Game of Thrones/Telefilm

Recensione | Game Of Thrones 7×07 “The Dragon and The Wolf”

Non sembra ancora vero, eppure anche questa stagione di Game Of Thrones è andata. Sarà difficile, davvero difficile riuscire ad aspettare il 2019 (se davvero non riusciranno a rilasciare l’ottava stagione nel 2018) dopo questo finale.

Prima di andare avanti, vi ricordo solo che noi di Parole Pelate abbiamo avviato un giveaway, perché non partecipate? Trovate tutte le informazioni qui.

L’incontro.

We are a group of people who do not like one another.

Chi di voi non ha avuto un briciolo di sospetto nel vedere tutti quei personaggi importanti riuniti in un luogo SENZA Cersei? Io ho avuto un piccolo dejà vu, ho ripensato a Margaery che Cersei is not here, Tommen is not here, why do you think they’re not here? E quasi temevo che sarebbero tutti morti nell’ennesima esplosione di Alto Fuoco. E invece no.
Invece, abbiamo assistito a numerose reunion: Tyrion e Podrick; Bronn e Tyrion si erano già incontrati per forza off screen, e finalmente li abbiamo visti anche parlare; Jaime e Brienne si sono scambiati prima un’occhiata e poi qualche parola; Brienne e il Mastino hanno fangirlato un po’ su Arya Stark; il Mastino ha avuto l’opportunità di fare gli occhi dolci a Gregor, suo fratello, e per un attimo ho temuto che si sarebbero affettati a vicenda.
Da tutte le parti c’è stata l’intenzione di impressionare gli altri: Daenerys si è piazzata lì con il suo impressionante esercito di Immacolati – lasciando a Bronn e Jaime l’onere di discutere profondamente sulle loro “doti” – per poi sorprenderli aggiungendo i Dothraki e se già l’esercito era numeroso prima, in un attimo è diventato impressionante. Poi ci domandavamo tutti dove fosse la regina dei Draghi, e ovviamente lei non ha perso l’occasione di fare un’entrata in scena a dorso di Drogon, con Raeghal che, dopo la morte di Viserion, pensa bene di tenersi a distanza perché non si sa mai. Dal canto suo, Cersei non ha mai battuto ciglio, in perfetto stile… Cersei Lannister. Ce la vedevo a dirle “brava, hai portato due draghi. Tutto qui?”, perché lei è stata furba: ha organizzato l’incontro nella Fossa del Drago, prova che persino le creature più maestose esistenti, se rinchiuse, possono perdere la loro essenza fino a ridursi a uno scherzo della natura. Era un modo per colpire metaforicamente Daenerys e chi le ha giurato fedeltà, un modo per farla sentire a disagio in quel luogo, farle sentire addosso la vulnerabilità sua e dei suoi draghi, ma non era necessario: Dany ormai sa, ha appena perso Viserion, e non era lì per combattere. Solo per impressionare e non lasciarsi impressionare.
L’incontro è andato come potevamo aspettarci: Euron Greyjoy sarà pure forte ma appare inadeguato e dalla lingua biforcuta. L’occhiata che si scambiano i due fratelli Lannister è molto eloquente circa quello che entrambi pensano del Re delle Isole di Ferro. La tensione della scena culmina con la liberazione del non morto che, guarda caso, ha delle catene abbastanza lunghe da permettergli di arrivare a un palmo dal viso di Cersei, tutto ovviamente per impressionarla e fare prendere a noi un infarto. Ecco, per la prima volta la vediamo quasi vacillare, assumere un’espressione diversa dalla noia e dal disgusto: è impressionata, e il suo caro Qyburn con lei – sebbene quest’ultimo sembri più intenzionato a studiare la creatura, vista la sua natura di scienziato. Se Euron ha “paura” e decide di mollare tutti scatenando il nostro “buuu” generale, Cersei pare finalmente convinta ad accettare la tregua – e chi non lo sarebbe al suo posto?
Ma ancora una volta l’onestà e la lealtà degli Stark scombina i piani e Jon non può mantenere la promessa di non giurare fedeltà a nessuno, perché lo ha già fatto la settimana scorsa. E, come sospettavo, quella promessa era più di una semplice dichiarazione di lealtà, visti gli sviluppi del finale.
Per carità, quello che dice il ragazzo è giustissimo: le bugie fanno perdere valore alle parole, ed è per questo che lui non lo ha fatto. E in un certo senso come possiamo pretendere che Cersei mantenga la sua parola, se poi loro per primi basano tutto su una menzogna? Jon ci appare come un personaggio puro, tanto da non sembrare adatto alla vita a Westeros. In genere, i personaggi come il suo perdono la vita perché inadatti – vedi Ned Stark – ma quest’oggi è stata proprio l’onestà a essere ripagata, a quanto pare.
L’incontro che ne è seguito, tra Tyrion e Cersei, mi ha lasciata alquanto scombussolata. I due hanno dato vita sullo schermo a un momento davvero potente, e per un attimo ho creduto davvero che la regina avrebbe ucciso il fratello minore. Eppure non lo ha fatto: perché? Perché non ha dato l’ordine? Tutto sommato teme le forze di Daenerys, e sapeva che uccidere il suo Primo Cavaliere avrebbe portato a uno scontro immediato? O tutto sommato lo considera ancora parte della sua famiglia? No, non credo proprio. Quasi sicuramente lo ha fatto solo perché uccidendolo avrebbe ferito e perso Jaime, l’unica persona della quale forse ancora le importa oltre se stessa e il bambino che porta in grembo. Perché se abbiamo capito qualcosa da questo incontro è che Daenerys e Jon vogliono il potere per poter governare al meglio il loro popolo, mentre Cersei vuole il potere massimo per poter proteggere la sua famiglia. A lei importa solo di questo, è sempre stato così. Una leonessa pronta a tutto pur di proteggere i suoi cuccioli.
Per questo ho creduto davvero che avesse accettato la tregua: perché a differenza dell’inizio della stagione, adesso ha qualcosa da perdere. Un nuovo figlio. E lei è disposta a tutto pur di tenerlo in vita.

