How To Get Away With Murder/Parliamone/Telefilm

Parliamone | Il meglio della stagione 2013/2014 e uno sguardo alle serie più interessanti della prossima stagione

Prima di iniziare ad affrontare i temi succosi compresi nel titolo, volevo fare una breve introduzione per spiegarvi per quale insana ragione ho deciso di scrivere tale articolo.

In primis, perchè questa è la mia centesima pubblicazione su questo sito (TANTI AUGURI A ME! *-*) e volevo fare qualcosa di speciale e non una semplice recensione.
In secondo luogo, perchè sono un fanatico delle classifiche e dei recap, quindi mi sembrava ideale racchiudere tutto ciò che, a mio umile e personale parere, c’è stato di buono in questa stagione telefilmica appena passata e cosa ci aspetterà dalle prossime settimane.

Ma non perdiamo altro tempo e..

IL MEGLIO DELLA STAGIONE 2013/2014

Non è molto facile tirare le fila dopo una stagione televisiva come questa.
Abbiamo assistito ad una delle annate migliore da tempo, piena di nuove serie interessanti ma anche di serie più longeve che hanno saputo dimostrare di valere molto e di non temere la concorrenza.

Per evidenziare ancora di più quanto questa stagione sia stata piena di ottime interpretazioni e di grandiosi episodi ho deciso di stilare varie top 5 per mostrarvi ciò che penso sia il meglio del meglio.

LA MIGLIORE SERIE DELL’ANNATA 2013/2014

Come ho fatto a scegliere una sola serie per incoronarla “migliore serie della stagione 2013/2014”?
Come ho fatto a scegliere una tra le tante serie fantastiche che riempiono la mia vita?
Come ho potuto scartare serie come Hannibal, Orphan Black, Scandal o Community?
Semplice.
LA QUINTA STAGIONE DI THE GOOD WIFE LE BATTE TUTTE.

  • THE GOOD WIFE (In onda negli USA sulla CBS, in Italia su Rai 2 – 5 stagioni, 112 episodi)

Non voglio attirarmi le antipatie di mezzo popolo Pelato e quindi vorrei semplicemente affermare che le serie che ho citato erano tutte validissime concorrenti ma vedendo l’exploit che ha fatto quest’anno The Good Wife non posso che essere fermamente convinto della scelta che ho fatto.
Ci sono serie che più vanno avanti e più viene voglia di staccare la spina.
Alla sua quinta stagione, The Good Wife non tira il freno a mano ma ANZI spinge a tavoletta sul pedale dell’acceleratore, investendo i cuori di tutti i fans come non mai.
Julianna Margulies, Christine Baranski e Josh Charles sono assolutamente perfetti nei loro ruoli e le reazioni che essi portano in scena sono così fantastiche che avrebbero tutti e tre meritato l’Emmy (e non solo Julianna).
Anche il resto del cast è uno tra i migliori in circolazione: da Archie Panjabi e Matt Czuchry a Alan Cumming e Chris Noth (ma ce ne sarebbero molti altri), ognuno dei personaggi in questo show è portato in vita da attori bravissimi e abilissimi.
La quinta stagione non è che una conferma di quanto questo show sia in costante ascesa e il gran numero di episodi perfetti (“Hitting the Fan”, “The Decision Tree”, “A Few Words”, “The Last Call”, “A Weird Year”) non è che una dimostrazione della grandezza degli autori, che riescono ancora a creare un prodotto così ottimo da fare concorrenza alle serie cable come “The Americans”, “Homeland” o “Game of Thrones”.
Insomma, The Good Wife ci ha dimostrato quest’anno di essere ben lontana dal baratro con ventidue episodi spettacolari, pieni di colpi di scena, lotte di potere e casi legali sempre intriganti.

LE MIGLIORI CINQUE SERIE TV NUOVE DELLA STAGIONE

  • FARGO (In onda negli USA su FX, in Italia prossimamente su Rai 4 – 1 stagione, 10 episodi)

Grazie ad un cast eccezionale (con attori come Martin Freeman e Billy Bob Thornton) e ad un’ottima narrazione degli eventi, Fargo s’è rivelato un gioiellino seriale, un telefilm da consigliare a chi è amante dei fratelli Coen (infatti la storia è liberamente ispirata al film ononimo) e a chi è a caccia di dark humour e paesaggi asettici.

