Telefilm

Recensione | 13 Reasons Why 2×10 “Smile, Bitches!”

Se scoprire della storia estiva tra Zach e Hannah era stata una sorpresa, tale sorpresa non è minimamente paragonabile a quella che ho provato quando abbiamo scoperto che Tony e Ryan hanno avuto un flirt. Davvero, due personaggi così diversi non pensavo potessero essere stati una coppia per qualche tempo… ancora stento a crederlo.

Oggi si sono contrapposte due versioni di Hannah: quella dal passato oscuro, che non è vittima di bullismo ma al contrario ne è carnefice, e quella sincera che abbiamo imparato a conoscere, la buona amica che senza pensarci due volte rischia di mettersi nei guai pur di proteggere il suo amico. Quale sarà quella vera?
La risposta è semplice: entrambe. Solo perché è morta e l’abbiamo vista soffrire per tredici episodi, Hannah Baker non era una santa. Commetteva errori come tutti, era umana, e nella vecchia scuola aveva lasciato che l’istinto di sopravvivenza le facesse compiere azioni delle quali non andava fiera. Lo ammette lei stessa: meglio con le ragazze popolari e cattive che contro di loro. Purtroppo è una realtà che tendiamo spesso a ignorare, ma è così, a volte è più facile schierarsi coi più forti piuttosto che con i più deboli. Lo stesso ha fatto Zach, quando ha scelto di mettere da parte i suoi sentimenti a causa dei suoi compagni di squadra, o Justin quando ha lasciato credere a Jessica di essere stato con lei, quando non ha avuto il coraggio di dirle cosa aveva fatto Bryce. Il fatto che abbia fatto questo in passato non rende la sua morte meno giusta.
Anzi, la testimonianza di Tony ci ha mostrato quanto fosse cambiata, quanto avesse capito i suoi errori e avesse cercato di rimediarvi. A dirla tutta, visto quello che poi le è successo, le hanno dato pan per focaccia. Chi di spada ferisce, di spada perisce. Insomma, è stata ripagata con la stessa moneta, e addirittura non è sopravvissuta, al contrario di Sara che, per fortuna, nonostante tutto è riuscita a trovare aiuto e si è ripresa.
Molto bello il gesto di Tony: niente e nessuno restituirà a Sara gli anni di dolore passati a causa di Hannah e le altre ragazze, però… sapere che almeno lei si era pentita potrebbe darle un briciolo di sollievo.

E sempre a proposito di Hannah, la sua versione fantasma è tornata da Clay. Stavano pure per baciarsi, ma ovviamente non può perché Clay alle cose ci arriva dopo, come sempre. La scena mi ricordava molto quella della prima stagione, quando lui invece di andare via resta e le dice quanto la ama e quanto voglia starle accanto, e lei risponde perché non me lo hai detto quando ero viva?
Clay Jensen esempio vivente del non cogliere mai l’attimo.
Stranamente, per una volta nella vita ci ho preso ed era proprio Zach il dispensatore di polaroid. Molti di voi magari c’erano arrivati 8 episodi fa ma che ci posso fare, non ho lo spirito della detective. Sono un codardo, dice. Che sorpresa. Però fa sempre piacere vedere qualcuno che si ribella a Bryce, magari anche altri potrebbero seguire il suo esempio.
Comunque, la scatola delle polaroid è disgustosa quanto Bryce. Trovo orribile quello che quei ragazzi hanno fatto, e meno male che c’è Sheri a esprimere una massima che altrimenti Clay coglierebbe nella stagione 14 del telefilm: non sono le ragazze ad andare a cacciarsi nelle brutte situazioni, sono i ragazzi a renderle tali. Ovviamente non voglio dire che è sempre così, che ci sono casi in cui questo non vale, ma il pensiero di Clay è quello un po’ comune a tutti: non pensa alle cose orribili che hanno fatto quei ragazzi – Bryce stava persino violentando la sua ragazza, che schifo schifo schifo – piuttosto si domanda come mai le ragazze “ci stiano”, come mai si siano cacciate in quella situazione, e sembra quasi che lo facciano volontariamente.
Noi abbiamo visto Sheri immolarsi per trovare il Club House, e abbiamo assistito a come la situazione fosse a un passo dal degenerare. Bryce e i suoi compagni non volevano farle nulla, ma quanto sarebbe stato facile abusare di lei in quel momento? L’hanno fatta fumare e con una scusa loro hanno evitato, ma per fortuna Sheri aveva bene in mente cosa fare e soprattutto sapeva che in quel posto erano già successe cose orribili, quindi era preparata. Se non lo fosse stata e se le avessero offerto altro, in un’occasione magari migliore rispetto a quella, cosa sarebbe successo? Se la sarebbe cavata semplicemente con una foto? Chissà. Il disagio e la tensione della scena, comunque, sono bastati a farci venire i brividi.

Ora comunque sta a Chloe. Forse nel prossimo episodio scopriremo se è più sveglia di quanto immagino o se l’ho giudicata fin troppo bene, vedremo. In ogni caso, mi dispiace davvero tanto per lei.

Ci risentiamo presto con la prossima recensione. Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate:

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series | I love telefilm & film ∞

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...