Grande Inverno.

When the snows fall and the white winds blow, the lone wolf dies but the pack survives.

Vedendo Ditocorto e Sansa ho avuto un brivido. Sì, lo ammetto, ci sono cascata in pieno e sebbene in molti sospettassero che le due sorelle si fossero coalizzate contro di lui, non ci credevo veramente. E invece il nostro Petyr ha consigliato troppo bene Sansa, che ha iniziato a combattere le sue battaglie e ha deciso di cominciare da colui che ha tentato di metterla contro sua sorella. Mi chiedo quando abbiano scoperto l’imbroglio e abbiano iniziato a lavorare insieme: troppo facile chiedere a Bran di usare il suo potere per capire chi stesse raccontando la verità. Era un gioco di astuzia, per questo hanno messo su quel teatrino che tanto ci aveva fatto tremare, e lui c’era cascato in pieno. Altrimenti sarebbe scappato molto prima.
Stavolta Petyr ha dimostrato di aver sottovalutato i suoi avversari: Sansa sapeva che l’ultima cosa al mondo che Arya aveva sempre voluto, era diventare una lady. Ha sottovalutato le capacità di Bran, dimenticando che prima o poi tutto il male che hai fatto ti si ritorce contro – ho amato il riferimento alla scena in cui punta un pugnale alla gola di Ned e gli dice che l’unica cosa giusta che aveva fatto, da quando aveva messo piede ad Approdo del Re, era stata non fidarsi di lui, perché da lì ho capito anche io che non mi sarei mai più fidata del suo personaggio. Ha dimenticato che Sansa era l’unica a sapere che cosa è davvero successo a Lysa Arryn, le sue ultime parole, e ha dimenticato che la ragazza ha mentito solo per assicurarsi la protezione degli uomini della Valle, mica per consolidare il suo potere. Sansa non è Lysa, Sansa è figlia di Catelyn, e Ditocorto ha dimenticato quale delle due sorelle Tully era riuscito a conquistare.
Insomma, giustizia è fatta. Applausi anche per Aidan Gillen che, nonostante tutto, è stato eccezionale a rendere Petyr quello che è. Forse il suo personaggio non mi mancherà per nulla ma, quando si tratta di attori di talento, la sua è una grave perdita. Per un piccolo momento, vedendolo implorare pietà, mi è quasi dispiaciuto per lui. Quasi.

La Neve su Approdo del Re.

I don’t believe you.

