Grey’s Anatomy/Telefilm

Recensione | Grey’s Anatomy 15×06 “Flowers Grow Out of My Grave”

Terzo episodio di fila più che buono: le mie speranze per questo show si sono ufficialmente riaccese. Mi auguro che non mi deluda nuovamente. Ma bando alle ciance e passiamo direttamente a commentare l’episodio.

Cominciamo da Meredith che è tornata ad essere la protagonista del suo show. Finalmente hanno sbrinato Ellen Pompeo e l’hanno rimessa al centro di quello che è la sua serie. Perché è vero, Grey’s è un’opera corale e non potrebbe mai funzionare senza un solido gruppo, ma è altrettanto vero che il gruppo senza Meredith non va da nessuna parte, e la scorsa stagione ne è una riprova. Mer sta cercando di rimettersi in gioco e siccome è campionessa mondiale di “mai ‘na gioia” da tempi immemori, le arriva la notizia che Tatcher sta morendo e ovviamente lei reagisce come sarebbe lecito aspettarsi. Meredith per fortuna non è mai stata una di quelle protagoniste perfette e simpatiche che fanno sempre la cosa giusta. Lei ha sempre mostrato le fragilità dell’essere umano e anche quei lati negativi che tutti abbiamo ma che cerchiamo di nascondere, anche a noi stessi. Sarebbe stato troppo assurdo vederla correre al capezzale del padre morente e lei infatti non lo fa. Non lo fa perchè ha ragione: Tatcher non è suo padre. Essere genitori non significa mettere al mondo i figli. Per quello purtroppo basta poco e non servono grandi capacità. Essere genitori è un’altra cosa. Il titolo di “madre” o di “padre” bisogna guadagnarselo con costanza, ogni giorno, sbagliando e provando a fare meglio. Tatcher, invece, se ne è lavato le mani più e più volte. È entrato a più riprese nella vita di Meredith ma non è mai stato in grado di restarci quindi è sacrosanto che ora lei non corra da lui. Se mai dovesse decidere di andarci, cosa che presumo alla fine farò, sarà per se stessa. Sarà perchè sceglierà di farlo e di chiudere un rapporto ma non perchè è obbligata dal suo ruolo di figlia o perchè sentirà di doverlo fare. Credo che questo episodio sia servito proprio a chiarire questo punto fondamentale. Se Meredith sceglierà di dirgli addio, sarà solo ed esclusivamente perchè vuole farlo, non perchè ne ha bisogno, non perchè si sente responsabile di un rapporto mancato e non perchè è l’ultima occasione per rimpiangere qualcuno che nella sua vita non ci è mai voluto davvero stare. A molti potrà essere sembrata cinica o fredda, io l’ho trovata molto vera in questa sua reazione. Passando a qualcosa di più leggero, direi che possiamo riassumere la sua situazione sentimentale nel seguente modo: tra DeLuca e Link, lei sceglie le scale. Onestamente, sentivamo la mancanza di un triangolo amoroso per Meredith? Non so voi, ma io proprio no. Capisco che per mandare avanti le serie si debbano creare anche gli intrecci amorosi, ma la vita di Meredith è stata costellata di triangoli. Lei-Derek-Finn, lei-Derek-Addison, lei-Derek-Rose, lei-Nathan-Megan e sicuramente ne sto dimenticando qualcuno, quindi io questo con Link ed Andrew lo eviterei, ma Krista Vernoff non pare della stessa opinione visto che ha confermato l’inizio di questa “poligonale” situazione. Di per sé, potrebbe anche essere una cosa divertente, se ben gestita, ma resta il fatto che preferirei qualcosa di diverso per lei, proprio a livello di dinamiche, perchè in realtà i due contendenti non sono neanche male. Andrew e il nuovo arrivato, infatti, hanno dimostrato un bel carattere grintoso e una certa brillantezza che potrebbe accendere una competizione quanto meno godibile per noi spettatori. Però, mai dire mai, in cima a quelle scale potrebbe esserci qualcosa di meglio

