Outlander/Telefilm

Recensione | Outlander 3×10 “Heaven and Earth”

Outlanders, inizia a stancarmi questo eterno tira e molla e non poterci godere Claire e Jamie insieme per più di 2-3 episodi. Sarà tutto utile alla trama, le puntate singole saranno piacevoli e interessanti… ma la mia insoddisfazione iniziale per questa terza stagione inizia a ripresentarsi sempre più prepotente.

Ma tornando alla 3×10, i veri protagonisti di questo episodio sono i personaggi secondari presenti sia sull’Artemis sia sulla Focena.

(quando in una separazione si dice all’ex che da questo momento in poi mi vedrai solo col binocolo XD)

Sull’imbarcazione inglese Claire stringe amicizia con Elias, un ragazzo molto giovane, che l’aiuterà mentre cura i malati. Si scoprirà anche che tra l’equipaggio c’è l’agente di Sir Percival, che aveva scoperto le attività sovversive di Jamie ad Edimburgo ed ora ha raccontato tutto al Capitano inglese. Nel frattempo Jamie viene messo in cella dal Capitano dell’Artemis, perché ha scoperto che questi ha preso accordi con il Capitano inglese e chiede aiuto a Fergus. Entrambi i coniugi alla fine riescono a trovare una via di fuga chi grazie all’aiuto di Fergus e Marsali e chi grazie alla signora delle capre.

Conclusioni:

  • Jamie e Claire, perennemente alla ricerca l’uno dell’altra: nonostante il primo si sia visto poco, in un paio di dialoghi ha dominato la scena. Abbagliato dalla rabbia per esser stato preso in giro dal capitano dell’Artemis e aver scambiato la vita di sua moglie e l’amore per quest’ultima (mista alla possibile ri-perdita), Jamie si cimenta in quei suoi tipici discorsi da sciogli budella con un “smuoveresti mari e monti per la tua donna“. Certo, c’è anche la sana paura che una donna sia in mezzo a 300 uomini e Dio solo sa cosa potrebbero fare, ma a prescindere dalla paura di perderla di nuovo c’è proprio quella di perderla e basta. Nonostante sarà Fergus, appoggiato da Marsali-iononvedoloradicalartilebrache a farlo ragionare non possiamo fare a meno di amare questo Jamie spaventato, possessivo, innamorato, che forse non scalpita più come una volta, ma inforca i suoi occhiali da sexy highlander e sfoglia nostalgico le fotografie di Claire e Brianna, complottando con Fergus. Dal canto suo Claire invece di trovare una soluzione buonista che possa far arrivare tutti, nessuno escluso, sani e salvi in Giamaica, decide di correre immediatamente dal marito per avvertirlo del pericolo e dopo aver impugnato uno dei suoi arnesi da dottore più taglienti, si getta in mare aperto invocando o imprecando il povero Roosvelt. Meno controllata del solito e più disposta a farsi trascinare dalle emozioni o dalla corrente a seconda delle necessità.