Ci speravo, ma la verità sulla tregua di Cersei non è una sorpresa. Come sempre preferisce i sotterfugi, preferisce lasciare che gli altri si scarnino e poi prendere ciò che resta, piuttosto che dimostrare di avere un cuore e soprattutto di considerare di una qualche importanza il suo popolo. Ha scelto la via più vantaggiosa e meno dispendiosa, perché secondo me sta ancora sottovalutando la portata del pericolo, nonostante se lo sia trovato davanti. Probabilmente si è lasciata incoraggiare dalla vista dei due draghi invece di tre: sa che lei non riuscirà mai a sconfiggere Daenerys, e spera che gli Estranei facciano il lavoro più grosso. Spera che i due eserciti subiscano abbastanza perdite da entrambi i lati, e poi arriverà lei a concludere la battaglia uscendone vincitrice.


Jaime, fortunatamente, non ci sta. Dite quello che volete, ma per me è bastato che lui vedesse Brienne per ritrovare un briciolo di quell’onore che tanto duramente aveva acquistato lontano dalla gemella. L’ha giustificata fino a che ha potuto, perché non credeva davvero (forse) che Cersei avrebbe abbandonato così la battaglia con i Morti. Forse non subito, ma dopo qualche tempo avrebbe cambiato idea. Lei è la sua regina e lui le è fedele, ma come dice Brienne…a quel paese la fedeltà. C’è qualcosa di più grande e importante in gioco.
E finalmente se n’è andato. Ha aperto gli occhi e ha capito che per lui non c’è più posto al suo fianco. Finalmente, proprio mentre la neve cade su Approdo del Re, l’uomo ha deciso di partire e andare dove i suoi servigi sono richiesti, permettendogli di diventare una persona migliore.

Comunque, non credevo che Cersei avrebbe concluso la stagione ancora incinta. Sono sinceramente sorpresa.

Sì lo so che non è molto coerente, ma questa scena mi ha fatto ridere. Troppo.

Il Drago e il Lupo.

Robert’s Rebellion was built on a lie. Rhaegar didn’t kidnap my aunt, or rape her. He loved her, and she loved him

I parallelismi Jon/Daenerys – Rhaegar/Lyanna si sprecano. Durante l’incontro tra Sam e Bran, il nostro Jon ha cambiato più nomi di quanto rapidamente cambino alleanza gli uomini di Pyke: prima Snow, poi Sand, e infine Targaryen. E infine scopriamo che Sam tutto sommato stava ascoltando Gilly, e quindi rivela al giovane Stark del matrimonio super segreto – così segreto che nemmeno Bran ne era a conoscenza – tra Lyanna e Rhaegar, il che legittima Jon… pardon, Aegon, e lo rende l’erede al Trono di Spade.


Tutto mentre Jon e zia Dany danno libero sfogo alla loro passione, tranquilli perché tanto lei non può avere figli. Per anni questa cosa è passata in secondo piano, invece negli ultimi tre episodi ho sentito più volte “non posso avere figli” che tutti i nomi della Targaryen. Sconvolgente. Qualcosa mi dice che in questo episodio – o al massimo nei primi due della prossima stagione – abbiamo generato un piccolo erede Targaryen.


A parte questo, nonostante io non sia una grandissima fan della coppia, la scena mi è piaciuta molto. Mi è piaciuto vedere Bran che parla di Lyanna e Rhaegar, e come le sue parole si adattassero perfettamente anche a Jon e Daenerys. Mi è piaciuto vedere quello scorcio del matrimonio, scoprire che i due si amavano davvero (mi ha lasciato con la voglia di vedere di più. E bravi con la scelta dell’attore, assomigliava tanto a Viserys) e fa un certo effetto scoprire che la Ribellione di Robert è fondata su una menzogna. Forse le cose sarebbero andate diversamente se avessimo saputo la verità, o forse Robert avrebbe comunque attaccato e ucciso i Targaryen, indisposto dal dolore del rifiuto della sua amata. Tutto questo dà un senso di storia che si ripete, nella speranza che ci sia un epilogo migliore alla loro storia. Magari proprio loro due rimetteranno insieme quel regno che l’amore di Rhaegar e Lyanna ha distrutto…
Non mi piace la rivelazione del nome di Jon: Aegon era il figlio di Rhaegar ed ELIA MARTELL, avete presente, quella che è stata stuprata e uccisa dalla Montagna dopo aver ricevuto un gran bel paio di corna dal marito. Non riesco a capire da dove derivi questa scelta, e chi ha letto i libri capirà da dove derivi la mia perplessità. Non aggiungo altro perché non voglio fare spoiler per i non lettori (chissà, magari c’è qualcuno che un giorno deciderà di rimediare) ma se finora mi ero fatta bastare le scelte telefilmiche qui no, qui devo dirlo: ho bisogno degli ultimi due libri.
Piccola perplessità me la lascia anche Tyrion, che osserva la camera di Dany e sembra quasi…geloso. Per il prossimo anno e mezzo continuerò a chiedermi che significa quello sguardo. Evviva!

