Film

Recensione | Obbligo o Verità

Una serata in compagnia e un film horror possono essere un’ottima combinazione, soprattutto se il film in questione è fatto bene.
Obbligo e Verità, diretto da Jeff Wadlow, però non può vantarsi di appartenere a suddetta categoria.
È un’opera compitino, quasi ogni cosa è al suo posto, ma per 95 minuti si limita a fare il suo lavoretto precisino senza sorprendere, per poi rifilarti un finale da ricordare.
Una domanda che ogni tanto mi pongo è… obbligo o verità? un finale bello e originale, può salvare un film mediocre? E, viceversa, un finale brutto rovina un buon film? Sì e no.
Nel primo caso, sicuramente l’ottimo finale ti lascia contento alla fine, torni a casa con un bel sorriso, pensando “wow, è stata proprio una scelta geniale!”, però i precedenti 95 minuti restano obiettivamente quello che sono, vale a dire nulla di speciale.
Al contrario, un finale brutto (ovviamente con brutto non si intende infelice) tende a lasciare uno spiacevole ricordo della pellicola in generale e sicuramente non si lascerà il cinema contenti. Non rovinerà quello che c’è stato prima, ma sicuramente non ti farà tornare molta voglia di rivederlo.
Detto questo, com’erano questi famosi 95 minuti? Banali, prevedibili oltre ogni dire. Se tu, regista, passi il tempo a mettere troppa enfasi su ogni cosa, in particolare se il caro sceneggiatore ha usato le prime idee banali che gli sono venute in mente, è ovvio che io e Amico finiamo per indovinare ogni singola cosa che stia per accadere.
Ogni. Singola. Cosa.
Per esempio, se si fa un bello zoom sulla penna di tizio palesemente destinato a morire, non ci vuole molto a fare due più due e rendersi conto che suddetta penna non verrà più usata per scrivere. Oppure, vedendo due poliziotti che si salutano e poi il figlio di uno dei due minaccia il padre because reasons (per motivi importanti, giuro) con un pistola e si fa molta attenzione a non inquadrare oltre le sue spalle, è palese che il poliziotto senza figli cretini tornerà indietro e sparerà. E pure per uccidere, perché siamo in un film americano e sparare in punti non vitali sarebbe troppo semplice.
E a proposito di comportamenti stupidi, state per salvarvi la vita, mancano tipo due minuti a concludere tutto e tu, pezzo di deficiente – manco come Scott McCall eri così idiota, il che è tutto dire -, vai a scegliere obbligo.
Lucas: Non volevo che foste costrette a sceglierlo voi.
Dice, il cretino.
Ora che passava il turno facevate in tempo a concludere tutto, *inserire termine non appropriato per questi lidi*.
E sapete come si chiamano questo tipo di decisioni? Far comportare i personaggi come degli idioti perché La Signora Trama lo richiede.
Però okay, questa gliela passo perché questo comportamento mi ha concesso il premio Finale Originale, che è stata davvero un’ottima, ottima idea e nemmeno buttata a caso.
Passando oltre… un’altra cosa che gli rimprovero è che è troppo evidente in che ordine morirà il gruppo di amici. Non c’è mai stata alcuna sorpresa, perché ovviamente dovevano buttarci dentro tutti i cliché possibili e immaginabili. E almeno li avessero rinventati, questi cliché, eh no, banale è bello.
Parlandoci chiaro, stiamo parlando di un film horror, non è che uno si aspetti un’opera capolavoro, ma un intrattenimento decente sì. L’intrattenimento c’è, complice l’idea di utilizzare il gioco obbligo e verità – sorvolando sul fatto che dei ultraventenni scelgano di giocarci -, il film mette anche abbastanza ansia com’è giusto che sia, però lo sviluppo è talmente telefonato che lascia un po’ delusi. Salvarsi in corner alla fine non basta.

Per concludere questo mio pensiero, Obbligo e Verità non è un brutto film, però nemmeno si distingue dalla massa, ad esclusione di un finale che una volta tanto rompe gli schemi. Consigliato a metà, diciamo, perché c’è di meglio, ma c’è anche molto di peggio.

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.

Ringraziamo: Citazioni film e libri | I Love Film and Telefilm | I love telefilm & film ∞ | Because i love films and Tv series

Annunci

12 thoughts on “Recensione | Obbligo o Verità

    • Capisco il tuo punto di vista, ma non sono tanto d’accordo. Anche le cose brutte possono far riflettere sebbene, ripete, il film non è brutto, ma non ha nemmeno quelle qualità che ti facciano pensare “wow, fantastico!”. Sta nel mezzo, anzi, poco più avanti del mezzo.

