The Affair

Recensione | The Affair 2×01 “201”

Questa settimana il palinsesto americano ha visto tanti importanti ritorni. Fra questi, The Affair, una delle tante serie di Showtime che rompe gli schemi e ci racconta una storia in modo insolito e provocante. Per un ripasso sulla prima stagione, cliccate qui.
Inizio subito col dire che, come inizio, non mi è sembrato particolarmente incisivo. Io ho amato la prima stagione, ogni singolo episodio: mi ha coinvolta, emozionata e distrutta. Le mie aspettative erano molto alte.

Chiaramente, sono poche le serie che riescono a ripartire già a pieno regime. La norma, e l’esperienza, ci dicono invece che solitamente il primo episodio di una nuova stagione è introduttivo, serve a ricapitolare e stabilizzare il racconto. E infatti.

Come sempre, abbiamo la puntata divisa in due parti a seconda del punto di vista da cui è raccontato: Noah, la prima, Helen, la seconda. Non Allison, dunque, che si vede davvero pochissimo – mentre per Cole ho già chiamato Chi l’ha visto.
Noah ed Helen stanno divorziando. Nell’affrontare questo tema, gli autori stanno già dimostrando tutta la loro bravura. I dialoghi sommessi e intrisi di rancore che coinvolgono i due personaggi sono accompagnati da un sottofondo musicale quasi inudibile e dal chiasso cittadino di New York. Lo strazio che rappresenta una separazione matrimoniale è tutta lì, in quel breve ma angosciante dialogo.

– Non la voglio vicino ai miei figli. Ti chiedo solo questo, Noah. È l’unica cosa che pretendo.
– Beh, potresti non ottenere tutto ciò che vuoi, Helen.
– Sei davvero egoista. Come ho fatto a non accorgermene per tutti questi anni?

Ma dove ho potuto cogliere maggiormente la tristezza e la solitudine è stato negli occhi di Helen. L’attrice, Maura Tierney, ha superato di gran lunga le già eccellenti interpretazioni della prima serie. A lei tocca rimettere insieme i cocci di una famiglia che tutto si aspettava, fuorché tale sofferenza. Un attimo prima sei a mangiare ad una tavola calda con la tua numerosa e chiassosa famiglia, che sicuramente ti stressa, ma che in fondo ami; un attimo dopo tuo marito è un estraneo e ti ritrovi con una pistola puntata addosso e una figlia adolescente incinta. A Helen tocca dare ai suoi figli un barlume di speranza che tutto andrà bene, anche se al momento fa tutto un po’ schifo.

Le differenze fra i due racconti diventano lampanti quando le storie di Noah ed Helen si accavallano, ossia di fronte al mediatore. Credo che in pochi altri casi le due versioni siano state così differenti. Dal mediatore, che Noah “ricorda” ironico al limite dell’imbecillità, mentre nel racconto di Helen è serio e composto – oltre che seduto vicino a Noah, il che simbolicamente ci fa pensare come Helen veda la figura dell’uomo al momento – ai toni della loro conversazione. Noah si narra pacato, quasi triste, e ben disposto nei confronti della quasi ex-moglie. Helen lo ricorda arrogante, cattivo. Nel suo ricordo manca completamente l’accenno all’anticipo per il libro, che invece Noah sembra “costretto” a rimarcare, quasi offeso, nella sua versione. Insomma, l’idea di alternare i punti di vista è perfetta per la situazione del divorzio, dove i comportamenti e le colpe stanno sempre da entrambi i lati. Una delle tante cose che, nella nostra vita, risulta sempre estremamente relativa.

Fondamentalmente, la puntata è questa qua. Ecco perché, secondo me, è stato un inizio un po’ sottotono. C’è tutto il The Affair della prima stagione, nelle scene di sesso che non sono semplici scene erotiche ma scene di dramma; nelle discrepanze fra i due punti di vista narrati, che ci fanno dubitare di tutti i personaggi; persino nelle ambientazioni. Ma era una puntata per stabilizzare la storia e dare l’accenno alla vera e propria trama della seconda stagione.

