Grey’s Anatomy/Telefilm

Recensione | Grey’s Anatomy 14×08 “Out Of Nowhere”

Se negli scorsi anni le crisi da mideason (o season) finale errano rappresentate da sparatorie, bombe, annegamenti, incidenti aerei e aggressioni, ora anche le catastrofi si sono evolute ed ecco che il GSMH viene messo sotto attacco dagli hacker, i quali bloccano l’intero sistema informatico e mandano tutti nel panico. È sicuramente una crisi insolita, soprattutto per quello che siamo abituati a vedere in Grey’s Anatomy, ma questo non la rende meno pericolosa. Il tema della dipendenza da tecnologia era già stato introdotto nei primi episodi, quando Webber aveva redarguito i nuovi specializzandi troppo attaccati ai loro smartphone, e ora lo vediamo manifestarsi nella sua accezione più estesa, a dimostrazione del fatto che nulla in questo show viene fatto per caso. In ospedale, come in tutto il mondo, sono così abituati ad avere a disposizione mille supporti tecnologici, che senza di essi si trovano tutti spaesati e nel panico. L’unico a suo agio è ovviamente Webber, il quale addirittura sembra divertirsi in queista situazione. O meglio, diciamo che, passato il panico iniziale, ha colto l’opportunità per dimostrare di essere ancora una rock star e di avere ancora molto da insegnare a chiunque, anche a chi è già un chirurgo da diversi anni come April. Nonostante questo “ritorno all’età della pietra” sia stato interessante, personalmente ci ho colto un pizzico di moralismo e di “ai miei tempi era tutto più bello” che non mi è piaciuto moltissimo. Siamo tutti dipendenti dalla tecnologia e ne facciamo un uso spropositato, è vero, ma questo non necessariamente deve essere visto come un difetto. Dubito che, ai tempi della scoperta del fuoco, qualcuno si sia lamentato perché tutti hanno iniziato a mangiare la carne cotta, preferendola a quella cruda. Il mondo, la tecnologia e le vite si evolvono e per quanto il passato abbia sempre il suo fascino, non è giusto criticare il presente solo perché è diverso da esso. Non per forza tutto quello che è  moderno è un peggioramento rispetto a ciò che c’era prima. Allo stesso modo, non si possono biasimare i chirurghi e gli specializzandi che non sanno come analizzare le condizioni di un paziente senza il supporto di mezzi informatici perché la colpa non è loro. Questi medici si sono formati in un periodo storico in cui si può fare una TC in pochi minuti, in cui milioni di cartelle cliniche sono a portata di click e in cui un monitor raccoglie tutte le informazioni vitali su un paziente e non è colpa loro se non sanno agire senza questa supporti. Hanno studiato così, è stato insegnato loro a svolgere le operazioni con questi mezzi ed è giusto che le sappiano fare in queste condizioni e non in altre. Non tutti sono in grado di svolgere un intervento in qualsiasi secolo come Cristina Yang. Questi sono chirurgi figli del loro tempo e, per quanto è giusto che sappiano intervenire anche in situazioni estreme, è altrettanto comprensibile il loro panico davanti ad un’emergenza durante la quale vengono a mancare tutti i mezzi con i quali hanno imparato il loro mestiere. Insomma, meno male che c’era Webber, da una parte, ma il fatto che lui fosse più bravo degli altri, non dà nulla a lui e non toglie niente a loro. Non si possono colpevolizzare April e tutti gli altri perché non hanno diversi decenni di esperienza  alle spalle.

La vera star di questa crisi, a mio parere, è stata la Bailey, la quale non si è persa d’animo nemmeno in una situazione così pericolosa. È vero che avere a disposizione un collega con un patrimonio enorme è una gran fortuna, ma non era comunque da tutti imporsi in quel modo su un agente dell’FBI. Ancora una volta ha mostrato che i suoi pazienti contano più di tutto e che lei è disposta a farsi arrestare pur di salvarli. Per quanto il discorso fatto dall’FBI sia giusto, è altrettanto giusta la decisione di Miranda. Cedere a questo ricatto significa di sicuro creare un precedente ma è necessario occuparsi dei pazienti del qui ed ora, piuttosto che di quelli futuri. Inoltre, a quanto è stato detto, un precedente c’è già stato in un altro ospedale quindi è alquanto inutile preoccuparsi di non crearne uno ora. Miranda ha nuovamente dimostrato di meritare questo posto e di essere un grande capo, oltre che una grande donna.

Questo momento di panico, ha ovviamente costretto i chirurghi a lavorare a stretto contatto, dando cos’ la possibilità ad alcune dinamiche di svilupparsi o di riprendere, visto che si erano momentaneamente interrotte.

