Rubriche/Sapevatelo/Telefilm

Sapevatelo | Mozart in the Jungle

“Nothing matters when you like music, right?
But when you’re talented you have to sacrifice everything for the music. You’re expected to sacrifice everything for the music.” 

[“Niente conta quando ami la musica, vero? Ma quando hai talento tu devi sacrificare tutto per la musica. Si pretende che tu sacrifichi tutto per la musica.”]

Mozart in the Jungle è la trasposizione sul piccolo schermo dell’omonimo romanzo Mozart In The Jungle: Sex, Drugs & Classical Music di Blair Tindall.

Sex, drugs & rock’n roll era troppo mainstream.

Nel 2016 Mozart in the Jungle ha vinto il Golden Globe come Miglior serie commedia o musicale, inoltre, lo stesso anno Gael García Bernal ha vinto il Golden Globe come Miglior attore protagonista in una serie commedia o musicale.

Sullo sfondo della “giungla” newyorkese la storia si focalizza su una giovane oboista, Hailey (Lola Kirke), che viene trascinata nell’universo della Filarmonica di New York, portandosi dietro anche noi. Guarda caso in questo universo sta avvenendo un cambiamento radicale: lo storico direttore Thomas (Malcolm McDowell) viene sostituito dopo una lunga carriera e al suo posto, con l’obiettivo di risollevare l’orchestra, Gloria (Bernadette Peters), direttrice del teatro, ingaggia l’uomo del momento, ossia l’eccentrico, talentuoso, ma soprattutto giovane maestro Rodrigo (Gael García Bernal), liberamente ispirato al venezuelano Gustavo Dudamel.

Vincente l’interpretazione di Gael García Bernal nel dar vita al carattere così sopra le righe del personaggio senza cadere nell’antipatia o nell’arroganza. Il resto del cast non è da meno e rivela un affiatamento sorprendente sin dai pochi (sì, pochissimi) 30 minuti del pilot. Ma non c’è da temere: le stagioni sono ben 4 da dieci episodi ognuna e non è un caso che Amazon rilasci le puntate tutte insieme perché da una serie così, una volta iniziata, è difficile non lasciarsi trasportare fino alla fine.

Mozart in the Jungle è una straordinaria introduzione nel mondo della musica classica, che riesce a far appassionare anche chi è completamente avulso (me, in primis), caratterizzando non solo una colonna sonora e un’ambientazione, ma un’atmosfera, vera e propria, che si riesce quasi a respirare. C’è poco altro da dire se non che è bello, da vedere e da ascoltare. E, se vogliamo concederci una piccola licenza poetica: da vivere.

N.B. consiglio spassionato per chi deciderà di iniziare Mozart in the Jungle: è una serie da guardare assolutamente in lingua originale. Anche solo per il modo in cui Gael pronuncia Hailey.

Ricordate di mettere mi piace alla nostra pagina Parole Pelate.

Ringraziamo: Citazioni film e libri | I Love Film and Telefilm | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | Because i love films and Tv series

Annunci

One thought on “Sapevatelo | Mozart in the Jungle

  1. Pingback: Recap | Mozart in the Jungle – Dalla 1 alla 3 Stagione | parolepelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...