Telefilm/Under the Dome

Recensione | Under The Dome 2×08 “Awakening”

I’ll be here when it all gets weird
If I ever leave this world alive.

Benvenuti Pelati in questa nuova recensione di Under the Dome, la serie dove i personaggi sono creati con lo stampino e i dialoghi vengono ripresi dai peggiori sceneggiati di Rai Uno, quand’esso era ancora l’unico canale esistente sugli schermi italiani.

Anche questa settimana la trama dell’episodio si divide tra ciò che accade sotto la cupola e ciò che accade al di fuori di essa.

You’re serious?
I’m trying to be.

Ma se c’è una cosa per la quale questa serie rimane uno spettacolo dell’orrore è il fatto che essa non si smentisce mai, regalandoci ancora un numero abnorme di plot holes e scelte narrative terribili.

SORRY SEEMS TO BE THE EASIEST WORD

La settimana scorsa Big Jim andò a intimidare Rebecca affinchè gli dicesse tutta la verità sulla questione Barbie.
Questa settimana Big Jim si autonomina sceriffo e va a trovare Rebecca per scusarsi per come l’aveva trattata e per la serie di minacce che le aveva fatto.
E lei accetta le sue scuse.

Ma sei scema o cosa? L’altra volta quel palato malefico era sul punto di sgozzarti se non gli dicevi la verità e ora accetti le sue scuse, nemmeno fossero caramelle gommose alla frutta?

OH! WHAT A PHIL-ING

Big Jim crede che qualcuno stia tentando di vandalizzare la città con lo scopo di arrecargli danno e allora si fa aiutare dal figlio per trovare il responsabile e per poter ritrovare un legame con lui.
Nonostante il nostro caro pelatone per eccellenza abbia fatto numerosi nomi di cittadini che non conoscevamo, il colpevole di queste marachelle da quattro soldi è Phil Bushey, ex sceriffo, ex presidente del fanclub “We Love Big Jim”, ex deejay, ex drogato part-time.

Il vero punto saliente però è che questa trama non serve ad un emerito cavolo.
Era impossibile che Phil riuscisse ad ammazzare Big Jim ed era altamente improbabile che il pelatone ora redento avrebbe deciso di conficcare un proiettile in testa al suo rapitore davanti al figlio e a Rebecca.
Qua non si tratta di previdibilità delle trame ma di immobilità.
L’unica trama orizzontale è quella di Barbie, mentre il resto è pura e semplice fuffa.
Avessero ucciso almeno Phil, ci saremmo risparmiati un altro episodio con quell’idiota.

BORED AND CONFUSED

Un’altra cosa che non mi ha convinto è il sottoutilizzo di Norrie, Joe e Melanie, i quali sono serviti solo come mezzo (non tanto efficace) per collegare Barbie e Julia.
La scelta di fare un vlog (“Welcome to my vlog!” “Video blog?” esplicita quanto gli autori ci credano scemi) diventa funzionale solo per dare la possibilità a Joe di accorgersi che, miracolosamente, per un attimo è arrivata la connessione Wi-Fi e con essa un solo messaggio.

L’altra volta uscirono triliardi di messaggi e ora solo quello di Barbie?
Non mi interessa se è a causa dell’Aktaion Energy o quel che sia, questi plot device da quattro soldi fanno pena.

[Mi sembra quell’episodio di OUAT dove Snow trova un libro nello stesso posto dove due secondi prima aveva cercato invano la figlia. Bah.]

Il fatto che poi essi scelgano di ricordarsi dell’uovo solo quando serve è un’altra cosa che va rivista perchè non è normale che questi non controllino quell’uovo giorno e notte e parlino invece di come Barbie sia romantico o di “Le pagine della nostra vita”.

Joe, ma come diavolo ti viene in mente che quella tonna di Melanie abbia visto The Notebook se è morta negli anni ’80 e da quando è tornata in vita, è sempre stata incollata a voi?

LYLE XY

Un’altra storyline inutile è quella che coinvolge Sam e Pauline e che li vedi intenti a risvegliare Lyle dal coma per ottenere informazioni da lui.
Naturalmente, il barbiere non sa quanto i due spererebbero e il massimo che questi tre riescono a fare è raccogliere tutte le cartoline disegnate da Pauline e accorgersi che l’ultima ritrae una porta rossa.

Lo puoi dire forte, Britney.

STILL A BETTER LOVE STORY THAN.. NEVERMIND!

Mi immagino già il finale di questa serie e non c’entra nulla che io abbia letto il libro, ormai è chiaro che questi autori fanno di testa loro.
Barbie e Julia felici e contenti (semmai pure in procinto d sposarsi), Big Jim morto o in prigione e il resto dei personaggi che finalmente possono ritrovare la loro felicità.

