Telefilm/The Walking Dead

Recensione | The Walking Dead 6×08 “Start to finish”

Un giorno questo dolore ti sarà utile.

In effetti, guardare questo episodio è stata una sofferenza, quindi chissà se Deanna, con quella frase, si riferisse anche a noi spettatori di telefilm. Per esempio, durante la scena di Maggie ero talmente in apnea che, se fosse durata un secondo di più, sarei collassata; durante le scene di Morgan volevo prendere a capocciate il muro (giusto perché non potevo prendere a capocciate Morgan) e durante le ultime scene di Deanna stavo annegando nei feels.

In quest mid-season finale gli alessandrini devono fare i conti con tutti gli zombie che si sono riversati in città dopo il crollo della torre che è crollata sul muro che al mercato mio padre comprò. Esaminiamo i momenti salienti dell’episodio:

Maggie

L’#ansia. Vi gggggiuro, l’#ansia. Visto che con questo telefilm sei portato a pensare sempre al peggio, avevo troppa paura che, dopo aver scoperto che Glenn è vivo, in un sadico plot twist a morire fosse proprio lei. Mi stavo già preparando a cercare il numero di un buon analista sulle Pagine Bianche e fino a che non l’ho vista in salvo, ho trattenuto il respiro.

Poi, ho trovato molto bello il momento in cui, attraverso i suoi occhi, vediamo i palloncini che volano – il segnale di Glenn – perché è servito a ricordarci che, nonostante tutto, c’è ancora speranza. Ci ho visto un po’ un parallelismo con il primo episodio della stagione, in cui proprio Maggie diceva a Tara che le cose possono sempre migliorare.

Morgan e Carol

Da un lato, quindi, abbiamo questa sensazione di speranza in un futuro migliore incarnata da Maggie, dall’altro abbiamo Morgan e la sua incarnazione, completamente deviata, dell’idea di un futuro migliore. Ho provato, nel corso dei precedenti episodi a giustificarlo in tutti i modi, ma il suo comportamento in questo è stato davvero la goccia che ha fatto traboccare il vaso della mia sopportazione.

Con Alexandria invasa dagli zombie, con le vite di tutti appese ad un filo, Morgan dimostra di avere le priorità completamente sballate. Costretto da Carol ad affrontare una volta per tutte la situazione – cosa fare del Lupo che teneva prigioniero sperando che diventasse Agnello – Morgan, fondamentalmente, ha messo in primo piano il suo idealismo. E abbiamo visto tutti come è finita. Di merda, ecco come è finita.

Carol ha affrontato Morgan, Morgan ha steso Carol. Il Lupo ha steso Morgan. E, come se non bastasse, ha preso in ostaggio la ragazza che, su richiesta di Morgan, era andata a curarlo e, puntandole una pistola alla tempia, si è avventurato in mezzo ai non-morti. Che dire, niente male, eh, Morgan? Da quando sei arrivato solo danni hai fatto, solo danni. Se qualcuno, nella seconda metà della stagione, non gli ficca in testa un po’ di buon senso, anche a martellate, io giuro che non risponderò più di me.

Ron e Carl

L’altro idiota con le priorità completamente sballate è Ron. Barricato in una casa circondata dagli zombie, ne approfitta per tentare di uccidere Carl, e il trambusto provocato dalla colluttazione tra i due ha come risultato l’invasione degli zombie all’interno della casa.

E poi, per Ron, oltre il danno anche la beffa: non solo Carl si è dimostrato una persona migliore di lui, mentendo a tutti gli altri su quanto fosse realmente successo, e così coprendolo, ma senza giri di parole dice in faccia a Ron che suo padre – che il ragazzino cercava di vendicare – era un coglione. Vai così, Carl!

Deanna

La leader di Alexandria è stata l’unica vittima degli zombie, morsa durante l’invasione. Ormai prossima alla fine, simbolicamente lascia il testimone del suo lavoro a Michonne e Rick. Deanna spera che, sotto la loro guida, Alexandria possa prosperare, e sopratutto, i suoi abitanti originari possano venire considerati da Rick come parte integrante del suo gruppo. Perché ormai, la gente di Deanna è la gente di Rick.

Per il resto, ho trovato particolarmente toccanti le sue ultime scene: la consapevolezza di dover morire, ma fino all’ultimo cercare di vivere secondo i suoi termini, e di non lasciare agli zombie la soddisfazione di andarsene senza lottare.

