Interviste/News/Telefilm

News | Nicole Kidman Parla Del Finale Di Big Little Lies.

Nicole Kidman, protagonista della mini serie HBO Big Little Lies, appena conclusa, ha rilasciato un’intervista sul finale dello show. Priam di parlare di questo, però, l’attrice ci ha tenuto a sottolineare quanto le sia piaciuto questo lavoro.

“Amo essere nella vita delle persone tutte le settimane. Richiede un sacco di discussioni. Ci sono persone che fanno domande ed analizzano i dettagli. Lo trovo molto stimolante. Sono stupita dal modo in cui le persone guardano le cose perché le riguardano più volte e sembra davvero che notino i dettagli. E’ molto diverso dai film”.

I fan avevano molte teorie su come sarebbe finito lo show. Tu sei rimasta sorpresa? Conoscevi il libro?
Si, conoscevo il libro ma il modo in cui il regista, Jean-Marc Vallée, lo ha rappresentato…credo che la scena finale dove ci siamo tutte noi con i bambini in spiaggia, la forza che deriva da quell’immagine e la sensazione che ci proteggeremo l’un l’altra…credo che fossero fondamentali per l’intero arco narrativo della serie. Io e Reese [Witherspoon] volevamo fare una serie che celebrasse le donne, non che le mostrasse sconfitte. E se si guarda lo show, questo è ciò che si vede alla fine. Si tratta di amicizie…non importa cosa sia successo ed i percorsi che ci hanno portato al punto in cui siamo, quando le cose si fanno serie, ci rivolgiamo l’una all’altra.

Questo è quello che ho amato della scena finale: Queste donne hanno combattuto per tutta la serie, ma quando qualcosa di veramente grave è accaduto, si sono coalizzate e hanno unito le forze.
Sì. Io dico sempre che i conflitti che abbiamo mostrato…il personaggio  di Laura [Dern] doveva difendersi e avere il suo scudo e la sua armatura a causa del suo desiderio di adattarsi. E’ una donna di enorme successo ma si sentiva comunque fuori dagli schemi. Credo ci siano molte donne che si sentano così. Poi ce n’è qualcuna come Celeste, per cui ci sono così tante tragedie e così tante cose che non può raccontare perché distruggerebbero e tradirebbero il modo in cui lei vede al sua famiglia. E accettare la verità è quasi impossibile, sapete? Fino a che, come si vede nel finale, lei scopre che il modo in  cui pensa di proteggere i suoi figli, in realtà li sta distruggendo. Amo che lei vada ad abbracciare suo figlio. Non lo punisce. Lo abbraccia e gli dice “lo attraverseremo insieme, sono tua madre ed andrà tutto bene”. Così facendo, lei sta rompendo lo schema. Questo mostra il profondo amore di Celeste per i suoi figli e il suo desiderio di afre la cosa giusta. Ha subito così tanto in termini di ciò che pensava fosse meglio per la famiglia, e in realtà, quando si trova di fronte la verità, non lo era. Lei era disposta a farlo, era disposta a farsi del male e a sopportare il dolore, perché pensava di dare una buona vita ai suoi figli. Quindi è molto complicato. E’ una cosa rara da vedere, credo.

Si, non si vede molto: la complessità della situazione di Celeste, il modo in cui si giustifica per aver sopportato così a lungo.
Era importante per me che gli spettatori avessero l’istinto di dirle “Celeste, per favore”, di scuoterla. Ma allo stesso modo volevo che la capissero. Molte donne sono in questa situazione e volevo che si provasse compassione per lei invece non rabbia, non volevo che venisse giudicata. Lei stava facendo quello a se stessa perché è il tipo di persona che, in ogni caso, sopporta tutto.

Ma quando ha visto come la violenza si fosse trasferita su Max, quella è stata la goccia che ah fatto traboccare il vaso, giusto?
Giusto, perché lei pensava che non fosse così. Lo diceva anche alla sua terapista: “No, assolutamente no. Loro non lo vedono ami”. Lei difende un sacco di cose e cerca di avere sempre un sorriso. Per il modo in cui è stato scritto, per come Jean-Marc voleva rappresentarlo e per come io e Alex [Skarsgard] ci abbiamo lavorato, era fondamentale che il rapporto avesse questo tira e molla per tutta la serie fino a quando non si è finalmente disintegrato.

