Game of Thrones/Telefilm

Recensione | Game Of Thrones 5×05 “Kill The Boy”

Sono arrabbiata. Io in genere non mi arrabbio mai per i cambiamenti tra libro e serie tv, a parte qualche rara eccezione che mi infastidisce come un puntino nero che vedi con la coda dell’occhio. Tu dici non lo sopporto, vorrei che sparisse, però dopo qualche minuto ti distrai e non ci pensi più. Però questo episodio oggi mi ha più che infastidita, mi ha proprio fatto perdere le staffe, ed è un peccato perché mi stava davvero piacendo.

Kill the boy and let the man be born.

Partiamo da dove deriva il titolo dell’episodio. Oggi Jon Snow ha dovuto prendere delle grandi decisioni, e nonostante in più di un momento mi sia trovata a pensare che il ragazzo stesse cercando di farsi ammazzare dai suoi nemici, effettivamente tutto quello che dice ha senso. Ha ragione, e mi chiedo come mai gli altri non lo capiscano. Cioè dalla mia prospettiva, cercare di ingraziarsi i Bruti e stringere una sorta di alleanza con loro è molto meglio che lasciarli tornare a nord della Barriera e doverli affrontare fra un mese come White Walkers, perché è questo il destino al quale vanno incontro, senza ombra di dubbio. E se già hanno scarse possibilità di riuscita adesso, che sono quattro gatti contro chissà quante migliaia (se non milioni) di nemici, pensate a che cosa accadrebbe con le fila dei White Walkers rimpolpate dai Bruti. Senza contare che sarebbe una gran brutta fine da fargli fare.
Tormund, nonostante la rabbia per la morte di Mance, capisce il punto di Jon e acconsente ad aiutarlo. Sapevo che Tormund non ci avrebbe delusi, non solo perché è intelligente (altrimenti non sarebbe sopravvissuto tanto a lungo), bensì perché sappiamo tutti quanto tenga alla sua gente. È per loro che fa tutto questo, così come Jon che ha un cuore grande e pensa a tutti, non solo ai suoi uomini. Ma mi chiedo: questo dove lo porterà? Come dice maestro Aemon, Jon Snow ha già tanti nemici – metà dei suoi uomini lo odiano già, e chissà quanti altri si sono aggiunti al gruppo dopo oggi – e proprio per questo vale la pena agire seguendo il suo istinto, per fare ciò che è meglio… Ma questo non attirerà troppe ire nei suoi confronti? C’è già Olly che non mi convince. Lo so, è un bambino, cosa volete che faccia, eppure oggi mi ha dato una cattiva impressione. Sarà pure giovane, ma a Westeros non esistono bambini, solo combattenti più piccoli e più grandi, e lui ha già dimostrato di sapere uccidere. Con quanta precisione ha infilzato Ygritte? Con quanta freddezza ha annuito a Jon, pensando di avere fatto una cosa a lui gradita? Con quanto odio oggi parlava della gente che ha ucciso la sua famiglia e distrutto il suo villaggio? Non mi stupisce, attenzione. Solo che non ti aspetti simili discorsi da un ragazzino. Ed è proprio perché nessuno potrebbe aspettarsi un tradimento da parte sua, che Jon non dovrebbe fidarsi di lui. Io ce lo vedrei proprio a tirargli una pugnalata al petto, perché ha perdonato quella gente che lui vorrebbe sterminare.

Nel frattempo, Stannis ha deciso di marciare finalmente verso Approdo del Re passando naturalmente da Grande Inverno. Ora, io mi chiedevo oggi: i Guardiani non si interessano delle dispute tra Re perché il loro compito è quello di difendere il reame e quindi tutti i cittadini senza fare distinzione tra nobili e servi, ma chiamano Stannis “Vostra Grazia”. Se al suo posto ci fosse stato Tommen, si sarebbero riferiti a lui allo stesso modo? Per i Guardiani ci sono due sovrani? O rivolgono particolari preferenze a Stannis perché li ha salvati tutti?
In ogni caso, una parte di me da loro ragione. Anche io, se non fosse per Melisandre, vorrei Stannis sul trono senza batter ciglio… ma purtroppo, la donna rossa è sempre in mezzo e non ci possiamo fare niente. Spero soltanto che un giorno Melisandre faccia fuori Selyse, perché proprio non la sopporto. Non mi piace il modo in cui tratta Shireen, non mi piace nemmeno il modo in cui la guarda, e nessuno può negare che c’è più amore negli occhi di Stannis che in quelli di lei. Il che è tutto dire. Più vado avanti, meno la considero una madre ma più una bestia. Povera Shireen.E insomma, le cose si concludono così, con l’emozionante partenza di Stannis e i suoi verso Grande Inverno. Prevedo spoiler per i lettori.