  • Capre, monchi e Dio (Elias): Come detto nel mio incipit i protagonisti sono altri. Fergus ha perso quell’arroganza tipica degli adolescenti o dei bambini dispettosi. Per amore? Chissà, sicuramente ha usato la testa, ha capito che il piano di Jamie non era praticabile e sarebbe stato un suicidio soprattutto per la sua donna. Alla fine anche lui ha smosso qualcosa. Carinissimi insieme, nonostante Marsali proprio non mi stia simpatica, probabilmente per la somiglianza fisica con sua madre LaoCosa, sicuramente è al momento la buona controparte di Fergus. Forse lei prima di tutti aveva capito che le parole di Daddy non stavano nè in cielo nè in terra. Sarà a questo che si riferiva il titolo della 3×10? Fatto sta che il suo modo di fare a volte saccente proprio lo digerisco poco, meno male che Fergus oltre ad essere un bel vedere è anche dolce e premuroso. Tra i giovani naturalmente è da annoverare Elias. Un giovanissimo ragazzo di appena 14 anni che mostra una serietà verso il proprio dovere, mista a sconsideratezza adolescenziale (lavati le mani!) che fanno di lui un personaggio sicuramente con un piccolissimo spazio, ma che resterà impresso. Insegnerà tanto a Claire come lei ha insegnato a lui, ma soprattutto poco prima di andarsene ha avuto qualcuno, una mamma, che si è presa cura di lui. Se Claire ci abbia visto qualcosa di Brianna non lo so, ma a modo loro, sia Jamie che Claire non dimenticano mai, in alcun frangente di essere genitori. E per concludere la lista dei nuovi protagonisti abbiamo la donna delle capre, avrà pure un marito sciocco e ubriacone, ma come ha aiutato lei Claire, non lo ha mai fatto (quasi) nessuno. Due barili e via nell’oceano. Tre (o quattro con Marsali) anime pure in questo inferno fatto di acqua e febbre.

  • Squarci di realtà: negli ultimi due episodi abbiamo assistito a tanti momenti di vita di quel tempo. Abbiamo scoperto canzoni, abitudini, superstizioni che vigevano nella vita in mare. Tutto molto interessante, ma ora ricongiungetemi la Coppia.

Inizio a soffrire il mal di mare, e voi?

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate. Fate anche un salto in questo confronto Jamie Fraser VS Ross Poldark.

Ringraziamo: Sam Heughan Italia | Outlander Italia | Outlander Italy | Outlander, il Mondo di Jamie & Claire – The Italian Fangroup | Caitriona Balfe Italian Fans | Sam Heughan Italian Fans  | Sassenach. | La dura vita di una fangirl | – Telefilm obsession: the planet of happiness – | Serie TV Mania | Serial Lovers – Telefilm Page | Film & Serie TV  | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | I Love Film and Telefilm | Serie Tv News

Annunci

6 thoughts on “Recensione | Outlander 3×10 “Heaven and Earth”

  1. Aspettavo la tua recensione, come sempre 🙂
    Devo dire che a parte alcuni tagli rispetto alla storia originale (l’assenza di Lord John sulla Focena) il tutto è stato molto ben fatto. I miei personaggi preferiti della puntata sono senza dubbio Elias e Fergus. Il primo è troppo tenero per amarlo, sia lui che Claire si sono sostenuti a vicenda, non solo come medico e aiutante, ma un po’ come mamma e figlio. Non che si possa colmare il vuoto dell’assenza di Brianna, ma almeno Claire ha potuto sfogare un po’ di quell’affetto represso. A proposito… autori quando ci ridate Brianna?????
    Per quanto riguarda Fergus invece, finalmente lo vediamo in versione davvero adulta. All’inizio poteva sembrare un’adolescente (cosa che non è perché dovrebbe avere quasi 30 anni!) impulsivo e donnaiolo, mentre adesso capiamo che è davvero innamorato di Marsali (al punto da mantenere la promessa di consumare dopo il matrimonio), ma non solo. Quando lui afferma “maybe I love too much”, non si riferisce solo alla sua donna, ma anche a quello che è a tutti gli effetti suo padre. Non appoggia il piano folle di Jamie perché sa che è troppo rischioso e che lui rimarrebbe di certo ucciso. Lo ostacola per salvargli la vita, per quanto anche lui sia legato a Milady, non può essere di certo paragonato al rapporto che ha avuto con il suo amato Milord in questi anni.
    Su Jamie che si può dire, quest’uomo è meraviglioso, ma chi non vorrebbe essere amato con così tanta intensità?? Questa volta però l’abbiamo visto più in versione Ross Poldark, provando a smuovere cielo e terra per il suo amore senza minimamente pensare alle conseguenze. Meno male che ci ha pensato qualcun altro a risparmiargli il cappio.
    Infine volevo spendere due parole sulla questione “noia” che menzionavi tu. Io devo ammettere che tutta la parte che va dalla loro reunion fino alla formazione di Fraser’s Ridge la trovo abbastanza noiosa, già in originale. Ricordo di averla letta un po’ di malavoglia (soprattutto le avventure per mare e gli incontri con gli indiani), aspettando eventi più interessanti che per quanto mi riguarda arriveranno verso la metà di Tamburi d’autunno. Quindi la serie si attiene al libro avrà per forza lo stesso effetto. A questo punto spero che aggiungeranno degli elementi più “televisivi” per mantenere alta l’attenzione, anche a rischio di scontentare i puristi dei libri. In generale però mi sento di dire che la completezza di passione, disavventure e colpi di scena del primo libro nessun’altro è stato in grado di eguagliarla, quindi non aspettiamoci la stessa spettacolarità della prima stagione, perché il materiale d’ora in avanti sarà molto diverso.
    Ho letto che qualcuno è talmente deluso dalla produzione che smetterà di guardare la serie, non so cosa si aspettassero onestamente, ma io sono troppo affezionata ai personaggi per non provare comunque gioia nel vederli sullo schermo.
    Speriamo che almeno nella prossima puntata Jamie e Claire si riuniscano, stavolta per un periodo più lungo!