Primo fra tutti è lo sviluppo del rapporto fra Jackson e Maggie che prosegue con una certa lentezza ma fa un passo avanti ad ogni episodio. Si ritagliano costantemente dei momenti per stare insieme come se fosse sempre successo. Ma non è così. Prima nessuno dei due aveva tutto questo tempo da passare con l’altro, invece ora non perdono occasione per interagire. Se c’è uno, c’è l’altro. Ovunque. Anche questa settimana si sono casualmente trovati insieme sull’elicottero. Cosa che, a pensarci bene, non ha molto senso visto che lui è un chirurgo plastico, lei un cardiochirurgo e che Jackson avrebbe dovuto rimanere a disposizione per fare il bonifico in ogni momento. Eppure sono andati via insieme e questo fa capire quanto entrambi vogliano passare del tempo in compagnia dell’altro. Sono colleghi e può capitare di lavorare insieme, ma loro lo fanno capitare spesso e volentieri. Eppure non è solo il tempo che passano insieme a dimostrare quanto si cerchino, ma anche quello che si dicono. Si stanno avvicinando piano piano, come se avessero paura di esporsi troppo. Ogni volta si fanno una domanda un po’ più personale e ogni volta si avvicinano un po’ di più. Anche il solo prendersi la mano rappresenta quasi troppo per loro ma in un momento di paura, istintivamente si cercano e si trovano. Credo sia uno dei rapporti costruiti meglio nelle ultime stagioni di Grey’s Anatomy e non vedo l’ora di sapere come andrà avanti. Mi piace questo slow burn e sono curiosa di vedere dove andrà a parare questa storia che sembra quasi nata dal nulla ma che ora sta a mano a mano gettando le basi per diventare qualcosa di serio.

C’è poi la non-coppia/coppia wanna be e penso che urga un riepilogo veloce  della situazione.

Carina:

Arizona:

Io:

Seriamente parlando, sono belle. Molto belle. Hanno una chimica e un’intesa pazzesche che traspaiono da ogni singola scena. Lo sguardo di Arizona prima di seguire Carina nella stanza della paziente,  quelle frazione di secondo in cui si guardano subito dopo il parto, il modo in cui parlano che fa trasparire quella voglia di dirsi di più…tutto fa intravedere che fra loro c’è ancora molto da esplorare. La cosa che mi piace di più del loro rapporto, però, è l’estrema sincerità e naturalezza con cui comunicano. Si mancano? Se lo dicono. Arizona vuole delle spiegazioni sulla storia con Hunt? Semplicemente le chiede e Carina le risponde non facendosi il problema di sembrare una facile. Carina è se stessa, sempre, e questo ad Arizona piace. Le piace e anche molto direi. La Robbins è attratta da questo suo modo di essere e di fare che le fa tirare fuori un lato sepolto da troppo tempo. In parte era venuto fuori con la Minnick ma la questione dell’abbandono ha rischiato di farlo scomparire perché giustamente Arizona non ha voglia di continuare a prendere batoste. E invece è arrivata Carina che è la persona più giusta per lei in questo momento. Solare, spontanea, spigliata e anche abbastanza intraprendente. Forse guardandole la prima cosa che viene in mente non è un matrimonio e una famiglia davanti al camino il giorno di Natale, ma per ora va bene così. Non penso nemmeno che Arizona voglia quel tipo di storia e Carina lo stesso. Sono perfette insieme adesso e per il futuro si vedrà. D’altronde, abbiamo imparato che una grande storia d’amore può nascere anche da due che si consocino in un bar e passano la notte insieme. Ora come ora, la loro storyline è quella che mi incuriosisce e mi appassiona di più e non vedo l’ora di vedere come andrà avanti.

Non sarebbe un finale di metà stagione senza un po’ di vero drama però e quindi ecco che ci ritroviamo la neo vincitrice dell’Harper Avery intenta a salvare una paziente con il sangue di uno specializzando ma soprattutto Paul. Effettivamente per i Jolex stava andando troppo bene. Jo è capo degli specializzandi, Alex è sereno, il loro rapporto va a gonfie vele, lei ha deciso di lottare per riprendere in mano la propria vita e quindi era ovvio che il mostro sarebbe tornato proprio ora. Purtroppo ci tocca attendere un paio di mesi per sapere cosa succederà ma sono curiosa di vedere come verrà trattato il tema della violenza domestica, perché è sicuro che gli autori non si faranno scappare quest’opportunità, a maggior ragione nel momento storico in cui stiamo vivendo ora.

Per questa prima metà di stagione direi che è tutto. Vi do appuntamento al 2018 e vi ricordo che Grey’s Anatomy ritornerà il 18 Gennaio.

Promo (che promo non è) e ringraziamenti

Vi ricordo di mettere mi piace alla nostra pagina Parole Pelate, se non lo avete fatto, e di passare dalle nostre pagine affiliate.

I’m in love with Grey’s Anatomy | Passione Shondaland | Un’Unica Passione: Grey’s Anatomy | Jessica Capshaw fan | Jessica Capshaw Italia | I’m addicted to Grey’s | We love Alex e Jo | Jessica Capshaw e Sara Ramirez | Calzona Fan | Grey+Sloan Memorial Hospital | Viviamo a Seattle | Grey’s for Life | Grey’s Anatomy is our McDreamy | Il nostro Mondo si chiama Grey’s Anatomy | Kate Walsh & Caterina Scorsone | Giacomo Gianniotti Italia |  Grey’s My Only love | Piumone Popcorn & Grey’s AnatomySerial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Serie Tv, che passione  | Film & Serie TV | Diario di una tv series addicted | Serie Tv News | Crazy Stupid Series | ❤ Telefilm / Fiction ❤ | – Telefilm obsession: the planet of happiness –  | Because i love films and Tv series

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Grey’s Anatomy 14×08 “Out Of Nowhere”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...