How To Get Away With Murder/Telefilm

Recensione | How to Get Away with Murder 5×07 “I Got Played” & 5×08 “I Want to Love You Until the Day I Die”

Ciao a tutti voi lettori pelati e scusate l’enorme ritardo con cui vi parlo di HTGAWM! Sfortunatamente la mia vita universitaria sta finendo ma, al contrario di quello che credevo, riuscirsi a laureare è più difficile del frequentare lezioni e sostenere esami e quindi perdonatemi ma è andata così. Però comunque eccomi qua a parlare sia dell’episodio numero sette di questa quinta stagione, che dell’episodio numero otto, ovvero il mid-season finale, nel quale scopriamo finalmente chi è stato ucciso al matrimonio dei Coliver. Pronti? Iniziamo!

Il settimo episodio parte con un salto temporale di un mese e ci viene subito detto che la morte di Nate Senior è semplicemente stata legittima difesa da parte dei due poliziotti. Ovviamente non è così e Annalise cerca, durante un’udienza, di far capire ai giurati che forse il caso non è così semplice come appaia, difatti una dei due poliziotti sembra essere colpevole di violenze domestiche. La nostra professoressa però non sta passando proprio un bel periodo, difatti sembra aver litigato con Bonnie, anche se io non ho ancora capito perché, a quanto pare ha anche adottato qualcuno, o ci ha provato comunque (Gabriel?), ed infine si è ridata all’alcool, quindi non sembra molto credibile quando rileva di credere che la morte di Nate Senior sia stata organizzata dalla Governatrice, per cui in teoria adesso lavora, per toglierle il suo caso di punta e per farle perdere il lavoro. Tesi che sembra rafforzata dal fatto che la proposta di Annalise ed il progetto che le due donne dovevano portare avanti non è mai partito ed anche perché, durante un’udienza privata con la Keating, la Governatrice si comporta da vera villain.

E niente, HTGAWM è diventato Scandal. L’intreccio, già complicato, anzi ingarbugliato, di questa serie si va soltanto ad infittire con l’aggiunta della trama politica, una piega che, come vi ho già detto nelle scorse recensioni, secondo me non giova per nulla ad una serie che ha già perso molto nel corso delle stagioni proprio a causa di una trama che in alcuni punti diventa troppo opaca e che, allo stesso tempo, fa acqua da tutte le parti. Ora è arrivato il super-mega-iper-complottone, che sinceramente ci potevano risparmiare e che a me sembra solo una cosa noiosissima. Perché allora sono ancora qui a guardarla questa serie? Perché comunque i misteri più piccoli, e più coinvolgenti, mi attirano come una cimice ai vestiti stesi in balcone (scusate la similitudine ma in questo periodo vedo più cimici che esseri umani), e quindi rimango incollato allo schermo  ma, e non vi sto mentendo, ogni volta che la narrazione si concentra sui casi di Annalise, su Nate o Nate Senior, insomma su qualsiasi cosa anche vagamente noiosa, la mia attenzione scema e mi ritrovo ad aprire Instagram e a guardare le stories di Malgioglio che compra occhiali nei negozi cinesi. Questo è il punto a cui sono arrivato. Condenso in due parole: che palle.

Comunque alla fine l’udienza fallisce, anche se Annalise fa l’ennesimo discorsone sul razzismo, che per carità bello, toccante, ma ad una certa basta, lo hai fatto l’episodio prima, ad un certo punto ci siamo anche stufati, anche perché sta serie sta davvero diventando una valle di lacrime. Per confermare questa deriva, alla fine di una serata goliardica che i ragazzi passano in un locale gay per distrarsi, Connor ed Oliver vengono anche insultati dall’omofobo di turno ed il tutto finisce in una rissa tra Connor ed il tizio (ed ecco spiegati i segni che ha Connor sul volto nel flashforward), scena che serve a ricordarci che negli USA c’è ancora l’omofobia, come il razzismo, la misoginia e tante altre cose che questa serie ci mostra. Io sono il primo che ha smesso di credere all’America come alla terra dei sogni che diventano realtà ma, seriamente, dopo un episodio di HTGAWM, ti passa anche la minima voglia che hai di farci una vacanza.

