resto, a breve la storia confluirà sicuramente con le altre.
      Per Curtis non c’è rimedio. O gli danno qualcosa da fare o che lo tolgano di torno e basta.

      Speriamo, speriamo. Il futuro, benché oscuro, promette bene. Speriamo non mandino tutto in malora.
      Grazie del commento!

      Piace a 1 persona

  2. Sono rimasto un pò deluso da questo episodio, come dici tu ‘di passaggio’.
    Dopo un mese senza Arrow, avevo aspettative ben diverse, ma vabbè, fa lo stesso, ormai siamo abituati da molte stagioni ad episodi piatti, soprattutto dopo una lunga pausa, però non accetto il fatto che gli autori non riescano a caratterizzare i personaggi a dovere.
    Sono loro che hanno riempito di personaggi lo show, stagione dopo stagione ed è evidente che non sanno più come gestirli.
    Hanno forzato Lyla e Diggle su sta cosa della suicide squade ancora una volta, non solo risulta poco credibile visto che già in passato non ha funzionato, ma per combattere un cattivo di cui non sappiamo niente.
    Non so più cosa aggiungere su Curtis, il personaggio più inutile di sempre, l’unica buona notizia è che nel futuro non ve nè traccia e anche nel giuramento che Dinah fa davanti a Renè non l’ho nomina… (Speriamo bene)
    Il futuro mi intriga molto, con tutta storia di Wild Dog, sindaco delle Glades e possibile Big Villain di questa Storyline.
    P.S. Starò diventando matto, ma continua a piacermi sempre più la future Canary e il suo idealismo e anche nel presente è diventata più sopportabile.

    Mi piace

    • Concordo pienamente. La suicide squad era stata un fallimento la scorsa volta, non ha molto senza che vogliano riprovarci (inoltre, se l’altra volta almeno era piena di personaggi interessanti e si era rivelata un bel riempimento, questa volta no).

      Sai che non avevo notato che Dinah non aveva nominato Curtis parlando del giuramento? Sarà un indizio che a breve ci libereremo di lui? Magari torna a fare il civile molto, molto lontano, oppure muore.
      😀

      Il futuro intriga assolutamente, peccato che non ci siano flashback in ogni episodio e che si proceda così lentamente. Non ero arrivata a considerare Rene come possibile Big Villan, però chissà, sarebbe senz’altro interessante, soprattutto visto che sono anni che è dalla parte dei buoni. Circa, casini e tradimenti a parte.

      Io ho ancora problemi a perdonare Dinah per l’anno scorso, diciamo che è stata promosso a “indifferente”. Magari se continua così, tornerà a piacermi come all’inizio.
      Grazie del commento!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...