Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 6×22 “The Ties That Bind” – 6×23 “Life Sentence” SEASON FINALE

Buon venerdì (eh sì, alla fine ci sono riuscita a scrivere la recensione il giorno giusto)!
Siamo arrivati alla fine di questa lunga e travagliata stagione. È quel tipo di anno in cui mi fa disperare il fatto che gli autori siano obbligati a dilatare la storia che hanno in mente in ventitre episodi anziché concentrarla nella metà o poco di più, probabilmente in quel caso sarebbe stata più sopportabile (finale a parte, quello è ingiusto e basta). Speriamo in una settima stagione migliore (per fortuna non è un matrimonio o dovremmo preoccuparci anche della crisi del settimo anno).

Le scuse, altrimenti dette “gli addii”

Ma che bello vedere Oliver scusarsi del suo comportamento e quasi implorare gli idioti di avere ancora fiducia in lui. Sapevo che saremo arrivati a questo, che avrei dovuto vedere Oliver umiliarsi per gli Inutili. Tutto ciò mi fa rabbia, così come mi fa rabbia che queste liti e separazioni e IDIOZIE che ho dovuto sopportare per mesi si siano risolte con Oliver dalla parte del torto e l’unico che abbia dovuto pagare per gli errori degli altri.
Tra l’altro, nell’ultimo episodio sembrava anche che gli Idioti (a parte Curtis, che serve sempre meno a qualcosa) avessero ricollegato il cervello. Dinah e Rene sembrano essersi resi conto che Oliver non è il male in terra e che ha fatto anche qualcosa di buono per loro (meglio tardi che mai? ANCHE NO!). Diggle, invece, finalmente riconosce che di Green Arrow ce ne può essere uno solo e che è stato Oliver a creare il personaggio e quello che rappresenta, non è possibile scopiazzare il format… peccato solo che alla fine abbia adocchiato con cupidigia il costume nell’ultima scena. Che cosa indosserà la prossima stagione? Staremo a vedere, o meglio “attento a te”.

Pffff… seh, vabbé

A parte questo, a parte il disgusto che mi veniva a rivedere i tre team uniti, gli episodi sono stati emozionanti. Anatoly ha aiutato molto il team ed è pure riuscito a sopravvivere alla stagione, non ci avrei contato troppo.

Ilaria e le “speranze” disilluse

A inizio 6×22: Chissà, magari il nemico della prossima stagione sarà il Quadrant, mi sa di già visto, però vabbé.
[…]
A fine 6×22: Ormai più che un “quadrante” è una riga. O un punto.

Diaz ci ha scocciato per un intero episodio ultra noioso su come volesse entrare a far parte del Quadrant, poter usufruire delle loro risorse, e ce lo hanno fatto passare come una super organizzazione.
Meno male, perché altrimenti immagino che sarebbero durati due secondi anziché quattro. Sono caduti come mosche. Ne è rimasto vivo solo uno che tremava come una foglia. Dove andremo a finire? Non ci sono più le organizzazioni criminali di una volta.

Diaz

C’è stata molta azione e tutti hanno avuto spazio, ma sono contenta che lo scontro finale sia stato con Oliver, peccato solo per la presenza di Black Siren che ha rovinato tutto. Seriamente, un’altra stagione con Diaz come cattivo principale non la reggo, già è stata una sofferenza questa, settimana dopo settimana, lui e il suo stupido accento.
In realtà, non penso sul serio scriveranno un’altra stagione con lui come Big Bad, ma ricomparirà, probabilmente per un breve arco di qualche episodio. E Speriamo che sia la volta buona che qualcuno lo metta a tacere per sempre (mi offro volontaria!).