Alla Barriera.

Run!

Quella scena conclude perfettamente la stagione. Molto d’impatto, con Viserion che dà fuoco alla Barriera e questa cade inesorabilmente lasciando libero accesso all’esercito dei Non morti, ci lascia con la domanda più importante di tutte: cosa accadrà ora che anche l’ultima difesa di Westeros è caduta? Prima c’era ancora la seppur flebile speranza che la battaglia potesse essere evitata. Ora non più.
Ora, per i prossimi mesi, non ci resta altro da fare che ideare congetture e teorie.

E con la promessa che cose terribili stanno arrivando, insieme all’inverno che ormai è già qui, si conclude questa settima stagione. A parer mio è stata una stagione coinvolgente, che ha mosso numerosi passi avanti e ci ha dato risposte, a discapito tuttavia di alcune “assurdità”. Hanno preferito sorprenderci a discapito della sospensione di incredulità, viaggi che prima richiedevano interi episodi adesso vengono completati in un battito di ciglia ma ahimé, dobbiamo “accontentarci”.
Vorrei che l’attesa per la nuova stagione trascorresse altrettanto in fretta.

Per l’ultima volta, vi ringrazio per aver letto le mie recensioni e come sempre vi invito a passare dalle nostre affiliate, che ci terranno compagnia in questi mesi bui e pieni di terrori. A presto!

Ringraziamo: Game of Thrones Italia – Il Trono di Spade | » Addicted to Emilia Clarke | But you can be my forest love, and me your forest lass. Arya&Gendry | Casa Stark – L’inverno sta arrivandoGame Of Thrones – Al gioco del trono o si vince o si muore | Game of Thrones ITALIA | Jon Snow the bastard Italia | Jorah Mormont Italia | Kit Harington & Richard Madden Italian Page | Ladies Of Winterfell // Stark Sisters | Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco – Ita | ~ Le migliori frasi de “The Game Of Thrones” ~ | Lena Headey Source. | Mai, mai dimenticare chi sei – Game of Thrones | Nikolaj Coster-Waldau Italia | Nikolaj Coster-Waldau Resource. | Team Mormont | Team Sansa | You will fly « Bran Stark Source | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie Tv News | Because i love films and Tv series

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Game Of Thrones 7×07 “The Dragon and The Wolf”

  1. è probabile che Cersei abortirà nella 8×01, scegliendo un quadro abbastanza tragico perché se avesse perso il bambino ora durante il finale, avrebbe avuto la vicinanza di Jaime, le sarebbe rimasto accanto anche dopo il litigio che forse non sarebbe mai avvenuto. invece, ora che il gemello l’ha abbandonata, abortirà proprio nel momento in cui sarà veramente sola! Jaime l’ha lasciata, i loro figli e il loro padre sono morti, non ha più nessuno accanto a lei. avrà giusto quel cretino di Euron, sai che affare!

    poi particolare che non ho notato e ho rivisto la scena: quando l’estraneo tenta di attaccare Cersei a Dragonpit, lei non mette la mano sul ventre! l’istinto di ogni madre è sempre quello di proteggere il bambino, soprattutto se non ancora nato, mentre quando parla sia con Tyrion che con Jaime lo fa. Si accarezza il ventre. Perché? atto manipolatorio? è ancora salda la teoria della falsa gravidanza?

    ci sarà da impazzire su questo, così come sullo sguardo di Tyrion.

    su winterfell e Littlefinger, c’erano dubbi che sarebbe andata diversamente? si era capito che Arya e Sansa avevano messo su un teatrino con la complicità di Bran per fregarlo, esporlo ed infine giustiziarlo.

    Cersei, se ti senti tanto onnipotente, perché non vai a fare una visitina al night king? per me sei tu la Lannister più stupida tesoro

    Liked by 1 persona

  2. Bellissime le tue recensioni. Bellissima la serie e lunga l’attesa per il gran finale. il problema è che passa troppo tempo fra una stagione e l’altra e molti dettagli vanno perduti. La morte di Ditocorto è un capolavoro di raffinatezza. Ci sono indizi una volta messi insieme sono fantastici. Ditocorto muore come Katelyn Stark ucciso da Arya che usa la sua stessa Daga e che era già stata usata per tentare di uccidere Brandon Stark. I tre fratelli si sono uniti e si sono vendicati.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...