Riverdale/Telefilm

Recensione | Riverdale 1×05 “Heart of Darkness”

Bentornati! Con un po’ di ritardo, eccoci qua a commentare il nuovo episodio di Riverdale.

Questa settimana ci siamo trovati davanti un episodio piuttosto carico dal punto di vista emotivo, che ovviamente non manca di coinvolgere e francamente mi ha anche fatto rivalutare molti personaggi.

La vera protagonista è stata Cheryl, che finalmente ci viene mostrata nella sua quotidianità. Sua madre in un solo episodio è riuscita a schizzare in testa alla classifica dei genitori peggiori, rivaleggiando direttamente con la signora Cooper. Come fai a trovare il tempo di spargere veleno su chiunque, quando c’è tuo figlio morto in una bara a due metri da dove ti trovi tu? Per citare Ron Weasley: quella deve rivedere le sue priorità. Io capisco che per lei sia difficile superare il fatto che suo figlio abbia inscenato la sua morte pur di sfuggire alla sua famiglia, ma ritengo inaccettabile il modo in cui si è rivolta alla figlia. C’erano un disprezzo, odio quasi, che non può riferirsi solo a quello che è successo negli ultimi mesi. Credo sia la classica madre che disprezza la figlia per chissà quale motivo, e adesso in parte capisco come mai Cheryl sia diventata così insicura.
Proprio lei continua a stupirmi. Ho notato che tra lei e Veronica sta nascendo una vera amicizia, e il modo in cui è stato affrontato questo rapporto in questo episodio mi è sembrato molto naturale. Da una parte avevamo la rossa, gelida e crudele con tutti, che non ha mancato di notare come l’unica ad averla consolata e aiutata sia Veronica, la nuova arrivata, colei che lei non manca mai di stuzzicare, e non le sue amiche di vecchia data. Dall’altra avevamo Veronica, che pur di non lasciare da sola Cheryl – e questo me l’ha fatta apprezzare ancora di più. Ci ha messo un po’, ma adesso mi piace davvero – alla quale non deve nulla, tutto sommato, è rimasta per ventiquattro ore in quella casa assurda, dove letteralmente nessuno la voleva e hanno fatto di tutto per metterla a disagio. Ha risposto alla signora Blossom in maniera garbata, incassando con classe l’insulto non molto velato, uscendone da vincitrice.
Tornando a Cheryl, il suo discorso durante il memoriale ci ha dato un’ulteriore prova del fatto che l’unica persona che sentisse veramente vicina era Jason, e questo non fa altro che farci provare ancora più empatia nei suoi confronti. Lei adesso è sola in quella casa, circondata da squali, mentre affronta un lutto pesantissimo: non ha perso soltanto un fratello, ma la sua persona. Colui che è stato insieme a lei fin dall’inizio, l’unico che la capiva, probabilmente l’unico che le voleva bene. Ci sarà pure un motivo se l’unica a sapere la verità sulla fuga di Jason era proprio lei. Mi ha colpita soprattutto una frase che pronuncia: “mi uccideranno”. Stava facendo la melodrammatica o voleva dire qualcosa?
Cheryl, ascoltami: nel dubbio, scappa.

Che mamma Blossom sia odiosa l’abbiamo capito, invece non riesco ancora a inquadrare mamma Lodge. Insomma, tra il mezzo flirt con Fred e la questione dei Southern Serpents Hermione mi ha un po’ persa, e non capisco da che parte stia. Sembra fedele a Hiram (e sottolineo il sembra), ma allo stesso tempo mi chiedo se approvi i modi del marito o meno: il suo discorso alla figlia, di qualche settimana fa, quello che avevo riassunto con non sputare nel piatto nel quale hai mangiato, mi era parso sensato, ma solo perché non si lamentava quando poteva permettersi scarpe nuove e costose ogni giorno non implica che debba approvare il modo in cui lui guadagna il suo denaro, no?
Comunque, quando apre la scatola e dentro c’è il serpente mi è preso un colpo. In realtà pensavo ci fosse qualcosa di disgustoso come una testa mozzata o qualcosa del genere, ma niente. Per fortuna.
Plus, comunque, apprezzo che alla fine abbia deciso di raccontare tutto a Veronica, perché le due sembrano molto unite ed è sempre bello vedere una madre che tratta la figlia come un’adulta, confidandosi con lei e mettendo in chiaro anche le cose che magari preferiremmo tenere nascoste. Mamma Cooper impara.