Quentin

Bla-bla, non è riuscito a salvare Laurel, bla-bla, contrappasso, bla-bla, si sacrifica per Black Siren. Puah.
Povero Quentin, che razza di storyline ti è capitata per il tuo ultimo anno.
Nonostante l’inizio burrascoso, nel corso degli anni Quentin aveva instaurato dei bellissimi rapporti con Thea (quanto mi manca!!) e Oliver, che ormai lo consideravano un secondo padre. Ma la verità è che non gli abbiamo sempre voluto bene, a volte ha avuto delle storie stupide o ripetitive (vedi il fargli fuori le figlie a turno e farne ritornare una in vita) e abbiamo pensato che avremmo voluto vedere altro.
Quest’anno, per esempio, quanto è stato pesante sentirgli dire continuamente che Black Siren era Laurel, quasi come se le stesse confondendo? È stata una brutta stagione un po’ per tutti, Quentin compreso, al quale però è andata meglio che ad altri (leggesi “il team dei Cretini”), perché almeno le sue belle scene con Oliver hanno bilanciato la situazione.
Avrei voluto che Quentin se ne andasse? No, mai. Ha avuto i suoi momenti storti (Quentin, Black Siren non è tua figlia! Ed è pure cretina visto che ha lasciato scappare Diaz!), ma resta una grande perdita per lo show.
Vorrei solo che se ne fosse andato sacrificandosi per Oliver o Thea, piuttosto che per una che fa più danni che altro, una che li tradiva di continuo fino a poche settimane fa.
[E i “daddy, daddy” di Black Siren quando sparano a Quentin? Oliver ha più diritto di te di chiamarlo papà, cretina! Ti prendesse un mal di gola!]

 

Il finale più ingiusto di sempre

Quando Oliver è andato a trovare Salamandra Samandra Watson, io per un minuto buono non riuscivo a ricordarmi chi fosse, poi ha aperto bocca e ho capito che il nostro eroe stava per vendere l’anima al diavolo.
Sul momento, ho pensato che c’erano migliaia di persone che avrei chiamato prima di Quella, ma la verità è che non è una scelta poi così sbagliata, anche se poi Oliver si è auto-condannato all’ergastolo. D’altronde, Salamandra lavorava per la parte “giusta”, non era corrotta e aveva le conoscenze giuste per aiutare Oliver a mettere a tacere per sempre Diaz (più o meno). Peccato solo non si sia mossa da sola, di solito uno dovrebbe agire per il bene di una città, non solo perché muori dalla voglia di mettere dietro le sbarre uno che sta provando a salvarla.
Bel lavoro, serpente a sonagli. 
Lo ammetto, non pensavo che gli autori avessero il coraggio di far confessare l’identità “segreta” di Oliver in diretta televisiva. Sappiamo bene che il segreto di Oliver è un po’ come quello di Pulcinella, però che ufficialmente lo sappiano tutti è un’altra storia. Mi chiedo che conseguenze avrà. Sicuramente Oliver passerà alcuni episodi in prigione, se non addirittura tutta la prima metà della settima (speriamo di no), penso che vogliano creare qualche “avventura dietro le sbarre”, già il fatto che lo odino tutti i carcerati è un indizio, ma prima o poi uscirà e lo show si chiama Arrow, non “Oliver e i problemi a trovare lavoro con la fedina penale sporca”.

A parte questo, non sapete la rabbia che provo in questo momento per il fatto che si sia sacrificato per salvare tutti. Passino ovviamente Felicity e William, ma gli altri? Meritate di vivere tranquilli la vostra vita mentre quello che si è preso tutti i torti quest’anno, che ne ha subite di tutti i colori, marcisce in prigione per la vita e rischia ogni giorno una rappresaglia durante l’ora d’aria? No! Non lo meritate affatto, traditori! Oliver si sarà anche scusato, ma io non dimentico!

Straziante la separazione di Oliver da Felicity e William. Il figlio di Oliver è sicuro che farà un sacco di terapia da adulto con tutti questi traumi, perde un genitore a stagione. Ragazzino, fai una viaggetto a Lourdes, magari.

Varie ed eventuali: 

– Curtis che perde la testa perché hanno fatto male al suo fidanzatino e a momenti si fa ammazzare. Esattamente come Dinah qualche episodio fa. Evidentemente la stupidità è contagiosa. Peccato solo che Diaz non sia riuscito nel suo intento.

