Parliamone/Telefilm

Parliamone | La Vacanza di Un/a Telefilm Addicted!

È tardi, è tardi, è tardi!

No, non è la battuta del Bianconiglio, è quello che ci ripetiamo ogni qualvolta arriviamo a Maggio-Giugno e ci rendiamo conto che non abbiamo organizzato nessuna vacanza per questa estate.

Le motivazioni possono essere svariate: amici che ci danno buca, esami che ci fanno rimandare qualsiasi evento sociale (tipo la vita), soldi che scarseggiano perché spesi in libri, shopping, ecc., mancanza di idee… ma non demordete almeno sull’ultimo punto possiamo aiutarvi noi.

Ecco a voi alcune tappe telefilmiche che potrebbero tranquillamente diventare meta delle vostre future vacanze.

Scozia, Regno Unito. 2h 30m circa di volo (riferimento Edinburgo). OUTLANDER.

Alcuni luoghi citati dall’autrice Diana Gabaldon e poi riportati nella trasposizione dei suoi romanzi: Outlander, sono di pura invenzione, ma i set usati sono tutti reali e girati interamente in Scozia. Terra di non solo paesaggi ricchi di storia e tradizione, ma soprattutto castelli. L’immaginario castello di Leoch, casa di Colum MacKenzie e del suo clan (che vediamo sia nel passato che nel presente di Claire), è in realtà lo splendido castello di Doune, nei pressi di Stirling. Sede del clan dei Fraser e casa natale di Jamie è il castello di Midhope Castle poco distante da Edimburgo. Purtroppo non è visitabile all’interno.

Invece il monastero di Sainte Anne de Beaupré in Francia, in cui Jamie si rifugia, è il castello di Aberdour, situato sulla costa del Fire, un tempo lussuosa residenza rinascimentale. Questo castello in rovina è uno dei più antichi in muratura ancora in piedi. Proseguendo con le costruzioni e i set interni… la splendida Hopetoun House, situata nella periferia di Edimburgo, rappresenta la residenza (in parte digitalmente rimpicciolita) del duca di Sandringham. Il quartier generale di Fort William di Black Jack Randall, che fa da sfondo alla straziante scena dell’incarcerazione di Jamie, è vicino a Edimburgo, sul Firth of Forth: castello di Blackness o “la nave che non è mai salpata“. Ora passiamo ai pittoreschi e idilliaci paesaggi, partendo subito dall’affascinante Inverness, dove appunto inizia la storia di Claire e suo marito Frank nel 1945.  Glencorse Old Kirk, Edimburgo, sorge ai piedi delle colline di Pentland, ed è dove Claire e Jamie si uniscono in matrimonio. Allontanandoci da questi ricordi felici, un altro luogo da visitare e di riflessione è il campo di battaglia di Culloden, dove Jamie e Claire si dicono addio. Ma la Scozia offre anche mete di mare dove rilassarsi come Troon, nell’Ayrshire, dove Claire, Jamie e Murtagh salgono a bordo di una nave per riportare Jamie all’abbazia di Sainte Anne de Beaupré in Francia. Invece la tenuta Dunalastair nei pressi di Kinloch Rannoch rappresenta Craigh na Dun, ovvero l’ambientazione della misteriosa sparizione di Claire attraverso i megaliti, che in realtà non ci sono, in compenso abbiamo la distesa di Rannoch Moor, una terra altrettanto fiabesca, costellata di loch, corsi d’acqua, fiumi e rocce sporgenti, ecc.

Se poi ci scappa un incontro con Sam dopo tutta questa “cultura“, non sarebbe male.

