Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 5×17 “Kapiushon”

Bentornati, arcieri!
Siamo alle battute finali… appena sei episodi ci distanziano dal finale e dalla fine del percorso di Oliver nel diventare un eroe completo.
Questo diciassettesimo episodio è un po’ come se fosse stato visto da due differenti parti di me: c’è quella razionale, che pensa che sia fondamentale per la trama e per il personaggio di Oliver, e c’è quella emotiva, che invece si è un po’ rotta mentre lo guardava.
Analizziamo l’episodio da entrambi i fronti!

“Ho ucciso perché volevo farlo. Lo volevo. E mi è piaciuto.”

La razionale: Adrian è un dannato genio! Sebbene non ha granché senso che prima tu uccidi tua moglie e poi incolpi un altro della morte di tuo padre, dando un calcio alla coerenza, nonostante quindi le motivazioni di Adrian stiano in piedi come le gambe di Bum in “Killing, Stalking”, è intelligente abbastanza da aver studiato il suo nemico nel dettaglio e di colpirlo sapendo esattamente come farlo.
Passa dal fargli provare quello che ha provato suo padre prima di morire, a c’entrarlo con le frecce per ricordare la sorte del Conte – ti sei fatto i compiti a casa, eh? –, a spezzare la sua psiche con una specie di giochetto di magia mettendo in mezzo quella maledetta traditrice di Evelyn.
[Abbiamo capito che ti stai vendicando, ma non potresti tornare nella fogna da dove evidentemente provieni a fare compagnia ai ratti come te?] 

È stata una sorpresa rivedere Evelyn dopo tutte queste settimane di assenza, cominciavo a pensare che si fosse tolta di torno o che Adrian, stanco delle sue lamentele, l’avesse fatta fuori off-screen. Eppure eccola di nuovo in mezzo a noi, apposta per farti beffe del povero Oliver, con un teatrino patetico che avrebbe potuto convincere solo uno che erano giorni che veniva sottoposto a torture. La mia convinzione che stesse fingendo ha vacillato giusto nell’attimo in cui Adrian ha finto di romperle il collo… avrei dovuto capirlo che era l’ennesimo rimando all’Oliver delle passate stagioni.
E quando poi alla fine Oliver confessa e va a casa, la sua espressione distrutta fa male al cuore. Adrian l’ha spezzato, ed è stato qualcosa di davvero devastante da vedere.

L’emotiva: Seriamente il punto di tutte quelle torture era far dire ad Oliver che gli piaceva uccidere? Avrei potuto dirlo io al posto suo! Seriamente, sono cinque anni che vedo Arrow, alcune cose sono rimaste impresse nella mia memoria e altre no, ma è un fatto che nella prima stagione Oliver uccidesse come niente, come uno schiocco di dita (o di collo). Lo abbiamo sempre saputo, penso che, se non Felicity (uhm… ma probabilmente sì), almeno Diggle ci sia arrivato pure lui.

Sappiamo tutti che è la morte di Tommy ad aver cambiato Oliver, ad avergli restituito un po’ di umanità. L’arrivo di Diggle e Felicity l’ha tenuto controllato, ha riacceso un po’ la luce perduta, ma il prima e dopo Oliver è sancito dalla morte di Tommy.
Infatti è importante, secondo me, che lui usi il “piaceva” al passato, come qualcosa che è finito, perché Oliver infatti non è più così, Green Arrow non agisce più in quel modo da molto tempo, se non in rari casi.
Comunque complimenti ad Adrian per aver ottenuto quello che voleva, facendo trascorrere a Oliver una settimana d’inferno, tra deprivazioni fisiche e psicologiche. Sarà stato come farsi un’isola concentrata.
E ora il caro psicopatico Prometheus che pensa di fare? Ha preso a calci Oliver come se fosse un cucciolo, ma è tutto qui? Immagino di no, visto che ha ancora sei episodi per fare altri danni. [E questo vale anche per Evelyn e Talia? Tutto qua, il vostro ruolo è finito?] 

“A monster”

La razionale: È il giro di boa. In un certo senso questo episodio chiude il cerchio sul passato di Oliver. Ci sarà ancora qualcosina da raccontare, ma è finita. L’Oliver della prima stagione è stato plasmato, l’umanità è andata a nascondersi e lui ora è capace di tante brutte cose, di diventare “qualcun altro”.

Tanto amore per Anatoly che è il primo ad accorgersi della sete di sangue di Oliver, e il primo che cerca di riportarlo sulla retta via… eh, ma il viaggio del nostro eroe doveva ancora cominciare allora.

L’emotiva: Come assoldato poche righe fa, si tratta di una parte importante… ma che noia! Il fatto che sia così lunga, poi, non aiuta. Mi sono riscossa un attimo giusto per quanto già detto prima su Anatoly e per la tortura di Oliver verso quel poveraccio, ma onestamente sapete quanto poteva fregarmene della vendetta di Oliver verso Taiana che pure mi stava antipatica? Alla fine era solo una mera scusa per farci vedere il nuovo Oliver, quello per cui pure Anatoly riesce a rimanere sconvolto e disgustato.
Lo so che era importante combinare presente e passato, è qualcosa che Arrow fa sempre, ma penso si potesse fare di più, alzando il fattore ansia mostrando per il 90% solo Oliver e Adrian.

