Movienight/Rubriche

Movienight | #30 Christmas in Love

No, non sarà una recensione su qualche cinepanettone omonimo con De Sica e la Ferilli.
Sono qui con voi per consigliarvi qualche bel film a tema natalizio. Non troverete i soliti titoli come Mamma ho perso l’aereo o una Poltrona per due, che inevitabilmente guardiamo sempre con piacere ogni Natale. Ma alcune commedie romantiche e non che comunque ci fanno entrare subito nel mood natalizio e anche un po’ sognare.
D’altronde Natale è sinonimo di amore per un compagno, per la famiglia, per l’atmosfera, per i bambini e soprattutto per il cibo.

The Holiday – L’amore non va in vacanza

Regia: Nancy Meyers.

Anno: 2006

Genere: commedia. sentimentale

Cast: Cameron Diaz, Kate Winslet, Jude Law, Jack Black

Citazione: Posso farti una domanda?
Quanti uomini ci sono nella tua città?
Sinceramente… zero 

Trama: Iris Simpkins è una giornalista ancora innamorata del suo collega di lavoro Jasper, che decide di cambiare casa per le feste natalizie dopo un annuncio che le spezzerà il cuore. Amanda Woods, la montatrice di trailer che vive a Los Angeles e che ha appena rotto con il suo fidanzato, è la giovane donna con cui Iris scambierà la propria casa per Natale. Amanda, in Gran Bretagna, incontrerà il vedovo e affascinate fratello di Iris di cui si innamorerà. Nel frattempo, a Los Angeles, Iris fa la conoscenza di un anziano sceneggiatore dell’epoca d’oro di Hollywood che le tiene compagnia e la farà avvicinare al dolce compositore MIles.

Il perchè pelato: grazie a Netflix ho rivisto recentemente questa commedia romantica che tanti anni fa ho avuto il piacere di guardare proprio al cinema, quando ancora questo genere aveva il suo perchè. C’è una cosa che apprezzo particolarmente di questo film: le tempistiche. Sono molto realistiche. Nonostante tutto si sviluppi in un arco molto breve, circa una decina di giorni, periodo in cui le due donne passeranno le vacanze natalizie l’una nella rispettiva casa dell’altra, il tempo è scandito perfettamente. Il cast è molto conosciuto, e all’apparenza poteva sembrare mal assortito. C’è chi effetivamente interpreta un ruolo che ha già ricoperto altre volte come la Diaz nei panni della nevrotica Amanda, donna in carriera, spumeggiante e alla moda, che ha dei proplemi nel legarsi agli uomini; o Jude Law, l’affascinante, senza misure, vedovo, che ama incondizionatamente le sue figlie, ma anche godersi la vita. Tuttavia i protagonisti di questa commedia corale in piccolo, hanno una caratterizzazione perfetta, senza sbavature o dubbi lasciati in sospeso. La Winslet, che interpreta un ruolo insolito per lei, ma questo dimostra ancora di più la sua bravura, è una perfetta ragazza del Surrey, impacciata, affettuosa, ma per nulla stupida. Per lei è stata creata una storia d’amore opposta a quella di Amanda, più impulsiva, infatti sarà l’anziano Arthur e la sua amicizia a condurla tra le braccia di Miles, e ad instaurare con lui un rapporto sano, opposto a quello con Jasper, basato sulla fiducia e la confidenza reciproca. Le feste di natale in fin dei conti fungono da cornice, ma questa non è la solita storiella romantica, perchè insegna a tutti qualcosa e li sprona a fare e dare di più. Proprio come il più classico dei “Racconti di Natale“.

The Family Man

Regia: Brett Ratner

Anno: 2000

Genere: commedia, drammatico, fantastico

Cast: Nicolas Cage e Téa Leoni

Citazione: Non sciupare la cosa più bella della tua vita solo perché ora non sai esattamente chi sei.