  • FAKING IT (In onda negli USA su MTV, in Italia prossimamente su MTV – 1 stagione, 8 episodi)

MTV ha fatto il colpaccio.
Dopo averci fatto innamorare (e disamorare) di Awkward, i grandi capi del più famoso canale musicale hanno accettato di trasmettere “Faking It”, una storia adatta a chi piacciono i telefilm frivoli ma non troppo, quelli che cercano di ritrarre in maniera (più o meno) realistica il mondo dei teenager americani contemporanei.
Ma a dir la verità, in questa serie c’è di tutto: amori non corrisposti, accettazione di se stessi, lotta per i propri diritti, croquembouches e molto altro ancora!

  • THE LEFTOVERS (In onda negli USA su HBO, in Italia non è ancora stato annunciato – 1 stagione, 10 episodi)

Bocciata da chiunque non sia riuscito a superare i primi episodi, The Leftovers è LA serie dell’estate.
Stranamente però la storia non è veramente adatta al caldo tepore di una giornata estiva ma è più quel genere di telefilm da guardare sotto le coperte nella propria stanza mentre fuori piove, cercando di abbandonare il contatto con la realtà per abbracciare una trama che ha nel suo perno l’accettazione della propria sofferenza e del proprio dolore.
Okay, accetto tutte le facce storte che starete facendo in questo momento e vi giuro solennemente che questo telefilm non vi deluderà.
Anche se sembra un mattone.
Anche se sembra una noia mortale.
E lo sapete perchè?
Perchè non lo è. Perchè questa serie è veramente ciò che avete bisogno di guardare per poter allargare i vostri orizzonti come series addicted e soprattutto come persone.

  • TRUE DETECTIVE (In onda negli USA su HBO, in Italia prossimamente su Rai 4 – 1 stagione, 8 episodi)

Immaginate una serie con Matthew McConaughey e Woody Harrelson come protagonisti.
Aggiungete Cary Fukunaga alla regia.
Condite il tutto con una trama impeccabile e avrete True Detective.
Una serie dove vengono riscritte le regole della serialità procedurale e dove, oltre ai soliti ritmi serrati e assassini d’acciuffare, il tempo e la filosofia si incontrano per dar luogo a qualcosa di straordinario.
Consigliato a chi cerca un telefilm poetico, drammatico ed eccezionale.

  • LOOKING (In onda negli USA su HBO, in Italia non è stato ancora annunciato – 1 stagione, 8 episodi)

Inizialmente descritto (anche da me, purtroppo) come un incrocio tra Queer as Folk e Girls, col tempo Looking è riuscito a crearsi una sua identità.
Non è facilmente catalogabile perchè non è nè una comedy nè un drama ma è più una serie che tenta di mostrare in modo abbastanza veritiero le vite di tre ragazzi omosessuali che abitano a Los Angeles e dei rapporti che essi hanno con i propri fidanzati, amici e familiari; inoltre, essa è adatta a chiunque voglia godersi un episodio in poco tempo (ogni episodio dura meno di trenta minuti).
Le prove recitoriali dei protagonisti e dei personaggi secondari sono ottime (specialmente quelle di Jonathan Groff e Russell Tovey) e l’esiguo numero di puntate riesce ad essere un ottimo antipasto in vista della prossima stagione in uscita a gennaio.

I CINQUE MIGLIORI EPISODI DELL’ANNATA 2013/2014 (Spoiler Alert)

1. THE GOOD WIFE, “HITTING THE FAN”

Non mi dilungo a parlare di quanto questa serie sia straordinaria perchè ne abbiamo già parlato e per questa ragione non posso che mettermi a elogiare quest’episodio ed esclamare fin da subito: “HITTING THE FAN” POTREBBE RIPORTARE IN VITA ANCHE I MORTI.

L’episodio in questione è solo che il picco più alto di una lotta di potere così sanguinolenta che nemmeno Game of Thrones potrebbe replicare.
Non c’è una scena che stoni, non c’è un personaggio fuori posto, non c’è un dialogo inutile.
La scoperta del piano di Alicia di lasciare la Lockhart/Gardner per avviare un nuovo studio legale diventa il fulcro della più grande lotta di potere mai avvenuta in questo show.
Alicia che piange in ascensore, Will che butta a terra le cose della sua ex amante con una ferocia inaudita, gli inganni di Kalinda, le battute di David Lee, gli sguardi di fuoco di Diane da un lato e di Cary dall’altro: ciò è solo una minima percentuale di cosa è accaduto in questa perla di episodio, il migliore nella storia di The Good Wife e nella storia di questa stagione televisiva.

BEST QUOTE OF THE EPISODE: 
Alicia: “This was never meant personally.”
Will: “I don’t give a damn.”

