How To Get Away With Murder/Recap/Telefilm

Recap | How To Get Away With Murder

Ciao a tutti voi lettori pelati e ben ritrovati! Lo so, è passato troppo tempo dalla mia ultima recensione di How to get away with Murder, ma sfortunatamente sono stato occupatissimo con l’università e la maledetta sessione. Ma ora sono tornato e sono pronto a recensire per voi e con voi questa seconda parte della quarta stagione dello show targato Shondaland. Ho deciso di fare un Recap degli episodi andati in onda fino ad adesso, ovvero dal numero 9 alla puntata numero 12.

Inizio subito dicendo che questa seconda parte è iniziata in una maniera molto, forse troppo, prevedibile. Di cosa parlo? Per cominciare l’hard disk che aveva causato così tanti problemi è ovviamente sparito. E chi se lo sarebbe mai aspettato… Poi il bambino di Laurel viene preso dal padre di quest’ultima, che attraverso le sue varie conoscenze riesce praticamente a “rapire” il neonato in maniera legale. Non ci aspettavamo neanche questa vero?

Ecco, decisamente delle svolte narrative un po’ troppo telefonate, e ciò è un problema per uno show come questo che si basa quasi totalmente sui continui colpi di scena. Forse un pochino meno prevedibile era il fatto che Simon fosse ancora in vita. E qui si apre un’altra parentesi. Dopo che nel finale della prima parte avevamo assistito ad una delle morti più stupide mai viste in una serie televisiva, proprio quella dell’odiato Simon, ora questo personaggio è ancora in vita dopo essersi sparato accidentalmente in testa. Direi che è decisamente surreale, anche perché, nonostante io non sia uno statista e non mi intendo di medicina, credo che il tasso di sopravvivenza dopo che un proiettile ti ha attraversato la testa sia decisamente basso. Ma allora perché usare un espediente narrativo del genere che mette sullo stesso livello questa serie e Beautiful? Ne riparleremo tra poco, perché forse c’è un motivo.

Infine, il nono episodio si conclude con l’astutissimo Frank che preso dalla rabbia uccide Dominick. Io già detesto con tutto il cuore il suo personaggio e trovo che la sua linea narrativa poteva anche terminare qualche stagione fa, anche perché il suo apporto alla trama è praticamente inesistente se non fosse per il fatto che commette queste stupidaggini, per non usare altri termini, che poi mandano in vacca tutto quanto. Io capisco che in un momento del genere, ovvero un rapimento/interrogatorio/tortura, si posso essere presi dalla rabbia e da un istinto omicida (sarcasm lvl. 999) ma pure voi che ancora non avete ancora fatto rinchiudere questo psicopatico siete dei mentecatti. Frank uccide uno dei pochi testimoni utili e che fa però? Gli ruba il cellulare. Mi sa che Frank non ha mai visto Pretty Little Liars. E con questo chiudo, perché sennò diventerei volgare.

La decima è stata addirittura peggio, pensate che la sua visione mi ha portato a pensare “ora spengo e non voglio più rivederli”. Sugli appunti che prendo ogni volta che guardo una puntata che devo recensire ho scritto “noiosissima, solo drammi”e forse è proprio per questo che non mi ricordo niente di quella puntata se non che alla fine viene citata la “famosa” (oddio, io pensavo fosse morta) madre di Laurel, di cui ormai conosciamo tutta la famiglia, forse manca solo il giardiniere e la cameriera. No, non detesto Laurel, solo che trovo il suo personaggio troppo stereotipato. Come direbbe Miranda Priestley, “groundbreaking“. Penso che comunque una puntata così noiosa di HTGAWM non l’ho mai vista. Quindi sorvoliamo e passiamo oltre.

Nella undicesima puntata vengono riaperte vecchie ferite, infatti la morte di Wes irrompe nuovamente nelle vite dei protagonisti. Sembra che la sua morte in realtà non fosse opera del padre di Laurel, ma che forse sia coinvolta anche la madre francese della bella messicana (che praticamente è un #mainagioia vivente). La donna, che davanti la figlia fa finta di non aver mai conosciuto il fidanzato morto della figlia, viene smascherata da nientepopòdimeno che… Frank, il quale finalmente fa qualcosa di utile e scopre che la donna sta mentendo, anche se mantiene il segreto e decide di non rivelarlo all’amata Laurel. La puntata si concentra molto anche su Nate e viene portato alla luce il passato del padre, assassino/spacciatore, che viene scelto come nuovo caso di facciata da Annalise per la sua class action, ciò serve anche a riavvicinare i due. Ma a qualcuno, sinceramente, piacciono Nate ed Annalise insieme? No, perché a me per niente. Lui è di una noia assurda ed è noiosa anche la storia di lui e del padre che ovviamente però dovremo sorbirci per le successive puntate perché l’attore di Nate ha firmato un contratto e quindi la sua faccia monoespressiva ed i suoi muscoli guizzanti (che a me fanno anche impressione devo dire) torneranno a comparire sui nostri schermi.

