Baby Daddy/Telefilm

Recensione | Baby Daddy 3×15 “From here to paternity” e 3×16 “Curious Georgie”

 

Buona sera baldi giovani!

Nel caso non l’aveste ancora capito, io sono come il prezzemolo, sono un po’ dappertutto anche quando non sono prevista dalla ricetta originale (?).

Anyway, sono qui oggi per sostituire giuls13 nelle recensioni di questa serie che mi è entrata nel cuore alla velocità della luce!

Ma passiamo subito all’episodio 15, dal titolo:

 “From here to paternity”

Who is your daddy?

La puntata si apre con un dolcissimo momento padre-figlia, in cui Ben racconta alla piccolo Emma la favola della buona notte. Una Riley tutta trafelata li interrompe e scopriamo così che quella non è assolutamente una favola, ma la trama del film “Risky Business”  con Danny a Riley che recitano i ruoli dei protagonisti. Immagino vada bene comunque, purché Emma si addormenti (?).


Come noi tutti, anche Riley è intenerita dal rapporto tra Ben e la sua bimba, quindi confessa ai fratelli Wheeler che ha deciso di cercare il suo papà biologico. Mi sembra la cosa giusta da fare, anche se non riesco a capire perché gli sceneggiatori abbiano voluto aggiungere tutta questa storyline per Riley O.o

Anyway, la nostra Riley ha già chiesto ai suoi genitori e suo padre le ha indicato un possibile candidato al gioco “who is your daddy?”: si chiama Mark, fa l’avvocato ed era il ragazzo di zia Margot ai tempi del liceo. È anche sposato e con due figli, ma Riley non sembra preoccuparsi troppo di quanto la vita dell’uomo potrebbe essere sconvolta dalla bomba che sta per lanciare.

Ormai lo sappiamo, se Mamma Bonnie può combinare qualche casino, lo fa alla grande: quando viene informata dei piani di Riley da Ben, infatti, confida loro che zia Margot era un po’ più vivace di quanto creda Riley e che c’è un altro possibile concorrente, un certo David che gestisce una pasticceria.

Tutte le certezze della povera Riley crollano, ma in suo soccorso arriva Ben, non con un cavallo bianco ma con un’idea che, in tempi difficili, è molto più utile di un destriero: perché non fingersi una coppia che sta per sposarsi ed è alla ricerca della torta nuziale perfetta, in modo da avere una scusa per andare alla pasticceria di David e dargli un’occhiata più da vicino?


La ragazza accetta e si prepara anche una lista di domande da fare al suo probabile padre, ma una volta che se lo trova davvero di fronte, non riesce a spiccicare parola e fugge via, lasciando la situazione nelle mani di Ben che, come sempre in queste situazioni, ne combina una delle sue: con grandissimo tatto, dice a David che è il padre di Riley e lo invita nel suo appartamento per incontrarla.

Quello che non sa, però, è che Riley ha avuto la sua stessa idea e sta andando a casa sua, dove ha invitato Mark con la scusa di aver bisogno di un contratto prematrimoniale. Per non far incontrare i due Maybe!Daddy, Ben nasconde David sul balcone e Riley accoglie Mark sul pianerottolo. L’avvocato, però, si rende conto di essere stato ingannato e fa per andarsene, quindi Riley si vede costretta a dirgli la verità. Di nuovo, complimenti per il tatto con cui state affrontando la cosa ragazzi :/

Mark è sconvolto, come è ovvio che sia, e segue Riley all’interno dell’appartamento. Lo scontro tra i due Maybe!Daddy è inevitabile: scopriamo così che Mark era un bullo ai tempi del liceo e si prendeva gioco di David per i suoi problemi di peso. I due, comunque, sono d’accordo su una cosa: non hanno apprezzato il modo in cui Riley ha gestito la faccenda e se ne vanno.