    Piace a 1 persona

    • Il fascino di Outlander sta prima di tutto negli eventi che racconta, perché la prima stagione è ineguagliabile? Perché è l’inizio dell’avvenuta e della magia, posti esotici, passioni che nascono, affascinanti highlander, primi problemi e tormenti. Quando poi questi temi si ripresentano per una seconda volta tutto ci saprà di già visto e perciò si punterà su nuove idee, maggior profondità di sentimento,ecc. Quindi secondo me tutto ciò che viene dopo la prima stagione, primo libro, può piacere o no in base al nostro gusto personale. Sulla terza stagione sto trattenendo il mio pensiero completo perché voglio esprimerlo per intero sul finale. Fatto sta che dire che è brutta non si può, se no bisognerebbe dirlo anche del libro, ma sicuramente è una gigantesca premessa a quello che accadrà dopo, forse questo sì.

      Mi piace

  2. Bè…il mio commento l’avevo già scritto…ma non lo vedo pubblicato! Per cui mi ripeto: la prima stagione affascinante, coinvolgente…la seconda un po’ meno! La terza mi sta intrigando…posti nuovi, nuove avventure! Però non si può paragonare alla prima e tutto questo, secondo me, è in linea con i libri da cui “deriva” la serie! Anche nei libri più si va avanti nella lettura più le cose divengono “incasinate” e meno si ha voglia di leggerle. Io, personalmente, ad un certo punto mi perdo visto che arrivano “millanta” personaggi e “millanta” problemi per i nostri “Jamie/Claire”. Pero SINCERAMENTE mi piace vedere come riescono a renderlo nella serie televisiva e, secondo me, per ora ci sono riusciti più che bene! Quindi se il tutto non è tanto “intrigante/emozionante” dipende dai romanzi! Ma…nonostante ciò spero che la serie TV vada avanti per un bel po’….a me…continua a piacere!!!

    Piace a 1 persona

    • Figuriamoci, io sono la prima che non fa paragoni con la prima stagione, anzi quando parlo di stanchezza, più che noia mi riferisco sempre e solo unicamente agli eventi della terza stagione senza fare riferimenti. Più che non intrigante, perchè comunque anche io sono affascinata dai uovi posti e curiosa, sento l’intera stagione scollegata con se stessa, ogni singola puntata è bella, ma unendo i pezzi del puzzle qualcosa non mi torna, probabilmente questi eventi fino ad ora raccontati sono stati un po’ pesanti, incentrati tutti sui sentimenti, quindi ora c’è bisogno di uno sfogo più dinamico…

      Mi piace

  3. Pingback: Outlander – Heaven & Earth – Info e rassegna stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...