Bonus: Negan

E, come era ormai inevitabile: il cattivo dei cattivi, Negan, sta per arrivare. Io ho già paura. Poi penso che sarà interpretato dal mio amato Jeffrey Dean Morgan e allora mi sento in colpa a pensare che non vedo l’ora che arrivi ma, fondamentalmente, ho paura. Tanta.

Arrivederci a febbraio con la seconda metà della stagione.


Ringraziamo le pagine:

Norman Reedus Italia | TWD – Am I the only one Zen around here? Good Lord. | Disney, Tv, Cinema, Musica & Libri Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | Serial Lovers – Telefilm PageSerie Tv ManiaDemiMovie | Telefilm ItaliaSerie tv, la nostra drogaSerie tv, la nostra passioneAnd. Yes, I love telefilms and filmsDiario di una tv series addictedSeries Generation | Film & Serie TV | I love Film and Telefilm  

10 thoughts on “Recensione | The Walking Dead 6×08 “Start to finish”

  1. questo finale mi ha lasciato i bozzi in testa,tutte le capocciate che ho dato-durante e alla fine- al muro…. si morgan qui ha toppato. e lo volevo disintegrare….su maggie ho pensato la stessa cosa aahha angoscia allo stato puro,calcolando che glenn era li ad osservarla,ma gli autori sono sadici in un altro modo,fino a febbraio non reggooooo…

    parola chiave: paura. deryl già sto piangendo come una scema non me lo devono toccà T_T credo che JDM ci manderà al manicomio,e dico davvero. ho il cuore in gola se ci penso… pure se toccasse abraham soffrirei ….io ancora mi devo riprende da hershel e lori…
    http://www.dravenstales.ch/wp-content/uploads/2015/11/negan_jeffrey-dean-morgan.jpg ( non so se ti manda alla foto, non ho mai postato qui) io muoro.

    "Mi piace"

    • Qua Morgan è stato proprio ingiustificabile! Mi chiedo se ora se ne renderà conto anche lui, visto che la sua filosofia non ha portato a nulla di buono. Ma negli Usa c’è il detto “il lupo perde il pelo ma non il vizio”? Perché è proprio quello che è successo in questo caso!

      Adesso dovrò aspettare fino a febbraio per vedere i miei amati Gleggie ritrovarsi e poi, e poi… NEGAN. È una fan-art, giusto? Non vedo l’ora che rilascino un poster o una still!

      "Mi piace"

      • povera denise…neanche rick prima stagione era così,cioè qua morgan sta facendo quasi ammazzare tutti altro che negan xD spero vivamente ritorni in sè perchè io amo twd e lo difendo sempre ma se gli autori vogliono andare a parare su lui che influenza rick e l’umanità che ritorna con la speranza, abbandono la visione.

        si è una fan art credo perchè lui è magrissimo ma se sarà quello lo stile e lo sguardo morirò felice:sul serio,se mi regrediscono con Sole Cuore e Amore mi sparo e cavo gli occhi. lo dico perchè mi hanno detto piu’ o meno come continua il fumetto post negan e mi volevo suicidare.

        "Mi piace"

        • Ahahaha, Morgan is the new Negan! Uhm, no, secondo me Rick ormai è “too far gone” per farsi influenzare dalla filosofia unicorni e arcobaleni del maestro jedi Morgan. Rick, episodio dopo episodio, ha fatto un passo verso il punto di non ritorno, “umanamente” parlando, ecco perché il suo gruppo è rimasto vivo tanto a lungo. Anche volendo, la filosofia di Morgan non potrebbe attecchire.

          E allora attendiamo un bel poster ufficiale di JDM. Speriamo a breve! (comunque, in Texas Rising era dovuto diventare un’acciuga, in effetti fa un po’ strano vederlo secco secco)

          "Mi piace"

          • si sarebbe troppo assurdo infatti. c’era anche un frame,tolto da amc,di uno che sembra negan che prende a mazzate qualcuno … stanno mantenendo tutto top secret,misà che dovremo attendere la 6×15 o giù di lì (grazie della dritta,non sapevo di texas rising,metto in lista da vedere…)

            "Mi piace"

          • La 6×15 è lontanissimaaaaa (cioè, da un lato è un bene, almeno sono ancora tutti vivi!). Texas Rising è una miniserie di History Channel, a me è piaciuta parecchio, sia a livello di trama (tratta di un periodo storico che mi ha sempre affascinata, la caduta di Alamo e tutto ciò che ne è conseguito) sia a livello di cast (Brendan Fraser mon amour).

