Telefilm/The 100

Recensione | The 100 2×03 “Reapercussions”

La CW sembra averci preso gusto con i giochi di parole: “Reapercussion” l’unione di “reapers”, i Mietitori, e “repercussions”, ripercussioni o conseguenze. E proprio le conseguenze sembrano essere le protagoniste di questa puntata.

Abbiamo visto la reazione di Kane alla scoperta del tradimento da parte di Abby. Vi aspettavate che il Cancelliere di Camp Jaha reagisse in modo così violento? Molto probabilmente, se non fosse stato per il capo delle guardi che gli ha messo pressione, non l’avrebbe fatto. Ma quando lui le lascia la carica di Cancelliere Pro Tempore mi è venuto il sospetto che la punizione plateale avesse un doppio scopo: vedere se Abby era in grado di accettare le conseguenze delle sue azioni e mostrare a tutti che anche quelli con il “potere” sono vulnerabili e fantocci delle decisioni di Kane. 

 

Sembrava dispiaciuto, però, Kane. O no? E riuscirà nella missione di ricerca? Staremo a vedere…

 

La scena si sposta nella boscaglia dove Finn, Bellamy, Murphy e gli altri il cui nome non è rilevante sono alla ricerca degli altri. Ho la sensazione che la CW stia cercando di donare un po’ di umanità e ironia a Murphy, ma la domanda che più mi sono posta è: cosa diavolo state facendo a Finn?

Capisco il voler riprendere l’orologio di Clarke (soprattutto perché solo qualche giorno prima le ha detto di amarla) ma tutta questa pazzia? Apprezzatissimo anche come entrambi i ragazzi hanno capito che Clarke non avrebbe mai lasciato l’orologio di suo padre senza lottare (i terrestri l’hanno preso quando era svenuta o in qualche modo c’entrano gli Uomini della Montagna?) concordando ed essendo entrambi preoccupati per la biondina.

Spero davvero che ci sarà una spiegazione per il comportamento di Finn, soprattutto per l’uccisione a sangue freddo del Terrestre preso prigioniero perché non è assolutamente da Finn. Ricordate: Finn era quello che si era sentito male per aver ucciso un Mietitore che voleva ucciderlo e che aveva lasciato fuggire Lincoln nonostante questi l’avesse pugnalato e avvelenato. E ora uccide un uomo solo perché potrebbe raccontare qualcosa e potrebbe aver preso l’orologio di Clarke?

CW, lo squilibrato era Murphy, eh. E quello che torturava per le informazioni era Bellamy.

L’altro che sembra aver perso un po’ la testa è Jasper. Monty, preoccupato dall’imminente scomparsa di Clarke, va dal migliore amico e lui cosa fa? Lo manda via perché ha qualcosa di meglio da fare: divertirsi con la sua nuova ragazza, Maya, che quando le vengo chieste informazioni di Clarke mente spudoratamente. Senza dubbio dietro istruzioni di Dante Wallace, ma con non pochi benefici: il sangue dei terrestri e una ficcanaso sveglia come Clarke fuori da piedi le fanno comodo.

 

Clarke, nel frattempo, riesce a fuggire da Mount Weather insieme ad Anya, la leader del gruppo di Terrestri che li aveva attaccati, finendo però dalla padella alla brace. La frase fatta non è casuale visto che finiscono per ritrovarsi in un cassone con altri terrestri trasportati da un Mietitore che tra qualche secondo inizierà a cantare “Con le mai sbucci le cipolle” e a spargere sale sulle due leader. 

     

Clarke è la protagonista delle scene più dinamiche e meglio gestite dell’episodio. Il salto nell’acqua è stato meraviglioso. E dopo un bel po’ la faccia di Clarke era di nuovo pulita. Dura ben poco, però, questa novità: un colpo di Anya la ferisce e… vabbè, un viso pulito non è in cima alla lista dei nostri personaggi… Ma cosa dire di Anya? Sì, le va riconosciuto il merito di aver salvato Clarke dagli Uomini della Montagna ma poi spiega il perché: non può presentarsi a mani vuote dai Terrestri dopo essere stata catturata dai Cento e poi rinchiusa a Mount Weather, soprattutto se porta come trofeo la leader responsabile della morte di trecento dei suoi.

 

Menzione d’onore questa settimana per Octavia. Dopo il recupero di Lincoln della scorsa settimana e della seguente cattura da parte dei Mietitori, la più piccola tra i Cento fa da esca, alleandosi con il clan di Lincoln, per cercare di catturare i Terrestri catturati dai Mietitori. La vediamo fare da esca, la vediamo lottare, ed infine la vediamo soffrire quando scopre che il suo amato non è tra gli uomini salvati e, peggio, a quanto pare non ce l’ha fatta. Ma cosa è successo realmente a Lincoln? Perché tra tanti destinati al “raccolto” proprio lui viene scelto per il “Programma Cerbero”? E cos’è questo programma? Il nome “Cerbero” non promette niente di buono.

    

Nonostante la forza e il coraggio dimostrato dalla piccola Blake una cosa inizia ad infastidirmi: questi due passano i giorni a cercarsi e salvarsi poi perdersi e curarsi, e tutto da capo…

 

Cosa ha in serbo per noi il prossimo episodio? Vediamo intanto il promo di “Many Happy Returns”: 


Ringraziamo: The 100 Serie Tv | Serie Tv Mania | Bellarke. | Telefilm Addicted ϟ  | Serie Tv e film time | Serie Tv, che passione | • Telefilm Dependence • | Telefilm. ϟ | 365 Giorni di Telefilm | – Telefilm obsession: the planet of happiness – | Addicted to telefilm. |The CW Mania

One thought on “Recensione | The 100 2×03 “Reapercussions”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...