Grey’s Anatomy/Interviste/News/Telefilm

News | Shonda Rhimes Parla Di Come Sarebbe Dovuto Essere Grey’s Anatomy

Grey’s Anatomy è uno degli show più amati e longevi di sempre ma la sua creatrice, Shonda Rhimes, ha recentemente rivelato che, all’inizio, la serie sarebbe dovuta essere diversa da quella che siamo abituati a vedere ormai da tanti anni. I personaggi, il titolo, la location e tante altre cose non erano nei piani originali di Shonda. Vediamo nello specifico quali sono queste differenze.

  • Il titolo. Lo show si sarebbe dovuto chiamare “Surgeons” (Chirurghi) e non Grey’s Anatomy.
  • Il Seattle Grace ha rischiato di non esistere. Lo show doveva essere ambientato a Boston, Philadelphia o New York. La Rhimes ha infatti dichiarato: “Questa non è una vita da piccola città. Grande città, grandi ospedali e grandi interventi”.
  • Shonda era certa del tono che il suo show avrebbe avuto: “Io non credo nel melodramma e nei momenti strappalacrime”. Oggi Grey’s Anatomy è famoso per tutte le lacrime che ha fatto versare ai milioni di fan sparsi per il mondo e per le sue dichiarazioni d’amore. Chi, almeno una volta nella vita, non ha mai visto o sentito parlare della famosa scena “prendi me, scegli me, ama me”?
  • La Rhimes conosceva i suoi personaggi talmente bene da aver descritto il contenuto del loro armadietto. Meredith Gray aveva “pile di vecchie cartoline di compleanno che avrebbe voluto spedire ma non lo ha mai fatto” e “tre sveglie perché ha paura di dormire troppo durante le sue pause”. L’armadietto di George O’Malley, invece, avrebbe contenuto “articoli di riviste mediche e vecchi libri di testo” mentre quello di Cristina Yang avrebbe incluso “una raccolta con i più recenti articoli di ricerca, tacchi alti per uscire dopo il lavoro e preservativi…perché non si sa mai “.
  • Non c’era nessun Alex Karev nei piani originali. Il personaggio di Alex non era previsto, è stato aggiunto al termine delle riprese del pilot. Oggi, 13 stagioni più tardi, Karev è ancora uno dei personaggi centrali nello show.

  • Tutti i medici non avevano delle abitudini salutari. Il fumo, in particolare, doveva essere importante per tutti loro, soprattutto per Meredith.
  • Potreste immaginare Cristina che si innamora di Denny? La storia originale della Yang prevedeva che si innamorasse di un paziente (storyline poi ceduta ad Izzie Stevens) e che suo padre diventasse uno dei maggiori benefattori dell’ospedale.
  • Richard Webber era descritto come “un uomo non molto caloroso con i pazienti, gli studenti e la famiglia”.
  • Preston Burke, il cardiochirurgo di cui Cristina si innamora all’inizio, avrebbe dovuto essere sposato e avere dei figli che lo avrebbero fatto sentire in trappola. La trama del suo personaggio ruotava intorno al suo desiderio di lasciare la moglie.
  • Derek Shepherd con una figlia adolescente? Oltre ad essere divorziato, Derek avrebbe dovuto avere una figlia adolescente e sarebbe stata proprio lei a spingerlo ad accettare il lavoro a Seattle. “Questa è la sua opportunità per rimediare a tutti gli errori che ha fatto con lei quando era più piccola”, ha detto la Rhimes, “sarà più difficile di quanto lui pensi”.

