Telefilm/Under the Dome

Recensione | Under The Dome 2×03 “Force Majeure”

Tutti i segreti vengono man mano al pettine, ed anche questa volta, nel terzo capitolo della seconda stagione, una bella fetta di eventi del passato vengono – se non riportati a galla – almeno indicati al di sopra delle acque, tanto per far capire che sono lì, belli e pronti ad essere tolti dall’oblio. C’è qualcosa di misteriosamente sepolto che accomuna chi non è morto, chi vive in solitaria e chi, spaventosamente, sembra saperne più di chiunque altro a Chester’s Mill.

Ci sono poi quei soliti sottili equilibri e quei rapporti fatti di alleanze (e non solo) che cambiano ogni volta, come in un rimescolarsi continuo di carte in una partita infinita.

Vediamo allora di commentare quello che è successo questa volta. Ah, e se per caso piovesse rosso e non avete l’ombrello, io vi consiglio di non uscire di casa. A meno che non siate ferventemente credenti. Ma proprio ferventi ferventi ferventi.

“PRENDI SANGUE E CIOTOLETTA, LA PIAGA TI ASPETTA”

Di riferimenti biblici si è già parlato nei precedenti episodi, tuttavia la psicosi per quel della nostra cittadina accupolata sembra dilagare. Non bastava Big Jim ed il suo fare da profeta- novello redentore, o la Professoressina Invasata (per gli amici Nazi Prof o Adolfina) che ecco sbucare un nuovo e quanto mai creepy personaggio. Una sorta di Sweeney Todd senza le occhiaie, con rasoio ed il ghigno sadico dei teppisti di arancia meccanica. Lui, che deve averne passate di cotte e di crude, anche quando Big Jim gli ha bellamente fregato la ragazza. No, lui non prova rancore, ma io non mi fiderei a farmi radere da questo curiosissimo esemplare di uomo detentore di chissà quali misteri. E’ lui il nuovo centro d’equilibrio di quelli che abitano sotto l’insalatiera gigante: era amico di Pauline e di Sam, sembra aver sepolto qualcosa con lo zio piacione e, come se non bastasse, sembra che lui nel lontano 88 avesse a che fare con la cupola. Inoltre, non contento, è determinato a mostrare tutta la sua apparentemente schizzata religiosità rapendo Adolfina, cercando di farla convertire con la forza alla vera fede Cupolosa, lei che è fin troppo devota alla scienza.

FATEMI UN BILANCIO E VI SOLLEVERO’ IL MONDO (o lo sterminerò nel mentre)

“Rebecca Pine vuol dire fiducia”…seh…

Nazi Prof non ha pace. Per una stagione non si è vista e sentita, ed ora è praticamente l’impiegata più solerte dell’ISTAT ACCUPOLATI. Si preoccupa del raccolto, delle provviste e di come non basteranno per tutti. Propone soluzioni di epurazione e smaltimento della popolazione che nemmeno ai tempi di quando erano aperti i campi di concentramento. Del resto, capiamo subito che il Mein Kampf è lì sul suo comodino mentre in tv è patita di tutti i documentari di Discovery e Focus. L’intuizione sull’alga rossa poi? E la dissertazione sulle tribù del Borneo? Affascinanti…peccato tu non sia Alberto Angela, cara mia, davvero peccato. Forse, però, stai iniziando a convincere Barbie, mentre il buon vecchio Jim, che di Big ha anche l’ormone, sembra non capirci più niente. Ah…il tubero sapiente…quanti danni che può fare!

CERCASI JULIA DISPERATAMENTE…

Julia, dov’è? Ultimamente si è limitata a fungere da paladina dei poveri disperati o a lasciarsi andare a vere e proprie pariate nei confronti di Barbie, al grido di “tu non mi capisci, ho le mie cose e non sei dalla mia parte”. Le farfalle sono evidentemente volate via dallo stomaco e si sono trasferite in zona Sam Verderauxxxxxxxx, che sarà anche un figo, ma non solo ha gli scheletri nell’armadio, ci ha aperto proprio un bel concessionario di bare full-optional per ogni occasione. Barbie dal canto suo cerca di far quel che può ma si lascia facilmente andare anche lui agli attacchi di ormone-gelosia, ed è tutto un vorticare di eventi, almeno fino a quando il caro zietto decide di far visita al suo vecchio amico barbiere…ma niente spuntatine per questa volta.

“NAVIGARE, SCARICARE, SCIVOLARE SUL WORMHOLE DELLA CUPOLAAA….”(Cit.)

Avete presente il jingle del noto pinguino Pino? Ecco, evidentemente a Chester’s Mill si sono abbonati a Vodafone, oppure era la cupola che, forte di sponsor tra cui Microsoft e Twitter, ha deciso di buttarci li qualche bel modello di pc-tablet e di creare inspiegabilmente un buco in quello che fin’ora era stato silenzio-radio-stampa-tutto. Non che non ci bastassero i messaggi promozionali del tipo “mettiunamacchinaToyotadovevuoi”, però questa cosa è forse stata una di quelle che, nel contesto generico hanno stonato un pochino. Per carità, se ti si connette di botto il cell, sai che figata, sai i selfie, sai controllare le e-mail e trovarne una da mammà? Eh già, perché Mammà è viva, vegeta, manda mail e video e sa anche creare cosine carine tipo “inserisci la mia data di nascita qui, Neo” ed è un attimo che tutto diventa Matrix. Almeno fino al prossimo ‘Page not found”, e allora sì che l’ascoltatore medio gode. Evidentemente la cupola è passata da Vodafone a Telecom. E sono capperi vostri adesso.

Scherzi a parte,

Quale sarà il mistero dietro l’amiciziona di lunga data tra Zio Sam, Pauline e l’allegro barbiere Lyle?

Visto che Barbie viene da Zenith, cosa implicherà questa nuova scoperta?

La ragazzina del mistero, già presente nell’88, tornerà al capello cotonato di moda all’epoca o rimarrà col suo outfit ‘Insane’ by Piccio e Campana? E soprattutto, riuscirà a non farsi prendere a capocciate da Norrie?

Queste ed altre risposte solo nel prossimo recencommento accupolato, sempre su Parole Pelate!

Un grazie speciale alle pagine: Under the Dome – Italia | Under The Dome Italia | Telefilm Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...