Recap/The Affair

Recap | The Affair

E già. The Affair ha portato a termine la seconda traversata telefilmica della sua vita.
Purtroppo, dopo l’ottavo episodio non ho più potuto seguire regolarmente la serie. I protagonisti della mia disfatta sono sempre gli stessi: università, vita da fuori sede, volantini delle offerte al supermercato, esami. Se fosse un telefilm, sarebbe banale e lo cancellerebbero dopo due puntate. Ma questa è un’altra storia.

La storia che voglio ricapitolarvi oggi è appunto quella partorita dalle menti creative di Sarah Treem e Hagai Levi che, per il secondo anno di fila, ci hanno regalato momenti di autentica bellezza.
Ora, eviterò di commentare ogni minima cosa successa fra il nono e il dodicesimo episodio, perché ne uscirebbe un romanzo a puntate. Inizierò piuttosto col dire che gli ultimi tre episodi hanno decisamente rialzato il tono della serie, che vista complessivamente stava perdendo la solidità che aveva nella prima.

Come ho già detto diverse volte, il bello di questo telefilm sta nel fatto che se ci pensi un attimo, non puoi stimare veramente nessuno dei personaggi perché tutti, in un modo o nell’altro, sono colpevoli di qualcosa. Il fatto di sentirsi continuamente in difficoltà nel capire chi ha torto e chi ha ragione nelle questioni che ci vengono raccontate, il fatto di farci venire il dubbio, rende questa serie interessante. Non si può dire che gli spunti di riflessione manchino.

E cosa dire del sapiente equilibrio in cui gioie e dolori sono disseminati lungo le varie linee narrative? Certo, i dolori prevalgono perché parliamo pur sempre di un drama, ma non uno di quelli che taglia le gambe a tutte le speranze possibili. Penso a Cole, che arriva a darsi fuoco con tutta la casa ma che poi vediamo, finalmente, sorridere. Cole che sorride, Cole che si lascia dietro l’amarezza e impara a ricominciare grazie a Luisa. So che qualcuno lo trova un brutto personaggio, ma io trovo che sia costruito ancor meglio di altri. Però. C’è sempre un però. Quante volte abbiamo sentito dire questa frase nella nostra vita? Ecco. Anche per Cole e Luisa c’è un però grande così: Scotty. Si può ricominciare mille volte, ma c’è sempre un problema che riesce ad infiltrarsi nelle tue gioie, anche il giorno del tuo matrimonio. Solitamente ha un bicchiere in mano e fa un uso disastroso del microfono della band. Scotty, appunto. E questa è la realtà dei fatti.

D’altronde è proprio Scott il motore dell’intera serie. O meglio, la sua morte. Piano piano la sua figura si insinua nelle vite di tutti i nostri personaggi, che appaiono così indissolubilmente legati come le tessere del domino. Piano, piano, ci troviamo la faccia strafatta di Scott sullo schermo sempre più di frequente, diventa un tarlo con la storia dell’investimento, anche se sappiamo che morirà. Scott, con la rabbia e il risentimento, che finisce sotto la macchina di Noah, guidata da Helen, spinto da Alison.

Come le tessere di un domino.

Cosa fanno le tessere di un domino quando cadono? Si accasciano una sull’altra. Ed è così che fanno i nostri personaggi: Noah si appoggia ad Helen perché, passata la tempesta, rimane la persona che più lo conosce. Conosce di che fattura è l’uomo che non ha mai smesso di amare. Alison si appoggia a Cole, perché non sa cosa fare della sua vita e allora le prova tutte. Cole sembra appoggiarsi ad Alison, ma in realtà è Luisa che sceglie per cadere in caduta libera, come si fa quando si scommette ancora una volta su una persona.

Alison e Noah non si scelgono per cadere. Alison è egoista, c’è poco da fare. Le parole risentite di Oscar non ci suonano così sbagliate come forse ci aspetteremmo. La nostra faccia è la stessa di Noah quando le sentiamo: le prendiamo in considerazione, perché forse è vero che lei è tutta una messa in scena.
Noah è quello che è: l’eterno confuso. Tutti non fanno che ripetergli qual è il suo problema: vuole sempre di più, vuole tutto, e finisce per dimenticare ciò che ha. Lo calpesta, scavalcandolo alla ricerca di altro. Ed è vero: a tratti inebriato dal potere che scaturisce dal successo, quel potere impalpabile e nebbioso, che in realtà vale meno di niente. La puntata della terapia mette bene in chiaro qual è il suo problema: la lotta fra la vita grandiosa, ma viziata, e la vita serena, ma dimenticabile. Sono certa che tutti ci siamo più o meno ritrovati in questo dissidio. Io sì, per lo meno: è una domanda ricorrente. A quale prezzo voglio realizzare me stesso? Cosa sono disposto a perdere, per guadagnare altro?

Come dicevo, nessuno è completamente libero dalle colpe. Come dice Helen, è un’interminabile disastro. Dove si colloca lo spettatore? In chi si rispecchia maggiormente? E ha il coraggio di rispecchiarsi in persone così imperfette? Cerchiamo la catarsi dell’intrattenimento, per poi trovarci a riflettere su noi stessi i dubbi che riserviamo ai personaggi fittizi.

La questione della colpa è in realtà la più complessa, a pensarci. Chi è imputabile per la morte di Scott? Alison l’ha spinto, perché lui stava per violentarla, e soprattutto non aveva visto la macchina sopraggiungere. Helen guidava, in ovvio stato d’ebbrezza. Ma la macchina è di Noah, che decide di non soccorrere Scott. Tutti colpevoli? Tutti complici, questo è certo. Ora capiamo perché Helen ha fatto di tutto per aiutare Noah al processo.

Aiuto andato perso, vista la scena finale in cui Noah si autoincrimina inaspettatamente. Se non parla, Alison verrà accusata. Se dice la verità, Helen verrà accusata. Ha fatto la sua scelta. per salvare entrambe le donne della sua vita.
Questa serie mi ha fatto capire che Noah e Alison non sono fatti per stare insieme. Non amano l’un l’altro, amano i drammi l’uno dell’altro. Sono affascinati dalla sofferenza. Solo così si spiega la loro fantastica unione unicamente quando uno dei due combina un guaio o versa nella totale disperazione. Quando la vita va avanti normalmente, nella quotidianità, sono due estranei che si scrutano da lontano.

Vedremo Noah andare in galera? Ora che sappiamo – da più punti di vista altamente discordanti – cos’è successo al matrimonio di Cole in pieno stile “nozze di sangue”, quali altri temi affronterà la terza stagione? Credo comunque che oltre la terza serie si rischia di uccidere l’intera storia. Spero quindi che si limiteranno alla triade, senza cercare di tirare acqua dove non ce n’è più. Ora attendiamo. Ci vediamo dall’altra parte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...