Inghilterra, Regno Unito, 2h circa di volo (riferimento Londra). THE CROWN-VICTORIA-DOWTON ABBEY-SHERLOCK-POLDARK-GRANTCHESTER

Costruito sulle rovine del palazzo medievale dei vescovi di Winchester, passato poi di mano fra diverse famiglie nobili inglesi, il castello utilizzato per le riprese esterne e alcune anche interne di Downton Abbey è l’Highclere Castle di West Berkshire, in Inghilterra. Oggi è abitato, in maniera più modesta che dalla famiglia Grantham, dall’ottavo conte di Cavarnon e la moglie. Infatti il castello, necessitando di lavori dispendiosi, fino a qualche anno fa era abitabile solo in parte. E il villaggio di Bampton, nello Oxfordshire, è stato utilizzato per girare le scene all’aperto, in particolare la St Mary’s Church e la biblioteca del villaggio, ovvero l’ingresso all’ospedale. L’Hampshire, contea meridionale, è una popolare meta turistica. Offre stazioni balneari e una grande cultura letteraria in quanto sono originari di qui Jane Austen e Charles Dickens.

Ora però spostiamoci proprio nella capitale inglese: Londra. Come tutti i lettori di Arthur Conan Doyle sanno l’indirizzo dell’appartamento dell’investigatore Sherlock Holmes, 221b Baker Street, Londra; nella realtà non è altro che un palazzo, quello visto nella serie BBC Sherlock, con una targa commemorativa (lo Sherlock Holmes Museum è più avanti), ma qualcosa di vero c’è:  il bar che si vede al piano terra, lo Speedy’s Café,  al 187 di North Gower Street. Magari, prima di fare un salto al museo ci possiamo gustare ottimi sandwich col nostro amico Watson.

Restiamo ancora a Londra, anzi prendiamoci quindici giorni per visitarla tutta, compresi i dintorni. The Crown (Netflix) e Victoria (ITV) ci danno grossi spunti culturali su cosa visitare nella grande città inglese.

La serie The Crown è girata tra Londra, Guildford, le contee di Hertfordshire e Aberdeenshire. 

Le scene ambientate a Buckingham Palace sono realizzate a Lancaster House (come anche lo speciale natalizio di Downton Abbey del 2013), monumento classificato di 1º grado, gestito dal Foreign and Commonwealth Office; a Wrotham Park (più in campagna) e a Wilton House, oltre che in set ricostruiti in studio. Il matrimonio tra Elisabetta e Filippo, ambientato nell’abbazia di Westminster, venne girato nella cattedrale di Ely, a est dell’Inghilterra. Protagonista anche della cultura popolare perché è visibile nella copertina dell’album The Division Bell dei Pink Floyd del 1994 tra le bocche delle due statue che si fronteggiano in primo piano. Altre location usate nella serie sono: il Royal Naval College a Greenwich, imponente ex ospedale, ora college visibile dal Tamigi, il Lyceum Theatre, nella Città di Westminster, un borgo di Londra, la cattedrale di Southwark, una delle più belle chiese gotiche della città e chiesa madre della diocesi anglicana di Southwark. Se volete saperne di più della famiglia reale odierna e del periodo della serie tv più costosa di Netflix si potrebbe anche fare un salto alla Torre di Londra per vedere i gioielli della Corona o Regaglia (esattamente dove Moriarty fece l’attentato), al Churchill Museum and Cabinet War Rooms che contiene anche un’esposizione dedicata alla vita privata e politica del primo ministro, al Castello di Windsor, alloggio reale situato a Windsor (facilmente raggiungibile da Londra con un treno), nella contea del Berkshire; residenza estiva della regina Elisabetta, residenza reale principale della regina Vittoria (grazie all’amore per gli alberi di Albert), al cui interno oltre ad ammirare l’architettura potrete vedere la Queen Mary’s Doll House, la più grande e famosa casa delle bambole al mondo. Naturalmente una volta a Londra non si possono perdere le classiche attrazioni come Buckingham Palace, Westminister, Kengsinton Palace, il National gallery e il Victoria and Albert Museum.

Prima di ripartire, come Grantchester (ITV) ci consiglia, visitiamo per bene Cambridge a circa 100 km a nord-est di Londra, e sede di un’università tra le più antiche al mondo e del Fitzwilliam Museum. Parte delle riprese vengono effettuate nei luoghi in cui la serie è ambientata: Grantchester e il fiume Cam, sul quale nella realtà si svolgono gare di canottaggio. Vengono affittati, oltre alla chiesa di St Andrew e St Mary, anche i pub del luogo e assunti giovani del paese e donata una somma al fondo della comunità. Prima ancora di ricevere l’incarico la ITV aveva fatto un sopralluogo per conoscere il tranquillo paese di campagna dove avrebbero girato per stabilire con gli abitanti un rapporto pacifico.