Passiamo invece all’altro triangolo che piano piano sta prendendo forma. ovvero quello tra Towen e Omelia. In realtà non so se Towen sia lo ship name coretto per Owen e Teddy e non so nemmeno se esista qualcun altro nel mondo, oltre me, che faccia il tifo per loro, quindi per ora teniamoci questo o, nel caso, scrivetemi quello corretto (lo so, fa un po’ youtuber che a fine video vi dicono di attivare la campanella, lasciare like e commentare, chiedo scusa). La situazione è stabile anzi, peggiora pur non procedendo di un millimetro. Queste cose possono riuscire solo agli sceneggiatori di Grey’s. E dico che peggiora perchè ad ogni episodio il carico emotivo messo in gioco aumenta. La scene con Teddy ed Owen sul divano è una di quelle che, se guardate con attenzione, può spezzare il cuore. Da una parte abbiamo un uomo che è felice e realizzato, come forse non lo è mai stato, e che cerca di recuperare il rapporto con quella che è stata, è e sarà sempre la sua persona. Dall’altra parte abbiamo una donna profondamente innamorata che si strapperebbe il cuore dal petto se solo questo potesse aiutarla a non rovinare la felicità di Owen. In quel “are you happy?” c’è tutto l’amore che Teddy prova per lui ed è così intenso che non si può non rimanerne colpiti, anche solo un po’. Dietro a quelle parole c’è un mondo. C’è tutto. “Sei felice? Sei davvero felice? Perché se lo sei, allora io ti lascio andare. Se sei felice, io non ti rovinerò la vita. Me ne andrò in silenzio con il mio segreto, portando con me anche un pezzetto di te, senza che tu lo sappia”, questo è quello che Teddy stava davvero dicendo ad Owen e non c’è alcuna possibilità che un sentimento così forte venga fuori senza che qualcuno si ferisca. Non so chi ne pagherà le spese, in quale misura o quando, ma succederà. Mi duole un po’ ammetterlo, perchè è più facile criticare che non fare complimenti, ma le gestione di questa situazione è pressoché perfetta per adesso. Sarebbe stato troppo facile se Teddy fosse arrivata e avesse sganciato la bomba. E invece no. Nella writing room hanno rispolverato un po’ di sano sadismo e hanno cominciato a giocare con i nostri sentimenti. Ci hanno mostrato Owen e Amelia felici, prima in modo inconsapevole e irresponsabile, e poi in un modo più maturo. Ci hanno fatto vedere quanto sarebbero bene insieme a prendersi cura di Betty e Leo. Allo stesso tempo, però, ci hanno anche fatto vedere quanto il rapporto tra Teddy e Owen sia ancora intenso e indissolubile, quanto lei sia innamorata di lui e quanto lui abbia ancora bisogno di averla nella sua vita. In sostanza ci hanno mostrato quello che è e quello che potrebbe essere e ora sono pronti a far crollare con un soffio questo meraviglioso castello di carte. Da spettatrice un po’ detesto tutto questo, lo ammetto, ma da persona appassionata di storytelling, non posso che fare i miei complimenti a tutti perchè questa è la prima cosa che davvero funziona da quando c’è al comando la Vernoff,

Dei Jaggie non so bene cosa pensare. Come ben sapete, io non li ho mai detestati, anzi, li ho sempre appoggiati perché trovavo interessante la loro dinamica, eppure qualcosa si è rotto a partire dal ritorno di Jackson. Non riesco più a vedere in loro quella scintilla ma, anzi, continuo a trovare cose che non vanno. Per intenderci, carinissimo Jackson che le porta da mangiare qualsiasi cosa lei voglia, ma è tristissimo vedere che non si sia ricordato della ricorrenza, soprattutto perchè è stato lui a stare vicino a Maggie quando sua madre è venuta a mancare. È vero che dopo ha tenuto di rimediare, ma è anche vero che certe cose, fatte in ritardo, non hanno più lo stesso significato. Sinceramente, cosa se ne dovrebbe fare la Pierce di uno che conosce i suoi gusti in fatto di insalata ma che non fa caso a quanto possa essere doloroso il primo giorno dei morti dopo la perdita di sua madre? Ai posteri (e a voi) l’ardua sentenza. Dal mio punto di vista, Jackson continua a dimostrare di non saperle stare vicino e lei, di pari passo, continua a cavarsela da sola come ah sempre fatto.

