13 Reasons Why/Telefilm

Recensione | 13 Reasons Why 2×11 “Bryce And Chloe”

Questo episodio è stato davvero difficile da mandare giù.

Innanzitutto, il processo a Bryce è andato esattamente come temevo: l’ha scampata mentendo spudoratamente, e nessuno ha battuto ciglio. Mi turba vedere come tutti lo trattino come un eroe, come tutti siano pronti a proteggerlo a partire dal coach della squadra, e perché? Perché è ricco, è bravo a giocare ed è famoso? Se fosse stato un Mister Qualunque, gli avrebbero riservato lo stesso trattamento o lo avrebbero accusato come merita? Chi lo sa. In ogni caso, sentirlo parlare è una vera sofferenza, soprattutto perché sembrava davvero che lui e Hannah avessero una storia, all’inizio. Come mi suggeriva dreamer183 non c’è niente di male in questo: Bryce è un mostro ma all’epoca non lo sapeva, e potevano sfruttare questa storia per lanciare il messaggio che sì, forse Hannah si era concessa a lui in passato, ma quella volta nell’idromassaggio non voleva, dunque lui non aveva alcun diritto di dare per scontato che lei lo volesse solo perché era già successo. Un no è un no, indipendentemente da quanti sì ci sono stati prima, punto. La smentita finale l’ho accolta con un sospiro di sollievo e un moto di disgusto di fronte alla palese eccitazione del ragazzo al ricordo della violenza compiuta.
Non mi piace che cerchino di farlo passare per il ragazzo turbato e incompreso a causa dell’assenza dei genitori. Non è un’attenuante, e poi quell’ultima scena dimostra chiaramente che la sofferenza gli piace, e questo non è normale. Io sapevo che cosa voleva, dice in tribunale, e questo non fa che dimostrare ancora di più che tipo di persona sia, il tipico ragazzo popolare che crede che tutte le donne vogliano cadere ai suoi piedi. Forse era questo a piacergli di Hannah, il fatto che lei è stata l’unica a non concedersi a lui volontariamente. L’unica ad averlo rifiutato.
Olivia Baker lo vuole morto. Certo, questo è qualcosa di molto pesante da dire, ma non la biasimo. Bryce però per me non deve morire, sarebbe troppo facile, ma deve pagare per il resto della sua vita, soprattutto dopo aver confessato lo stupro a sua madre con quelle parole. Se l’è cavata con uno schiaffo – la scena fa ribollire il sangue, sul serio, non c’è nemmeno un briciolo di rimpianto sul suo volto, ma come fa? – e con un sei la vergogna di questa famiglia e per me è davvero troppo poco. La vergogna di questa famiglia? Io direi piuttosto che è una vergogna per il genere umano.

Se parliamo di Bryce dobbiamo parlare per forza di Chloe. I miei sentimenti per lei oscillano tra il disprezzo e l’ammirazione, e il pendolo proprio non ne vuole sapere di fermarsi. Non mi riferisco (solo) alla testimonianza, perché è naturale che lei non abbia avuto il coraggio di parlare avendo di fronte proprio Bryce – e non prendo in considerazione che l’abbiano pagata per mantenere il segreto – ma anche al fatto delle foto, attraverso le quali ha minato la già debole sicurezza di Jessica. Poi si è fatta perdonare, certo, e sono sicura che abbia capito che razza di mostro abbia al suo fianco, ma il suo gesto è comunque difficile da perdonare. Ai tempi non conosceva tutta la storia, ma era comunque estranea ai fatti, non doveva intromettersi.
Mi dispiace che alla fine la sua testimonianza non abbia fatto altro che peggiorare la situazione dei Baker, ma sarebbe stato troppo facile. Mi chiedo come andranno avanti, se Justin sarà fondamentale o se c’è altro che potrebbe ribaltare la situazione a loro favore.

Un personaggio al quale mi sto affezionando, e non lo credevo possibile, è Alex. E finalmente abbiamo scoperto perché hanno cancellato un mese della sua memoria e soprattutto perché ci hanno girato intorno così a lungo: Alex e Montgomery erano lì, la sera dello stupro. Potevano fermarlo, ma non lo hanno fatto, uno volontariamente e l’altro perché non ne era consapevole. Alex si è lasciato sopraffare dai sensi di colpa e questo lo ha portato lungo la spirale che è culminata col suo tentato suicidio, ma spero che questa volta non si ripeta lo stesso perché in realtà credo che non sia colpa di Alex. Lui non sapeva che quella era Hannah, altrimenti di certo avrebbe fatto qualcosa, non se ne sarebbe rimasto tranquillo a giocare ai videogiochi. Capisco come questo lo abbia turbato, ma ci sono altri modi per reagire e spararsi in testa non è di certo quello giusto.
In ogni caso per favore smettiamola di fare terrorismo a questo ragazzo, non ne posso più di vedergli recapitare lettere minatorie, proiettili, pistole e bersagli.

A proposito di terrorismo, era solo questione di tempo prima che Clay sbroccasse di brutto. La vicinanza con Tyler – che a proposito, ha un vero talento nel mantenere le amicizie – non gli ha fatto bene per niente, visto che nel giro di 30 minuti è passato dallo sparare alle bottiglie al puntarsi una pistola alla testa. Il suo desiderio di vendetta è forte e il processo sta andando tutt’altro che bene, ma ha ragione Justin: non è questo il modo di ottenere giustizia. Possono ancora vincere, nonostante tutto. E capisco la sua rabbia e la sua disperazione, ma uccidere Bryce o uccidere se stesso non lo porterà da nessuna parte, né riporterà in vita Hannah, né tanto meno aiuterà i Baker a vincere il processo. Deve essere forte e avere pazienza.
Però era prevedibile un suo crollo emotivo di qualsiasi tipo, perché in effetti ha sopportato davvero molto. Anche se continuo a storcere il naso, perché gli bastano due parole di Bryce per dubitare di Hannah e intaccare l’opinione che ha di lei. È un po’ esagerato, ecco. La Hannah nella sua testa ha ragione, sostiene di amarla ma alla fine pensa il peggio di lei. La sua fiducia è proprio incrollabile. Forse è per questo che non è riuscito ad andare avanti, perché non si fida di Hannah e crede che lei gli abbia mentito sempre, quando in realtà forse è l’unico ad averla conosciuta davvero.

In ogni caso, l’episodio si conclude con un bel cliffhanger e non vedo l’ora di vedere gli ultimi due episodi. Ci risentiamo presto con la prossima recensione. Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate:

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series | I love telefilm & film ∞

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...