Però per ora ci dobbiamo accontentare e dobbiamo assistere ad una mera riproduzione di “C’è posta per te” (Dome Edition), dove Julia passa metà episodio a cercare di comprendere cosa intenda Barbie, che nel frattempo sta scoprendo che suo padre sta nascondendo qualcosa di grosso.

JULIA’S VERSION

  • Fase iniziale dove Julia continua a credere che Barbie sia morto:

  • Fase intermedia dove Julia non è sicura che sia stato Barbie a scrivere la prima lettera:

  • Fase finale dove Julia finalmente comprende che Barbie è vivo e vegeto:

BARBIE’S VERSION

  • Fase iniziale dove Barbie passa le giornate ad aspettare che qualcuno o qualcosa arrivi nel parco giochi:

  • Fase intermedia dove Barbie scopre che uno dei dipendenti del padre lo sta seguendo perchè anch’egli vuole scoprire cosa Barbara Sr. sta nascondendo:

  • Fase post-intermedia dove Barbie riesce a passare il limite militare grazie all’aiuto di Hunter (e degli autori che sono riusciti ancora una volta a consultare l’enciclopedia dei deus ex machina):

 

  • Fase finale dove Barbie riesce a raggiungere il luogo dove ha dato appuntamento a Julia ma viene fermato dai militari:

L’episodio quindi si conclude con Barbie catturato dai soldati, Julia che urla nemmeno fosse la Callas e Big Jim in versione voyeur:

CONSIDERAZIONI SPARSE:

Lo so che sarà una novità per tutti voi (*sarcasm*) ma questo “Awakening” non mi ha convinto per nulla.
La trama orizzontale sembra solo abbozzata e la trama verticale fa pena, dato che gli autori dovrebbero far fare solo una cosa a Big Jim: il cattivo.
Ma non il cattivo che diventa buono e poi ridiventa cattivo e così via.
Io intendo il Cattivo con la lettera maiuscola, un po’ come se tornasse ad essere l’uomo senza scrupoli della scorsa stagione.
Per il resto, vorrei che gli sceneggiatori trovassero qualcosa d’interessante da far fare al Team Uovo e che ci dessero qualche elemento in più per comprendere il mistero che circonda questa Cupola maledetta.

EXTRA:

Dato che sono figlio della Generazione 2.0, ho scovato per voi il vero sito di Hounds of Diana dove potrete trovare video e informazioni molto simpatiche ed interessanti.
In più, vi ho anche ricercato qualcosa riguardante il mito di Atteone e Diana (esatto, Aktaion Energy e Hounds of Diana) per allargare la vostra cultura e anche la mia, sperando che gli autori facciano anche luce sulla scelta di questo nome.

Atteone è una figura della mitologia greca, figlio di Aristeo e di Autonoe, allevato dal centauro Chirone, da cui apprese le tecniche di caccia.
Secondo il mito, nel corso di una battuta di caccia, Atteone adirò la dea Diana, quando la sorprese mentre faceva il bagno insieme alle sue ancelle. Il caldo estivo, infatti, la indusse a riporre le vesti e a rinfrescarsi interrompendo la caccia. Diana, per impedire al cacciatore di proferir parola intorno a quello che aveva visto, trasformò il giovane in un cervo spruzzandogli dell’acqua sul viso. Atteone si accorse della sua trasformazione solo quando scappando giunse a una fonte, dove poté specchiarsi nell’acqua. Intanto il cacciatore venne raggiunto dai suoi 50 cani, resi furiosi dalla dea, che, non riconoscendolo, sbranarono il loro vecchio padrone. I cani, una volta divorato Atteone, si misero alla ricerca del loro padrone per tutta la foresta, riempiendola di dolorosi lamenti.

Ringrazio tutti voi per aver letto questa recensione e vi lascio col promo della 2×09:

Inoltre, un grazie speciale alle pagine: Under the Dome – Italia | Under The Dome Italia | Telefilm Italia

6 thoughts on “Recensione | Under The Dome 2×08 “Awakening”

  1. -Fase iniziale dove Barbie passa le giornate in un parco giochi e nessuno chiama la polizia o gli chiede perlomeno se può andare a fare lo psicopatico da un’altra parte
    -Fase post-intermedia dove Barbie riesce a passare il limite militare dandosi un tono da ingegnere grazie a un paio di occhiali: il fatto che abbia la faccia piena di croste è un dettaglio. E poi si fa 16 chilometri attaccato comodo comodo sotto al furgone o_o
    Spero seriamente che Big Jim torni a fare il suo lavoro di Cattivo e uccida qualcuno perché così non si può continuare XD

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...