Hai parlato della scena finale in spiaggia, ma noi non vediamo davvero un dialogo fra le donne dopo la morte di Perry. C’era qualcosa che avete girato e che è stato tagliato in fase di montaggio?
No, era così che lo voleva Jean-Marc. Aveva tutto nella sua testa. Quando siamo tutte sedute alla centrale, ognuna ha il proprio monologo e gli spettatori possono sentire delle cose. Ma nella sua testa, dal punto di vista cinematografico, tutto aveva già una forma. Il legame fra oceano e natura, il modo stesso in cui ha ripreso l’oceano, anche questo fa parte della serie. E’ tutto imprevedibile e il modo in cui tutti noi siamo attratto da esso…ha una propria forza. Amo il modo in cui ha utilizzato il silenzio inquietante del momento.

Sì, non si ha realmente bisogno di una scena in cui le donne parlino di Perry che ha aggredito Jane, o di una in cui Madeline e Bonnie risolvono le loro differenze…
Esatto, hai capito tutto. Voglio dire, si spera che tutti abbiano capito. Ma mi sono resa conto che il pubblico è sono così intelligente! [Ride] Oh mio Dio! Il pubblico è follemente intelligente. Gli spettatori sono brillanti con tutti gli show. Sono solo felice che questo show con una forte presenza femminile abbia creato un legame con il pubblico. Non c’è nessun motivo per cui le persone possano dire: “No, il pubblico non guardare questo tipo di drammi”.

No, è ridicolo. Non capisco. Sono un ragazzo, e ho trovato tutta la serie affascinante.
Lo so, quando Keith lo ha visto – ha avuto la possibilità di guardarlo in anteprima perché è sposato con il produttore [ride] – era davvero colpito. Mi ha detto “Questo è così coinvolgente”. Gli ho chiesto “Davvero?” e mi ha risposto: “Oh non ne hai idea. Sono con la bava alla bocca per il prossimo episodio. Quando lo avremo? Quando lo avremo?”. E lui normalmente non parla così. Ha detto: “No, no, gli uomini lo ameranno. Troveranno qualcosa di se stessi in questo show”.

Amo quella scena durante i titoli di testa in cui tutte le donne camminano in linea retta verso la telecamera, come se fosse una sfilata di moda. E’ stata un’aggiunta a piacere mentre giravate il finale?
Si, questo è Jean-Marc. Jean-Marc è meraviglioso. Abbiamo avuto due settimane di riprese notturne per la scena del party e lui ha detto “Uh, ho deciso…fate questo! Voglio che balliate in direzione della telecamera e io metto la musica”. Noi gli abbiamo detto “Cosa? Ok..”. Ma alla fine lo segui perché la sua visione è così potente. Ha un cervello creativo. E’ stato un DJ. Quindi è un ragazzo con molto talenti. Lui è magistrale, in termini di quello a cui riesce a pensare. E puoi avere la garanzia che abbia già in mente come metterlo in pratica. Tutti noi ci chiedevamo “Dove ci porterà quello che stiamo facendo adesso?” ma bastava seguirlo perché questo è il suo stile. 

E lui si è guadagnato la vostra fiducia perché era lì ogni giorno a dirigere ogni episodio.
Oh, anche di più. E’ che ama le donne quindi vuole rappresentarle in modo onesto e crudo.. Ed era così impegnato con tutti noi. Tutta la trama di Reese…credo sia grandiosa. Si vede questo arco narrativo incredibilmente ben pensato per lei. Conosceva Reese così bene, riuscivano già a capirsi in modo intuitivo. E conosceva già anche Laura pure. Ha girato separatamente con ognuna di noi perché avevamo tutte delle storie diverse. Ti senti al sicuro, protetta e speciale con lui. Questo è davvero difficile. E’ riuscito a trasmetterlo anche a Shay [Woodley], che non aveva mai lavorato con lui, e a Zoe [Kravitz], che è semplicemente magica.. siamo stati molto, molto fortunati.