La storyline di Archie, combattuto tra dovere e sogni, mi sembrava un po’ inutile. In realtà, riesce a mandare un messaggio molto positivo, e quasi avrei preferito che fosse stato affrontato in più episodi e non solo 40 minuti: la soluzione più logica sarebbe scegliere il football e concentrarsi su quello, ma lui ha deciso di credere nei suoi sogni e di volersi dedicare totalmente alla musica, cosa che non tutti siamo capaci di fare. Ha mostrato quelle insicurezze universali che ci caratterizzano tutti alla sua età: accettiamo un “sei davvero bravo” e ci sentiamo subito i migliori, ma basta che qualcuno ci metta davanti alla realtà per demoralizzarci e mollare tutto. Molto bello il momento con Veronica, quando lei gli sistema la fasciatura e gli dice che la sua mano è il suo “strumento”, e che non dovrebbe mollare solo perché Castillo (che poi, non gli ha detto mica che non è bravo. Solo che è infantile, quindi può sempre migliorare) gli ha suggerito di farlo. Se tutti mollassero al primo “non ce la farai” al mondo non esisterebbero artisti, probabilmente.
Val, invece… era davvero necessario fare entrare anche questa ragazza nella vita di Archie? Ha già Veronica e Betty, la Grundy è andata via da (troppo) poco, dai, no. Non ho nulla in particolare contro di lei, però mi sembra di troppo. Vediamo se riuscirà a farmi cambiare idea.

Betty e Jughead ( ❤ ) continuano a improvvisarsi detective e, come sempre, riescono a concludere di più loro della polizia. Mi piace molto il loro modo di collaborare, li vedo completamente immersi nella vicenda: Betty addirittura chiede a un amico di Jason di uscire solo per estorcergli informazioni, e insieme si sono recati a Thornhill, il posto più spaventoso sulla faccia della terra, per rovistare in camera di Jason. Questa non è roba da poco, ammettiamolo.
Qualcuno comunque mi rassicuri e mi dica che non sono l’unica a essersi presa un infarto quando è apparsa nonna Blossom.


Comunque, ci sono un paio di cose che mi risultano proprio strane, e non riesco a capire se stiano cercando di enfatizzare gli eventi o se davvero tutto questo nasconda qualcosa:

-Polly. La sua storia è davvero triste, abbiamo scoperto che lei e Jason erano fidanzati (dov’è l’anello?) e che ha tentato il suicidio, ma… com’è possibile che tutto ciò sia successo senza che Betty se ne accorgesse? E perché per i Cooper è così importante che nessuno sappia dove si trova, tant’è che non permettono nemmeno alla sorella di telefonarle?

-Il padre di Betty ha distrutto la lavagna con gli indizi della polizia. Sorvolando che mio padre non era al drive in è un po’ debole come prova per accusarlo di averlo fatto, poiché noi spettatori sappiamo che i due ragazzi hanno ragione, la domanda diventa: perché? Chi sta cercando di coprire? Perché è ovvio che non si tratta dei Cooper, non sono loro gli assassini. Troppo presto, troppo facile. Dobbiamo sospettare di Polly? O semplicemente c’è altro che il padre di Betty non voleva che venisse a galla, e quindi ha eliminato ogni prova, anche quello che non li riguarda?

Varie ed eventuali:

-La fortuna di Hermione Lodge che si vede recapitare un serpente. Pensa che casino se avesse debiti con Southern Tigers e questi le avessero piazzato una tigre al diner.

-Archie che deve risparmiare il suo tempo per qualcos’altro mi ricordava vagamente Oliver Queen che deve diventare qualcos’altro. Sempre The CW è.

-Ma quale casa ha un cimitero in giardino?

As usual, promo e ringraziamenti.

Ringraziamo: Riverdale – Italia | KJ Apa Source. | Lili Reinhart Italia ღ | Serial Lovers – Telefilm Page | Crazy Stupid Series

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Riverdale 1×05 “Heart of Darkness”

  1. io non ho ancora colto il collegamento tra la stessa tonalitá di capelli rossi di Jason, Cheryl e Archie, ma la trovo sospetta… mi sono chiesta da subito se fossero parenti in qualche modo… dico i capelli rossi non sono cosí comuni, in un paese cosí piccolo poi… boh… qualcuno ha teorie? qualcuno ci ha pensato a questa curiosa coincidenza?

    Mi piace

    • Io non ci avevo pensato fino a quando mamma.blossom non dice ad Archie che somiglia tanto a Jason…però boh, forse è un po’ ovvio? Dipende come se la giocano potrebbe essere originale oppure una boiata. Devono stare attenti

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...