Orphan Black/Parliamone/Telefilm

Parliamone | Orphan Black SERIES FINALE

Ciao a tutti voi lettori pelati ed eccoci qui a salutare un’altra serie. Orphan Black è riuscita ad entrare nel cuore di molti telespettatori, grazie alla sua trama intrigante (anche se a volte non perfetta) e a dei personaggi fantastici. Questo sci-fi drama canadese, prodotto dalla BBC Canada, è giunto al termine dopo cinque stagioni, una più bella dell’altra, e si è chiuso pochi giorni fa con il decimo episodio della quinta stagione. Ovviamente l’articolo conterrà spoiler sul finale della serie e su tutta la quinta stagione in generale, quindi, se state seguendo Orphan Black su Netflix o state aspettando la messa in onda italiana, non proseguite con la lettura. Per tutti voi che invece avete seguito il percorso delle sestras fino alla fine non ci sono problemi!

Ho messo il sedere di Jordan Gavaris, beh, perché è un bel vedere e basta.

Vorrei cominciare dicendo che il primo episodio di questa stagione non mi aveva convinto affatto. Lento, noioso, un grosso meh, che mi ha bloccato nel proseguire questa stagione in contemporanea con l’uscita degli episodi. Ma poi mi sono deciso e la scorsa settimana ho recuperato i restanti otto episodi che ci separavano dal finale, e mi sono totalmente ricreduto.

Dopo un inizio traballante la serie torna ad essere quella che conoscevamo, con episodi al cardiopalma e colpi di scena inaspettati.

Finalmente appare colui che ha fondato il progetto Neulozionista, e che ha creato le Leda ed i Castor, P.T. Westmorland. L’uomo vive sulla sua isola dove, all’oscuro delle persone che hanno deciso di unirsi alla sua causa soprattutto per trovare la cura a malattie incurabili, gioca con il DNA umano e con la vita dei bambini, di cui sfrutta il sangue per rimanere giovane ed in forze. Inoltre non è chi dice di essere. Se tutti inizialmente credevano che fosse uno studioso dell’800, grazie a Cosima e a Ira, si scopre che in realtà non è altro che un amico del college di Susan, che ha mentito sulla sua vera identità per poter convincere sempre più persone. Insomma un ciarlatano, che per la paura di invecchiare e morire, ha sfruttato la vita di migliaia di bambini e di giovani per trovare l’immortalità.

Ma ora veniamo ad i personaggi principali.

Cominciamo da Sarah, che in questa ultima stagione mostra sempre di più il suo istinto materno, cercando di proteggere Kira dalle grinfie di Rachel e di Westmorland, che vorrebbero scoprire qualcosa in più sulle strane abilità della bambina. Sarah non è mai stato il mio personaggio preferito, nonostante tutto giri in torno a lei, ma in questa stagione ho saputo rivalutarla molto, soprattutto negli ultimi episodi, quando si trova alla mostra di Felix, oppure quando nel finale mostra tutte le sue debolezze alle sue sorelle. Alla fine non è altro che una ragazza con una vita (parecchio) travagliata, che ha fatto molte scelte sbagliate e che vorrebbe cercare di migliorarsi per le persone che ama e per se stessa. Sicuramente la morte di Siobhan, a cui io non ho creduto fino all’ultimo secondo, sbagliandomi, è stata l’ennesima pugnalata al cuore, che è riuscita a superare solo grazie alle altre sestra, a Kira e a Felix, ma che porterà sempre dentro di lei, come dimostrano il quadro appeso sopra al camino e la non vendita della casa di famiglia. Siobhan era sua madre, era la sua guida, nonostante tutti gli errori commessi, e vederla morire è stato straziante anche per noi spettatori, che ormai vedevamo in lei un pilastro della serie ed una madre per tutti.

Cosima invece è stata, per la maggior parte della stagione, tenuta prigioniera a Westmorland Island, cercando di scoprire i segreti dietro il Neoluzionismo ed il suo fondatore, mentre si occupava anche della cura per la malattia delle Leda. Lei invece è sempre stata uno dei miei cloni preferiti, ed in questa stagione ho temuto che potessero farla fuori insieme ad Alison (di cui parlerò subito dopo), ma per fortuna non è successo. La sua relazione con Delphine, che si è nuovamente dimostrata molto ambigua per quasi tutta la stagione, salvo poi tornare tra le braccia di Cosima, è stata come un giro sulle montagne russe, ma che finalmente ha raggiunto un finale felice. Inoltre vederle girare per il mondo curando le altre Leda è stato bellissimo. Cosima è sempre stata altruista ed impegnata nel voler salvare le altre cloni, e vederla felice mentre salva la vita a delle sue sorelle, è stato bellissimo.