La scelta di alternare i punti di vista ai flash forward dell’incarcerazione di Noah ricalcano la struttura della prima stagione. Come al solito, gli autori ci danno degli indizi per farci capire quando siamo nell’ora e quando, invece, nel futuro. I capelli di Helen ci fanno capire che quanto vediamo accadrà dopo. Ma dopo cosa? Dopo gli eventi che abbiamo visto nella puntata, sì, ma anche dopo il finale stesso della prima serie. E se, durante la mediazione, Noah non ha avuto problemi ad urlare di non voler più neanche un centesimo dai suoceri, ora si trova ben disposto ad accettare l’avvocato pagato da Helen. Si sta aggrappando a tutto oppure c’è stato un effettivo riavvicinamento? I loro sguardi dicevano qualcosa di più di quelli che abbiamo visto a inizio episodio. Rancore, sì, ma anche intesa.

Non manca neanche quel sottile parallelismo che ho tanto amato nella prima serie. Sia Noah che Helen si trovano a fare conversazione occasionale con dei conoscenti. Noah non si preoccupa di accennare al divorzio, mentre Helen è costretta a subire i discorsi allibenti di quella tizia.

In pratica, gli strati temporali della narrazione sono concentrici e si inseguono, si includono. Ci confondono anche un tantino! Ma è nel pieno stile dello show, che non mancherà di carburare e di ridurci nuovamente il cuore a brandelli, ne sono certa.

Eccovi il promo della prossima puntata, “202” – quanta passione nel titolare le puntate! – che è stata rilasciata ieri online. Io mi atterrò alla programmazione televisiva, anche se là fuori è un campo minato di spoiler.

Ringraziamo: DemiMovie | Serial Lovers – Telefilm Page | Serie Tv Mania | Film & Serie TV | Serie tv, la nostra droga | Serie Tv, la nostra passione

Annunci

3 thoughts on “Recensione | The Affair 2×01 “201”

  1. rieccomi, bella recensione. Questa è una serie che non mi piace un granchè ma ormai ho iniziato e continuo. Allora come nella scorsa stagione direi che il presente è quello di Noah in galera con l’accusa di avere ucciso Scotty il fratello di Cole.
    Il meccanismo è sempre lo stesso solo che questa volta I due litiganti Noah e Helene devono decidere come regolare il loro divorzio e parlano davanti a un mediatore matrimoniale per trovare un’accordo.

    Secondo il punto di vista di Noah, la moglie lo tratta sempre con un pò di tolleranza, perchè lui professionalmente non è un uomo realizzato e prsino la casa dove vivevano l’aveva pagata Helen. La sua ex moglie è piena di rancore verso di lui ed è assolutamente contraria a permettergli di vedere i figli perchè non vuole che entrino in contatto con Alison in nessun modo.

    Nella versione di Helen invece, lei appare sempre molto innamorata di Noah, non gli porta molto rancore (anzi!) vorrebbe aiutarlo (ancora una volta) per fare in modo che possa trovare una casa grande tanto da permettergli di vedere i loro quattro figli di tanto in tanto.
    Insomma esattamente l’opposto, non vengono precisate le date, e difficile stabilire una timeline degli eventi. I due racconti dovrebbero coincidere ma l’abbigliamento è diverso e questo è strano..

    L’episodio torna al presente e davanti al detective che consiglia a Noah di patteggiare (ovvero di confessare) per ridurre la pena lui risponde che vuole un avvocato.

    Nella versione di Helen invece Noah non ha i soldi per pagare l’avvocato e lei si offre di pagarglielo. Insomma è santa..però suona più falsa la versione di Helen, non saprei. Vedremo come và.. a presto.

    Mi piace

  2. Ciao, grazie per aver commentato 🙂
    Anche a me, come avrai letto, questo inizio è sembrato un po’ sottotono. Ma già dalla seconda puntata vediamo tanti cambiamenti interessanti nella narrativa! Poi mi dirai cosa ne pensi.
    Il ruolo di Helen mi è parecchio oscuro, anch’io non capisco cosa l’abbia portata ad essere così disponibile verso Noah. Suppongo che ci sarà chiaro molto più in là.

    Mi piace

  3. Pingback: Recensione | The Affair 2×02 “202” | parolepelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...