La ragazza si mette finalmente nei panni dei due Maybe!Daddy e decide di lasciar perdere la faccenda, visto che ha già un padre, ma Ben la conosce bene e sa che non si darà mai pace fino a quando non saprà la verità, quindi prende il dna dei due uomini e li fa confrontare con quello di Riley. Con una scusa attira l’amica al bar, dove le consegna i risultati del test e la fa incontrare con il suo padre biologico: David il pasticcere.

Bonnie’s therapy

Oggi è la puntata dei papà: mentre Riley e Ben sono alla ricerca del padre biologico di lei, Bonnie, Danny e Tucker sono alle prese con il padre di quest’ultimo, venuto in città per una visitina. Oh, e anche per annunciare il suo imminente divorzio dalla madre di Tuck, ma niente di che.

Tucker è shockato dalla notizia, quindi decide di cercare di convincere il padre a fare marcia indietro, ma prima che possa attuare il suo piano, Danny e Mamma Bonnie si mettono in mezzo e la signora Wheeler invita il papà di Tucker (che scopro chiamarsi Marshall) ad uscire, per risolvere la sua situazione.

La donna non lo sopporta e non vuole più averci niente a che fare, ma Marshall è di tutt’altra opinione: è convinto che lui e Bonnie abbiano avuto un appuntamento e ringrazia Danny per averlo sistemato con la madre. Il nostro enorme cucciolone va ad avvertire la madre di questo intoppo.

Povera Tornado!Bonnie, è di nuovo nei guai! Marshall si presenta alla sua porta con un mazzo di fiori e lei deve trovare un modo per liberarsi dell’indesiderato corteggiatore.

Danny se ne va, lasciando la madre sola ad affrontare la situazione, ma quando torna scopre che Bonnie ha risolto le cose a modo suo ed è finita a letto con Marshall. Tralasciando l’ennesimo trauma per il povero Danny, come è successo!? Fino a due minuti fa non lo poteva vedere!

Danny ne parla con il fratello e decidono di non dire niente a Tucker, almeno per il momento, ma Tucker si presenta all’appartamento di Bonnie, perché non riesce a trovare il padre, che si vede costretto a nascondersi nel ripostiglio.

Bonnie riesce a mandare via Tucker, ma il ragazzo torna indietro in tempo per trovare suo padre vestito solo con una vestaglia.

Hey, Tucker, I found your dad, he was in the closet but not in the same my father was in

Oh Danny, meno male che ci sei tu a farmi piangere fino alle lacrime. Tucker non apprezza la battuta tanto quanto ho fatto io e se ne va.

Questa storyline è un continuo andare avanti e indietro e giuro che mi ha fatto venire il fiatone.

Marshall e Danny raggiungono Tucker al suo appartamento, ma il ragazzo non vuole parlare con il genitore, quindi Danny se lo carica su una spalla e lo costringe a confrontarsi con lui. Abbiamo quindi uno dei rarissimi momenti in cui Tucker è serio: confessa al padre quanto il divorzio dei suoi genitori lo abbia colpito, ma il padre ribatte che è stato proprio lui a convincerlo a guardarsi dentro e capire quanto fosse infelice. Tucker, in fondo, è un bravo figlio e vuole che il padre sia felice, quindi inizia ad accettare la situazione.

Dopo questo momento toccante, la storyline si risolve con un momento più leggero, in cui Tucker fa una visita a sorpresa all’appartamento di Bonnie, per cercare il padre. Guarda dappertutto e se ne va solo quando si convince che la donna è sola, ma ha dimenticato di guardare sotto al letto ed è proprio lì che Marshall si è nascosto. Ma dico io, in casi come questi la prima cosa che si fa non è guardare proprio sotto il letto?

Senza ulteriori indugi, passiamo al prossimo episodio:

“Curious Georgie”

 

Georgie cara Georgie

Non so voi, ma io questa storyline l’ho odiata dal profondo del cuore: mi è sembrato come se gli sceneggiatori cercassero un modo per liberarsi di Philip e avessero scelto il primo che è venuto loro in mente, che, tra l’altro, non ha nemmeno molto senso.