Si può vedere questa fiducia nelle scene tra Celeste e la sua terapista. Sono così intime, è come se fosse un’opera tra due persone.
Lo era. Ha svuotato il set e noi eravamo lì. Non ho incontrato Robin [Weigert], che interpreta la terapeuta, come Robin. L’ho incontrata quando eravamo completamente nei nostri personaggi. Quindi è stato molto intenso e realistico. E’ stato molto strano. Abbiamo lavorato giorni interi quindi era come se fossimo in un altro mondo. E così si costruisce, si costruisce e si costruisce. Siamo stati in grado di girare in sequenza quelle scene ed è una benedizione per uno show di questo genere. Così abbiamo girato il terzo episodio, poi quello successivo e così fino alla fine. Eravamo entrambe logorate. Quando entravo nel personaggio e ne uscivo poi mi sentivo davvero la sensazione del “Non mi toccare”…tutto questo è molto, molto primordiale.

E poi la sessualità del ruolo con cui mi sono confrontata. E’ una parte così importante della relazione fra Perry e Celeste ed è una sessualità molto complicata. Ho solo voluto che fosse veritiera. Volevo che il pubblico la sentisse e non che fosse semplicemente spettatore. Volevo che avesse l’impressione di essere lì. Come hai detto tu, è profondamente intimo. Si assiste all’intimità, a tutta la sua tossicità, al dolore e, suppongo, alla dipendenza.

Le scene in cui Perry abusa di Celeste sono veramente difficili da guardare. Come si girano senza che nessuno si faccia male? Ho sentito che sei tornato a casa con dei lividi.
Oh si. E’ andata così: noi l’abbiamo impostata ma ho dovuto dire ad Alex “Non avere paura di esagerare con me perché è importante che sembri vero”. E’ stato strano. E’ stata una delle cose più strane che abbia mai fatto [ride]. Mi sono esposta molta. Mi sono sentita incredibilmente vulnerabile, alcune volte umiliata e profondamente esposta. E non intendo fisicamente ma emotivamente. C’è un momento nell’ultimo episodio durante il quale sono sul pavimento e non posso alzarmi. Ero nuda. Mi ricordo che Jean-Marc mi ha messo un asciugamano addosso tra una ripresa e io non l’ho nemmeno notato. Ero sdraiata lì e poi ho pensato: “Dio, sto perdendo la testa qui”. E’ stata una sensazione davvero strana. Molto scomoda, molto vulnerabile. Ho avuto la fortuna di avere un partner che è un artista, ed è stato in grado di lenire questa mia sensazione. Ma è importante che ci fosse perché era quello che doveva arrivare sullo schermo, doveva colpire in faccia il pubblico. Mi piace quando le persone dicono “Mi sento così a disagio a guardarlo.” Dovrebbero! Non dovrebbero essere sentirsi eccitati. Dovrebbero chiedersi:“Cosa sta succedendo qui?” Perché è una situazione molto confusa. E ‘ confusa per Celeste e Perry. Tutto quello che sanno è che sono in ballo insieme. Non possono uscirne. Sono costretti in quella situazione e, allo stesso tempo, sanno che stanno veramente male a vicenda.

So che questa era stata creata per essere una mini-serie ma c’è una possibilità per una seconda stagione?  Reese ha detto che dipende dall’autrice.
[Ride]. Si, beh..dipende da Liane [Moriarty] perché è al sua storia. L’ha inventata. E poi da David [E. Kelley] perché la resa una sceneggiatura per una serie tv. Così tra Liane e David, mi auguro che possa venir fuori qualcosa. Voglio dire, ci sono voluti sei mesi per girare questo. Alla fine tutti abbiamo detto “Uh…Ok!” Se penso che, se ci fosse qualcosa di interessante e straordinario, potremmo e vorremmo tornare ad interpretare queste donne? Sarebbe una bella prospettiva. 

Per noi attori penso che ci sia anche un punto di forza in termini di amicizia. Tra noi cinque c’è una forte connessione ed era necessaria per avere una serie così. Ma non c’è nulla di certo [circa una seconda stagione] ora, nulla di concreto. Nulla. Voglio dire, ci è voluto molto per arrivare a questo punto [Ride] Chissà se è destinata ad essere finita? Tutti noi ci sentiamo legati alla serie. Ha avuto un forte impatto ed è penetrata nel fitto mondo della televisione…ci sono così tanti show! Ma mi piace che le persone stiano rispondendo ad essa. Mi piace l’attaccamento emotivo allo show. E ‘molto raro.

Vi ricordiamo di lasciare un like alla nostra pagina Parole Pelate e di passare dalle nostre affiliate.

Ringraziamo: Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV  | Serie Tv News | Telefilm obsession: the planet of happiness | La dura vita di una fangirl | Keep calm and watch series

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...