Outlander/Parliamone/Poldark

Parliamone | Jamie Fraser VS Ross Poldark – Due Eroi a Confronto

Non vi nego che nella lunga attesa invernale-primaverile-estiva per la terza stagione di Outlander, mi sono avvicinata a Poldark, che ho molto gradito (cosa o CHI è chiaro). E non mentirò dicendovi di essermi presa una cotta stratosferica per Ross Poldark, tanto da sentirmi in colpa verso Jamie Fraser. Ma lui non c’era perciò occhio non vede, cuore…

I Montecchi e i Capuleti degli historical drama.

Nei vari fandom, infatti, si è creato un certo amore-odio. Chi ama l’uno e odia l’altro, e viceversa. Pochi sono i fan che come me amano sia l’uno che l’altro (ho un cuore grande). Certo, a prescindere per l’amore per la storia e il gusto personale, sono altri i fari che guidano noi marinaie verso la terra ferma: Jamie Fraser e Ross Poldark.

Se come me amate le serie tv storiche, vi piaceranno entrambe, ma attenzione una fa della storia d’amore, con risvolti fantasy, la sua punta di diamante, l’altra invece è trainata dalla volontà del protagonista di creare un mondo migliore. Date queste premesse, si può dire che i suoi protagonisti maschili siano agli antipodi e di qua nascono appunto le numerose fazioni che tentano di vincere l’una sull’altra, ma in un’ipotetica sfida tutta a colpi di testosterone, kilt e riccioli bruni, chi vincerebbe davvero?

James “Jamie” Alexander Malcom Mackenzie Fraser (la mamma e il papà ti volevano davvero bene data la sfilza di nomi), è un guerriero scozzese del 18th secolo della saga letteraria creata da Diana Gabaldon nel 1991 e protagonista maschile della serie tv Outlander (oltre a comparire in due romanzi spin-off incentrati su lord John Grey e in un racconto breve: Virgins- Il mio nome è Jamie).

A quanto pare il concept e la creazione del suo personaggio è ispirato a Jamie McCrimmon della serie tv Doctor Who interpretato da Frazer Hines (che apparirà come guest nell’episodio 1×15). Nella serie televisiva è interpretato da quel sedere marmoreo di Sam Heughan che da biondo naturale per l’occasione si è tinto di rosso. Le ovvietà sono tante, è bello, scozzese, imponente, rosso, ha occhi verde-blu e un accento straniero irresistibile.

 

A soli 22 ha già un passato segnato, le cui tracce sono ben visibili sulla sua schiena e in futuro porterà nell’animo ferite ancora più profonde a causa dell’incontro col sadico capitano Jack Randall. Caratterialmente? Sarà pure uno scozzese del 700, ma di rude ha ben poco; è moderno, ironico, forse troppo all’avanguardia, a volte risulta eccessivamente perfetto, oltre che smielatamente romantico e un gran chiacchierone; adora raccontare storie. Probabilmente il suo vero difetto è tutta questa perfezione che ha alzato ancor di più le nostre aspettative nei confronti degli uomini. Sicuramente spicca per il coraggio, la lealtà verso la moglie e i suoi uomini, la capacità di sacrificarsi e l’apertura mentale nonostante i tempi. È un uomo intelligente, con una particolare propensione a parlare varie lingue, e grandi margini di miglioramento, un uomo in evoluzione; da “ingenuo” (sono vergine, non un monaco), si trasformerà in un adolescente in piena crisi ormonale, per passare a marito passionale e attento, anche troppo, che dedica continuamente sviolinate da metterti in imbarazzo.

Tu sei sangue del mio sangue,
e ossa delle mie ossa.
Ti dono il mio Corpo
così saremo una sola Cosa.
Ti dono il mio Spirito
finchè l’Anima nostra non sarà resa

Tutto molto bello, sicuramente anche noi desidereremmo dediche di questa intensità, ma probabilmente all’ennesima volta che ringrazia Dio per averci donata a lui, lo avremmo mollato sul posto lanciando un bestemmione sempre a Dio stesso.

(Faccia da: Oddio, che ha detto?! E ora che rispondo?!)

