Lucifer/Telefilm

Recensione | Lucifer 1×07 “Wingman”

Buongiorno Pelati!

Senza indugio, inizio col dire che è stata una puntata davvero superlativa quest’ultima: i nodi sono finalmente venuti al pettine e nuove vie si sono delineate per i nostri personaggi. Dopotutto, quando il soprannaturale viene tirato in ballo, tutto si fa molto più interessante e curioso.

Due sono i casi che vengono riportati alla memoria: si tratta di indagini ancora aperte e particolarmente importanti per la sfera emotiva dei due protagonisti. Stiamo parlando del caso Palmetto e del mistero attorno alle ali rubate a Lucifer, qui comodamente divise in due sezioni.

DID YOU SEE MY WINGS?

Chloe emette un mandato di ricerca per le ali di Lucifer, col vago sospetto che in realtà questi sia un cosplayer professionista. Vi prego, immaginatevelo per un luuuungo istante. Ok, va bene così.

Le indagini conducono ad un’asta illegale dove un uomo senza scrupoli né fede vende reliquie fasulle. Momento fraterno per Lucifer e Amenadiel, che ha accettato di aiutarlo in questa ricerca, con lo scopo di convincerlo a fare ritorno al proprio trono infernale. Adoro il contegno che l’angelo mantiene in ogni situazione, soprattutto quando si fa beffe del fratello (“Ah, e quindi sei vulnerabile, proprio come un mortale? Mi hai appena rallegrato il millennio). Ed è ancora più divertente vedere un angelo e un demone bere champagne e discorrere amabilmente sulla falsità di alcuni artefatti religiosi, perché loro c’erano quando sono stati creati quelli veri. Tutto questo mi ha fatto tornare in mente quella perla che è “Good Omens” (da noi tradotto come “Buona Apocalisse a Tutti!”, scritto  (guarda caso) da Neil Gaiman e dal compianto Terry Pratchett. A completare la deliziosa scena, appare Chloe, in scintillante abito da sera; si instaura subito un certo feeling tra lei e Amenadiel, a sua detta quello affascinante tra i due fratelli. Sarà la nascita di una nuova ship?

In ogni caso, quando all’asta vengono presentate le angeliche ali, Lucifer si accorge che sono un falso, pur di una certa qualità. Amenadiel commenta con sottile soddisfazione. Eh sì, caro Lucifer, potrebbe essere peggio: potrebbe piovere. 

Colmo di rancore, Lucifer si presenta direttamente a casa del commerciante di reliquie, dove sono conservate le vere ali. Tuttavia, scopre che anche questo criminale agiva per conto d’altri: il vero nome del mandante del furto ci è ancora sconosciuto.

Segue una bella immagine: Lucifer seduto sulla spiaggia, una sigaretta tra le dita e le maestose ali accanto. Dopo un breve confronto con Amenadiel, il Diavolo getta il mozzicone sulle piume, che inesorabilmente prendono fuoco, consumando quell’abbagliante splendore che viene da un altro mondo. Con questo suo gesto, Lucifer ha reciso il problema alla radice, eliminando ogni dubbio e ogni possibile ripensamento: non tornerà più all’Inferno, almeno non di sua spontanea volontà. Come ha puntualizzato il fratello, ha scelto il libero arbitrio contro la volontà del Padre, e se prima aveva ancora la possibilità di tornare sui propri passi, ora non può far altro che rimanere sulla Terra e affrontare le conseguenze della sua decisione.

PALMETTO: GIUSTIZIA O COMPASSIONE?

Chloe non è di certo la più popolare tra i suoi colleghi: come già sappiamo, questo malcelato disprezzo deriva da un’indagine che ha intrapreso per far luce su una sospetta corruzione che coinvolgerebbe Malcolm, un poliziotto giudicato come un eroe da tutti gli altri. Il fatto è che Malcolm è in coma, e non c’è speranza sul fatto che si possa riprendere, tant’è che la sua famiglia ha infine deciso di staccare la spina. Mentre i colleghi organizzano una veglia per il compianto, Chloe non riesce a dimenticare ciò che ha visto in passato, qualcosa di estremamente sospetto. La detective si ritrova in preda ad un enorme dubbio morale: è giunta l’ora di scegliere tra perseguire la cieca giustizia e fare chiarezza sul presunto coinvolgimento dell’agente, seguendo il suo sesto senso, oppure chiudere l’indagine in nome della pietà e permettere ai familiari di Malcolm di voltare pagina, data la grande sofferenza che hanno già provato. Il conflitto è tra il dovere morale e civico del poliziotto e la compassione dell’umano. Nonostante Dan le suggerisca di lasciar perdere la questione, la detective si impunta: questa indagine s’ha da fare. E giustamente. Una volta tornati sulla scena del crimine, scoprono fortuitamente un passaggio celato sotto le assi del pavimento e lì sotto trovano un distintivo: questo significa che era presente un altro agente quel fatidico giorno.

Mentre raccogliamo le idee, una malinconica musica di sottofondo ci accompagna verso la scena conclusiva dell’episodio: è giunto il momento per la famiglia di dire addio a Malcolm. Ma ecco che inaspettatamente giunge Amenadiel a riportare speranza in quel luogo di sofferenza. Perché ha deciso di risvegliarlo dal coma? Non credo che rientri tra i piani di Dio…ma forse tra i suoi sì. Che Malcolm, e quindi il caso Palmetto, abbiano a che vedere con Lucifer e la missione dell’angelo?

E così ci troviamo alle soglie di un nuovo inizio: per ogni personaggio si sono delineate nuove strade e nuovi obiettivi. Maze assicura a Lucifer di essere dalla sua parte, qualunque decisione egli prenda, ma segretamente ha conservato una piuma delle sue ali, e non credo sia solo per un nostalgico ricordo. Amenadiel, dal canto suo, non demorde: con le buone o con le cattive, ha intenzione di riportare il fratello nel proprio regno, che, per quanto ne sappiamo, è in subbuglio, data la sempre maggior difficoltà con cui gli angeli riescono a tenere a bada le anime dannate che tentano la fuga.

A questo punto, la curiosità è tanta. Ci aspettiamo grandi cose da lei, signor Lucifer. Non ci deluda, la prego.

 

Ringraziamo: DemiMovie | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie tv, la nostra droga | And. Yes, I love telefilms and films ∞  | Diario di una tv series addicted | I Love Film and Telefilm | Serie Tv News

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...