Don’t want to overfeed them. Tomorrow perhaps.

Permettetemi di dire che la morte di Ser Barristan mi lascia senza parole. Non l’accetto. Lui, che da solo nella scorsa puntata ha ucciso chissà quanti Figli, è morto. Non c’è più. Lui che per primo si è opposto alla crudeltà di Joffrey. Morto. Lui, che nonostante l’età era riuscito a battere la Guardia Reale prima di lasciare la capitale. Non lo so,  speravo di vederlo in giro ancora per molto, e invece lui e la sua eredità sono andati. Sepolti. Daenerys ha perso una grande guida e neanche cinque minuti dopo mette in atto una vendetta così crudele da farmi temere che quelli che abbiamo visto finora siano stati i suoi tempi migliori. Capisco la rabbia e tutto, ma dare in pasto ai suoi draghi uno dei leader delle grandi famiglie è stato sciocco e crudele. Brutto da vedere, oltre tutto. E ipocrita: non li avevi rinchiusi proprio per questo? Dandogli da mangiare carne umana, credi che adesso la schiferanno e che se un giorno torneranno liberi non ne mangeranno solo perché tu gli ordini di non farlo? Come no. Certo.
La scena l’ho trovata proprio agghiacciante. Bravi, perché avete reso tutto spaventoso e angosciante, ma non in senso strettamente buono.
Il fatto è che poi se ne pente pure e capisce di avere sbagliato. Che genio, intanto ci fai rimettere un innocente e poi ti rimangi tutto? Davvero, io vorrei non avercela così tanto con lei, ma lei per prima non mi aiuta.
Ringrazio il cielo che con lei ci sia Missandei, che almeno riesce a infilarle un po’ di sale in zucca. Se non fosse stato per il suo suggerimento, chissà quanto ci avrebbe messo Dany a realizzare che purtroppo, volente o nolente, deve scendere a patti con i suoi nemici se vuole mantenere il controllo su Meereen. E nel frattempo ci scappa anche il matrimonio. Daenerys si sposa, evviva!
*Piccola parentesi Missandei – Verme Grigio: sono contenta che quest’ultimo non sia morto. L’anno scorso comunque non vedevo molto di buon occhio una potenziale “relazione” tra i due, però… diciamo che sono carini. Diciamo che non sono il peggiore dei cambiamenti dal libro al telefilm, quindi posso anche accettarli. E poi povero Verme Grigio, si vergognava per la sua paura di non rivedere più Missandei. Mi ha intenerita, che ci posso fare.*
Solo una cosa: cara Missandei, ma queste fantomatiche scelte “migliori” prese da Daenerys esattamente quali sono? Il bacio di due minuti prima ti ha confuso le idee?

This isn’t a strange place. This is my home.

