Shadowhunters/Telefilm

Recensione | Shadowhunters 2×20 “Beside Still Water”

Cari Shadowhunters, alziamo i bicchieri e brindiamo anche noi, come tutto il mondo dei nascosti, per festeggiare questo finale di stagione che è stato davvero da cardiopalma e armiamoci di pazienza perché, per sapere come si evolveranno le cose, avete davanti solo due possibilità: comprarvi i libri o aspettare l’inizio della terza stagione che attualmente è in lavorazione.

Parlando di libri: quello a cui abbiamo assistito è stato il finale della prima trilogia dedicata al mondo dei cacciatori, quindi dalla prossima stagione vedremo sullo schermo gli avvenimenti raccontati in “Città degli Angeli Caduti”, “Città delle Anime Perdute” e “Città del Fuoco Celeste” e se già dai titoli avete intuito che ci sarò ben poco da stare allegri, non ne avete neanche ancora lontanamente idea: abbiamo dato l’addio definitivo a Valentine? Sebastian è morto oppure quella figura emersa dai demoni porterà a una svolta? E ancora, che conseguenza ci saranno per Jace dopo il suo ritorno in vita? Sono queste le tutte le domande a cui la nuova stagione dovrà rispondere ma allontaniamoci dal futuro per tornare al presente e a questa puntata.

Dopo due stagioni e numerose critiche credo sia doveroso riconoscere i progressi fatti da Katherine Mcnamara. La scena del suo addio a Jace, della sua disperazione sono sembrate – finalmente – realistiche e sono riuscite a mettere i brividi persino a me che sapevo benissimo come il tutto si sarebbe concluso.

Ho trovato anche una sorta di poetica nell’uccisione di Valentine da parte della figlia, come se finalmente un cerchio, anche in senso letterale, si fosse concluso. Sangue contro sangue e, non a caso era proprio del sangue versato quello che serviva per avocare Raziel. Ah il famoso angelo da tutti decantato. Immagino che per FreeForm racimolare soldi per gli effetti speciali non sia un’impresa da poco per cui evito di infierire oltre e dichiaro che sì, quel bagliore dorato dotato di ali era esattamente quello che avevo sempre immaginato come figura mitologica chiave del mondo dei Nephilim.

Fra le scene da brividi sicuramente quella in cui Alec sente sparire il suo legame Parabatai. Se c’è un legame più forte di tutto, anche dell’amore romantico, è proprio quello fra un guerriero e il suo parabatai. Essere parabatai è qualcosa che va oltre, oltre i Malec e i Clace ci sono Alec e Jace, un legame eterno che sicuramente non è facile da descrivere nell’essenza totalizzante datogli dalla Clare ma che riesce a dare vita a scene molto intense anche sullo schermo: I flash-back della loro vita insieme, lo sguardo completamente perso e disperato di Alec, l’impotenza sul volto di Magnus, consapevole che anche tutta la sua magia e il suo amore non sarebbero bastati per lenire il dolore del suo compagno. Non ho potuto fare a meno di chiedermi se in quel momento lo stregone abbia pensato a un altra coppia di parabatai. Probabilmente si. “Dove andrai tu andrai io e qui vi sarò sepolto.” Cos’altro potrebbe esserci di più intenso?

Se c’è una cosa che però riesce sempre a ricordarmi di quanto il nostro show sia una somma di bellissimo trash sono le scene di combattimento e non parlo di quella sulla spiaggia, in cui Alec lancia frecce che persino Oliver Queen e Katniss avrebbero fatto fatica a stare al passo, ma di quelle fra le vie di New York. Perché ogni volta che scendono per strada mi danno l’idea di modelli di Calvin Klein più che quella di guerrieri spietati? Sarà mica colpa delle pose così plastificate che da un momento all’altro mi aspetto il fotografo che spunti in scena urlando: “perfetto così, ora passiamo a febbraio.”

Sono molto curiosa della storyline di Simon che a differenza degli altri personaggi si distacca completamente da quella del libro, la cotta della regina Seelie per lui potrebbe benissimo diventare una puntata di amore criminale. Simon è un ospite o diverrà presto un prigioniero? Che tutto questo porti al tanto agognato avvicinamento Izzy? Proprio ora che mi stavo abituando a vederlo con Maia.

Prima di salutarvi vorrei però darvi un consiglio: se scoprite l’esistenza di un lupo mannaro evitate di chiedergli spiegazioni quando questo si trova circondato da tutto il suo branco. Che la collega di Luke non fosse particolarmente simpatica era un fatto ma non la facevo completamente idiota. È un vero peccato che Luke sia troppo buono per sbranarla avrebbe avuto tutta la mia comprensione.

E per questa puntata è davvero tutto, in attesa della prossima stagione vi auguro di godervi a pieno quel che rimane dell’estate e di darci sotto con il binge watching.

Per rimanere sempre aggiornati mettete mi piace a Parole Pelate e passate dalle nostre affiliate nel mondo dei nascosti:  Le Più Belle Frasi di Shadowhunters | » Shadowhunters Italian Fans.Shadowhunters Italia ~ www.shadowhunters.it  | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie Tv News

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...