Game of Thrones/Telefilm

Recensione | Game Of Thrones 7×05 “Eastwatch”

Ennesimo colpo di acceleratore per questo episodio di Game Of Thrones che, dopo aver concluso praticamente tutti gli scorsi episodi con una battaglia, quest’oggi ci lascia con la promessa che la settimana prossima dovremo salutare parecchi personaggi. In maniera sicuramente dolorosa.

Con soltanto due episodi – momento rigiro il coltello nella piaga – rimasti per questa stagione, è arrivato il momento di tirare i fili e prepararci al colpo finale.

Il leone non si preoccupa dell’opinione della pecora.

Da una parte abbiamo Cersei Lannister che non deve piangere la morte del fratello, perché Jaime e Bronn sono vivi e vegeti (non che avessimo dubbi) e anzi, la vediamo felice e contenta perché SORPRESA è incinta. Pronta ad annunciare al mondo che il padre è il fratello, perché cito le sue testuali parole sono regina faccio figli con chi cavolo mi pare, a me sembra solo l’ennesimo modo per aggirare la profezia della sua stessa morte. Tre figli, tre sudari d’oro: questo si è già avverato. Ha provato a uccidere Tyrion perché è sicura che sia lui il Valonqar ma non c’è ancora riuscita. L’arrivo di questo figlio potrebbe essere un segnale che la profezia può essere comunque aggirata, sono sicura che questo le abbia dato speranza, ma sono altrettanto sicura che questo bambino non vedrà mai la luce, dando l’ennesimo colpo al suo personaggio. Un figlio potrebbe aiutarla a ritrovare quel briciolo di umanità perso definitivamente dopo il suicidio di Tommen, ma perderlo? Che conseguenze avrà?
Jaime invece ha incontrato Tyrion e il loro è stato un momento molto bello. Una delle cose che più “rimpiangevo” nei libri era Tyrion che mentiva a Jaime per dispetto e gli diceva di aver ucciso Joffrey. Nella serie questo non è successo e i due si sono lasciati in buoni termini, salvo poi mettere sul piatto la piccola questione del patricidio. Mi pare evidente che Jaime sia ancora combattuto tra l’odio per quel gesto e l’affetto che lo lega al fratello, ma spero che questo sia il primo passo verso un distacco del cavaliere nei confronti della sorella: Jaime è un bel personaggio, è cresciuto molto ed è cambiato, ma adesso sembra essere tornato a essere semplicemente il galoppino di Cersei e non mi piace, sembra una sorta di involuzione durata anche troppo. Magari Cersei, posta davanti alla minaccia degli Estranei, la ignorerà e anzi cercherà ancora di uccidere Tyrion, allontanando Jaime che si sarà reso conto di quale sia il vero nemico?

Per due gemelli che stanno per diventare (ancora) genitori, abbiamo dall’altra le sorelle Stark che dopo cinque minuti passati a volersi bene, hanno ripreso a detestarsi. Non mi è piaciuto per niente il modo in cui Arya si è rivolta a Sansa: sembrava intenzionata a prenderla in contropiede, metterla a disagio con le sue domande, farle una colpa perché tutto sommato le piace comandare. Anche se così fosse? Sansa si sta comportando bene, tutto per permettere a Jon di non perdere alleati, e non c’è nulla di male ad ammettere che quel ruolo le si addice perché, per come stanno le cose al momento, è vero.
Arya dovrebbe concentrare le sue energie contro Ditocorto, che sembra sia riuscito a prenderla per il naso. In effetti mi domandavo come fosse possibile per lui girare per Grande Inverno senza sentirsi osservato, visto che Arya lo seguiva e spiava peggio di Bran con gli Estranei. Ora, lui evidentemente la considera una minaccia consistente e ha deciso di metterla fuori dai giochi orchestrando questa farsa della lettera di Sansa – se non sbaglio, è quella che Cersei la convinse a scrivere per convincere Robb ad arrendersi e che la fa apparire come una traditrice – che POTREBBE mettere contro le due sorelle in maniera definitiva, come potrebbe allo stesso tempo mettere fine ai giochi di Ditocorto, smascherandolo una volta per tutte. Tutto dipende da come si comporterà Arya e cosa farà con la lettera. Io spero solo che non sia affrettata nel suo giudizio, che riesca almeno a battere Ditocorto al suo stesso gioco d’astuzia.
Intanto Bran spia gli Estranei – sempre più vicini – manda corvi – con due occhi – per avvertire chi di dovere ma quasi nessuno gli crede. Io soffro perché già mi manca Meera. In ogni caso, ormai al ragazzo bastano trenta secondi di screentime per avere un ruolo quasi fondamentale.