      Piace a 1 persona

  1. @Austin: Lo so, per questo ho specificato “principalmente” di intrattenimento. Ogni genere può essere usato come denuncia o metafora sociale.
    Anche il film in questione ha un minimo di profondità, visto che tratta l’argomento delle scelte morali (devi vederlo per capire cosa intendo), però nonostante questo resta un film con davvero poco di speciale.

    Mi piace

  2. ancora non lo vedo poi ti leggo,ma già era immaginabile la pochezza di qualità,lo vedrò solo per tyler posey xD(sperando non crepi subito)…saluto veloce,ILI,e qualche consiglio per gli acquisti(tutti americani):
    1:”auguri per la tua morte”,questo si’che è un bel film! e per noi amanti dello slasher è oro puro.
    2: “better watch out”,che se hai amato”la babysitter”amerai anche questo,ma è natalizio,si gode meglio in quel periodo xD.
    3: keep watching,ansiogeno e bel cast.
    4: the strangers 2,non è il massimo ma è godibile
    5:downrange,EPICO.
    6:revenge…che rambo levati.

    io sto aspettando scream 3,ma se lo son persi per strada??

    Piace a 1 persona

    • Ciao! Felice di risentirti.
      Sul serio, il film non era malaccio, ma se hai un minimo di esperienza del genere e pertanto riesci a prevedere tutto quello che accadrà, lascia delusi.

      Grazie per i consigli!
      1. “Auguri per la tua morte” visto quando è uscito al cinema e mi è piaciuto moltissimo. Non l’ho recensito, però era proprio un bel film.
      2. La “Babysitter” era proprio carino, quindi mi sono precipitata ad aggiungere “Better Watch Out” alla lista di Netflix. Chissene se è natalizio, lo vedrò quanto prima. Mi tenta!
      “Keep Watching”, “The Strangers 2”, “Downrange” e “Revenge” mi segno i titoli e li tengo d’occhio.

      Guarda, non ne ho idea. Mi spiace un casino che non ci sia il vecchio cast a concludere la storia, ma sono comunque un’amante del genere, quindi lo vorrei vedere…

      Mi piace

      • visto,si tutto prevedibile ma ne fanno a dozzine di film cosi’,l’unica cosa che cambia sono gli attori. PS ma il finale non l’ho capito! me lo spieghi sotto spoiler?forse avevo troppo sonno io…
        c’è anche la serie tv di wolf creek tratta dai film,ma della seconda stagione non escono le ultime due puntate,ci mettono una vita che nervi…sto in cerca di slasher come una drogata,o li ho visti tutti o non si trovano xD

        Piace a 1 persona

        • SPOILER SUL FINALE
          .
          .
          .
          .
          .
          Allora… praticamente dato che non potevano bloccare tutto con la lingua e l’incantesimo e che il gioco si sarebbe fermato solo con la morte di tutti i giocatori, la moretta, volendo salvare l’amica (a differenza di quanto affermato a inizio film, che tra i suoi amici o uno stato, avrebbe scelto la sopravvivenza dello stato) decide di aumentare i giocatori della partita, al punto da renderla quasi infinita. Dato che il gioco va in ordine, condannando tutto il mondo a dover giocare (con la storia del video) ed essendo noi 8 miliardi (beh, questo prevedendo che prima o poi il video lo vedano tutti), il loro prossimo turno non arriverà mai (a una media di 100 turni al giorno, per passarsi 8 miliardi di persone ci vogliono circa 200 anni) e quindi potranno vivere tranquille. In pratica hanno usato lo stesso metodo di Carter (aumentare i giocatori) solo che lo hanno fatto meglio.
          In realtà c’è un piccolo errore, perché in teoria, dato che la bionda alla fine non ha eseguito l’obbligo, sarebbe dovuta morire prima del passaggio del turno, comunque vabbé, l’idea di coinvolgere tutto il mondo mi è piaciuta troppo.

          Ho visto Better Watch Out. L’idea era carina, ma c’erano scene che mi ha infastidito troppo guardare.

          Mi piace

          • ah ecco,grazie…in effetti,finale geniale.
            l’obbligo della bionda non era solo di trovare e prendere la pistola? il voler suicidarsi non era l’ordine del gioco ma era lei che pensava al padre e voleva emularlo,almeno cosi’ ho capito io…il gioco le ha solo ricordato del padre e tutta la storia etc….sarebbe un buco narrativo troppo assurdo.

            si alcune scene pesanti ma gli horror veri devono averle,non guardare letherface allora xD film con un twist geniale,better watch out….(lei nuova scream queen,ha fatto pure the visit)

            Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...