Ma cominciamo dall’inizio. C’è un altro po’ di Britishosità in arrivo: si tratta di Georgie, la sorella di Philip (come chi è? È vero che non lo vediamo da mille puntate, ma è ancora il ragazzo di Riley).

Tra l’altro, scopriamo che Riley non gli ha ancora detto di essere uscita con Ben, alla faccia della sincerità.

Non so voi, ma a me è bastato un secondo per capire che Georgie era una s*****a e che avrebbe seminato zizzania: quando Philip le presenta Riley, lei non fa che parlare di quanto fossero fantastiche le ex fidanzate del fratello e di quanto poco Riley assomigli loro. Giusto per aggiungere un tocco di simpatia, Georgie ci informa di lavorare per Vogue e di essersi laureata ad Oxford con un tono che mi ha fatto venire voglia di prenderla a sberle.

Riley concorda con me sulla cognata e, per cercare di ingraziarsela, invita Ben a visitare con loro la città in modo che l’amico abbia l’opportunità di provarci con Georgie e, soprattutto, convincerla che Riley non è poi così male.

Il suo piano sembra filare liscio come l’olio, almeno fino a quando Georgie riesce a far confessare a Ben la verità su lui e Riley. Ben la prega di non dire niente a Philip, ma lei, da vera British!Bitch qual è glielo spiffera subito, facendo litigare il fratello con la povera Riley.

Vanno al bar dove lavora Ben per cercare di chiarire la situazione, ma con uno stupido sotterfugio, Ben e Riley si rifugiano nel bagno per scambiarsi la maglietta, visto che quella della ragazza è stata sporcata da uno sconosciuto. Philip li becca proprio mentre i due sono senza maglietta e, ovviamente, la cosa non gli va a genio, quindi la rottura tra lui e Riley sembra ormai inevitabile.

Riley e Ben cercano di spiegargli la situazione e, nel frattempo, riescono a chiarire una volta per tutte le cose tra di loro.




Bellissima scena, però dovevano per forza farlo davanti a Philip? Sceneggiatori, ditelo che volete cacciare sto pover uomo a calci!

Philip non ci sta, non può accettare che Riley provi ancora qualcosa per Ben, quindi chiude la loro relazione con un poco realistico abbraccio. Dai, chi abbraccerebbe il ragazzo che ti ha appena mollato!?

 

Team Wheeler alla riscossa

Nel frattempo, il nostro Danny è sulle spine perché la squadra per cui gioca ha un nuovo manager che sta rivalutando i contratti di tutti i giocatori. Nessun problema, ci pensa Bonnie: mamma Wheeler ha infatti ingaggiato Tucker perché faccia un finto servizio su Danny, in modo da dare l’impressione che il figlio sia una persona importante e assicurargli il posto in squadra.

Il piano, però, non funziona perché la nuova manager Valerie non si lascia impressionare e sembra più interessata a Tucker che a Danny.

Bonnie non si perde d’animo e si inventa un nuovo piano: Tucker viene coinvolto di nuovo, solo che questa volta avrà il compito di sedurre Valerie. In un primo momento, il piccolo Tuck non è molto convinto.

Ma ormai lo sappiamo, ha un cuore d’oro, quindi accetta per aiutare l’amico.

Questo secondo piano funziona a meraviglia e Tucker fa breccia nel cuore di Valerie (e anche nelle sue mutandine), ma ci pensa Bonnie a rovinare le cose.

Valerie viene quindi a sapere la verità, quindi scarica Tucker e minaccia di licenziare Danny. Bonnie va a parlarle nel suo ufficio e riesce a convincerla a tenere Danny, in cambio lei deve dimettersi dal ruolo di manager.

La puntata si conclude quindi con questa nota amara, in cui Bonnie si fa da parte per permettere a Danny di continuare a giocare.

Consoliamoci con il promo del prossimo episodio, nella speranza che sia un po’ meglio di questo.

Come sempre, grazie alle nostre affiliate: Diario di una fangirl. | My fangirl level it’s over nine thousand | Tv shows, my alternative reality. | Serie Tv e film time | TelefilmSeries.Com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...