È un vero eroe cartaceo, per giunta un highlander gentiluomo (un selvaggio elegante). Se dovessi accostare una qualità a questo personaggio direi Tensione. Jamie è un concentrato di energie, ma riesce a modo suo a non strafare nei modi, anche quando ride e scherza con gli amici. Controlla le sue passioni e reazioni a differenza di Ross, e riesce ad avere una mente lucida anche sotto pressione. Di lui certamente risaltano maggiormente le qualità come anche una grande sensibilità verso persone, eventi, ecc.; non che sia esente da difetti, a volte è troppo sicuro di sé, ma il suo lato romantico, e l’amore incondizionato che mostra per i suoi cari risaltano oscurando tutto il resto. Il confronto con la moglie che è parte fondamentale della sua caratterizzazione, serve appunto ad evidenziare i suoi pregi, come al contrario lui faccia emergere la tenacia di Claire, che sia un pregio o un difetto. È un personaggio che evolvendosi diventerà ancor più completo, a differenza di Ross che è tale già agli inizi delle sue avventure e che compirà più che altro un percorso per perfezionarsi.

Ross Poldark, capitano inglese dei Dragoni, nato dalla penna di Winston Graham è il protagonista di varie trasposizioni tra cui l’ultima del 2015 con Aidan “pettorali abbronzati” Turner. Gli anni sono pressappoco quelli di Outlander (più dopo che prima), il luogo la Cornovaglia. Qui abbiamo un giovane uomo di 27 anni che è stato sul fronte e deve già confrontarsi con la perdita dell’amore e di molte certezze. Di lui sappiamo che è alto, snello e aitante, con una cicatrice su una guancia, capelli scuri con un accenno di riflessi ramati, bocca ampia e denti bianchi e forti. Caratterialmente… Ross è lo stronzo di cui tutte ci innamoriamo almeno una volta nella vita. Quello che ci travolge in una passione pericolosa e ci farà soffrire da morire.

Quello che perdoniamo perché lo amiamo, ma comportarsi decentemente con te proprio non lo sa fare e invece di dargli una lezione o strigliata alla Demelza, lo perdoniamo e basta. Ross è l’uomo che può salvare il mondo con la sua convinzione, ma il rapporto con la sua donna proprio non sa come recuperarlo, anzi non si accorge nemmeno di aver fatto qualcosa di sbagliato. Lui le dichiarazioni d’amore alla Jamie, dettate da un animo tanto poetico quando è possente di fisico, proprio non sa dove stanno. Naturalmente Ross a differenza di Jamie, ha già un trascorso amoroso che si trascinerà anche nel presente, e forse è questo conflitto interiore che gli appana la vista nelle questioni private con la moglie. Ross ha un animo sì nobile, ma profondo non tanto. Poldark può essere associato ad una sola qualità: Testardaggine. Non riesce a seguire un consiglio, non china mai la testa neppure per quieto vivere. Di qua ne deriva un orgoglio smisurato, anche se a volte se ne dimentica in situazioni dove non dovrebbe. E purtroppo a modo suo è anche egoista proprio quando vuole soddisfare il suo orgoglio, tipo la notte passata con Elizabeth. Per pura soddisfazione personale, ci mancava solo che le tatuasse su una chiappa Mia. È un signore nei modi, ma a volte rude nell’animo. Per contraddizione però è anche estremamente altruista, forse più con gli altri che con la propria famiglia, ma quando dà agli altri lo fa senza risparmiarsi. Di qua si vede il suo lato passionale e impulsivo. È un uomo tormentato, spesso accecato dal voler dimostrare per forza qualcosa, non rendendosi conto di quello che già possiede e dovrebbe preservare; non è avarizia o egocentrismo, alle volte è proprio ossessione. Naturalmente tutto questo rende Ross uno steriotipo da harmony forse più di Jamie; lo stronzo che ti tratta male, ma che ha un lato passionale che ti fa innamorare. E tu, in questo caso Demelza, sei la sua parte migliore.

Onesta? Non ho una preferenza né per l’uno e né per l’altro. Se incontrassi uno come Jamie lo troverei estremamente appiccicoso, e Ross lo avrei già castrato da tempo. Naturalmente da entrambi sento una grande forza d’animo che potrebbe travolgermi in modo diverso, e forse è proprio questo il successo che li accomuna, sanno come “prenderti” e le loro rispettive mogli, sempre al loro fianco nella buona e nella cattiva sorte, ne sanno qualcosa.

Un vincitore non credo ci possa essere, come ho accennato in apertura, nonostante gli anni, Outlander e Poldark trattano due storie differenti affrontate con punti di vista diversi come i suoi protagonisti maschili. La bilancia della preferenza può pendere a volte da un lato e a volte dall’altro, ma credo che la conclusione perfetta sarebbe uscire una sera con Jamie e l’altra con Ross e non rivederli poi mai più!

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.

