Telefilm/The Fosters

Recensione | The Fosters 4×05 “Forty”

[Nota: ho scritto questa recensione giorni fa, ma non ho avuto mai la possibilità di pubblicarla. Perdonatemi.]

Prima di cominciare, una piccola comunicazione: la sottoscritta parte domenica, pertanto il sesto e il settimo episodio verranno recensiti da Novalee90, che si è gentilmente offerta di sostituirmi. Detto questo, cominciamo!

Questo episodio aveva come tema gli anni settanta visto che Lena compiva quarant’anni. Non mi ha entusiasmato già dal principio, come scelta, visto che non sopporto pettinature, abiti e musica anni 70. Purtroppo, a parte i miei pregiudizi, ho trovato l’episodio abbastanza noioso già di per sé, con le solite cadute di qui e di là.

Lena, Stef, Brandon e i debiti

Le nostre mamme preferite già di base non è che se la cavino granché sul fattore soldi, ma naturalmente se ci si mette di mezzo pure il nonno, il risultato potrebbe essere solo il rischio di perdere la casa. Comunque sia, questa è stata praticamente la trama più interessante dell’episodio. Io mi ero già convinta che il nonno dovesse annunciare la sua prematura morte, perciò sono contenta che abbiamo schivato il colpo e si passi a qualcosa di più o meno nuovo.
Sono un po’ meno contenta che Brandon continui a sperperare i pochi soldi che ha, oltre a fare cose illegali per ottenerne, per Court, soprattutto visto che la dignità di lei viene calpestata di assegno in assegno. Dai, ormai passa praticamente per mantenuta. Suona troppo sbagliato che il ragazzo appena maggiorenne con cui sta le abbia pagato l’acconto iniziale della casa e ora pure l’avvocato. Sicuramente Brandon può imparare cos’è la vita vera, ma è assurdo che si riduca così per una che conosce da una manciata di mesi.

Detective Callie e il piede in due scarpe

Lo devo dire: povero A.J.
A me non piaceva, continuo a trovarlo inutile, ma è davvero triste come lo stiano utilizzando ultimamente.
L’hanno fatto mettere con Callie a caso, talmente a caso che finché lei non ha detto che era il suo ragazzo non ero sicura di quando fosse avvenuta la cosa.
E ora, subito è spuntato un altro, uno che tra le altre cose è subito caduto nella rete di Callie (poveretto, gli aspettano dolori). Callie forse continua a ripetere che A.J. è il suo ragazzo come un registratore rotto, ma onestamente penso proprio che su quello nuovo ci stia facendo un pensierino, e, ammetto, non sarebbero nemmeno male insieme. Meglio che con A.J. di sicuro, almeno qui c’è una cosa che mi piace molto: uno sviluppo “decente”.
Per quanto riguarda Detective Callie… fa ridere. Cominciamo da quando va a parlare con il testimone e si aspettava di trovare subito le risposte, facendo passare l’intero organo giudiziario per un branco di incompetenti, per non parlare di quando poi le suddette risposte le cadono direttamente dal cielo. Torna a fotografare paesaggi e cambiare ragazzo più in fretta dei calzini, va.

Mariana e il barare

Questa trama poteva essere fantastica. Circa.
Mi suona un po’ assurdo che tutta la classe di geni formata da maschi pensi che le ragazze siano lì solo per far numero (capisco il sottolineare che noi donne veniamo ancora discriminate, ma qui si esagera), però a me piace sempre quando viene mostrata Mariana il genio, pertanto ero felice di assistere alla gara. Un po’ meno che finiscano per vincere per un’idea che ha avuto Jesus, e quindi un maschio, andando a perdere tutto il significato che avrebbe dovuto avere questa parte di episodio.
Secondo me avrebbe dovuto limitare l’aiuto di Jesus a qualcosa di ancora più minimo, tipo un commento detto al momento giusto come avviene nei gialli prima che il detective di turno scopra l’assassino.

Jesus e la stupidità 

Mi ha un po’ sorpresa questa improvvisa genialità di Jesus, non che l’abbia mai ritenuto un idiota, ma per quanto forse Emma sia stata un filo in delicata,  è un po’ troppo che lui si offenda per qualcosa che lei non ha nemmeno detto.
Emma si è offerta di aiutarlo con lo studio com’è avvenuto in passato e i voti di Jesus non è che siano mai stati granché, quindi perché prendersela? Non gli ha dato dello stupido, soprattutto perché avere cattivi voti non significa esserlo. Non è certo un voto scolastico a quantificare l’intelligente.
L’unica cosa ad essere stupida è questa trama.

Jude e il passivo aggressivo sui Social

Cos’è questa cosa?!
Qualcuno mi deve spiegare perché mi tocca assistere all’ex dolce e maturo Jude trasformarsi in… questo.
Questo essere penosamente scritto che non ha nulla a che fare con quello di una volta. Questo non è Jude e l’essere entrato nella pubertà non giustifica tale cambiamento.
Non mi sorprende che Connor non gli abbia detto di essere in città o del nuovo ragazzo… che poi, di cosa si lamenta? È stato Jude a rompere!
E usare il nuovo ragazzo come copertura senza manco chiederlo! La maturità l’ha gettata dalla finestra?!
Nemmeno Noah ci fa una bella figura, perché prima si arrabbia – giustamente -, ma poi sfrutta la cosa per spingere Jude a chiedergli di uscire. Non era arrabbiato fino a cinque secondi prima?

Varie ed eventuali:

– Gabe sulla pista da ballo: ho detto tutto. E poi era bello vederlo così rilassato e felice.

– Ana e Mike sono carini, speriamo non rovinino anche loro.

Promo e ringraziamenti:

Ringraziamo: The Fosters – It’s not where you come from, it’s where you belong | The Fosters Italia Fandom | Jonnor Shippers | DemiMovie | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie tv, la nostra droga | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | I Love Film and Telefilm | Serie Tv News

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...