Interessante anche la scelta fatta con I Jolex che per ora riescono a dividere il matrimonio dal lavoro con ottimi risultati. Effettivamente sarebbe stato troppo banale mandarli in crisi per delle divergenze su un intervento. Inoltre, con loro due, da un po’ di tempo a questa parte, è stato fatto un grosso lavoro per mostrare una coppia totalmente paritaria con due coniugi che si sostengono in tutto quindi sarebbe stato controproducente farli litigare per un’incomprensione legata al lavoro. Il Dottore e la Dottoressa Karev possono avere tutti gli scontri che desiderano, ma Jo e Alex devono restarne fuori. È qualcosa di difficile, è vero, ma se c’è alcuno che può farcela, sono assolutamente loro. Per certi versi, Jo somiglia moto a com’era Alex da specializzando e da neo-strutturato. Lei è brillante, intraprendente, geniale e pronta a tutto pur di seguire il proprio istinto e nessuno più di Alex potrebbe capire questa sua voglia di diventare una rockstar della chirurgia. Questa situazione sarebbe potuta tranquillamente degenerare in un “Alex contro Jo” e invece si è evoluta in un fantastico “Jolex uniti contro ogni ostacolo”. Mi auguro che la cosa duri e che non sia stata solo un fuoco di pagli

Le cose non vanno per niente bene tra Miranda e Ben, invece, ma per parlarne ho bisogno di fare uno spoiler sulla puntata di Station 19 perché la loro storyline è continuata lì quindi, se non volete sapere nulla, passate direttamente al prossimo capoverso.

Miranda non ha mai vissuto bene il cambio di lavoro di Ben e non ha mai realmente fatto i conti con il carico di pressione che può comportare l’essere sposata con un pompiere, tra l’altro con uno che non si risparmia e si butta letteralmente nel fuoco. La Bailey ha sempre cercato di sostenerlo, a parte qualche iniziale titubanza, reprimendo la sua preoccupazione che ora sta venendo fuori nel modo peggiore. Il livello di stress a cui è arrivata sta davvero compromettendo la sua salute per cui è comprensibile che lei chieda a Ben di prendersi una pausa. In fondo, è un atteggiamento naturale. Quando qualcosa ci spaventa, noi tendiamo ad allontanarcene e non volerci avere nulla a che fare. Se qualcosa scotta, non la tocchiamo. È semplice. Il problema è che questa soluzione non è in alcun modo utile alla loro situazione. Prendersi una pausa dal loro matrimonio non la farà preoccupare di meno per Ben e non l’aiuterà ad imparare a gestire l’ansia, senza che questa abbia effetti così forti sulla sua condizione fisica. Non è una cosa facile da fare ovviamente, ma dividersi non è la soluzione. Miranda ama profondamente suo marito e non vivere più insieme, non le impedirà di chiedersi se in quel momento lui sia sul tetto di un palazzo in fiamme o seduto con i suoi colleghi a fare colazione. La verità è che forse la Bailey avrebbe bisogno dell’aiuto di uno specialista per capire come gestire questa cosa senza mandare all’aria il suo matrimonio. Anche perché, se anche divorziassero, lei resterebbe comunque innamorata di lui e continuerebbe a preoccuparsi perché non è un pezzo di carta a definire la forza di un legame. Ben e Miranda hanno un un problema serio e dovrebbero affrontarlo insieme perché l’unica cosa certa di tutta questa storia è che separati non andranno da nessuna parte.

Dopo puntate di sguardi, occhiate e momenti buttati un po’ lì a casaccio, è arrivato davvero il momento di parlare seriamente del Dr. Kim e di Glasses (Levi). Non so come l’abbiate vissuta voi, ma con quella scena in ascensore mi è sembrato di tornare indietro nel tempo. Precisamente di tornare a quando una certa biondina sui pattini diceva ad una dottoressa di ortopedia di non voler avere a che fare con lei perchè era una novellina. Sappiamo tutti com’è finita, no? Ora, a parte l’evidente omaggio, che possiamo anche chiamare “idea riciclata in mancanza di qualcosa di meglio”, tutto sommato la dinamica non è male, soprattutto per i risvolti che potrebbe avere. Ho riflettuto un po’ sulle parole di Nico e spero che siano state un indizio per far intuire qualcosa di più su di lui. Il nuovo chirurgo ortopedico, infatti, si allontana quando capisce che il ragazzo che ha davanti è ancora nell’armadio e questo potrebbe lasciar intuire una dolorosa esperienza di coming out, ormai lasciata alle spalle, che sarebbe interessante esplorare. Allo stesso modo, penso che sarebbe molto bello vedere il percorso di presa di coscienza di Schmitt che impara a capirsi e ad accettarsi. Alla fine con Grey’s non ne abbiamo mai davvero avuto l’occasione, perchè Callie ha risolto tutto molto in fretta e senza eccessive paranoie. Insomma, non è che ci debba essere necessariamente il gay-drama, anzi, è fantastico vedere percorsi di accettazione che non passino attraverso lunghi e dolorosi momenti di odio verso se stessi, perché è un segno del fatto che forse i tempi stiano davvero cambiando, ma, in questo caso, potrebbe essere una storia interessante da raccontare, a che per non vedere riporta pari pari quella di Calli e Arizona.