Ringraziamo: Crazy Stupid Series | Serie Tv Mania | Aidan Turner Italia | Poldark Italia | Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | Blends of Scotland, Ireland, UK: Ladies’ perfect Tea |Roba da Vittoriani | Eleanor Tomlinson daily | Ross e Demelza Poldark Italia | Aidan Turner Source. | Heida Reed Source | Sam Heughan Italia | Outlander Italia | Outlander Italy | Outlander, il Mondo di Jamie & Claire – The Italian Fangroup | Caitriona Balfe Italian Fans | Sam Heughan Italian Fans  | Sassenach. | La dura vita di una fangirl | – Telefilm obsession: the planet of happiness – | Serial Lovers – Telefilm Page | Film & Serie TV  | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | I Love Film and Telefilm | Serie Tv News

Annunci

13 thoughts on “Parliamone | Jamie Fraser VS Ross Poldark – Due Eroi a Confronto

  1. Ross tutta la vita. Lui con il suo grande cuore, i suoi difetti ed errori (quando lo prenderei a sberle a volte), ti entra davvero dentro il cuore. Ross non è portato ad essere romantico ed è proprio per questo che i suoi gesti dolci, quando li fa, ti fanno sciogliere.
    Jamie è finto, troppo perfetto e troppo smielosamente appiccicoso e romantico per i miei gusti. Lo mollerei dopo 2 giorni.

    Liked by 1 persona

  2. Credo che tra i due scelgo Jamie, anche se forse cercando di dare un giudizio razionale su entrambi mi accorgo che probabilmente Jamie è un po’ più “idealizzato” anche se è sicuramente lontano dalla perfezione. Solo che Ross lo è molto di meno e ciò lo penalizza.
    Soggettivamente, comunque, ho una passione per il pelo rosso e avendo i libri della Gabaldon vi sono molto più affezionata, sono riuscita a scoprire l’animo di Jamie in maniera più ampia rispetto a quanto possa fare la serie e lo stesso ovviamente vale con Ross. Di Rosse ne ammiro molto la caparbietà e l’idealismo, solo che ad un certo punto dovrebbe mettere la sua famiglia al primo posto e tende a dimenticarlo.
    E poi c’è quella stronza in giro quindi… lì perde subito punti! ANnche Jamie ha il suo bagaglio di sbagli, ma sono colpe che a mio modo giudico “meno gravi”, ecco.

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: Recensione | Outlander 3×07 “Crème de Menthe” | parolepelate

  4. Che bel confronto! Amo entrambe le serie e anche io ho scoperto Poldark per placare l’astinenza da Outlander…
    Onestamente se proprio dovessi scegliere tra i 2 protagonisti maschili direi Jamie, nella vita reale il genere “bello e dannato” alla Ross Poldark non fa per me. Jamie è molto più affidabile, qualunque cosa accada puoi stare certa che lui impegnerà anima e corpo per il bene della sua famiglia e che la anteporrà al resto del mondo. L’esatto opposto fa Ross, che invece non si rende mai conto del tesoro che ha in casa (Santa Demelza) ed è sempre volubile e sfuggente. Sono entrambi personaggi molto passionali (nel bene e nel male), con la differenza che Ross agisce senza pensare alle conseguenze facendosi solo guidare dall’orgoglio e dall’istinto, (che onestamente non è proprio infallibile, vedi il continuo gravitare attorno a quella gatta morta di Elizabeth e il farsi costantemente fregare da George negli affari), mentre Jamie preferisce soffrire il vuoto e la solitudine più neri per il bene dei propri cari, ha sempre un occhio rivolto al futuro e preferisce fare ciò che è giusto piuttosto che quello che il suo cuore vorrebbe davvero (ad esempio rinunciare alla moglie e alla figlia non ancora nata per salvar loro la vita).
    Ecco secondo me un uomo come Jamie è un po’ il marito perfetto, quello da amare tutta la vita e con cui fare una famiglia, mentre Ross è più un amante da avventura folle di una settimana e poi addio… 🙂
    Ad ogni modo entrambe le serie vanno assolutamente viste (per gli amanti del genere storico), anche se il mio cuore batterà sempre più forte per Outlander (e non solo per Jamie e Claire).

    Liked by 1 persona

  5. Pingback: Recensione | Outlander 3×08 “First Wife” | parolepelate

  6. Pingback: Recensione | Outlander 3×09 “The Doldrums” | parolepelate

  7. Pingback: Recensione | Outlander 3×10 “Heaven and Earth” | parolepelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...