Scandal/Telefilm

Recensione | Scandal 7×01 “Watch Me”

Buon pomeriggio, pelatini,

Magari dovrei smetterla di propormi di recensire telefilm arrivati alla loro ultima stagione, visto quanto ci metto a riprendermi dopo aver dovuto dir loro addio, ma giusto per essere sicura me ne sono presa un altro. Anche Scandal è infatti arrivato alla fine, e con esso se ne va un pezzo importante di Shondaland – non preoccupatevi, sono certa che Shonda abbia già almeno dieci nuove serie con cui torturarci, quindi siamo a posto.

Ad essere sincera, questo primo episodio non mi ha entusiasmato più di tanto, ed ora la strada è in salita per il resto della stagione. Olivia sembra essersi dimenticata di cosa sia il gioco di squadra, ed ora che ha raggiunto l’apice del potere parrebbe decisa a tenerselo tutto per sé. E non parlo solo del ruolo che ricopre alla Casa Bianca, ma anche di quello di nuovo Command, fa tutto lei, gestisce tutto lei, ma credo che prima o poi si lascerà sfuggire qualcosa, una persona sola non può fare tutto.

Per starle dietro, la puntata si divide tra il suo lavoro ufficiale e quello ufficioso.

Dopo la sua inaugurazione, la prima legge che la nuova amministrazione sta cercando di far passare è una che garantirebbe a tutti gli americani di frequentare l’università gratuitamente – un punto che sia nella fiction che nella vita vera appartiene al programma democratico, quindi mi sembra strano che un presidente repubblicano ci tenga tanto, anche se in questo caso parliamo di Mellie Grant, e da lei possiamo aspettarci grandi cose.

Per aiutarla, Olivia non esita a sfoderare le sue doti di predatore per convincere i deputati a votare la legge. E, ok, vuoi fare la parte della donna tosta che non accetta un no come risposta, va bene, però poi non fare la parte di quella che sceglie di stare dalla parte dei buoni, perché news flash, i buoni non vanno in giro a ricattare le persone! Perfino Eli ha paura di te, pensaci Liv!

Olivia ne approfitta anche per mettere alla prova la lealtà di Cyrus, nominato Vice Presidente dopo la morte di Luna Vargas. La leader dei democratici – dovrebbe essere discount!Nanci Pelosi, credo – gli propone si tenere la legge sull’università gratis per più avanti, quando Cyrus stesso correrà per la presidenza. Cy non ci casca, ma per ora non ci è dato sapere se ha fiutato la trappola di Olivia o se davvero è disposto a mettere il programma di Frankie davanti alle sue ambizioni personali, ma per ora rimane fedele a Mellie.

Sul piano più ufficioso, invece, Olivia si ritrova a dover gestire il primo caso che Quinn è riuscita a procacciarsi per la QPA che le è appena stata affidata, visto che l’uomo che dovrebbero ritrovare si rivela essere una spia americana nel medio oriente. E qui Olivia fa un completo voltafaccia, dimentichiamoci il predatore, ora diventa una mamma chioccia che vuole per forza riportare la spia a casa, ignorando il pericolo che rappresenta in mani nemiche. So che è brutto da dire, ma Jake non ha tutti i torti. Quanti danni può fare all’intera nazione se rivela quello che sa?

È anche vero che lui ed Olivia hanno due esperienze diverse con il potere, e si approcciano alla questione in modo diverso. Mellie ci prova a seguire la strada di Olivia, ma poi si rende conto che con la diplomazia può ottenere ben poco, quindi accetta la soluzione di Jake. Liv non la prende bene che i suoi burattini si arrangino alle sue spalle e risolve le cose come meglio sa fare, ricattando il presidente della nazione che tiene in ostaggio la spia, addirittura minacciando la vita del figlio.

Di nuovo, Olivia, deciditi. O indossi il tuo cappello bianco oppure vai in giro a minacciare la gente, o una o l’altra!

Jake e Mellie pagano caro il loro tradimento. Jake viene mollato su due piedi per la millesima volta – Jake, un po’ di dignità, lo SAI che Olivia ti tiene lì per un po’ e poi ti butta via come un fazzoletto usato! – mentre Mellie si prende una strigliata, perché solo Olivia è dalla sua parte, solo lei ci tiene ad aiutarla e solo lei vuole che Mellie abbia successo come presidente e altre cose che solo Olivia può fare ma che io mi sono persa perché ero impegnata ad alzare gli occhi al cielo e sperare che la scena cambiasse.

In mezzo a tutto questo, Olivia trova anche il tempo per rilasciare interviste e poi iniziare un flirt con il giornalista che non è neanche un po’ viscido, come se noi non sapessimo che prima o poi tornerà con Fitz.

Sommando tutto, anche la malinconia da “ultima stagione”, questa puntata viene promossa solo perché il Vice Presidente ha votato a favore per rompere il pareggio – citazione per pochi, ma mi piace spolverare conoscenza in giro come zucchero a velo.

Alla prossima settimana, buon week end!

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete già fatto!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...