Film/Movienight

Movienight | #14 – Paul Dano Edition

Ho deciso di dedicare questo quattordicesimo appuntamento di Movienight ad un attore che reputo fantastico e di cui si parla decisamente troppo poco: Paul Dano.

Attore eclettico e di talento, i cui personaggi – altrettanto stravaganti – rimangono con lo spettatore per sempre. Seriamente, bisogna essere ottusi per non ricordarlo, una volta visto.
Quello che adoro di lui è il lavoro che dedica alla costruzione di ogni personaggio e alla dedizione con cui affina i dettagli di ogni personalità in cui si cala. Nonostante la giovane età, quando lo si vede recitare non si vedono una serie di battute e gesti presi e riportati solo perché c’è scritto nella sceneggiatura.

I personaggi di Paul Dano sono di Paul Dano.

Lo è sempre stato, dagli inizi della sua carriera. Fate attenzione a quest’uomo, perché se continua così, ce lo ritroveremo presto – e me lo auguro – a tenere in mano qualche statuetta blasonata.

Little Miss Sunshine

Regia: Jonathan Dayton e Valerie Faris

Anno: 2006

Genere: Drammatico, commedia

Cast: Paul Dano, Greg Kinnear, Toni Collette, Steve Carell, Bryan Cranston, Alan Arkin.

Frase:  «Fai la cosa che ami e vaffanculo il resto.»

Trama: La famiglia Hoover non è come le altre. Strampalata, eccezionale, tragicomica, dal nonno Edwin alla piccola Olive, passando per Frank, tentato suicida, e Dwayne (Paul Dano), che ha fatto il voto del silenzio finché non viene ammesso nell’aeronautica. Quest’improbabile banda sconclusionata decide di andare in California a bordo di un altrettanto improbabile pulmino giallo, perché Olive è determinata a vincere il concorso di bellezza Little Miss Sunshine.

Il perché pelato: Ricordo questo film con affetto e commozione perché è davvero un tripudio di comico misto al drammatico, con quella giusta dose di surrealismo che lo rende una pellicola memorabile. Un film corale in cui tutti i protagonisti si incastrano l’uno con l’altro: il ritratto di una famiglia contemporanea, con i suoi problemi e difetti, ma anche tanto amore da dare. Ognuno coi suoi sogni, le sue speranze. Uno Steve Carell inaspettato, nella parte di professore di filosofia, omosessuale e tentato suicidio, appassionato di Proust, un “perdente” come lui. Uno giovanissimo Paul Dano che mette in scena il suo personaggio aiutandosi solo col viso, perché non parla mai. E la piccola Olive (Abigail Breslin), ficcante e adorabile bambina che, con i suoi occhiali giganti, non vi uscirà più dal cuore.

The Good Heart – Carissimi Nemici

Regia: Dagur Kári

Anno: 2009

Genere: Drammatico

Cast: Paul Dano, Brian Cox, Isild Le Besco.

Frase: «Non seguo più le regole della società civile. Ormai sono fuori. Sono un animale.»

Trama: Lucas (Paul Dano) è un ragazzo dal cuore d’oro, ma è solo e vive in strada, emarginato da tutti. Decide di togliersi la vita, ma viene salvato. E proprio in ospedale, incontra Jacque (Brian Cox), un vecchio burbero dalle maniere forti, che decide di dare un senso alla vita di questo ragazzo, facendolo lavorare al suo bar. Ma non sarà facile per i due affrontare la vita sotto una nuova luce.

Il perché pelato: Sicuramente non il titolo italiano. No davvero, ma che roba è? A parte questo, la trama può sembrare poco attraente ma c’è molto più di un incontro casuale fra un disperato e un burbero. C’è che il personaggio di Lucas vi farà commuovere anche solo per come cammina – di certo non parla molto. E il contrasto fra i suoi modi delicati e quelli di Jacque sono tanto taglienti e dolorosi quanto la fotografia è, invece, priva di ogni contrasto, pallida e grigia. E grigio è questo piccolo bar attorno a cui ruota la vita di entrambi, ma frequentato da maschere eccezionali, al limite del reale. Un vero teatro delle emozioni. Perché di emozioni si parla, in questo film, emozioni forti e pungenti. Una chicca, per cui bisogna munirsi di fazzoletti.

Love and Mercy

Regia: Bill Pohlad

Anno: 2014

Genere: Drammatico, biografico, musicale

Cast: Paul Dano, John Cusack, Elizabeth Banks, Paul Giammatti.

Frase: «I want you to leave, but I don’t want you to leave me.»

Trama: Il film racconta la vita di Brian Wilson, cantante e musicista degli storici Beach Boys, un gruppo che ha dettato le regole in fatto di musica al pari dei Beatles, negli anni ’60. Paul Dano è il giovane Brian, John Cusack il Brian di oggi. Una vita difficile, la malattia mentale, l’amore e il talento impareggiabile di uno dei più grandi del nostro tempo.

Il perché pelato: Quando ho guardato per la prima volta questo film non ero del tutto a digiuno della musica dei Beach Boys. In realtà, nessuno è del tutto ignaro delle loro canzoni: se non avete vissuto in una caverna, Surfing U.S.AI Get Around le conoscete tutti. E dico tutti. Il racconto della vita di Brian Wilson ha molte cose in comune con altre vite di artisti famosi: la depressione, la malattia mentale, il talento. Ma nella sua vita c’è qualcosa di eccezionale che questo film descrive perfettamente. Ho imparato a sentire con orecchie diverse quelle che possono sembrare a tutta prima delle canzonette da spiaggia e che, invece, sono dei miracoli musicali. E sono arrivata ad apprezzare ancor più questo straordinario talento quando ho capito che Brian è quasi sordo ad un orecchio, forse per le eccessive percosse del padre. Paul Dano ha saputo dare vita ai demoni di quest’uomo così come alla sua gioia nel far musica. Lo stesso Wilson ha dichiarato che la sua interpretazione è stata così bella da avergli fatto rivivere vividamente gioie e paure della sua vita. Se volete approfondire la storia dei Beach Boys vi consiglio il documentario Endless Harmony. Ma anche solo ascoltare Pet Sound vi cambierà la vita.

Ringraziamo: Citazioni film e libri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...