Da una Lady Stark a una Regina Targaryen, Daenerys con diplomazia e poco fuoco ha convinto l’esercito dei Lannister ad arrendersi a lei.
Un minuto di silenzio per il povero Dickon Tarly. Che spreco di muscoli.
Comunque, c’è una cosa detta da Varys che mi ha colpita, una cosa che riguarda Dany: non diventerà come suo padre… se le verranno dati i giusti consigli. Quindi anche le persone più vicine a lei, quelle che la seguono di loro spontanea volontà, riconoscono in lei una scintilla di “follia”, se così vogliamo chiamarla. Non so se giudicarla o meno – Cersei ha fatto di peggio, non posso negarlo, e spesso tendo a criticare Daenerys solo perché mi è stata a lungo antipatica ed è difficile ammettere che, anche nei suoi momenti peggiori, spesso non avrebbe potuto agire altrimenti – però mi ha colpito. Come se persino loro sapessero che lei non è la scelta migliore in assoluto, ma quella che al momento hanno e sono disposti a cogliere. In fondo, la Madre dei Draghi brucia solo chi non le piace. Io non credo che possa diventare una Regina Folle, no, ma come dice lei stessa non ha raggiunto i Sette regni per mettere persone in catene. Sei con lei o contro di lei, e questo potrebbe sfuggirle di mano. Staremo a vedere.
Ser Jorah sta sicuramente con lei, tant’è che appena ha avuto il via libera in un attimo ha raggiunto la sua regina donandoci un momento davvero emozionante. La sua fedeltà e lealtà sono davvero innegabili, tant’è che sembra quasi impossibile ricordare che lui l’abbia tradita solo qualche anno fa. Le è devoto in maniera quasi commovente, e mi dispiace pensare che non abbia alcuna speranza con lei, se non come amico e confidente.
Perché anche Dany ormai fa gli occhioni dolci a Jon. Quando lui annuncia la sua decisione di partire a Nord della Barriera, lei lo guarda come per dire ma no aspetta resta, sei qui soltanto da qualche mese, c’è tempo. E forse c’era anche paura, perché questa è un’impresa tutt’altro che facile, potrebbe non tornare ed è evidente quanto l’idea le dispiacesse. Perché l’attrazione c’è, è palese. Platonica, ma c’è. Proprio come una zia che guarda il nipote partire per una missione suicida. Uguale.

Siamo tutti dalla stessa parte.
Come fai a dirlo?
Respiriamo tutti.

Dal canto suo Jon ha messo insieme una bella squadra. Gendry, il Mastino, Davos e compagnia bella. Tutti insieme a fare una settimana di campeggio in mezzo alla neve e ai morti. Non so, io ho un pessimo presentimento, sento che molti di loro non li rivedremo e comincio a rimpiangere che il gruppo sia andato direttamente alla Barriera senza passare da Grande Inverno – reunion Gendry/Arya mancata, perchéééé – ma si sa, pur di salvare il popolo questo e altro.


Ecco, stranamente quello che ha detto Jon oggi ci ha dimostrato che forse, e sottolineo anche qui il forse, come re non sarebbe poi così male. Non vuole il potere eppure finisce sempre per ottenerlo – prima come Lord Comandante, ora come Re del Nord – e almeno a parole sembra intenzionato a fare del suo meglio per il suo popolo, persino quando tutto gli rema contro, come un buon sovrano dovrebbe fare. Persino quando questo gli costa un pugnale nel cuore o corre il rischio di essere bruciato da un drago. Finora non ha giurato fedeltà a Daenerys solo perché sa che come Re del Nord potrebbe fare di più rispetto a un semplice Protettore.