Varie ed eventuali: 

– Io seriamente mi sentivo in imbarazzo per Oliver quando nei flashback parla con la madre di Taiana e fratello e non sapeva come dire che erano morti perché li aveva uccisi lui. Entrambi.

– Felicity aveva Helix a disposizione e non è riuscita a trovare Oliver in sei giorni? Sì, vabbé, ci credo. E, comunque, in generale in quella scena ha regnato solo Oliver, perché gli altri per me non erano abbastanza preoccupati o stravolti… non so, immagino che in questi giorni non abbiate praticamente mai dormito, non dovreste avere un po’ di più i nervi a fior di pelle?

– Complimenti a Stephen perché la sua interpretazione in questo episodio mi è proprio piaciuta.

– Non facciamo finta di non aver notato Oliver mezzo nudo per metà episodio, perché lo abbiamo fatto.

Promo e ringraziamenti:

Ringraziamo: My name is Oliver Queenϟ Arrow Italy | Arrow • Oliver & Felicity • | Felicity, you αre remαrkαble. | Arrow Source Italia | Arrow e The Flash | Arrow & The Flash Italia | Miss Felicity Smoak : Our lovely Emily Bett | Oliver Queen « Arrow « | I believe in you • Olicity • | Arrow & The Flash | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Serie Tv, che passione  | Film & Serie TV | Diario di una tv series addicted | Serie Tv News | ❤ Telefilm / Fiction ❤ | Keep calm and watch series

Annunci

3 thoughts on “Recensione | Arrow 5×17 “Kapiushon”

  1. D’accordissimo con te su tutto, specialmente sulla scena finale dove non sembravano preoccupati. Anche se comunqu ho gustato anche il flashback, mi è volata la puntata come non accadeva da tempo!
    L’unica cosa che voglio dire è che sì, sapevamo della “”passione”” di Oliver per uccidere e le torture, ma… scuoiare vivo il tizio PER ESERCIZIO? Sono rabbrividita, letteralmente.

    Liked by 1 persona

    • Alt! Non fraintendiamo. Io parlavo del piacere di uccidere, dicevo che quello è risaputo. La tortura al tizio ha scioccato pure me, e infatti ho detto che mi ha riscosso dalla noia dei flashback.

      Liked by 1 persona

  2. Mah, non saprei. Bella puntata, ma con un milione di punti interrogativi.
    Parto dai flashback: davvero ci hanno ammorbato per più di mezza stagione con la vendetta di Oliver nei confronti di Taiana o come cavolo si chiama (in italiano suona più come Daiana o Tatiana a volte) quando Oliver poteva uccidere il tizio in mezza puntata. No, davvero. Sembrava chissà cosa volesse fare quando poi gli è bastato un pass ed un coltello. Salvo solo il cliffhanger finale con la mezza specie di resurrezione del villain.
    Prometheus: ho tipo fatto una standing ovation quando Oliver gli ha detto che era ipocrita da parte sua recriminargli il fatto che avesse ucciso tutte quelle persone sulla lista quando lui stesso meno di una settimana fa ha ucciso la sua stessa moglie. No, ma davvero? Ditemi che Chase è uno psicopatico, perché tutti i suoi bei discorsi sull’uccidere, ma soprattutto il perché ha voluto torturare Oliver non hanno un senso logico.
    Ed Oliver??? Si lascia infinocchiare così??? Io pensavo che una volta preso il coltello ad Evelyn facesse qualcosa per liberarsi. Pochi secondi dopo Adrien gli era ad un passo e lui nulla. Io una capocciata avrei provato a dargliela.
    Il team completamente inutile. 6 giorni a cercarlo e non trovarlo, con tutta la tecnologia che hanno contro un tipo che non mi sembra granché dotato tecnologicamente parlando, e comunque tutti belli lindi e perfetti, senza alcuna traccia di notti in bianco e giornate in tensione. Vabbè… E quando è arrivato sporco di sangue e con ferite evidenti (vogliamo parlare dell’ustione ad altezza cuore???) tutti tranquilli ai loro posti. Io come minimo mi sarei precipitata ad assicurarmi della sua salute. Che poi in quel covo ci può entrare chiunque senza alcun tipo di avviso. Possibile che non ci sia una specie di allarme che ti avvisa dell’arrivo di una persona? Anche se ha il codice di entrata? Che comunque a questo punto penso sia come la password tanto criticata della giornalista perché perfino la finta Laurel è riuscita ad entrare indisturbata.
    Mchan
    Ps: ma Talia che fine ha fatto??? Avrei voluto vedere qualcosa in più riguardo il suo addestramento ad Oliver.
    Pps: Stephen a torso nudo sempre sia benedetto! 😛
    Ma vogliamo parlare anche dei capelli più lunghi??? Finalmente hanno trovato una parrucca che non sembri una pantegana squaiata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...