2. COMMUNITY, “GEOTHERMAL ESCAPISM”

Quando recensii quest’episodio, ero piuttosto atterrato dall’eccessiva dose di feels che esso mi diede.
Ma come non poteva essere altrimenti?
In “Geothermal Escapism”, gli autori di Community sono riusciti ad incorporare tutti gli elementi super-divertenti che tanto amiamo in questa serie a tutti i momenti super-tristi che tanto adoriamo ma continuiamo a dissimulare sotto un cumulo di finti sorrisi.
Basta un gioco con (o dovrei dire, “senza”?) la lava che tutti quanti cominciano ad impazzire.
Competitività, vestiti di dubbio gusto, fortini, sedie, salti.
Insomma, il solito.
Ma c’è qualcosa di più.
C’è Troy che abbandona lo study group.
C’è Abed che perde il proprio migliore amico.
C’è Britta che stavolta non è “the worst”.
Insomma, al centro di questo episodio c’è la contrapposizione tra la frivolezza e l’entusiasmo per il gioco e la tristezza e l’amarezza per la partenza di una persona a cui si vuole bene e gli autori sono riusciti a creare un mix perfetto, capace di far ridere e piangere contemporaneamente lo spettatore.

BEST QUOTE OF THE EPISODE:
Annie:
“I’m your friend, Britta!”
Britta: “I can’t hear dead people, Annie. I’m in the world of imagination!”

3. HANNIBAL, “MIZUMONO”

Il season finale più angosciante e ansiogeno dell’ultima annata televisiva.
Hannibal Lecter non è stato mai così cattivo.
Jack Crawford non è stato mai così furioso con qualcuno.
Will Graham non è stato mai così vicino a rovinare la vita della sua nemesi.
Potrei continuare così all’infinito ma la cosa più importante da dover evidenziare è che gli autori non sono mai stati così spietati.
Hanno creato un episodio costruito sulla suspense, cercando di soddisfare le aspettative dei fans che attendevano la resa dei conti dei vari personaggi col nostro cannibale preferito.
Non c’è nulla di affrettato o sbagliato in questa puntata: la lotta tra Hannibal e Jack, la realizzazione per Alana di chi è veramente Hannibal, il confronto in cucina tra Will, Hannibal e Abigail e infine il cliffhanger finale con Bedelia in aereo, tutto è perfetto.

BEST QUOTE OF THE EPISODE:
Bella Crawford: “I’m between deaths.”
Hannibal Lecter: “The punctuation at the end of a sentance gives meaning to every word.”
Bella Crawford: “You moved my punctuation mark, you moved my meaning.”

4. ORPHAN BLACK, “GOVERNED AS IT WERE BY CHANCE”

In una serie dove ogni episodio sembra essere perfetto, come si può scegliere qual è il migliore?
Con questa breve premessa volevo esplicitare come sia stato complicato scegliere quale episodio di questa seconda stagione di Orphan Black fosse il più adatto da mettere in questa top five.
Ho scelto questo perchè sono legato particolarmente alla scena tra Helena e Sarah che vedete qui sopra.
E’ la scena che mi ha fatto comprendere per quale motivo Tatiana Maslany sia l’attrice più brava nel panorama televisivo odierno.
E questa puntata (come del resto tutta la serie) dà la chance alla Maslany di mostrare tutto il suo potenziale; che sia Alison in rehab o che sia Cosima alle prese coi sentimenti per Delphine, non importa.
Ad importare è che questo telefilm è uno dei migliori sulla piazza e quest’episodio ne è la conferma.

BEST QUOTE OF THE EPISODE:
Felix
: “Cosima and Delphine are locked in some kind of transgressive lesbian geek spiral, bound to end in tears”..

5. THE LEFTOVERS, “CAIRO”

Citerò una frase che scrissi per la recensione di quest’episodio: “questo è l’episodio che serve a questa serie per convincere coloro che non credono ancora al potenziale di questa serie e decidono di snobbarla a gran voce”.
Ancora oggi mi ritrovo con questo pensiero perchè è pregno di tutto ciò che si deve sapere circa “Cairo”, la puntata da dieci e lode che riesce a raccontare per cinquantasei minuti una storia coesa e mai noiosa.
Tutti i personaggi vivono le conseguenze delle azioni proprie e di chi sta attorno a loro.
Ma la cosa più interessante è come le loro scelte ci aiutino a mostrarci anche la loro psiche frammentata dal cumulo di eventi che rimarranno sempre in loro.

BEST QUOTE OF THE EPISODE:

Nora: “It’ll get better”
Kevin: “How?”
Nora: “I don’t know but it will”.