Tutte le scene ambientate a Grande inverno, come quelle alla Barriera, mi sono piaciute nonostante i vari cambiamenti. Partendo da Ramsay, per quanto io possa odiarlo riconosco che è un personaggio indispensabile, ma non a livello di trama: senza di lui, Game Of Thrones perderebbe uno dei pochi personaggi che riescono a incutere timore semplicemente guardandoli. Persino con Myranda, quando lei gli faceva tutte quelle domande su Sansa e sul loro matrimonio, incuteva timore. Nudo e disarmato, continuavo a pensare ora lei dice qualcosa di troppo e lui la uccide. Prende un coltello e glielo infilza da qualche parte. E invece no, diciamo che l’ha infilzata con qualcos’altro.
Il suo rapporto con Reek è ancora altrettanto malsano e vedere come si è ridotto il vecchio Theon Greyjoy rimane un qualcosa che la mia mente non riesce a concepire. Il modo in cui lo terrorizza quando gli ordina di inginocchiarsi. Da spettatrice, provavo tantissima ansia e l’istinto di distogliere lo sguardo (eh sì, per sicurezza ho guardato con un occhio chiuso e uno aperto), perché l’ultima cosa che mi sarei aspettata era sentirgli dire Ti perdono. Ramsay non perdona, Ramsay scuoia la gente. Per la prima volta anche Sansa ha avuto il piacere di rendersi conto di che cosa è capace il suo adorabile futuro marito, e non so lei ma io al suo posto sarei scappata a gambe levate. Ma lei non può. E dopo la loro conversazione durante il pranzo, non credo che lo farà.
Ramsay che chiama Reek e lo costringe a scusarsi per la presunta morte di Bran e Rickon è la cosa più falsa che io abbia mai visto in un telefilm e quasi una punizione peggiore rispetto al vedersi amputato un dito. Anche peggio di Daenerys che da un uomo in pasto ai suoi draghi. Secondo me è stata la scena peggiore dell’episodio – e qui lo dico in senso buono, perché è riuscita proprio a colpirmi ed è giusto così -, soprattutto per Theon che ancora una volta si vede completamente annullato. Sansa ha subito, è rimasta a guardare mentre gli altri tre presenti brindavano con gioia alle loro prossime nozze – ho apprezzato tantissimo che lei, nonostante tutto, abbia deciso di non sollevare nemmeno il calice – e ancora una volta è chiaro come il sole che questa non è la stessa Sansa della prima stagione. Secondo me nella sua testa pensava a quanto quella situazione fosse assurda e meschina, come osava lui considerarsi un uomo del nord? Come osava lui parlare di sangue, di casa? Come osava lui dire che “Il Nord non dimentica” e pretendere di poter punire Theon, quando suo padre si è macchiato di un identico crimine? E ancora nessuno sa che in realtà Bran e Rickon sono vivi e vegeti. Quando questo avverrà, tutti sapranno che è stato punito un mezzo innocente. Chiedile scusa per quello che hai fatto ai suoi fratelli. Già, e Roose allora? Anche lui si è scusato per aver pugnalato Robb? Per averlo tradito? Per aver causato la morte di sua moglie, di sua madre? In cinque minuti mi ha fatto diventare una belva, giuro, e mai come oggi ho sperato che prima o poi Sansa riesca a vendicarsi. Sono davvero sollevata, perché adesso la ragazza sa di avere dalla sua parte non solo la gente a Grande Inverno – questo non è un luogo sconosciuto, questa è la mia casa – ma anche qualcuno fuori. Brienne, oh Brienne, adoro la sua nobiltà e la sua forza, il modo in cui nonostante il rifiuto non abbia deciso di mollare tutto e andare a uccidere subito Stannis. E Sansa ha bisogno di qualcuno che vegli su di lei in qualche modo, deve sapere di non essere sola.

Myranda invece non mi piace per nulla. Mi spaventa, sento che potrebbe portare guai. Ma la cosa che trovo più sorprendente è che sembra sinceramente affezionata a Ramsay. Ma si può? Al suo posto, sapendo che quello psicopatico è impegnato con un’altra, farei i salti di gioia. Forse, se la vediamo così, lei e Ramsay sono perfetti insieme.
Altra parte che ho trovato molto interessante, il racconto di Roose che riguarda la madre di Ramsay. Adesso capisco da dove deriva il carattere dolce e sensibile di Ramsay! Viste le circostanze del suo concepimento, non poteva essere altrimenti! E mi volete far credere che questo tizio adesso diventerà un fratello maggiore senza batter ciglio? Dove sono tutti i dubbi di Roose, sulla morte del suo figlio legittimo Domeric? Lo sta sottovalutando, sottovaluta suo figlio e non credo sia una cosa saggia. Ma qualsiasi cosa accadrà loro, se la saranno meritata.
In ogni caso, la sua triste storia – concepito sotto l’albero in cui è stato appena impiccato il marito di tua madre, wow – non me lo rende più simpatico, né mi fa provare pena per lui. Forse adesso possiamo giustificare in parte la sua totale incapacità di provare sentimenti, ma basta. Nient’altro.

You’re heavier than you look.

