Telefilm/The Handmaid's Tale

Recensione | The Handmaid’s Tale 2×05 “Seeds” e 2×06 “First Blood”

Sembrava stesse andando tutto a scatafascio per la nostra June. E infatti è così, ragazzi.

Si, il bimbo/a è vivo ed è sano, nonostante nella prima puntata sembrasse che June stesse avendo un aborto spontaneo. Ma lei è sempre nella sua solita vita da prigioniera, Nick si è sposato e quindi ha una moglie di cui prendersi cura e che è sempre in mezzo, Mrs Waterford è sempre odiosa ma deve sopprimere i suoi istinti poichè potrebbe urtare l’armonia di casa e il feto.

Insomma, non è che sia tutto rose e fiori.

Nella prima delle due puntate recensite qui, è dato molto più spazio al mondo esterno, bruciato e ostile, dove la nostra Emily cerca di sopravvivere ed ora ha un’alleata in più: Janine, che non perde mai il sorriso e vive nel suo mondo dei sogni a causa di tutti i traumi che ha subito.

Vediamo inoltre molto il rapporto di amore/odio tra June e Serena, che viene mostrato nella prima puntata e più approfondito nella seconda.

Il primo episodio è molto lento poiché i dialoghi sono pochi e frammentari, ed è retto interamente dallo sguardo di June, che nasconde il suo segreto sanguinoso. Non sappiamo se lei spero di avere un aborto spontaneo, non mettendo al mondo suo figlio in un luogo tanto crudele e scellerato, oppure è preoccupata da questa situazione ma è troppo schiacciata per parlare.

La seconda puntata è più dinamica e approfondiamo nuovi personaggi.

La nuova mogliettina di Nick è una creatura fragile, travolta dagli eventi, che cerca di fare del suo meglio, quello che le hanno insegnato. Sembra molto una situazione medievale, dove i matrimoni erano combinati e le giovani donne non avevano alcun libero arbitrio nella vita matrimoniale, ma facevano quello che ci si aspettava da loro.

Molto d’impatto la sua conversazione con June, che cerca di essere carina con lei perchè capisce che è figlia del suo tempo e le sue credenze sono pregiudicate da tutto quella che le ha inculcato la società di Gilead, ma quando menziona la possibilità che Nick sia gay, chiamandolo ‘traditore del genere’, con disgusto, si vede che June fa fatica a reprimere un pugno in faccia. Tutte le sue emozioni sono espresse come sempre perfettamente nel suo viso e nelle sue espressioni.

Nick ad un certo punto si dichiara a June e le dice che la ama. ‘Amore’ non è una parola che si sente spesso in questo telefilm. Non c’è tempo per lasciarsi travolgere dalle emozioni, sono tutti egoisti, cinici, cercano di fare il loro dovere e di sopravvivere. Ma Nick è disposto a rischiare la vita per June. Dentro di lei, sicuramente è combattuta tra quello che prova per Nick e per il marito della sua vita precedente, però sa che se non vuole perderlo, entrambi devono continuare a giocare il gioco perverso di Gilead.

In questa puntata scopriamo più informazioni sul passato di Serena Joy. Probabilmente è stata resa sterile dal colpo di proiettile sparatole mentre faceva il tour per promuovere il suo libro. Io sono contro ogni violenza, e posso immaginare che dolore sia stato per lei vederle privata la possibilità di realizzare tutto ciò in cui crede, ma ciò non la rende meno stronza di quello che realmente è.

D’impatto anche la scena del pranzo con le amiche, la fiera della falsità. Mrs Waterford si aspetta che parlino del più e del meno, nonostante condividano tutte lo stesso destino di essere trattate come mucche prigioniere da vendere alle famiglie in modo che sfornino vitelli e stano pure zitte.

Ma prima o poi si ribellano. Prima silenziosamente, come June e Emily. E poi sempre più forti, fino ad arrivare all’ultima scena di questo episodio. Non vedo l’ora di vedere la prossima puntata.

Trama9/10

Regia: 9/10

Lacrimometro/Divertometro9/10

Nota di merito: la dichiarazione d’amore di Nick

Overall: 9/10

Sylvie

 

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.

  Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie Tv News | I love telefilm & film ∞ The Handmaid’s Tale Italia

Annunci

2 thoughts on “Recensione | The Handmaid’s Tale 2×05 “Seeds” e 2×06 “First Blood”

  1. Sylvie, che sito usi per guardare la serie? normalmente in Australia uso SBS on demand ma ora sono in vacanza in italia e non funziona!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...