Restando in tema di moneti intensi, come non parlare della scena finale. Chasing Cars, in qualsiasi lingua del mondo, unita alla carrellata di tutti quelli che ci hanno lasciato, è stata una scelta davvero azzeccata. Così azzeccata da sembrare quasi troppo e risultare fuori posto. Ed è per questo che  non l’ho apprezzata fino in fondo. Capisco che fosse un momento quasi dovuto, vista la ricorrenza e il tema dell’episodio, ma l’ho percepito come un tentativo malcelato di far commuovere per forza gli spettatori. È triste vedere che per suscitare emozioni ci sia bisogno di scomodare George, Lexi, Mark, Ellis, Derek e persino Doc, per altro con una scena tecnicamente imbarazzante dal punto di vista del montaggio, Grey’s dovrebbe saper emozionare e commuovere per quello che sta raccontando ora, non per quello che è stato. Poi è chiaro che nessuno di noi si dimenticherà mai di loro e che rimarranno sempre un pezzo importante dello serie, ma se questo è l’unico modo in cui riescono  a farci versare una lacrimuccia, allora c’è qualcosa che non funziona.

Bene, anche per questa settimana è tutto. Vi do appuntamento alla prossima con il penultimo episodio prima della pausa di metà stagione.

 

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.

I’m in love with Grey’s Anatomy | Passione Shondaland | Un’Unica Passione: Grey’s Anatomy | Jessica Capshaw fan | We love Alex e Jo | Jessica Capshaw e Sara Ramirez | Viviamo a Seattle | Grey’s Anatomy is our McDreamy | Giacomo Gianniotti Italia | Tu sei la mia persona. | Grey’s Anatomy | Alex e Jo.I Jolex Italia | Piumone Popcorn & Grey’s Anatomy | Shonda Rhimes Italia | Because i love films and Tv series | Serie Tv News | Film & Serie TVI love telefilm & film ∞ | Telefilm obsession: the planet of happiness | Serie TV: la mia droga | | Quelli delle Serie TV

Ed Infine un grande grazie alla nostra Amigdala per la grafica

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Grey’s Anatomy 15×06 “Flowers Grow Out of My Grave”

  1. Son d’accordo per il montaggio una cosa che faceva ribrezzo soprattutto Lexie, Derek e Mark ridotti a figurine panini. L’idea non era sbagliata George che la chiama, la madre che la incrocia, Doc che scodinzola nei corridoi bello poi arrivano le figurine panini e ti tagliano le gambe. Ero un fan japril, ma mi sembra che il personaggio di Jakson non abbia più un valore suo è sempre fuori luogo e fuori posto, Webber di fronte alla tomba la scena più bella sembrava Rocky sulla tomba di Adriana, e quell’immagine di lui che guarda il sepolcro della nipote morta prematuramente, il fatto che abbia parlato di Thatcher a M. mi porta tristi pensieri su di lui soprattutto per lo sguardo oltre l’orizzonte che si porta sempre dietro spero che il domani mi smentirà ma non ne sono certo.

    Mi piace

    • Quel montaggio è terrificante. Ho visto video migliori fatti da principianti con movie maker. Già l’idea non mi piace perchè li abbiamo ricordati da poco nell’episodio 300 quindi mi sembrava proprio un modo per far piangere, soprattutto perchè abbinata all’ennesima versione di Chasing Cars, ma quando ho visto Derek e Mark davvero mi son cadute le braccia. Mi è venuto da ridere e sono abbastanza sicura che l’effetto desiderato non fosse quello. Spero che tu ti stia sbagliando su Webber perchè questo show ha ancora molto bisogno di lui.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...