Outlander/Telefilm

Recensione | Outlander 1×13 “The Watch”

Ebbene sì, cari Sassenachs, la mia collega bloodlessagain è stata trattenuta dalla vita reale e per questa settimana vi beccate me come supplente. Per consolarvi, vi elargisco un Jamie Fraser d’apertura.

Questo episodio è stato forse un po’ povero d’azione ma ricco di approfondimento dei personaggi, che si fanno conoscere un po’ meglio. Cominciamo da dove avevamo lasciato la settimana scorsa: Jamie con una pistola puntata alla testa, tuttavia quasi subito sopraggiunge Jenny e si chiarisce l’equivoco. I brutti ceffi non sono banditi bensì The Watch (be’, in pratica è quasi la stessa cosa), un gruppo di uomini armati che in cambio di denaro offre protezione dagli inglesi. A questi si aggiungerà, nel corso dell’episodio, il simpatico disertore irlandese Horrocks, una vecchia conoscenza che sa che Jamie è un “wanted man” ma non immagina quanto. Horrocks si accorda con gli altri uomini per tendere un’imboscata agli inglesi e nel frattempo ricatta Jamie per non svelare il suo piccolo segreto.

Intanto conosciamo un po’ meglio Jenny e Ian, ci rendiamo conto dei sacrifici che hanno dovuto affrontare e dei compromessi che hanno dovuto accettare per poter mandare avanti la baracca. Capiamo meglio quanto intenso sia il legame tra Ian e Jamie, diventati come fratelli dopo che il vero fratello di quest’ultimo, Will, è morto. I due sono cresciuti insieme e insieme sono andati in battaglia, si sono sempre protetti a vicenda e continuano a farlo. Proprio Ian dice a Jamie dove prendere i soldi per pagare il ricatto e, una volta che il viscido Horrocks comincia a chiedere di più, interviene spuntando dal nulla e infilzandolo con una discreta badassitudine. Purtroppo l’omicidio lo sconvolge parecchio, dato che non uccideva dai tempi della guerra, così si ritrova a tremare finché Jamie non lo fa riprendere e si avviano a seppellire il cadavere insieme. Questa è vera amicizia.

Nel frattempo anche il rapporto tra Jenny e Claire, non cominciato nel migliore dei modi, prende la giusta piega mentre le due donne hanno il tempo di confidarsi e conoscersi meglio, legando. In particolare, Claire troverà il modo di rendersi utile durante il parto: la levatrice, giusto oggi, ha dovuto lasciare il villaggio (quando si dice il caso) perciò le conoscenze della nostra Sassone tornano utili, specie perché il bambino (la bambina, in realtà) è podalico (anch’io lo ero); sta quindi con la testa in su anziché mettersi nella posizione giusta per uscire.

I simpaticissimi uomini della Guardia trovano il tempo di lamentarsi delle urla di dolore di Jenny (ma vorrei proprio vedere uno di loro al posto suo… bah!), tra un appiccato incendio al fieno messo da parte per l’inverno, un’ubriacatura e una rissa. Il capo capisce che Jamie ha ucciso l’irlandese e gli fa un’offerta che non si può rifiutare: unirsi al suo gruppo. Ovviamente Ian non può lasciare che l’amico parta da solo e i due salutano le mogli e partono insieme alla Guardia.  Claire fa capire al marito che non sarebbe una buona idea non tornare a casa.

Gli uomini si incamminano nel posto perfetto per un’imboscata e, ovviamente, la sorpresa la fanno a loro: prima di morire Horrocks ha fatto in tempo a venderli agli inglesi. Ian e uno dei simpatici furfanti riescono a fuggire, Jaime si rifiuta di lasciare indietro un ferito e quindi viene catturato. Che dobbiamo fare con questo ragazzo? Mettersi nei guai per gli altri è un’ossessione, per lui.

Il parto di Jenny va bene e al clan si aggiunge la piccola Maggie, una neonata con gli occhi e la testardaggine dei Fraser. Questa storyline, tra l’altro, come quella dei soldi da dare a Horrocks, ci permette di scoprire il desiderio della nostra coppia del cuore di avere un figlio. O un esercito di figli. Jamie infatti confida di aver desiderato riempire Lallybroch di bambini, il che porta Claire a confidargli i suoi sospetti di essere sterile. Lui la conforta e l’abbraccia ma quando lei si gira ci mostra un bel faccino triste. A sua volta, la nostra Claire chiede a Jenny come sia la gravidanza e sembra essere molto felice quando è con i bambini (ma l’avevamo già visto anche al castello).

Comunque il problema non è pressante, dato che al momento i nostri eroi si trovano separati, con Jamie prigioniero delle giubbe rosse. Mai un attimo di pace. E il finale di stagione si avvicina.

 

Ringraziamo: Sam Heughan Italia | Outlander Italia | Outlander ItalyOutlander,il Mondo di Jamie & Claire – The Italian Fangroup|Caitriona Balfe Italian Fans | Sam Heughan Italian FansJe suis prest. – Outlander | Sam Heughan & Caitriona Balfe Italian Fans ϟSassenach.|La dura vita di una fangirl | So many fandoms, so little time | – Telefilm obsession: the planet of happiness – |Addicted to telefilm. | Telefilm. ϟ |Planet Heughan  | Sam Heughan/Jamie Fraser | DemiMovie | Serie TV Mania  | Jamie & Claire: Outlander.

One thought on “Recensione | Outlander 1×13 “The Watch”

  1. Pingback: S01E13 – The Watch – Info e rassegna stampa - Outlander Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...