E questo ci porta direttamente alla scoperta che ha fatto Gilly, ovvero che Rhaegar ha annullato le sue nozze con Elia Martell – povera donna, cornuta e annullata… e uccisa dalla Montagna – per risposarsi subito dopo, implicando tra le righe che Jon sia un figlio legittimo, la cui pretesa al trono fa ciao ciao a quella di Daenerys. Al momento, Jon potrebbe davvero diventare Re dei Sette Regni, in un modo o nell’altro.
Sam, però, ha ignorato questa notizia. Quindi sono curiosa di sapere come rimetterà insieme i pezzi, se lo farà con l’aiuto di Bran a Grande Inverno, insomma, voglio vedere come si evolverà la vicenda.
E poi, lui ha lasciato la Cittadella, ma è ancora un Guardiano. Nessuno gli ha rivelato di essere l’ultimo della sua casata… Cambierà qualcosa per lui? Esiste un modo per fargli sciogliere il suo giuramento? Non credo, ma non ci metterei nemmeno la mano sul fuoco. Potrebbe anche ignorare il fatto di essere l’ultimo Tarly perché non interessato, potrebbe rendere Piccolo Sam erede, potrebbe andare in battaglia e morire… chissà.

Varie ed eventuali:

-Jon che coccola Drogon. Noi sappiamo che il suo sangue Targaryen glielo permette, ma allora dobbiamo credere che la teoria che riguarda Tyrion sia reale, considerato che anche lui è riuscito a “domare” i draghi di Daenerys?

-Davos che dice a Gendry: Credevo che stessi ancora remando.
Anche noi Davos, anche noi.

-Tutti a considerare Bran solo uno Storpio. Ditocorto che si preoccupa solo di Arya, i Maestri alla Cittadella che prendono i suoi messaggi come spreco di carta e inchiostro… quando alla fine vedranno che aveva ragione, che era di lui che si dovevano preoccupare, le immagini di Bran con gli occhiali da sole e la scritta BOOM BITCHES si sprecheranno. Io le aspetto.

-Jon e Gendry già amiconi come Ned e Robert. Però una volta, una sola, Gendry poteva anche dire “sai, ho viaggiato con tua sorella Arya”. Vabbé.

-Spettro che viene nominato ma non mostrato.
E poi penso a Jaime preoccupato che a inizio episodio dice a Bronn “Quello era solo uno. Ne ha altri due. Se decide di usarli…”
Sì, e se il CGI lo permette.

E siamo a meno due. Tra viaggi di chilometri e chilometri fatti in dieci minuti, draghi, morti e martelli, siamo arrivati quasi alla fine. Prepariamoci al gran finale, perché credo che questi ultimi due episodi ci terranno col fiato sospeso.
Nel frattempo, come sempre, per ingannare l’attesa vi invito a passare dalle nostre affiliate e da Parole Pelate.

Ringraziamo: Game of Thrones Italia – Il Trono di Spade | » Addicted to Emilia Clarke | But you can be my forest love, and me your forest lass. Arya&Gendry | Casa Stark – L’inverno sta arrivandoGame Of Thrones – Al gioco del trono o si vince o si muore | Game of Thrones ITALIA | Jon Snow the bastard Italia | Jorah Mormont Italia | Kit Harington & Richard Madden Italian Page | Ladies Of Winterfell // Stark Sisters | Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco – Ita | ~ Le migliori frasi de “The Game Of Thrones” ~ | Lena Headey Source. | Mai, mai dimenticare chi sei – Game of Thrones | Nikolaj Coster-Waldau Italia | Nikolaj Coster-Waldau Resource. | Team Mormont | Team Sansa | You will fly « Bran Stark Source | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie Tv News | Because i love films and Tv series

Annunci

4 thoughts on “Recensione | Game Of Thrones 7×05 “Eastwatch”

  1. L’uso del personaggio di arya é completamente fuoriluogo. capisco che sei un assasina supermegafiga ma non ha senso quello che dice, una serie di nonsense dopo l’altro.Sansa ha ragionissima

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...