Telefilm/The Leftovers

Recensione | The Leftovers 1×06 “Guest”

It isn’t the way the world works.

E come funziona il mondo dopo la tragedia del 14 ottobre?
A quest’annosa domanda cerca di rispondere “Guest”, il sesto episodio della novità dell’estate 2014, The Leftovers, che ha ormai superato il giro di boa, procedendo spedita verso il season finale che andrà in onda tra quattro settimane.

Quando ho scoperto che questa puntata sarebbe stata Nora-centrica, ho ringraziato tutte le divinità telefilmiche che vagano nei cieli perchè io amo questo personaggio e sapevo che quest’episodio non avrebbe mai potuto deludermi.
E ho avuto perfettamente ragione.
“Guest”, infatti, è il miglior episodio della stagione e ciò lo si deve soprattutto a Carrie Coon che riesce a interpretare egregiamente il dolore di Nora e poi sicuramente agli autori che hanno dimostrato che questa serie ha ancora molte cartucce da sparare.
Come quelle della pistola di Nora, che era stata già al centro di una trama secondaria di un altro episodio, “Penguin One, Us Zero”. Qui, l’arma ritorna prepotentemente in primo piano in una delle scene più forti della puntata, quella in cui Nora chiede ad un escort di spararla.

Una richiesta inusuale, sì, ma non out of character. Anzi.
Il personaggio di Nora aveva già mostrato di non essere usuale ai canoni televisivi.
E quel “Sparami” ne è stato la conferma.
Nora non vuole morire. Nora non vuole dimenticare. Nora non vuole nulla.
O in fondo sì. Vuole vivere. Vuole tornare a vivere.
E sono gli eventi di quest’episodio che riusciranno a farla uscire da quel tunnel buio che era il dolore della perdita.
“There is no moving on!” urla Nora a Patrick, l’autore del best-seller “What’s Next”, dopo aver ascoltato le sue “stronzate”.
Chissà cosa direbbe ora la “nuova” Nora, quella della fine dell’episodio, adesso che è riuscita a superare la propria sofferenza.

Ma facciamo un breve passo indietro e analizziamo ciò che è accaduto in questa puntata.

“Guest” inizia con una panoramica sulla vita di Nora e sulla sua monotonia: dal comprare sempre le stesse cose allo spiare l’amante del marito, la sua vita è una routine improntata sulle conseguenze di ciò che le è accaduto il 14 ottobre.
Il primo cambiamento avviene quando prende la decisione di divorziare dal marito scomparso (senza però tornare al cognome da nubile); una scelta che ho particolarmente apprezzato perchè mostra quanto coraggio lei abbia avuto per mettere in atto una risoluzione del genere.
Avrebbe potuto lasciare tutto com’era, avrebbe potuto non divorziare fin tanto che il marito era scomparso. E invece no.

L’altro evento scatenante è la scelta di partecipare ad un convegno a Manhattan per discutere dei Dipartiti e delle misure prese dalle varie imprese per fornire un’assicurazione alle famiglie delle “vittime”.

M’è piaciuta anche l’idea di posizionare tra i vari temi dell’episodio anche la crisi d’identità, in questo caso attraverso lo smarrimento della tessera dell’incontro e la consapevolezza di non essere la Nora Durst che gli altri credono lei sia.

Ma chi è veramente Nora Durst in quest’episodio?
Una donna confusa ma allo stesso tempo decisa ad ottenere risposte.
Una donna con un sacco di sentimenti repressi.
Una donna intelligente ma anche ingenua.
Ne converrete anche voi che fare una puntata su un personaggio del genere non poteva che essere un rischio.
E spero converriate anche su come il risultato finale sia stato ottimo.

Il carattere di questa donna è stato forgiato dalle varie situazioni che hanno fatto capolino nella sua vita e vederla così sfrontata ed incazzata col mondo non può che farci capire cosa questo personaggio debba aver avuto dentro.

E, nonostante la mia incredulità, il personaggio che alla fine riesce a liberarla da questo malessere interiore è nientepopodimeno che Holy Wayne!

Sono sempre stato molto perplesso sulle capacità di quest’uomo ma in quest’episodio egli dimostra quanto il suo potere sia un potere diverso da quello che ci potevamo aspettare precedentemente.
La genuinità delle sue parole sorprende Nora e sorprende lo spettatore, il quale si ritrova a vedere una scena di forte impatto emozionale, dove l’aura di meravigliosità di Carrie Coon risplende come non mai.

“The grace period is over” recitava la tagline di questa serie e “Guest” non fa che esplicitare ancora una volta ciò.
Il dolore finisce, la paura se ne va e la vita piano piano ricomincia.
E come può ricominciare se non con un nuovo amore?
Gli autori di The Leftovers sono furbi e hanno cominciato già da un po’ a disseminare scene tra Nora e Kevin e in quest’episodio hanno confermato le loro intenzioni mostrandoci l’invito a cena del giovane sceriffo.
E anche se ho la netta sensazione che prima metteranno in mezzo Aimee, spero che poi un giorno tra i due nasca veramente qualcosa.
Anche perchè con chi si potrebbe mettere Kevin se non una che gli dice “fuck your daughter”.

Cosa altro posso aggiungere?
Beh, sicuramente posso ri-evidenziare come quest’episodio sia stato straordinario e come la recitazione di Carrie Coon abbia valorizzato un personaggio come quello di Nora.
Mi prendo un altro rigo e sottolineo anche la bellezza della colonna sonora, sempre accurata e al momento giusto.

Il mio giudizio su quest’episodio.

E oltre a scusarmi per il ritardo abissale con cui ho recensito quest’episodio, vi ringrazio per aver letto questa recensione e vi aspetto per il prossimo episodio che si annuncia fenomenale!

Ecco a voi il promo:

Vi auguro una buona giornata e una grande estate telefilmica!

Ringraziamo anche: Charlie & Max Carver Italia | The Leftovers Italia | The Leftovers Italia | British actors do it better | Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | Serial Lovers – Telefilm Page | Telefilm. Un amore incondizionato | Justin Theroux Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...