EPISODI CHE NON CE L’HANNO FATTA PER POCO:

REVENGE, “EXECUTION”

SHERLOCK, “THE SIGN OF THREE”

SCANDAL, “KISS KISS BANG BANG”

DOCTOR WHO, “THE DAY OF THE DOCTOR”

GREY’S ANATOMY, “CHANGE OF HEART”

Spero che questo capitolo riguardante la stagione televisiva appena passata vi sia piaciuta, perchè ora inizia l’ultima parte, quella dedicata ai nuovi show che stanno per andare in onda e che personalmente vi consiglio di guardare.

IL MEGLIO DELLA STAGIONE 2014/2015

  • GOTHAM

Siete amanti della saga di Batman diretta da Nolan?
Volete una serie dai toni freddi e cupi?
Se siete bramosi di tutto ciò, Gotham fa per voi: ideata dal creatore di The Mentalist, questa serie ha luogo nella famosa città che ha dato i natali a Bruce Wayne ma le vicende narrate si svolgono vent’anni prima che egli diventi il famoso Uomo Pipistrello che tutti conosciamo.
Il protagonista è James Gordon (interpretato da Benjamin McKenzie di The O.C-iana memoria) e durante la serie faremo la conoscenza di tutti i criminali che hanno corrotto Gotham e che prima o poi si scontreranno anche con Batman.

ASPETTATIVE: 10/10
IN ONDA DAL: 22 SETTEMBRE

  • HOW TO GET AWAY WITH MURDER

Shonda Rhimes ha distrutto il cuore di molti fans, lo so.
Ma so anche quanto sia grande il suo genio creativo e per questa ragione non posso che convincervi a guardare il suo ultimo show, “How To Get Away With Murder”, un semi-legal drama che ha per protagonisti un avvocato (che fa anche l’insegnante di legge) e i suoi studenti.
Dai promo si può già notare quanto potenziale ci sia in questa serie e quanto sia possibile che diventi il vostro nuovo guilty pleasure.
Consigliato a chi è fan di show come Revenge o Scandal.

ASPETTATIVE: 8/10
IN ONDA DAL: 25 SETTEMBRE

  • A to Z

Avete finito How I Met Your Mother e sentite che la vostra vita non abbia più senso?
Vi piacciono le storie d’amore sdolcinate e allo stesso tempo divertenti?
A to Z è la serie che fa al caso vostro!
Andrew e Zelda sono due ragazzi quasi agli antipodi che si incontrano e che si innamorano e la serie è dedita a seguire le ramificazioni del loro rapporto dalla A alla Z.
Un’idea semplice che viene rafforzata dall’alchimia che emettono i due protagonisti, interpretati da Ben Feldman e Cristin Milioti, i quali riescono a rendere la serie accattivante e simpatica.

ASPETTATIVE: 7/10
IN ONDA DAL: 2 OTTOBRE

  • MADAM SECRETARY

Madam Secretary tratta della vita di Elizabeth McCord (interpretata da Tea Leoni), ex analista della CIA, nominata Segretario di Stato dal Presidente degli Stati Uniti, dopo l’improvvisa morte della persona che occupava tale ruolo.
Al centro della serie ci sono quindi i suoi complicati negoziati con la politica interna che con quella estera e le sue vicende private.
La serie è adatta soprattutto a chi ama i political drama come The West Wing ma anche a chi piacciono show seri come The Newsroom o The Good Wife.

ASPETTATIVE: 7/10
IN ONDA DAL: 21 SETTEMBRE

CONSIDERAZIONI FINALI

Cosa altro posso aggiungere?
Beh, posso constatare come quest’anno sia stato un grande anno per la serialità moderna e anche se io oggi ho scritto solo di alcune serie, spero che nei commenti possiate aggiungere le altre serie che voi pensate abbiano rivoluzionato questa stagione televisiva.
Dalla stagione finale di Breaking Bad e di HIMYM alla seconda stagione di Arrow, passando anche per le prime stagioni di Resurrection e Sleepy Hollow, sono convinto che abbiate passato una fantastica annata telefilmica e mi auguro vogliate condividere le vostre impressioni.

Come al solito, quindi, ringrazio tutti voi per aver letto quest’articolo (e tutti quelli che ho scritto finora) ma soprattutto, in questo caso, ringrazio le bosse Giuseppina e Pina per avermi fatto entrare nella grande famiglia pelata, Alessandra per aver creduto in me a tal punto da convincermi a scrivere una recensione di prova per Parole Pelate e il resto del meraviglioso staff Pelato (compresa l’entità che pian piano ci sta rapendo).
Infine, ringrazio anche Ambra Gallo per il fantastico artwork.

GRAZIE A TUTTI!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...