Telefilm

Recensione | Sense8 Christmas Special

Tra i miei buoni propositi per il 2017 c’è sicuramente “Smettere di recensire telefilm troppo complicati, che poi non capisci una fava e fai brutta figura”, ma tecnicamente Sense8 è ricominciato il 23 dicembre 2016, quindi me lo sono accalappiato lo stesso.

Cominciamo subito con le note dolenti, così ce le togliamo dai piedi: due ore sono tante per un telefilm abituato a “spezzoni” da quaranta minuti, anche per uno come Sense8 che ha abbastanza personaggi principali da poterci riempire uno stadio, quindi ci sono stati alcuni momenti che davano la sensazione di essere stati buttati lì per fare da riempitivo e per raggiungere i minuti necessari, MA le scene in cui i Sense8 sono tutti insieme sono sempre così belle da far dimenticare le scene meno interessanti.

Parlando di note dolenti, TUTTI i Sense8 sono miei bambini, quindi se soffrono io soffro con loro e, al momento, quelli messi peggio sono sicuramente Will, Riley, Lito e Sun, e tutti loro si meritano un po’ di felicità.

Will e Riley sono in fuga da Whispers, nascosti da qualche parte in Islanda credo, e si proteggono dalla connessione mentale con dosi massicce di eroina, il che non mi sembra una grandissima idea, ma per ora funziona, quindi credo ci tocchi chiudere un occhio e sperare che non si rovinino la vita per sempre.

Sun è ancora in prigione, e suo fratello ce la sta mettendo tutta per rovinarle la vita. Ha dimostrato di non conoscerla per niente quando le ha mandato contro solo tre assassini professionisti, come se Sun non fosse in grado di metterli tutti KO con una mano legata dietro la schiena.

Lito, invece, deve affrontare le conseguenze della vendetta di Joaquin, che ha davvero pubblicato le foto di Lito ed Hernando che ha trovato sul telefono di Daniela. Com’era facilissimo prevedere, la sua vita ha preso una brutta piega, tra branchi di giornalisti che lo pedinano fin sotto casa e insulti scritti sulle pareti, fino allo sfratto, ma almeno abbiamo la consolazione di sapere che le cose tra lui ed Hernando vanno meglio che mai e che Daniela è più o meno al sicuro insieme a loro. D’altra parte, Lito è un attore di una certa fama, avrà qualche risparmio da parte che lo salvi dalla vita del senzatetto.

Che poi, non capisco tutto questo casino, Amanita ha ragione al 100%, Lito ed Hernando sono stati la coppia più hot del 2015 e con ogni probabilità nel 2017 si riprenderanno quel titolo.

Nomi credo stia nel mezzo tra quelli che se la passano male e quelli che invece se la passano abbastanza bene – non si può pretendere troppo in fondo. È sì ricercata dalle forze dell’ordine, ma con Amanita al suo fianco e tutti i loro amici, riesce sempre a stare un passo avanti rispetto ai suoi inseguitori, quindi per ora diciamo che va bene così.

Anche il mio Wolfie può essere infilato nel mezzo, perché se da una parte ha tutto il casino derivato dalla morte dello zio, dall’altra c’è il miracoloso recupero di Felix, che è passato da “comatoso/semi-morto” a “non è successo niente” in meno di cinque secondi.

Kala, intanto, è in luna di miele qui in Italia e, nonostante i problemini con Rajan, direi che è una di quelli che se la passa meglio considerato tutto, anche se proprio non riesco a capire come riesca a resistere agli occhioni di Wolfgang, perché io non ce la farei neanche per un momento, ma magari è solo perché Max mi fa morire qualsiasi cosa faccia.

In cima alla classifica dei “Sense8 di cui mi devo preoccupare di meno” c’è sicuramente Capheus, il cui nome è ormai una leggenda per i cittadini di Nairobi, al pari del suo mito di sempre, Van Damme. Ad essere sincera, mi è venuto il magone quando il suo autobus è esploso, perché è chiaro quanto ci tenesse al di là della fonte di guadagni che rappresentava, quindi il regalo di Silas è stato molto ben accetto, anche se sicuramente avrà una lunghissima serie di condizioni e richieste.

A proposito di regali, il compleanno dei Sense8 è stata una delle mie scene preferite e non solo perché erano tutti insieme e felici per quasi un minuto intero. Quello che mi piace di più di queste scene di massa è il contrasto tra il modo in cui ognuno di loro ha festeggiato il proprio compleanno a modo suo, secondo le tradizioni del loro paese d’origine e in base alle condizioni in cui vivono al momento, e il modo in cui i loro festeggiamenti si incastrano tra loro alla perfezione; viviamo in momenti bui, abbiamo bisogno di questi incontri tra culture diverse il più spesso possibile, e vederli in una serie tv può aiutare a far arrivare il messaggio a più persone possibili.

Quest’idea viene ripresa anche per i festeggiamenti natalizi che chiudono la lunga puntata e che hanno incluso la mia scena preferita, il momento in cui Lito, Hernando e Daniela vanno a casa della madre di Lito per festeggiare il Natale nel bel mezzo dello scandalo che sta sconvolgendo le loro vite. Per un momento il brindisi della donna mi ha fatto preoccupare e ho anche allungato la mano verso i fazzoletti, pronta per le nuove lacrime, perché mi aspettavo una madre super cattolica e un po’ bigotta, invece sono rimasta piacevolmente sorpresa – ed ho pianto comunque, anche se per motivi diversi da quelli previsti.

Mi sono chiesta per giorni se includere o meno un commento alla nuova scena di sesso collettivo o se glissare sull’argomento e far finta di niente, ma in fondo qui siamo tutti adulti. Due cose positive da dire: finalmente anche le fanciulle, oltre a Nomi e Amanita che c’erano anche nella prima, sono state incluse nel divertimento, e, di nuovo, è interessante vedere come le diverse personalità dei Sense8 si approcciano ad una delle cose più naturali e al tempo stesso più tabù che ci sono al mondo. In ogni caso, il momento tra Kala e Wolfgang è stato abbastanza divertente da farmi dimenticare per un momento tutti i problemi che li aspettano lungo la strada, quindi ben venga, anche se Lito avrebbe potuto evitarsi di sedersi nudo sul pavimento di un bagno pubblico, che credo abbia preso abbastanza malattie da bastargli per tutta la vita.

Speriamo di sì, che non fanno mai male!

E con questo io me ne andrei, che come al solito ho già blaterato abbastanza.

Buon Natale – anche se in ritardissimo – e felice anno nuovo a tutti i nostri lettori pelati!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...