Trama: Jack Campbell è un uomo di successo di Wall Street che ha tutto.La vigilia di Natale, tornando verso casa si offre arrogantemente di aiutare un uomo che aveva tentato di sparare ad un impiegato di un supermercato. La mattina seguente, il giorno di Natale, Jack si svegliain un presente alternativo, dove ha due figli e una moglie, la sua ex fidanzata che anni prima aveva lasciato…

Il perchè pelato: questo film strizza l’occhio al classico dei classici natalizi di Dickens, A Christmas Carol. Jack è un giovane Scrooge dal cuore freddo che decide addirittura la vigilia di Natale di indire una riunione per chiudere un’affare, non pensando ai suoi dipendenti. L’uomo della rapina sarà il suo fantasma dei natali passati che gli darà la possibilità di dare una sbirciatina alla sua vita se ipoteticamente non avesse mai lasciato Kate. Ritorna il tema della solitudine durante le feste, che logicamento sono belle da condividere con chi si ama. Jack all’inizio fatica, soprattutto dal punto di vista lavorativo, ma saranno proprio le parole della moglie a fargli capire che lui è già felice così, tanto, infatti, da desiderare di restare in quell’universo alternativo e poi cercare di ricontattattare, una volta tornato nei suoi panni, la ex fidanzata per almeno riallacciare i rapporti. Questa rivisitazione di Canto di Natale è meno magica e più realistica di quanto ci si aspetterebbe. Non si tratta solo di guardare come sarebbe andata la propria vita, Jack è costretto a vivere una situazione che non ha scelto, ma poi la apprezzerà e desidererà. Non è solo il Natale che avvicina i cuori, ma è proprio l’amore che rende queste feste ancora più speciali.

Bridget Jones’s Baby

Regia: Sharon Maguire

Anno: 2016

Genere: commedia, sentimentale

Cast: Renée Zellweger, Colin Firth e Patrick Dempsey.

Citazione: Non posso continuare a commettere sempre gli stessi errori! … Quando posso farne di nuovi.

Trama: Dopo aver rotto con Mark Darcy, Bridget Jones conosce Jack e la sua vita sembra finalmente cambiare. Poco dopo, Bridget scopre di essere incinta e non sa con certezza di chi sia il bambino.

Il perchè pelato: perchè scegliere l’ultimo di una delle trilogie filmiche al femminile più iconiche degli ultimi anni? Dopo un secondo film da dimenticare, volgare e per nulla divertente che ridicolizzava i 30enni che ancora sono alla ricerca di se stessi, il capitolo conclusivo è stato un ritorno delle vera Bridget Jones. Quella che ci piace così com’è. Darcy c’è sempre, con un Colin un po’ più segnato, ma ha lasciato Bridget perchè i loro impegni impedivano loro di vedersi. Ma Bridget, nonostante abbia perso i chili di troppo e finalmente abbia un lavoro che le piace e in cui è anche brava, combina sempre guai e rimane incinta, ma di chi? Dell’ex Darcy con cui ha passato una nostalgica notte d’amore o Jack, un affascinante americano, che le dà tutte le attenzioni che merita? Si ritorna a ridere grazie non solo a quanto è pasticciona Bridget e tutti gli adulti, che nonostante siano cresciuti, continuano a combinare un guaio dopo l’altro, ma anche per un romanticismo che ha il sapore di quelle speciali commedie romantiche (come un palese richiamo a Orgoglio e Pregiudizio). Il Natale è fondamentale nei film di Bridget Jones. Nel primo, Bridget fa la conoscenza di Mark con il suo bel maglione verde con la renna, e nell’ultimo assistiamo ad una povera Jones sola e incinta a cui ne capitano di tutti i colori, esattamente come una volta. In entrambe le occasioni le feste saranno un punto di svolta per la biondina pasticciona sempre col volto, un po’ troppo asiutto, di Renée Zellweger.

Buone Feste!

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Ringraziamo: Citazioni film e libri | I love telefilm & film ∞Because i love films and Tv series

Annunci

One thought on “Movienight | #30 Christmas in Love

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...