Intanto l’udienza per l’affidamento del piccolo di Laurel, dopo un’iniziale svolta positiva, che avviene grazie alla madre della ragazza la quale testimonia a suo favore e contro il padre, si conclude disastrosamente, visto che Annalise ha scelto Isaac come psichiatra, per far rilasciare Laurel dall’ospedale e quindi viene chiamato a testimoniare proprio dalla Keating sullo stato della giovane. Ed ovviamente il suo passato da tossicodipendente e la strana morte della figlia, la quale si è suicidata prendendo delle droghe del padre, vengono portate alla luce ed Isaac viene accusato di aver preso parte alla morte della figlia, e per questo la sua testimonianza non può più essere ritenuta valida in aula. Baby Wes rimane quindi nelle grinfie del padre di Laurel.

Ma è nell’episodio 12 che vediamo i frutti portati dal nuovo (o vecchio) caso intentato contro Isaac. L’uomo, distrutto dall’accusa, ricade nello spirale della droga, che compra ad un furgoncino che vende panini (WTF?), e proprio per questo motivo la relazione che ha intrecciato con Annalise va a rompersi. Io personalmente non li ho mai visti bene insieme, troppi problemi da ambo le parti, e nessuno dei due aiutava veramente l’altro a migliorarsi, anzi.

Intanto la Class Action intentata da Annalise viene rubata dalla Corte Suprema (non chiedetemi come ciò sia potuto accadere perché non ne ho idea) ma grazie ad un’idea di Michaela, la Keating entrerà in contatto con colei che si occupa dei casi della Corte Suprema, o almeno io ho capito così, Olivia Pope. Io non seguo Scandal, ho provato a guardare il pilot e mi ha annoiato mortalmente, quindi la mia enfasi nei confronti di questo cross-over è letteralmente sotto zero. Sinceramente non capisco come Michaela possa conoscere una del calibro della Pope, o forse ne ha sentito solo parlare, ma comunque resta il fatto che come cosa mi è sembrata molto forzata, ma va bene così.

Ora, veniamo ai miei pensieri finali. Come avrete capito leggendo l’articolo questi episodi di HTGAWM non mi sono piaciuti molto, li ho trovati lenti, noiosi, mancano di quel mordente che aveva caratterizzato la serie almeno nelle prime due stagioni. Non dico che siano state puntate brutte, ma il fatto di dover continuare ancora questa manfrina dell’uccisione di Wes la dice lunga. Ma anche la mancanza di casi di puntata ormai si fa sentire, perché erano proprio grazie a questi casi che Viola Davis riusciva a mostrare la sua bravura, ogni volta reinventandosi e mostrando un lato sempre diverso della Professoressa Keating, ma sfortunatamente ormai il personaggio di Annalise mi sembra fermo, bloccato tra i millemila drammi che ha vissuto. Spero vivamente che ciò cambi anche perché era proprio lei che mandava avanti il tutto. Anche gli altri protagonisti ormai continuano a ripetere le stesse azioni, Frank sbaglia e mente, Bonnie fa il doppiogioco a favore di Annalise, Michaela è sempre agitata, Asher fa il tontolone cucciolone, Laurel fa la ragazza tosta ma con una valanga di problemi, Connor finalmente si decide ad accettare la proposta di Ollie, il quale però continua una sua personale espiazione/tortura verso Simon, creando campagne crowdfunding e visitandolo in ospedale. Forse è proprio per mettere nuovamente il bastone tra le due ruote di un happy ending Coliver che gli autori hanno fatto sopravvivere Simon, e se fosse così, anche basta, cioè ma sti due ce la faranno mai a stare bene insieme senza complicazioni o no?

Concludo dicendo che per adesso questa stagione è sul filo della sufficienza, ma continuo a sperare che con i prossimi episodi potrò ricredermi.

Per adesso è tutto cari lettori, noi ci sentiamo alla prossima recensione e vi lascio con il trailer del prossimo episodio, quello dell’atteso cross-over con Scandal e vi invito a mettere mi piace alla pagina FB di Parole Pelate, se non lo avete ancora fatto, e a passare dalle nostre pagine affiliate! Siamo anche su Instagram comunque, seguiteci anche lì se non volete perdervi neanche una recensione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ringraziamo: How to get away with Murder Italia Conrad Ricamora Fans. | Jack Falahee Daily. | » Stunning Aja Naomi King | • Coliver Shippers • | Passione Shondaland | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Serie Tv, che passione  | Film & Serie TV | Diario di una tv series addicted | Serie Tv News | Crazy Stupid Series | ❤ Telefilm / Fiction ❤ | Keep calm and watch series | And. Yes, I love telefilms and films ∞

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...