            "Mi piace"

  2. Hai ragione su Morgan. Le sue filosofie sul rispetto della vita sono giuste, vanno conservate, ma lui le applica in modo completamente e totalmente sbagliato. è questa infatti una delle cose che odio di più in questa serie. Che i moralismi devono essere sempre applicati in maniera idiota. Prima mettono quella bambina che si mette a dire che gli zombie non sono pericolosi ma solo diversi (e questa è una cosa che ho odiato perché appunto tutti noi nella vita reale siamo abbastanza intelligenti da capire che i moralismi del non dover giudicare male qualcuno solo perché è diverso non si applicano con gli Zombie, ma gli sceneggiatori hanno voluto per forza metterci un personaggio tanto stupido da crederlo), poi Morgan che praticamente abbiamo visto il modo sbagliato con cui ha voluto applicare i moralismi del rispetto della vita e che nella sua visuale è tutto in bianco e nero. Il suo modo di pensare era stupido. Praticamente lui diceva che anche se quel lupo non poteva redimersi dovevano solo tenerlo prigioniero per tutta la vita. Ma non capisce nulla? Tenerlo prigioniero significava uno spreco sia di risorse che di provviste (perché appunto avrebbero dovuto dargli da mangiare e delle persone avrebbero dovuto fargli la guardia quando avrebbero potuto fare altro se non ci fosse stato lui). Ed oltretutto era troppo pericoloso se scappava. Ed ora erano in un mondo apocalittico. Non potevano permettersi questo genere di cose. Perché appunto è colpa di persone come quel lupo e Negan se il genere umano non riesce a sopravvivere in questa apocalisse Zombie. Quindi se si vuole salvare il genere umano dall’estinzione, quel genere di persone devono morire. Poi, quando si sarà finalmente ricostruita la civiltà, allora forse si potranno fare questo genere di cose. Ma per il momento no. Spero che Morgan ce l’abbia la decenza di sentirsi in colpa per quello che gli è successo e che anche gli altri lo rimproverino e gli facciano pesare le sue azioni. Io gli rinfaccerei anche il fatto che suo figlio è morto perché lui non ha ucciso lo zombie di sua moglie quando aveva potuto farlo. Poi si. La serie sta diventando ormai ripetitiva. Sempre loro che vanno da qualche parte, e quando sembra che tutto vada bene, arriva qualche umano cattivo che rovina tutto e devono andare da un’altra parte. Ormai io la seguo unicamente perché voglio sapere come va a finire. Ma che cosa hanno in mente gli autori? Come vogliono farlo finire? Che alla fine capiscono che il tipo della cupola nella prima stagione aveva ragione e che quindi avrebbero dovuto farsi esplodere perché non c’è più alcuna speranza per il genere umano e quindi devono solo arrendersi e morire? Ormai sembra che perfino il trono di spade abbia più positività e speranza che in questa serie.

    "Mi piace"

    • diciamo che non è tutto bianco o nero,anche rick può essere visto esternamente un selvaggio(e anche internamente),quindi di giusto o sbagliato c’è poco da definire,si tratta solo di avere una visione normale e non deviata. morgan è deviato. ma si tratta di una deviazione minima,anche se può sembrare invece eccessiva,ma starà agli autori il proseguio del suo percorso…

      riguardo la ripetitività,ti informo che ogni telefilm ha il suo schema,e ogni telefilm alla fin fine è ripetitivo,si tratta solo di stanchezza soggettiva,se vuoi vedere come va a finire un minimo di interesse ancora ce l’hai,ma la qualità è un’altra cosa e the walking dead è sempre stato cosi. a meno che non vogliate vedere licantropi o chimere sbucare da sottoterra,dovreste capire questo ampio concetto. il trono di spade cos’ha di innovativo alla sesta stagione? persino the flash che sta solo alla seconda….a volte si critica solo per seguire il gregge o perchè esce fuori un “tormentone”…

      Piace a 1 persona

    • Capisco che intendi, ma non sono d’accordo. Ad esempio, tu vedi l’atteggiamento della bambina “amica” degli zombie come “moralismo”, quando in realtà era sintomo di qualcosa di ben diverso, e ben più grave, cioè una qualche sorta di psico-patologia (che non è il mio campo di competenze, però era abbastanza chiaro che si trattasse di un soggetto non nel pieno possesso delle sue facoltà). Potrei essere d’accordo se a comportarsi così fosse stato un adulto perfettamente consapevole del mondo che lo circonda ma ancora convinto che gli zombie siano soltanto delle “vittime”. È ovvio che Lizzie aveva problemi a distinguere la realtà e tendenze sociopatiche.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...