Scandal/Telefilm

Recensione | Scandal 7×02 “Pressing the Flesh”

Buon pomeriggio, pelatini,

Non so voi, ma io adoro le puntate/storie o qualsiasi altro mezzo in cui i personaggi sono confinati in un certo posto e tutta l’azione si svolge lì. È una prova per la qualità della sceneggiatura, perché è super complicato coprire tutto il tempo senza riempire l’episodio di momenti che servono solo a raggiungere la fine della puntata.

E come se la sono cavata in questo caso? Io direi abbastanza bene. Tutti i personaggi hanno avuto il loro spazio e modo di muoversi in quella che a conti fatti è la durata di una cena, per quanto formale essa sia.

Visto che rimane pur sempre la nostra protagonista e che ha organizzato ogni singolo momento della serata, iniziamo con Olivia, ancora impegnata nel suo flirt con il giornalista – di cui non ho capito il nome e, visto come si è conclusa la serata, non penso nemmeno ne valga la pena.

La nostra Liv continua a tenere tutti a distanza, e, se da una parte è comprensibile viste le sue nuove responsabilità, ma dall’altra è quasi difficile riconoscerla. Capisco che non voglia dare troppa confidenza al suo ultimo boy toy, ma avrebbe bisogno di avere qualcuno vicino con cui confidarsi e sfogare le tensioni che accumula in ufficio!

Per fortuna c’è Mellie che riesce a farla ridere e le due condividono un momento di leggerezza che, siamo sinceri, serviva a tutte e due.

Mellie che, dopo aver raggiunto la vetta, si trova faccia a faccia con problematiche impreviste. È una donna sola ed ha delle esigenze e, purtroppo per lei, non è alla fine del suo mandato, quindi non può farsi portare ragazzi e gigolò alla Casa Bianca come faceva Fitz.

Mellie si ritrova anche a dover gestire il delicato rapporto con il presidente Rashad per assicurarsi che questo accetti di firmare un accordo sul programma nucleare del suo paese.

So che dovrebbe essere il cattivo, ma in effetti le motivazioni dietro la sua esitazione sono comprensibili, sta facendo del suo meglio per non far precipitare il suo paese nel caos, quindi il mio giudizio su di lui rimane in sospeso e di certo il momento che ha condiviso con Mellie nello studio ovale non aiuta a farmelo non piacere.

E di certo non ho apprezzato come Olivia ha deciso di usare sua nipote per far leva contro di lui. Liv non si ferma proprio davanti a niente pur di ottenere quello che vuole, e un po’ le sta bene che in questo caso abbia ottenuto l’effetto contrario. A volte occorre anche usare la carota, non solo il bastone!

Cyrus viene tenuto impegnato con l’incarico di intrattenere un miliardario che ha donato un sacco di soldi alla campagna di Mellie. Il suo comportamento e le sue lamentele mi erano sembrate un po’ OOC per il Cyrus Beene che conosciamo, almeno fino al momento in cui il ricco benefattore è entrato in scena. Rozzo e maleducato, insopportabile fin dal primo istante. Cyrus ha anche provato ad andarci d’accordo, ma a meno di un miracolo nella sua caratterizzazione, io la vedo dura. Non so se dovrebbe essere il nuovo amore di Cyrus, ma io lo boccio lo stesso per precauzione.

Alla cena partecipano anche i membri della QPA, ancora alla ricerca di nuovi clienti, e per fortuna dire, che senza la presenza di Huck, Mellie si sarebbe ritrovata per le mani un incidente diplomatico di quelle in grado di affossare una presidenza – soprattutto una come la sua, seguita da vicino da tutti i suoi avversari pronti a scagliarsi contro il minimo errore in quanto prima donna presidente degli Stati Uniti della storia.

Mi dispiace per David, anch’io ci avevo visto del tenero nel suo riavvicinamento con Abby, invece ci toccherà aspettare ancora un po’.

Continuiamo a trascinarci un po’ così, con puntate che non vanno oltre la sufficienza, spero che la stagione entri presto nel vivo, che il tempo scorre.

Qualcuno si è sorpreso che Fitz sia ricomparso nella vita di Olivia proprio nel momento in cui lei ha deciso di dare al giornalista una possibilità? No, vero?

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete già  fatto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...