Se avete ancora giorni a disposizione, oppure preferite fare una vacanza più tranquilla, finalizzata a vedere piccoli centri e a vivere appieno la vita bucolica del posto, Poldark è l’uomo/serie per voi. Purtroppo non ci sarà lui ad accoglierci in Cornovaglia, nella parte sud-occidentale dell’Inghilterra, ma già la sigla della serie tv del 2015 mette una gran voglia di preparare le valigie. È una meta molto ambita dato il mare e le sue scogliere per chi pratica sport acquatici come surf, windsurf, kitesurf ecc., senza contare i turisti attratti dalla brughiera e dai siti storici. Naturalmente tra i luoghi citati e visti dalla serie c’è ne uno veramente esistito (oltre al capoluogo Truro): la Wheal Leisure, la miniera del protagonista Ross e anche se ora è chiusa, l’edificio c’è ancora e si trova in cima a una scogliera che dà direttamente sull’Atlantico e  luogo di riflessione di Ross e Demelza in più occasioni tipo il finale della seconda stagione.

Le serie tv inglesi ispirano sempre per i loro luoghi meravigliosi e verdi, ma non possiamo negare che anche grandi centri metropolitani, affollati e pieni di vita stuzzicano il viaggiatore che è in noi.

New York, Washington, California, Stati Uniti. 8h circa di volo (punto di riferimento New York). HIMYM-SEX AND THE CITY- OC-STREGHE-GREY’S ANATOMY-IZOMBIE-BBT-CSI

Vi starete chiedendo perché How I met your mother e non ad esempio Friends, i motivi sono due: primo vorrei anche io sedermi al MacLaren’s dopo aver visto il cast perennemente piantonato lì, e secondo dopo che Ted ci ha tormentati, sarebbe ora di visitare l’Empire State Building; un grattacielo in stile art déco della città di New York, situato nel quartiere Midtown del distretto di Manhattan, all’angolo tra la Fifth Avenue e la West 34th Street, che suo malgrado è diventato oggetto dell’ossessione di Mosby. Il MacLaren’s invece si ispira ad un vero pub di New York chiamato McGee’s, locale che piaceva sia a Carter Bays che a Craig Thomas. Il nome del bar e del barista deriva dall’assistente di Carter Bays, Carl MacLaren.

Ma chi ha fatto di questa città la protagonista tanto da meritarsi un posto importante nel titolo della serie? Sex and the City. Manhattan è il luogo dove vivono Carrie e le sue amiche. Seguendo i passi delle protagoniste dai loro appartamenti al luogo di lavoro, negozi, bar e ristoranti visti, vengono organizzate gite guidate a bordo di autobus che partono dalla 58a strada e visitano questi luoghi. E perciò seguendo i passi delle quattro ragazze sarebbero da vedere o provare: la New York Public Library, location scelta per le nozze di Carrie e Big; il Russian Samovar, il locale in cui Carrie viene invitata da Aleksandr Petrovsky, il cui attore e ballerino Mikhail Baryshnikov ne è davvero il proprietario; e soprattutto è d’obbligo fare shopping al Greenwich Village e Soho. Una vacanza dispendiosa insomma.

 

So che vorreste sicuramente far tappa a Seattle, Washington, casa di Grey’s Anatomy  e IZombie (girato a Vancouver però), ma dopo una visita allo Space Needle e un giretto sul ferry boat, prendiamo un aereo e raggiungiamo la California. Probabilmente dovete tener conto da New York di almeno 8h se volete raggiungere Seattle, e da qui un 3h per Los Angeles.

Parliamoci chiaro, l’America è un luogo di “villeggiatura” completamente diverso dall’Europa, e l’itinerario newyorkese, tutto shopping e divertimento ne è l’esempio, perciò le serie tv americane cosa ci hanno insegnato?