Sì, sono molto polemico, ma proprio perché quest’episodio è stato un lungo e noioso calvario condito dalle faccette tristi di Nate, che ho tornato a non sopportare, e alla pazzia di Annalise, che dopo cinque stagioni BASTA. Come la storia tra Laurel e Frank, BASTA. O li fate mettere insieme o io prendo il primo volo per dove cacchio abiti Peter Nowalk e lo prendo a padellate. E no, non sono assolutamente fan della coppia, però anche io mi rendo conto che ad una certa basta.

Come anche Michaela e GabrielMichaela, dopo essersi fatta le coccole con l’ex, Asher, attraversa il pianerottolo e pomicia con Gabriel, che sembra essere sveglio nel cuore della notte con luci accese e tutto e non si stupisce che qualcuno suoni alla porta alle 2 del mattino. Almeno che il gruppetto dei Keating Five non sia tornato dalla discoteca alle 10, questo tizio era sveglio in piena notte, una cosa assolutamente normale, visto che sembrava dalla scena che non stesse facendo nulla se non aspettare che qualcuno gli suonasse alla porta. Ma ok. In tutto questo Annalise e Tegan scoprono il passato del capo (di cui non frega niente a nessuno), che inoltre ho scoperto chiamarsi Emmett, per poi ricattarlo e fargli riassumere Annalise. Un piano perfetto e che non si ritorcerà per niente contro le due, decisamente no…

Ma passiamo al mid-season finale, dove succedono meno cose ma decisamente più interessanti. Annalise e Nate continuano ad indagare sulla morte del padre di quest’ultimo, anche se sembrano trovarsi ad un punto fermo. Nel frattempo arrivano in città tutti per il matrimonio dell’anno, ma che dico, del secolo! I Coliver si sposano! Finalmente tutti noi fan di questa coppia possiamo vedere questi due piccioncini convolare all’altare e vivere per sempre felici e contenti, anche se gli autori hanno voluto giocare con i nostri sentimenti queste settimane, quando non ci mostravano dove diavolo fosse finito Oliver, che in realtà era semplicemente in video-chiamata con il padre, il quale fa un lavoro importante in Medio Oriente (almeno questo è quello che ho capito) e non ha trovato tempo per prendersi un giorno per venire al matrimonio del figlio. E anche questa volta HTGAWM ci mostra un genitore affettuoso e amorevole. Parlando di genitori, ma che problemi ha il padre di Connor? Insopportabile a livelli galattici, soprattutto visto e considerato che questo suo comportamento non ha assolutamente senso.

Comunque il matrimonio va liscio come l’olio, i due si sposano in questa carinissima chiesa in mezzo alla neve e sono dolcissimi e bellissimi insieme. Sì, lo so che non esistono e che sono due personaggi di finzione e che Jack Falahee è etero, però si può sempre sognare, no?! Ma poi vogliamo parlare di quando Oliver ha dedicato “All of Me” di John Legend a Connor? Ho avuto un attacco di diabete dalla troppa dolcezza. Conrad Ricamora è da sposare.

Intanto Annalise si diverte da matti, beve e balla come se non ci fosse un domani, e tra un incontro con l’inquietante Gabriel ed un ballo con Nate, arriva Frank che le dice qualcosa sottovoce e lei per ripicca lo schiaffeggia. Il perché di questo suo gesto sinceramente non l’ho capito, se non che è stato inserito solo per sviarci durante i primi flashforward, facendoci pensare che Frank possa essere stato di nuovo colpevole di un omicidio. E invece no.

Al matrimonio è presente anche Bonnie, da sola però, perché ha litigato con Miller. E mentre guardavo l’episodio pensavo al fatto che il buon procuratore non si vedesse da un bel po’ e quindi ero arrivato alla conclusione che fosse lui il morto della stagione e che fosse stata Bonnie ad ucciderlo, in preda alla frenesia omicida (a cui non è per nulla estranea). Ma non è proprio così. Miller e Bonnie litigano, ma a parte il fatto che Bonnie si comporti da solita acidona, i due si separano ancora vivi, anzi si rivedono anche al matrimonio, dove il bel Miller arriva per parlare con la donna e chiederle di nuovo scusa. Ovviamente l’algida Winterbottom rifiuta le scuse e lo caccia, ma Miller, dopo averla vista andar via, decide di fare tutto per riconquistarla ed esce dalla macchina, dove era salito per andarsene, ma non incontra la sua amata, ma la morte. Ebbene sì, Miller è il morto di questa stagione. Siccome questa serie c’ha presto gusto a far fuori i procuratori ecco il terzo che muore. A me dispiace molto, oltre al fatto che il personaggio mi era cominciato a piacere molto, ho trovato la sua morte davvero triste e soprattutto mi ha fatto incavolare, perché oltre che piagnucolone, muscoloso buono a nulla ed incarnazione vivente del mai una gioia, Nate ora è anche assassino.