Alison, la casalinga disperata più amata da tutti (cioè da me), ha intrapreso un viaggio alla riscoperta di se stessa, per capire meglio il suo ruolo tra tutte le sue sestra, e capire anche chi è ed il suo valore. Alison è sempre stata considerata quella più normale tra tutte, la più inutile, come le dice Rachel, ma in realtà ha sempre combattuto con le unghie e con i denti per le sue sorelle, aiutandole ogni qualvolta ne avessero bisogno, dimostrando che  anche lei in realtà è una componente importante di questa strana sorellanza. Vederla tornare ad una vita “normale”, se così si può definire una vita quando si ha delle copie di se stesse come sorelle ed una di loro che vive nel tuo garage, insieme ai suoi figli ed al suo Donnie è bellissimo, anche se sappiamo che dietro la facciata da giovane mamma perfetta e con i capelli sbarazzini (orrendi), si nasconde una donna forte, matura, amata dalla sua famiglia e che si sa amare, finalmente.

Veniamo ad Helena, la neo-mamma ha saputo davvero farsi valere durante questa stagione. Si è dovuta nascondere dai nemici in un convento, abbiamo scoperto qualcosa in più sul suo passato, ha distrutto (2 VOLTE) la perfida Virginia Coady e ha dato alla luce due bellissime teste di rapa, Donnie e Art. La ragazza ci è dimostrato molto durante tutta la serie, ed è passata da killer spietata ed odiata ad uno dei personaggi più amati dal pubblico, mostrandoci il suo lato più dolce e l’immenso amore verso tutte le sue sestras. Molto toccante il momento finale in cui comincia a leggere le sue memorie appena concluse davanti alle sorelle, raccontando la propria vita e la loro, insieme. Divertente la scelta del nome della sua auto-biografia, che secondo me diventerà un best-seller, Orphan Black. Chissà perché.

Ed infine eccoci a Rachel. La sua scelta di tradire Westmorland per allearsi con le Leda ci ha fatto letteralmente saltare sul divano, soprattutto visto che era totalmente inaspettato, visto che per tutta la stagione ha praticamente seguito tutti gli ordini del capo. Per fortuna ha capito che l’obiettivo non sempre giustifica i mezzi, e che P.T. non era

proprio ciò chi diceva di essere, visto che l’occhio che le aveva fatto trapiantare le successive visioni erano tutte gestite da lui. Mi è piaciuto molto come personaggio, nonostante il 90% del tempo speravo che morisse, proprio perché si è dimostrata imprevedibile e non ha mai stato facile per noi spettatori capire quale sarebbe stata la sua prossima mossa, come quando ha praticamente consegnato la vita di Ferdinand prima in pasto alla DYAD e poi alle Leda, dando via l’unica persona che ci sia mai stata veramente per lei, anche se in maniera errata. Mi è piaciuto il momento in cui incontra Felix per dargli la lista di tutte le Leda, dove lui l’accusa di avere un nuovo sottomesso e lei gli risponde che è solamente il suo autista Uber. Inoltre capiamo molto anche della nuova Rachel, persa in un mondo dove deve riscoprire la sua identità e dove è totalmente sola, una sensazione nuova per lei che ha sempre avuto tutto sotto controllo e che comandava tutti coloro che gli stavano attorno. Sarebbe davvero interessante vedere uno spin-off su questa nuova Rachel e sul suo percorso, anche perché ci sono ancora tante cosa da raccontare ed io non ce la faccio a dire addio alle mie sestra.

 

Per quanto riguarda tutti gli altri personaggi c’è da dire che ognuno di loro ha avuto un ruolo in questa stagione, a partire da Felix (bellissimo come sempre) che ha combattuto al fianco di quelle che ormai sono anche le sue sorelle, per poi finalmente ricevere anche lui una gioia con Colin, passando poi ad Art che anche questa volta aiuta le sestra in tutti modi possibili, senza alla fine ricevere neanche un bacino da Sarah (io li shippavo davvero tanto). E non voglio parlare di Siobhan perché è ancora una ferita aperta, ma l’importante è che venga ricordata sempre.

Che cosa ci lascia quindi Orphan Black? Ci lascia dei personaggi indimenticabili, una storia intrigata e neanche troppo improbabile alla fine, ed un talento enorme come quello di Tatiana Maslany, che praticamente interpreta mezzo cast da sola e che dovrebbe vincere tutti i premi di questo mondo per la sua bravura.

In più questa serie ci lascia un messaggio, molto attuale, ovvero che non sempre la famiglia è quella dove si nasce, ma la maggior parte delle volte è quella si sceglie, che si costruisce con le proprie mani e con l’aiuto delle persone che si ama veramente, dove l’importante non è condividere lo stesso sangue ma lo stesso amore. Può sembrare una cosa sdolcinata, ma io credo veramente che Orphan Black sia riuscito a mostrarci come la parola famiglia sia molto di più di quello che molte persone credono.

Detto questo vi lascio, sperando che questa serie sia piaciuta tanto a voi quanto è piaciuta a me, e vi auguro di avere una famiglia che si ama tanto come si amano le nostre sestra.

Vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete ancora fatto, e poi a passare a dare un’occhiata alle nostre affiliate.

 

 

 

 

 

 

 

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series

 

Annunci

2 thoughts on “Parliamone | Orphan Black SERIES FINALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...