Infine, continua il viaggio di Tyrion e Jorah. Ora, partiamo da quello che mi è piaciuto: ho adorato le immagini di Valyria, o almeno quel che resta. Ho adorato la scena in cui Drogon vola sopra le loro teste e Tyrion lo guarda sconvolto e incantato, perché io avevo la stessa espressione ammirata. Davvero, Drogon volava e sembrava stesse danzando nel cielo, mi sono persino venuti i brividi guardandolo. Andava tutto bene, fino a quando non appaiono gli Uomini di Pietra.
10 + per la loro entrata in scena, inquietante e inaspettata. Ma non esulto per come si sono evolute le cose. E per una volta devo indossare i panni della lettrice arrabbiata e dire che non mi va. Non accetto che Jorah sia stato contagiato. Sia perché è Ser Jorah, non potete eliminarmelo. Sia perché questo significa che hanno tagliato un bel po’ di personaggi importanti – e non voglio fare la saccente, ma i lettori confermeranno che tagliare questi determinati personaggi è un grande errore. Uno spreco. Vi stanno togliendo uno dei più grandi twist dei libri, e al vostro posto sarei davvero arrabbiata. Non so cos’altro dire, perché davvero non mi va giù. È ingiusto, dico solo questo.

Ed è un peccato, perché se non avessero rovinato tutto con questo finale e con la morte di Ser Barristan, credo che questo episodio sarebbe stato il mio preferito finora. Per quanto consideri le sue scelte sbagliate, la scena di Daenerys che da in pasto ai draghi quell’uomo è terribile ma pur sempre di grande impatto, non posso negarlo; Sansa che non vuole brindare ai Bolton; Drogon che vola su una Valyria bruciata; Jon che libera Tormund; Tyrion trascinato sott’acqua dall’uomo di pietra. Ci sono stati tanti bei momenti, scene che ti lasciano con il fiato sospeso e che coinvolgono persino i lettori puristi, però… Però non posso accettare questa nuova svolta nella storia di Jorah. Non posso, non ci riesco.

Spero che tra una settimana, dopo aver elaborato il lutto, mi sia passata. Ma per ora è così, vi lascio abbastanza depressa. Come sempre vi lascio il promo e vi invito a passare dalle nostre bellissime affiliate e…ci pensate che siamo già a metà stagione?

Ringraziamo: | Film & Serie TV | Serial Lovers – Telefilm Page | Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | Serie Tv e film time | Telefilm. ϟ | Casa Stark – L’inverno sta arrivandoGame of Thrones ITALIA |  Jon Snow the bastard Italia |  Kit Harington & Richard Madden Italian Page | Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco – ItaLe Cronache del Ghiaccio e del Fuoco WikiLe cronache del ghiaccio e del fuoco – A song of ice and fireMai, mai dimenticare chi sei, perché di certo il mondo non lo dimenticherà. |  Nikolaj Coster-Waldau Italia | Reign and Games of Thrones | Team Sansa | ~ Le migliori frasi de “The Game Of Thrones” ~ | Natalie Dormer Italia | Peter Dinklage fanpage | La dura vita di una fangirl | Kit Harington Italia | Finn Jones – Italian Fans | British actors do it better | DemiMovie | Game Of Thrones fans page -ITA- | Team Mormont | Game of thrones – Italian fans | A Song of Ice and Fire – Italia | Game Of Thrones – Al gioco del trono o si vince o si muore | Maisie Williams Italia. | Game Of Thrones – Italian Fans Blog | Serie Tv, che passione ღ |

6 thoughts on “Recensione | Game Of Thrones 5×05 “Kill The Boy”

    • Purtroppo non sei drastico, hai ragione! Io certi cambiamenti li posso anche accettare, per esempio quello di Sansa (perché non sappiamo cosa farà lei nel prossimo libro, magari anche lì lei andrà in qualche modo dai Bolton visto che Jeyne-Arya è andata via, e poi mi piace tutta la storia della vendetta, l’hanno resa più interessante e meno statica), ma quello di Jorah proprio no…Che peccato, che peccato! Continuo a pensare a quello di cui ci stanno privando e non mi do pace!

      "Mi piace"

  1. Sono d accordo. la cosa di Sansa è possibile che accada, anche se mi domando la povera brienne cosa ci stia a fare li. Non voglio parlare quindi di Jaime.. Per carità, adoro Bronn e l attore che lo impersonifica, ma andare a DoRne. Jorah l ho sempre adorato, barristan pure. Bo non so, la storyline era li, pronta.. Apparte sansa ad un certo punto. Per gli altri però era tutto già scritto. Brutta piega, ho paura per le 5 puntate rimanenti..

    Ps: ma jon conninghton? 😦

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...