Marvel's Agent Carter/Telefilm

Recensione | Agent Carter 2×06 – 2×07 “Life Of The Party – Monsters”

Bentrovati cari Agenti! Questa settimana mi tocca prendere il testimone di questi due episodi di Agent Carter, spero di non farvi sentire troppo la mancanza di ileniathebookworm.

Ma veniamo a noi.

Questi due episodi hanno segnato il ritorno di Dottie Underwood, vera nemesi di Peggy Carter. Forse Whitney Frost è quella che ci fa più paura – effettivamente chi non ne avrebbe di una che può…aspirarti con la sua mano? – ma Dottie è quella più “vicina” a Peggy. Basta vedere come, una volta scappata dalla sua cella, la nostra Carter riesce ad anticipare ogni sua mossa, dalla pistola della guardia al vicolo nel quale sarebbe poi scappata. Per questo, Dottie per me rimane un personaggio più affascinante di Whitney, sebbene costituiscano entrambe due grandissime minacce: Dottie, per noi, rimane sempre imprevedibile, non si sa bene cosa voglia fare e questo la rende una mina vagante con un sorriso smagliante.

Per Peggy, invece, è vero il contrario: lei riesce a capire in anticipo cosa farà Dottie, ma non riesce a capire in tempo a chi è diretta davvero la trappola di Whitney… Questo perché, sebbene qualche episodio fa ci abbia mostrato che le due donne condividono in qualche modo le esperienze del passato, crescendo le loro strade ci sono state divise. A Peggy è stata concessa la possibilità di uscire dal suo guscio e diventare l’eroina che è oggi, mentre Whitney si è trovata incastrata in un ruolo tipico a tutte le donne negli anni Cinquanta. Per lei, l’unico modo per cambiare la propria posizione e ottenere il rispetto è essere la più forte, per questo il suo potere è per lei così importante. Per questo non la turba affatto prendere la vita di alcuni uomini che avevano tentato di metterla da parte. Quindi, in un certo senso possiamo capire da dove derivi questa sete di potere, ma questo non la rende meno terrificante.

Non mi piace che nella trama sia invischiato anche Thompson. Dimostra sempre di non avere spina dorsale, e non ci pensa due volte a schierarsi dalla parte del nemico. La sua è una minaccia inaspettata, perché Peggy non sospetta che lui sia intenzionato a trovare qualcosa su di lei per screditarla – e riuscirci significherebbe affondarla – e mi chiedo cosa riuscirà a trovare…Perché è ovvio, non tiri fuori la possibilità di una macchia nel curriculum di Peggy Carter per poi ignorare completamente il tutto. Ma cosa potrà mai aver fatto lei, che è così perfetta?

E a proposito di perfezione, credo di essermi profondamente innamorata dei coniugi Jarvis. Ana, così preoccupata per il marito, si è dimostrata essere la moglie perfetta: mi aspettavo quasi che arrivasse a chiedere al marito di restare a casa e di non partecipare alla missione perché preoccupata per lui, invece si è dimostrata essere comprensiva, perché riconosce che per il marito questa “avventura” è importante e lo rende diverso, migliore, e in più anche molto coraggiosa. Ammetto di aver detestato Whitney: non può sparara ad Ana Jarvis e sperare di farla franca. Semplicemente… non puoi farle del male così. E Jarvis, che in un secondo è passato in modalità preoccupazione, con capello scompigliato e tutto. Credo di non averlo mai visto tanto sconvolto, lui che è un personaggio sempre così allegro… l’ho visto così preoccupato solo quando era al capezzale di Peggy, sebbene oggi la sua paura fosse addirittura maggiore. Probabilmente dobbiamo aggiungere il fatto che Peggy è abituata a rischiare la vita ogni giorno, mentre Ana… Ana non se l’era andata a cercare, è stato tutto un colpo di sfortuna, e anche se l’abbiamo vista così poco è bastato per guadagnarsi un posto nel nostro cuoricino. E per Whitney, di finire in carcere e non uscire mai più.

Una cosa che dall’inizio della stagione mi fa storcere il naso è lo pseudo triangolo Daniel-Peggy-Jason. Capisco che tutti si innamorino di lei all’istante perché voglio dire, è Peggy Carter, è bellissima, forte, intelligente, trasuda sicurezza da ogni poro e niente e nessuno riesce a fermarla… Però non riesco ancora a capire perché abbiano introdotto il personaggio di Jason dopo averci fatto affezionare tanto a Daniel durante la prima stagione. Era già difficile riuscire a pensare qualcuno all’altezza di stare con lei, poi è arrivato quel tenero zoppo che pian piano ci ha fatte tutte innamorare, e siam arrivati a pensare che forse oltre a Steve c’era qualcun altro degno di avere il suo cuore. Lei, che a distanza di anni continua ad avere le lacrime agli occhi pensando al suo amore perduto, in questa stagione si è trovata in questo triangolo indesiderato. In realtà non so perché me la prendo tanto, in fondo non c’è niente di strano, però credo di condividere il pensiero di Jarvis: il capo Sousa che ha rotto il fidanzamento a causa dei sentimenti che prova per lei, sta quasi per baciarlo in un momento intensissimo dentro al furgoncino (grazie tizio morto gettato dalla finestra da Dottie, non potevi cadere un due metri più in là?), e poi il giorno dopo Jason appena torna tangibile la bacia. Davanti a tutti. Pur essendosi reso conto che tra lei e Daniel c’è qualcosa. Capisco la gioia di essere più o meno tornato normale, però dai, mica era la sua ragazza!
Ma probabilmente parlo così a causa della mia ship. Probabilmente anche io al suo posto mi sarei data alla pazza gioia, dopo aver rischiato un paio di volte di sparire nell’oblio. Giusto per riassumere, mi sarei risparmiata tutto questo e sarei andata direttamente alla parte in cui Peggy è felice e innamorata (di Sousa).

Ricapitolando, per citare sempre thianamedea, in questi due episodi tutto quello che poteva andare male…è andato peggio. Ana ferita, Daniel preso a calci e pugni, Jason rapito (a proposito, solo io sono rimasta turbata dal suo “scatto d’ira”?), Edwin distrutto per sua moglie ha distrutto tutte noi, Vernon Masters capo della SSR di LA…Mi chiedo come la scamperanno. C’è sempre la questione di Thompson, poi, che non va assolutamente presa sotto braccio. Dopo un giorno passato a pensarci, mi rendo conto che rovinare l’immagine di Peggy potrebbe rovinarla (sappiamo che non accadrà, che oggi è una donna rispettata e ammirata, ma chissà che cosa è successo cinquant’anni fa?) e non sarà facile per lei superarlo e riottenere il rispetto che tanto faticosamente si è guadagnata. Non voglio vederla soffrire!
Comunque, questi due episodi super pieni sicuramente aprono le porte per i due che ci separano dal finale di stagione: riusciranno a sbrogliare la matassa in così poco tempo? Lo scopriremo solo vivendo. Intanto vi lascio, come sempre, promo e ringraziamenti. A presto!

Ringraziamo: – Telefilm obsession: the planet of happiness – | Serie Tv Mania | DemiMovie | Serial Lovers – Telefilm Page | Film & Serie TV | Serie tv, la nostra droga | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | Diario di una tv series addicted  | Series Generation | I Love Film and Telefilm | Serie Tv News

Annunci

2 thoughts on “Recensione | Agent Carter 2×06 – 2×07 “Life Of The Party – Monsters”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...