Haven/Telefilm

Recensione | Haven 5×01 “See No Evil”

E dopo quasi 10 mesi anche i nostri cittadini di quella città strana nel Maine sono tornati a dare un po’ di sollievo alla nostra agonia, vero? Ovviamente no, come ben sapete miei cari, Haven è sinonimo di agonia e questo primo episodio non si smentisce nemmeno un po’, soprattutto se come me avete pensato bene di entrare in quel tunnel senza uscita che è la ship Nathan/Audrey e nessuno vi aveva avvisato di quanto dolore avrebbe comportato quella scelta.

Innanzitutto, con uno show come questo mi sembra d’obbligo fare il punto della situazione. Con la quarta stagione abbiamo scoperto molte cose importanti, forse la cosa più importante di tutte: La “versione originale” di Audrey, si chiama Mara, ed è colei che ha creato i problemi. Inoltre, ora che Audrey ha riattivato la maledizione della famiglia Crocker, ha amplificato il problema e Duke ha dentro di sè tutti i problemi che la sua famiglia ha assorbito nel corso degli anni, e Jennifer è colei che (con una versione piuttosto scadente di Twilight) può aprire il portale per rimandare William (il compagno di giochi di Mara, che si è divertito a creare nuovi problemi in giro per la città, come se non ne avessimo già abbastanza) in un’altra dimensione. Così il finale piuttosto cliff-hanger ci lascia così: Tutta la nostra “squadra” all’interno del famoso faro di Haven. Dave prova a gettarsi nel portale (dal quale è attratto) per ritornare nella dimensione da cui proviene, ma viene salvato da Vince. Jennifer collassa a terra e non sembra dare segni di vita, Duke inizia a sanguinare dagli occhi e William viene spinto nel portale, ma non prima di aver dato ad Audrey una scarica elettrica che riporta Mara nel corpo della nostra amata protagonista.

L’episodio comincia con due volti familiari: Vickie e Gloria, che assistono da lontano all’inaspettato (ed ennesimo) crollo del faro di Haven, dove noi sappiamo che il portale sia stato appena richiuso. Coloro che erano all’interno del faro si trovano sparpagliati chissà dove nella città, lontani gli uni dagli altri ricordando ben poco dell’accaduto. (come Duke ci ricorda simpaticamente “vivere in questa città è come avere continui blackout da sbronza“).

E così come di consueto, i nostri uomini, da degni “hopeless romantics”, iniziano a cercare le loro fanciulle smarrite, e Nathan trova la sua, ma c’è la fregatura. Infatti, non si tratta di Audrey ma di Mara, che ammanetta Nathan ad un tubo e gli punta una pistola contro, insomma…giusto per inaugurare il suo arrivo nella serie! E qui ha inizio la puppy face di Nathan che mi ha strappato il cuore per almeno 20 minuti di episodio, appena prima di metterlo K.O per la prima volta in quella che si presume sia una lunga serie, come in ogni stagione. Devo ammettere che (nonostante stia praticamente capovolgendo la città e sia l’ostacolo più grande della mia coppia preferita) adoro la maggior parte delle quotes di Mara, mi fa morire dal ridere.

Fortunatamente però Duke lo soccorre, anche se di Jennifer non c’è ancora nessuna traccia e anche il nostro Crocker ci fa stringere il cuore per quel faccino da cucciolo bastonato, mentre chiede ad ogni abitante di Haven (ciao Stan, ci sei mancato) se l’hanno vista, ma nessuno sembra dargli la risposta che cerca. Cosa mai le sarà successo? Non si sa, ma “Provate voi ad azionare una porta soprannaturale, usando un romanzo sui vampiri e un po’ di positività”. MA, poteva essere un episodio di Haven senza che accadesse qualcosa di allucinante? Ovviamente no, ed un funzionario della città (disperato quanto noi dall’ennesimo crollo del faro) si ritrova con la bocca e gli occhi cuciti, sì, avete capito bene…cuciti!

Dave intanto nel letto dell’ospedale continua ad avere dei flashback piuttosto criptici, che si pongono come primo mistero di molti, ma cosa ci aspettavamo? Di sicuro non delle risposte nel primo episodio della stagione!

Intanto troviamo Mara e la sua pazienza inesistente nei panni di una Audrey che invece ne aveva da vendere, alla ricerca di qualcosa…ma cosa? Sembra essere un portale che però, non si riesce ad oltrepassare. Giusto per ricordarci ogni tanto che quella che vediamo non è Audrey, ci ritroviamo con la mascella a terra quando Mara spara a sangue freddo al povero Sam che l’unica colpa che aveva era quella di essersi fatto qualche canna.

Un secondo malcapitato si ritrova cucito, ma intanto i nostri “eroi” scoprono che esistono cinque “thin spots”, ovvero cinque punti sottili attraverso i quali si può passare all’altra dimensione, e capendo che Mara ne sta cercando uno che sia aperto, decidono di anticiparla ad uno dei luoghi indicati dalla mappa sul diario di Cabot. La prima idea geniale che viene al nostro team è quella di mandare Dwight (reminder: l’acchiappa proiettili) alla ricerca di Mara che ha rubato la pistola di Nathan, e la nostra crudele trouble-maker non si fa mancare il divertimento di sparare al vento per far rimbalzare tre bei proiettili nel giubbotto antiproiettile di Dwight, prima di infierire ulteriormente con il taser (giusto per non farsi mancare mai nulla) cercando di farsi rivelare chi potrà mai aver sigillato due su cinque dei “thinnies” (c’è chi dà i nomignoli agli animali domestici, e chi come Mara, ai portali ultradimensionali) che ci rivela di non essere l’artefice di questo nuovo problema che cuce le persone in giro per la città. Sempre restando in tema “Puppy Face”, che sembra essere il titolo di questo episodio, c’è quella di Dwight, che vive aiutando gli altri ma è sempre l’ultimo a sapere le cose!