O.C. ci ha mostrato, come anche Baywatch, ma a Santa Monica, spiagge infinite, climi mai invernali, e location da sogno. Ci troviamo nella Silicon Valley, in questa zona mancano grandi centri e le città più popolose sono Newport Beach e Santa Ana. È la seconda contea più popolosa della California e la quinta degli Stati Uniti. Se si è in zona sicuramente bisogna fare un salto a Disneyland con 8 aree a tema, ma ritornando alla serie oltre alle mega ville con vista dove vivono i protagonisti, situate tutte a Malibu sulla Ocean Breeze Drive, al molo a Redondo Beach possiamo trovare un piccolo caffè visto in numerose scene e un locale di musica dal vivo, The Bait shop. Magari si potrebbe fare anche un saltino a Pasadena per vedere l’edificio location di Big Bang Theory, oppure la casa dei gemelli Walsh al  1675 di East Altadena Drive ad Altadena, vicino Pasadena, ma dopo aver visitato per bene Los Angles con gli Universal Studios Hollywood, la Walk of Fame e Rodeo Drive, cinema e shopping, andiamo a sperperare i nostri soldi nella casa di CSI: scena del crimine: Las Vegas. Qui non c’è bisogno che vi indichi cosa fare o vedere, la città delle mille luci e colori parla da sola. Naturalmente a Los Angeles si sono svolte non solo numerose serie (NCIS, Law & Order LA, Beverly Hills 90210, Colombo) ma anche tante altre che hanno usato questi set e i suoi studios per girare solo alcune scene come la stessa Grey’s anatomy o Friends (Burbank) .

Rimanendo sempre sul versante occidentale c’è una città assolutamente da vedere: San Francisco. Charmed-Streghe ci ha affascinati per otto stagioni con la famosa città dalle ripide colline. La casa delle sorelle Halliweel esiste davvero, ma mi dispiace per voi, mentre le panoramiche riprendono la famosa città ventosa, la serie è girata a Los Angeles. La casa, situata in un’area di Echo Park chiamata Angelino Heights, si trova al seguente indirizzo: 1329 Carroll Avenue, Los Angeles, California, 90026. Ma una volta arrivati qui dovete assolutamente vedere il Golden Gate Bridge che nei miei ricordi è stato teatro di discussioni tra demoni, angeli e le sorelle Halliweel (tipo Leo che discute con gli anziani) e il penitenziario federale di Alcatraz.

 

Naturalmente le tappe telefilmiche non finiscono qua, ma per quest’anno lo staff pelato vi offre pacchetti completi per queste mete. Tante sono le serie escluse, e gli stati americani neppure citati, ma non vi preoccupate, magari potremmo tornare con i nostri consigli il prossimo anno con la Croazia (GOT), la Finlandia (Vickings), sempre l’America (Lima-Glee, Chicago-E.R., ecc.) e tanti altri.

Ora, tutti a preparare le valige! E buon divertimento.

(ecco cosa succede a vedere troppe serie tv)

Ma qualcuno di voi è mai stato in uno di questi posti?

Prima di lasciarvi vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e poi a passare dalle nostre pagine affiliate.

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series | Because i love films and Tv series

 

Annunci

7 thoughts on “Parliamone | La Vacanza di Un/a Telefilm Addicted!

  1. Bell’articolo *-* Io sono stata a Londra lo scorso maggio e da fan di Sherlock non ho potuto evitare di fare un salto a North Gower Street, oltre che la vera Baker Street! Purtroppo niente sandwich da Speedy’s perchè era chiuso.
    Una chicca che mi ha sorpreso è stata scoprire che accanto alla casa dello Sherlock televisivo ha vissuto niente di meno che Giuseppe Mazzini!

    Liked by 1 persona

    • Io adoRo Londra, e anni fa me la sono vista quasi tutta in 15 giorni. Purtroppo non ero ancora una telefilm addicted, e Sherlock era ancora un sogno per la BBC, se no sarei corsa a vedere il finto appartamento. Non sapevo che Mazzini avesse vissuto lì vicino 😍 che bello quando storia e serietv si incontrano…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...