13 Reasons Why/Telefilm

Recensione | 13 Reasons Why 2×02 “Two Girls Kissing”

La verità ti può liberare.

Se l’episodio della prima stagione dedicato a Courtney ci aveva insegnato che i ragazzi sono pronti a tutto pur di proteggere i propri segreti, stavolta abbiamo assistito a un passo indietro della ragazza, che ha preferito essere sincera e dire la verità. Se l’anno scorso l’abbiamo vista gettare Hannah in pasto ai pettegolezzi e ai commenti dei loro compagni pur di proteggere se stessa, questa volta non è riuscita a continuare su questa scia e, schiacciata dai sensi di colpa, ha raccontato tutta la verità.

Una verità che noi stessi conoscevamo parzialmente. Ci eravamo lasciati con Hannah che dopo il bacio con la ragazza aveva scovato Tyler davanti alla sua camera, che aveva più volte cercato di riavvicinare l’amica ottenendo soltanto umiliazione e rifiuto da parte sua, e invece scopriamo che Courtney sapeva quanto Hannah si fosse comportata in maniera irreprensibile con lei. Forse è stata proprio la sua gentilezza e la sua amicizia dimostrata in un momento così delicato, a convincerla definitivamente che era il momento di uscire allo scoperto.
Come sempre, l’avvocato difensore della scuola continua a cercare di gettare fango sulla memoria di questa ragazza, oggi ancora più immeritatamente di ieri, facendo leva su qualcosa che non sarebbe assolutamente da criticare. Hannah forse era lesbica, le piacevi, ha messo in giro quelle voci per fare cadere i sospetti su di te, era lei la vera bulla. Ancora una volta la loro tecnica prevede fare passare la vittima per carnefice, ma se prima i ragazzi non avrebbero esitato a usare Hannah come scudo pur di proteggere la loro reputazione, qualcosa è cambiato e adesso già due hanno cambiato le carte in tavola e hanno reso giustizia alla ragazza.
Con un po’ di ritardo, Courtney ha accettato l’amicizia di Hannah e l’ha difesa. Anzi, no, ha semplicemente rivelato come stavano le cose, come lei avesse una cotta per Hannah e come lei l’abbia trattata con affetto, rispettando i suoi sentimenti pur non contraccambiandoli. Grazie a lei, tutti sanno che in generale nessuno merita di passare quello che ha passato Hannah, men che meno lei, che non le aveva fatto alcun male.

Il tempo scorre ma sono tutti fermi. Clay è sull’orlo di una crisi di nervi, non riesce a godersi la sua relazione con Skye perché continua effettivamente a pensare ad Hannah, e naturalmente la sua ragazza non ci sta. Lui non dovrebbe tenerla fuori in questo modo, le conseguenze – come abbiamo visto a fine episodio – possono essere disastrose, ma non capisce che il suo estremo tentativo di andare avanti e dimenticare non fa altro che tenerlo ancora più ancorato al presente. Clay non può andare avanti, non dopo aver smosso mari e monti per dare giustizia alla sua amica, non può mollare la lotta solo perché nessuno lo ha citato per apparire in tribunale, e lo sa. Hannah è la sua coscienza, che gli ricorda che il suo compito non è ancora finito, ma non è facile accettarlo per lui, non dopo tutto quello che si è verificato e che si sta verificando – il tentato suicidio di Alex, le minacce a Jessica e quello che è successo a Tyler dopo aver testimoniato potrebbero causargli dei sensi di colpa. Ma non si può fermare, non si può mettere da parte, perché se la sua colpa secondo Hannah era quella di non averla amata fino in fondo, tirarsi indietro adesso sarebbe un’offesa alla sua memoria. Non puoi cercare di fare giustizia e poi fare finta di nulla quando le cose si fanno serie.

E a proposito di Jessica… che sia Bryce a minacciarla? Ogni volta che lo vediamo in scena, provo un moto di orrore e disgusto, soprattutto ora che siamo venuti a sapere che persino lui è riuscito a rigirare la storia della violenza, facendolo apparire come una vittima mentre Jessica è colei che si è “pentita” di aver tradito Justin e che adesso cerca di riguadagnare la sua dignità. Davvero, non vedo l’ora di assistere al processo di Jessica, fremo dalla voglia di vedere se mi deluderà o se finalmente dimostrerà di aver aperto gli occhi e si deciderà a farsi valere. Non sarà una battaglia facile, non lo è mai in questi caso, ancor più per una ragazza che ha cercato di negare con tutta se stessa di aver subito una violenza e poi, quasi per caso, ha scoperto la verità e ha tentato di andare avanti come se nulla fosse quando in realtà sente dentro di sé che non è così, che facendolo non solo non rispetta la sua anima e il suo corpo, ma nemmeno quello delle altre potenziali vittime di Bryce.

Mi ha molto colpita la scena in cui Alex vede le sue foto dopo aver tentato il suicidio – foto che non ci vengono mostrate, probabilmente perché a volte la nostra immaginazione può essere più cruda e d’impatto della realtà e va bene così – e si domanda perché mi sono fatto questo?, e Tyler risponde te lo hanno fatto tutti gli altri. Alex non ricorda e non capisce, e ancora mi chiedo come mai gli abbiano fatto rimuovere un mese dei suoi ricordi, e soprattutto se adesso dovesse riascoltare in qualche modo le cassette di Hannah che impatto avranno su di lui questa volta. Forse viaggio troppo con la fantasia e le speranze, ma Alex è quello che durante la prima stagione ha mostrato quasi sin da subito rimorso per quello che è successo ad Hannah, e magari stavolta avrà un ruolo cardine durante il processo. Se verrà citato, ovviamente.

Infine c’è sempre lei, Olivia Baker, che ogni giorno impara qualcosa di nuovo su sua figlia e ogni giorno capisce che non è solo colpa della scuola e dei bulli se Hannah si è suicidata, ma forse è anche un po’ colpa sua perché sua figlia ha tentato di spiegarle il suo disagio, ma lei – come qualunque madre, non dico che sia da linciare per questo – ha minimizzato la paranoia della ragazza rassicurandola con poche e semplici parole.
Ed è così che ci stanno mostrando come qualsiasi gesto estremo non arriva mai a sorpresa. Non sempre chi soffre di disturbi – che sia ansia, dolore, un cuore spezzato – palesa il suo disagio, altrimenti sarebbe facile riconoscerlo e aiutare a superarlo, ma è altrettanto vero che i segnali ci sono sempre, e col senno di poi è facile coglierli… solo che ormai è troppo tardi per rimediare.

Ci risentiamo presto con la prossima recensione. Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate:

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series | I love telefilm & film ∞

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...