– Onestamente, ho trovato tutto il discorso della 6×22 di Oliver sul preoccuparsi per Felicity abbastanza pedante. Sono sei anni che è nel team e sono sei anni in cui è più facile entrare nel covo che a casa propria, quindi è una cosa che mi ha lasciato abbastanza fredda. Al contrario, le scene del salvataggio sono state molto belle.

– Quanto è stupida la scena iniziale del season finale in cui Oliver dice “non sono da solo” e poi la telecamera si gira e si vedono comparire alle sue spalle Diggle (che non è esattamente trasparente) e Dinah? Volete farmi credere che il poliziotto corrotto non li ha visti? Oliver è un armadio, ma non così tanto.

– Sono una brutta persona, ma onestamente ho sperato che le bombe esplodessero e Salamandra e Rene ci rimanessero secchi. Sì, pure dopo aver ascoltato la telefonata strappalacrime di Rene. Sapete dove mi sono commossa? All’ultima conversazione di Quentin e Oliver.

Grazie di essere arrivati fino a qui. Di solito, vi do appuntamento a ottobre, ma chissà, c’è la possibilità che decida di appendere le recensioni di Arrow al chiodo e ritornare a guardarlo da semplice spettatrice. Vedremo!
Intanto, godetevi la pausa e spero che la stagione vi sia piaciuta di più che a me.

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.
E non dimenticate che ParolePelate ha sempre bisogno di nuovo staff, se volete proporvi, contattateci!

Ringraziamo: My name is Oliver Queenϟ Arrow Italy | Arrow • Oliver & Felicity • | Felicity, you αre remαrkαble. | Arrow Source Italia | Arrow e The Flash | Arrow & The Flash Italia | Miss Felicity Smoak : Our lovely Emily Bett | Oliver Queen « Arrow « | I believe in you • Olicity • | Arrow & The Flash |Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Serie Tv, che passione  | Film & Serie TV | Diario di una tv series addicted | Serie Tv News | ❤ Telefilm / Fiction ❤ | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series | I love telefilm & film ∞

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Arrow 6×22 “The Ties That Bind” – 6×23 “Life Sentence” SEASON FINALE

  1. Quoto tutto quello che hai detto.
    Dal fatto che é sempre Oliver a scusarsi e sacrificarsi per tutti, sull’accento orribile di sto villain; che dovremmo soppotarlo ancora nonostante sia il cattivo più debole e senza trama di sempre, la story-line di Laurel, che ha cambiato più sponde, che mariti Liz Taylor, l’inutilità di Curtis in questa stagione e pensare che nella quarta stagione era il personaggio che mi piaceva di più.(P.S. cioè Curtis viene accoltellato da Diaz nemmeno un episodio fa, sta meglio di prima e invece Lance viene sparato, dicono che abbia buone possibilità di salvarsi e poi muore, certo sapevo già che sarebbe stata l’ultima stagione di Blackthorne, però così mi ha dato parecchio fastidio).

    Piace a 1 persona

    • Grazie del commento!
      Io nemmeno la chiamo Laurel Black Siren, non è Laurel per me, è semplicemente una cattiva che doveva rimanere tale, non cambiare idea ogni due minuti. E ora, senza Quentin, ha in un certo senso perso il filo che la connetteva al resto del gruppo, quindi mi chiedevo cosa le faranno fare nella settima stagione (cambiare Terra non sarebbe male).
      Hai ragione. Curtis conta per me talmente tanto che l’avevo rimosso, ma sì, effettivamente Diaz l’ha ferito gravemente giusto una settimana prima, però era già pronto a tornare a combattere. Totalmente assurdo, visto che poi Quentin è morto e secondo i medici non era così grave (tra l’altro, avrei preferito che ci dicessero subito che non c’era speranza, ma immagino che fosse per riuscire a infilarci l’addio con Oliver senza che Quentin paresse troppo in fin di vita).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...