Melissa & Joey/Telefilm

Recensione | Melissa & Joey 3×29 “Born to Run”

Buona Pasquetta – avete aperto l’uovo? E mangiato, soprattutto? – e bentornati con Melissa & Joey! Serie tv e recensioni non si fermano nemmeno a Pasqua!

Parlando della puntata… non so come dirlo: non mi è piaciuta.
Eh, uno potrebbe dire: “Beh, capita”. Già, sì, se non fosse che di solito “non” capita e che Melissa and Joey mi piace un po’ a prescindere. Sono alla terza stagione, sono affezionata ai personaggi e le loro battute mi fanno ridere più o meno sempre, però… niente, questa puntata mi ha praticamente annoiato a morte.
Nemmeno le assurdità di Ryder hanno risollevato il mio spirito e per quasi l’intero arco dei venti minuti la mia faccia è rimasta seria e se ho sorriso e fatto una risatina tre volte è tanto!
Okay, forse ora sono un po’ amareggiata, quindi sto sparando a zero contro l’episodio, però quando ci vuole e ci vuole. Se la puntata mi fosse piaciuta l’avrei detto, ma questa volta l’ho trovata poco divertente e con pochi spunti interessanti.

Esploriamo la puntata un po’ più da vicino.
Con la 3×29 “Born to Run” assistiamo al ritorno di un personaggio che non vedevamo da un po’: il padre di Mel. (Sinceramente, vista questa puntata, non sono certa di volerlo vedere di nuovo).

Il padre di Mel visita la figlia per svariati motivi, in particolare il fatto che la carriera di Mel sta per prendere una svolta importante: da sindaco ad un posto nel senato.
La carriera di Mel è esattamente il punto più interessante della puntata, se non l’unico. Attenzione: non divertente, ma perlomeno interessante, che è già qualcosa.
In effetti, mi sono accorta di non aver mai prestato troppa attenzione nei confronti della carriera di Mel, che è sempre stata un buono spunto comico, ma che non è mai progredita più di tanto. Eppure, le cose stanno per cambiare e sono stata entusiasta di sentire Joe sostenerla e spingerla verso Washington. Non mi aspettavo che Mel puntasse così in alto, ma mi fa piacere.

L’arrivo del padre di Mel, però, anziché aiutare la figlia con la sua carriera, porta scompiglio e basta. Il padre di Mel è un po’… arretrato nei confronti della tecnologia – come ancora parecchi adulti, tipo i miei genitori -, così Joe pensa bene di munirlo di un cellulare che in confronto lo Shuttle è una macchinina telecomandata.
Evidentemente Joe non ha imparato che non si può semplicemente mettere in mano ad alcune persone ritrovati della tecnologia così recenti, perché il CAOS è dietro l’angolo.
Pensate allo shock di Mel quando si è vista arrivare sotto forma di messaggio di posta una fotografia “intima” di suo padre.

 

[La reazione era carina, più o meno la stessa di me quando leggo uno spoiler che non volevo leggere.]

Nonostante all’inizio sembra che le speranze di Mel di una svolta nella sua carriera sembra stiano per crollare – la fotografia non è arrivata solo a lei e Joe, ma ha fatto il giro del mondo -, il pubblico comincia a provare pena per lei – per il padre con cui si ritrova -, quindi tutto è risolto. Fantastico, ma, di nuovo, non ha fatto tanto ridere.
Melissa & Joey è una comedy e io posso passare sopra a tutto, ma non alla mancanza delle risate. Quindi no, non sono per niente contenta.

Un altro tema che è stato blandamente toccato (per fortuna) nella puntata è una possibile separazione (?) di Mel e Joe quando lei, eventualmente, avesse iniziato a lavorare per il Senato. Era necessario toccare il tema quest’anno? Voglio dire, mi hanno già rotto le scatole per una marea di episodi per il fatto che Zander doveva andare all’università e lui e Lennox si sarebbero dovuti separare e ora di nuovo con la stessa roba? Avessero aspettato almeno l’hanno prossimo, per toccare l’argomento. [In ogni caso, visto il finale, può darsi che l’hanno prossimo davvero si arrivi a toccare determinato argomento, ma speriamo di no. Passi uno, passi due, ma tre…]

 

[Wow, la classe di scarica barile del padre di Mel non la batte nessuno! Spiega anche un po’ da chi la figlia abbia preso.]

Leggermente meglio (ma proprio leggermente) la parte su Ryder, ma anche questa non è che mi abbia entusiasmato più di tanto.
Ryder deve presentare un progetto scolastico, ma le sue idee sono un tantino… inutili, però a me la carota sulla penna piaceva, anche se non mi piacciono le carote.

Divertente (vabbé, non esageriamo. Moderatamente divertente), Lennox che non era esattamente d’aiuto e anche la storia delle magliette che prendevano in giro il nonno.
Il finale mi è piaciuto! (Qualcosa dovevo pur salvarla.) È stato carino che il nonno abbia comprato le magliette di Ryder, che abbia approvato il progetto.

 

Ora credo che chiuderò gli occhi, dimenticherò l’episodio e ricomincerò ad attendere il prossimo come faccio sempre. [Ehi, la prossima è la trentesima puntata della stagione! È strano avere stagioni così lunghe.]
Alla prossima settimana!

Promo e ringraziamenti:

Ringraziamo: Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com | Telefilm. ϟ

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...