  • La mamma di Meredith aveva un nome diverso. Ellis Grey avrebbe dovuto chiamarsi Helen.
  • E forse la loro relazione madre-figlia sarebbe dovuta essere un po’ diversa. Le voci fuori campo che aprono e chiudono ogni episodio dello show avrebbero dovuto essere dei dialoghi tra Meredith e la madre affetta da Alzheimer fatti durante durante le periodiche visite in casa di riposo.
  • Shonda Rhimes conosce dettagli sui personaggi che noi non sappiamo. Anche se un’informazione su un personaggio non è presente nello script, lei la tiene sempre a mente. Per esempio, per rendere più realistico Preston Burke, si ricordava sempre che sua madre aveva un ristorante in Alabama. “Quei dettagli erano molto importanti per me e li avevo interiorizzati”, ha detto l’ideatrice dello show.
  • L’idea di Grey’s Anatomy è stata ispirata da uno show della Rhimes che non ha riscosso successo. La serie in questione trattava di corrispondenti di guerra e non piacque ai network poiché gli Stati Uniti erano in guerra in quel momento. La Rhimes decise, così, di unire ciò che le piaceva di quello show con la medicina. “Mi piaceva quella sensazione di un gruppo di persone estremamente intelligenti che combattono per il loro posto nel mondo. Come in WarCor, anche in Grey’s Anatomy c’è quel senso di essere compagni di battaglia, di essere diversi e di considerare le altre perone come dei semplici civili”.
  • Il personaggio che poi è diventato Miranda Bailey, si sarebbe dovuto chiamare Deborah e avrebbe  dovuto avere una personalità completamente diversa: “malinconica, eccentrica, sgradevole e incapace di avere a che fare con le persone”. Inoltre avrebbe dovuto avere una strana ma passionale relazione sessuale con George O’Malley.

  • C’è una ragione per cui i dottori amano la tequila così tanto. L’attitudine a bere è un tratto caratteristico che la Rhimes ha inserito volutamente. “Non si vedono mai donne bere in TV”, ha spiegato; “le donne non sono delle grandi bevitrici”.
  • Se avete mai pensato che Grey’s Anatomy abbia un’atmosfera simile a Sex and The City, non siete i soli: mentre stava lanciando lo show, la Rhimes ha confrontato il punto di vista di Meredith con “una versione più concreta di Carrie di Sex and the City”. La produttrice ammette che il legame con SATC (si è spinta tanto oltre da chiamare informalmente lo show “Sex & The Surgery”) non fu proprio il modo che preferiva per vendere lo show “ma funzionò”.
  • Shonda non voleva ambientare la serie nella stessa città del popolare medical drama ER. La Rhimes avrebbe voluto che la storia si svolgesse a Chicago, la sua città natale, ma già ER era ambientato lì. “Seattle suonava come una novità per me”, ha spiegato, “Seattle mi sembrava una città poco vista in televisione”.
  • Il fatto che il cast dello show sia diverso dalle descrizioni dei personaggi originali è da attribuirsi ad un paio di semplici regole: “Prendi metà dei personaggi che hai creato come uomini e rendili donne. Prendi almeno uno dei personaggi che a cui hai attribuito un certo colore di pelle e scegli un attore completamente diverso”, ha detto la Rhimes, “credo che questo processo di ripensamento sia importante perché ciò che le persone vedono in TV cambia il modo che hanno di vedere loro stessi”. Un esempio di ciò è il personaggio di Miranda Bailey che, prima che Chandra Wilson ottenesse la parte, era descritta come una donna “minuta con dei boccoli biondi”.
  • Le scelte del cast di Grey’s Anatomy hanno cambiato per sempre il modo in cui Shonda scrive i personaggi. Dopo aver scelto la Wilson per il ruolo della Bailey, la Rhimes ha smesso di descrivere i tratti fisici dei personaggi e ha iniziato a parlare dell’impressione che devono trasmettere. Ad esempio, per Denny – il paziente con problemi di cuore di cui si innamora Izzie Stevens nella seconda stagione – la descrizione era: “ha una qualità che ti fa venir voglia di leccarlo”.

 

Come sempre vi invito a mettere mi piace a Parole Pelate, se non lo avete fatto, e a passare dalle nostre affiliate.

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series

Annunci

One thought on “News | Shonda Rhimes Parla Di Come Sarebbe Dovuto Essere Grey’s Anatomy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...