Ed eccolo il momento dell’heartbreak (o il primo, almeno): Nathan, seduto nella sua fedele macchina, ha un flashback di un momento con Audrey, mentre parlano del famoso primo tocco che lui ha sentito con il suo bacio sulla guancia. Anche solo rivedere il colore dei capelli della nostra Audrey mi ha fatto soffrire parecchio, devo ammettere. Il momento è però interrotto da una telefonata di Dwight, che una volta spiegato l’accaduto a Nathan, ipotizza qualcosa che molti di noi avranno pensato: E se proprio Jennifer, la ragazza che può aprire i portali, che è l’unica che non si riesce a trovare in questo momento, abbia chiuso i punti sottili per impedire a Mara di far tornare William?

E mentre Dwight cerca di scoprire chi sia il responsabile del problema che sta cucendo la faccia alle persone, Mara raggiunge il thinny (sto prendendo confidenza anche io) dove Nathan è di guardia, e dopo essere stato messo K.O. una seconda volta, si prende le sue rivincite scoprendo alcuni punti deboli: Mara non sa come stiano sigillando i thinnies, e inoltre William ha nascosto la scatola con il pongo (meglio conosciuto come etere) per creare i problemi.

Le minacce di Mara continuano, ma Nathan è sicuro al 100% (E lo siamo anche noi): Audrey è ancora lì dentro, altrimenti a quest’ora l’avrebbe già ucciso, e per quanto una parte del mio cervello possa dire “povero, piccolo Nathan, così preso dal suo denial…” l’espressione di incertezza sul viso di Mara non fa che darmi speranza.

Intanto almeno un mistero viene risolto, ma non nel modo in cui speravamo: A creare il problema delle cuciture è la famiglia Barrow (le tre scimmie sono forse la cosa più inquietante di tutto l’episodio). Questo problema era stato eliminato dal nonno di Duke, ma ora si è riattivato, come? Ebbene sì, le nostre paure sembrano essersi avverate: È Duke a causare il problema. Tutti i problemi eliminati dai Crocker sono dentro di lui, e potrebbero attivarsi da un momento all’altro, ma niente paura, Duke sa come consolarci e alla domanda “Quanti problemi hai dentro di te?” ci risponde: “I Crocker uccidono da molto tempo“. Ora sì che ci sentiamo meglio. E come se non bastasse fa anche il guaio: Rivela a Dwight quello che Nathan non voleva che si sapesse, ovvero che Mara ha creato i problemi. Se dovesse diffondersi la voce in giro per la città, e soprattutto, nella Guardia, le cose inizieranno a mettersi male (o peggio, oserei dire)

Torniamo sulla spiaggia con Mr. Hostage e Mara, che (chi se lo aspettava) trova anche il terzo thinny sigillato. Ma la teoria di Dwight viene sgretolata con una risatina, Jennifer non è abbastanza potente per sigillare i portali, le serve solo per mandare un messaggio a William, ma Nathan le garantisce che lei non riavrà William, mentre lui riuscirà a riavere Audrey, e per quanto Mara possa provare a convincerlo, sappiamo tutti che nulla può far cambiare idea a Nathan riguardo ad Audrey, non c’è niente che lei possa fare per convincerlo del contrario. E il colpo di grazia inizia più o meno qui: “Il nostro amore è più forte di qualsiasi cosa che tu e William potrete mai…” E se prima avevo gli occhi lucidi per il monologo d’amore sulla mia coppia preferita, i singhiozzi iniziano quando Mara spara a Nathan (effettivamente erano troppe puntate che non succedeva) e questo barcolla a terra, e mezzo morente sussurra “Ti amerò sempre, Parker” ed è il colpo di grazia che mi serviva per raggiungere il livello di sofferenza massimo per questo episodio. Ma se qualcuno di voi stava abbandonando le speranza che davvero Audrey fosse da qualche parte lì dentro (anche se, diciamocelo, non ci sarebbe più lo show se fosse così) vediamo Mara esitare sul grilletto! In questi momenti mi sento molto Nathan, ma gli autori non possono giocare così con i miei sentimenti, e prendersi gioco di me, la nostra Audrey deve essere lì dentro! Per quanto io possa aver apprezzato tutti i commentini sarcastici di Mara, e nonostante io adori il modo in cui Emily Rose interpreta quel ruolo, rivogliamo indietro la nostra Parker.

Si prospetta una stagione piena di momenti sconvolgenti e di (tanta altra) sofferenza, sono masochista se dico di non vedere comunque l’ora?

Vi lascio con il promo del prossimo episodio:

Ringraziamo: Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com | Serie Tv e film time | Film e telefilm ossessione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...