Aria di libri/Libri

Aria di libri | #37 L’amica geniale di Elena Ferrante

Con l’imminente arrivo in tv della serie “L’amica geniale”, divisa in otto puntate, nata in collaborazione tra la Rai e HBO, non posso che consigliarvi, prima della visione, la lettura del romanzo da cui è tratta.

Scritto da Elena Ferrante, L’amica geniale è il primo volume di una tetralogia che comprende: Storia del nuovo cognome, Storia di chi fugge e di chi resta e Storia della bambina perduta.

Diviso in due parti, “L’amica geniale” è la storia dell’inizio di un’amicizia complessa e duratura tra due bambine, due ragazze e infine, due donne, l’una l’opposta dell’altra, sia caratterialmente che fisicamente.

Il romanzo si apre con un prologo ambientato nel presente, per poi cominciare a seguire le due protagoniste bambine e poi adolescenti, tra le strade di un rione della periferia napoletana negli anni ’50.

Con poco più di 400 pagine la Ferrante ci riporta nell’Italia del secondo dopoguerra tra povertà e ignoranza, raccontandoci uno spaccato di vita che sembra lontanissimo da noi, dal quale però ci separano poco più che sessant’anni.

La scrittura è fluida e coinvolgente e le descrizioni di cui il romanzo è ricco sono il punto forte della Ferrante, mai noiose e banali, bensì precise ed efficaci. Grazie al suo modo di raccontare e narrare, quelle poche righe riescono a portarti in quei vicoli anche se non ci sei mai stata, riuscendo perfino ad assaporare ogni sfumatura di quei palazzi e quelle strade piene di storie e sentimenti.

 La narrazione è in prima persona. A scrivere è Elena Greco detta Lenù.

È proprio questa omonimia tra protagonista (Elena Greco) e scrittrice (Elena Ferrante), e il mistero sull’identità che l’avvolge, a farti domandare quanto ci sia di vero nella storia. Quanto è autobiografica e quanto c’è di inventato. Elena Ferrante ed Elena Greco sono la stessa persona? È proprio lei quella ragazzina che ha instaurato con Lila un’amicizia che durerà una vita?

Lenù e Lila. Le due grandi protagoniste di questa storia. L’una indipendente dall’altra, ma che insieme sono inarrestabili. Due ragazzine del rione che sembrano volere di più da quelle strade, da quei palazzi che per gli altri rappresentano il presente; e per molti altri ancora il futuro. Con lo scorrere delle pagine, le vedremo crescere, avvicinarsi, allontanarsi e soprattutto leggeremo di come queste due bambine prenderanno consapevolezza di loro stesse, della loro posizione in società e soprattutto in famiglia.

Ecco che quindi “L’amica geniale” è la storia di un riscatto. Un riscatto da quello che era la visione della donna dell’epoca. Un riscatto che sembra iniziare per Elena con lo studio mentre per Lila, grazie alla sua fervida immaginazione, attraverso la realizzazione di un suo sogno d’infanzia.

“L’amica geniale” però non si limita soltanto ad un racconto di una particolare amicizia. È un romanzo che ci apre gli occhi, grazie alle parole di Elena, sull’influenza dei genitori sulla vita dei figli, un’influenza tale da determinarne il futuro; nel bene e nel male. Un’influenza che all’epoca, vuoi per l’educazione impartita, per paura o per poca conoscenza, tendeva a tarpare le ali ai propri figli, relegandoli nel rione a una vita di sacrifici e miseria. Una vita buia e senza luce, proprio come quel tunnel che divideva il rione dal centro di Napoli, che agli occhi di un’Elena bambina sembrava senza fine.

A colorare le pagine invece c’è una lunga lista di personaggi secondari ben caratterizzati e raccontati che accompagneranno le due bambine durante la loro crescita.

Un romanzo che quindi ti prende e ti sorprende. Ti affascina.

Sperando che la serie tv che andrà in onda il 27 novembre sulla Rai sia all’altezza del romanzo e che non deluda il pubblico fan della serie di libri della Ferrante, vi lascio con una frase che mi ha particolarmente emozionato e che ha cambiato il mio punto di vista da lettrice della storia: “Tu sei la mia amica geniale, devi diventare la più brava di tutti, maschi e femmine.”

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Ringraziamo: Citazioni film e libri | I love telefilm & film ∞

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...