Nate uccide Miller preso dalla furia perché convinto che quest’ultimo abbia chiamato il capo della prigione per la dimissione del padre ed è quindi in parte anche responsabile della sua morte, farebbe dunque parte del super-mega-iper-complottone della governatrice. Ovviamente, mi ci gioco casa, è una cavolata colossale e l’uomo stava chiamando il capo della prigione per un altro motivo, ma siccome la parabola discendente di Nate doveva compiersi, in quanto la sua utilità in questa serie era finita già una stagione fa, da poliziotto ligio al dover e con dei valori fermi, diventa freddo assassino che massacra un uomo solo per un presentimento. Che dire, coerente. Comunque neanche Miller è stato tanto furbo, visto che quando ha incontrato Nate, l’omone era già bello incacchiato, ma invece di andare verso la festa si è inoltrato nella foresta. Intelligenza livello bionda nei film horror che si rinchiude in una camera buia come la soffitta o la cantina, allora te la meriti la morte.

Comunque a finire il povero procuratore ci pensa Bonnie, che invece di chiamare la polizia (perché a noi ci piace proteggere gli assassini), ammazza definitivamente l’esanime Miller e spiega ad un Nate, ormai completamente fuori di brocca, come nascondere il cadavere e le prove. Io spero proprio che questa volta venga beccato anche perché mi sa che allora la pazzia scorreva veramente nelle vene della famiglia Lahey, ma se lo prendessero, o lui si consegnasse alla giustizia, ci potremmo finalmente liberare di questo peso enorme che è questo personaggio e andare avanti sia con la storia, ormai infossata, che con la vita sentimentale di Annalise, la quale sembra ancora presa da Mr. Muscolo.

Comunque la puntata si conclude con Anna che torna a casa, ancora mezza ubriaca, che casca a terra e si ritrova Gabriel a casa. Eh già, il bel Gabrieluccio, sembra un tantino fuori di testa, visto che le aveva rubato le chiavi quando si erano scontrati al matrimonio e si è presentato a casa sua perché… il perché non lo so, probabilmente per vendicarsi di qualcosa, visto, che come ci viene svelato da Frank, ed è questo quello che diceva ad Annalise nel flashforward con consecutivo schiaffo, ovvero che Gabriel non è altri che il figlio di Sam! Ebbene sì (e due), il passato di Annalise torna di nuovo protagonista! Perché mai questo ragazzo sia tornato e che cosa voglia dalla prof.ssa Keating ancora non ci è dato saperlo, ma il fatto che l’episodio si concluda con il volto di Sam che ghigna maleficamente, ci fa ben sperare in una rivelazione molto soap-operosa.

Insomma, questa prima parte è finita. Tra alti, ma anche molti bassi, abbiamo scoperto il morto e di che cosa parlerà la prossima parte di stagione, senza contare ancora tutti i filoni narrativi lasciati aperti e ai quali, spero, troveremo risposte (il figlio di Bonnie, la madre di Laurel, l’adozione di Annalise, la proposta di matrimonio mai fatta di Miller, il segreto di Emmett, e chi più ne ha più ne metta…). Sicuramente il colpo di scena è ben riuscito, anche se i colpevoli si era capito potevano essere solo o Frank o Nate, visto che sicuramente Miller era un personaggio minore che poteva morire. Si sono già giocati uno dei protagonisti, non avrebbero mai ucciso un Oliver, anche perché questa volta se no i fan avrebbero fatto chiudere tutto.

Speriamo che lo show concluda presto la sua parte Scandal, anche perché la serie non ha fatto una bella fine… ed io vi do appuntamento a gennaio/febbraio per il ritorno della seconda parte di HTGAWM. Prima di lasciarvi vi invito a mettere un mi piace alla nostra pagina Facebook  Parole Pelate, se non lo avete ancora fatto, e a passare dalle nostre pagine affiliate. Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica.

Tschüss!

 

 

 

Ringraziamo: How to get away with Murder Italia Conrad Ricamora Fans. | • Coliver Shippers • | Shonda Rhimes Italia | Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TV | I love telefilm & film ∞ | Crazy Stupid Series | Quelli delle Serie TV

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...